Domenica, 29 Gennaio 2023

4^ GIORNATA – La formazione di Loria fa tre su tre imponendosi sul terreno del Chisola. Verderone suggella il successo della squadra di Boscarino. Benfenati dà i tre punti alla Pro Vercelli


Il Chieri dopo tre giornate si ritrova a punteggio pieno e lo fa in bellezza con un successo roboante lontano da casa. Termine 1-4 il match che ha messe di fronte la formazione di Loria al Chisola. In rete Fregnan per i padroni di casa, Bonelli, Bianco, Re e Gentileschi siglano le reti che consentono al Chieri di piazzarsi dietro al Ligorna capolista, quest’oggi vincente 1-0 tra le mura amiche contro l’Asti che capitola dopo il successo dello scorso turno con il Bra.
Proprio la squadra di mister Boscarino era chiamata a una prestazione convincente e a fare i primi tre punti della stagione. Il Bra si impone 2-0 sul Pont Donnaz grazie a due reti maturate nell’arco di cinque minuti (61’ e 66’) e tutte messo a segno da Verderone.
Sorride anche la Pro Vercelli con un successo di misura ai danni del Derthona. 1-0 definitivo a firma di Benfenati al 35’ della prima frazione. Sconfitte contro le liguri invece per Casale e Fossano. I primi vanno k.o. 2-0 in casa della Fezzanese, mentre il Fossano esce sconfitta da Vado per 3-2 nonostante le reti di Tarsitano e Viglietta.
 

GIRONE A
BRA-PDHAE 2-0
RETI: st 16’, st 21’ Verderone
CHISOLA-CHIERI 1-4
RETI:  Fregnan (CS),  Bonelli, Bianco, Re, Gentileschi (CR)
FEZZANESE-CASALE 2-0
RETI: pt 24’ Fiori, st 31’ Moggia
LIGORNA-ASTI 1-0
PRO VERCELLI-DERTHONA 1-0

RETI: pt 35’ Benfenati
VADO-FOSSANO 3-2
RETI: Tarsitano, Viglietta (F)

Sestri Levante-Sanremese 3-1 

1^ GIORNATA – Due gol di Elimoghale e il timbro di Acrocetti per il tris ai danni della Samp. Sandrin e Grandi permettono alla Pro di sbancare Alessandria. Pari tra Torino e Genoa


Nel primo turno del campionato Under 14 Piemonte-Liguria giungono le vittorie di due piemontesi. La Juventus fa la voce grossa a Bogliasco in casa della Samp. 0-3 in favore dei bianconeri frutto della doppietta di Elimoghale e il timbro di Acrocetti.
Ad unirsi al coro delle vincenti la Pro Vercelli, anch’essa protagonista di un acuto esterno sul campo dell’Alessandria. In gol Russo per i grigi al 12’ poi tocca a Sandrin al 31 e Grandi nella ripresa a firmare la vittoria per 1-2. Termina in parità l’incontro tra Torino e Genoa: 1-1, Salvai per i padroni di casa, Consoli per gli ospiti. Nel prossimo turno i derby piemontesi Juventus-Alessandria e Pro Vercelli-Torino.

 

ALESSANDRIA-PRO VERCELLI 1-2
RETI: pt 12’ Russo (A), pt 31’ Sandrin (P), st 37’ Grandi (P)
SAMPDORIA-JUVENTUS 0-3
RETI: 2 Elimoghale, Acrocetti
TORINO-GENOA 1-1
RETI: pt 26’ Salvai (T), st 36’ Consoli (G)

Virtus Entella-Spezia 2-2

4^ GIORNATA – I granata ottengono il secondo successo della stagione andando in vantaggio di quattro reti con Savva, Jarre e due gol di Capac. I ducali provano ad accorciare con Pedrini e Mikolajewski ma i tre punti vanno ai ragazzi di Asta


Il Toro stende il Parma fuori casa e fa sua la seconda vittoria stagionale. I ragazzi di Asta, dopo due sconfitte consecutive, fanno loro i tre punti col risultato di 2-4. Una gara dominata dai granata che a metà della seconda frazione si trovano avanti quattro reti. Sblocca l’incontro Savva alla mezz’ora, poi l’immediato raddoppio di Capac e il tris al 37’ di Jarre per il più tre dell’intervallo. Nel secondo tempo al 19’ Capac firma la doppietta personale e rende ancora più corposo il vantaggio dei torelli. Il poker viene sporcato al 71’ da Pedrini e ad otto dalla fine arriva anche il meno due a firma di Mikolajewski. Il Torino sale così a quota 6, al quinto turno ospiterà il Verona.

 

GIRONE B
PARMA-TORINO 2-4
RETI: pt 30’ Savva (T), pt 31’ Capac (T), pt 37’ Jarre (T), st 19’ Capac (T), st 26’ Pedrini (P), st 37’ Mikolajewski (P)

Cagliari-Venezia (08/10)
Inter-Monza (08/10)
Spal-Milan (08/10)
Verona-Atalanta (08/10)

3^ GIORNATA – La doppietta di Romano tra il 9’ e il 45’ vale i tre punti ai danni dei marchigiani. Prossimo incontro contro la Lucchese


La Pro Vercelli si sblocca in campionato con i primi tre punti della stagione. Dopo due sconfitte consecutive la squadra di Massimo Gardano fa bottino pieno ai danni della Vis Pesaro per 2-1. Matteo Romano protagonista con una doppietta. Sua la rete che sblocca il risultato al 9’ del primo tempo. Il pesarese Fiorani ristabilisce al 38’ la parità, ma è ancora Romano al gong della prima frazione a stabilire il nuovo vantaggio della Pro. Quello definitivo, perché le bianche casacche riescono a mantenere il risultato. Primi tre punti, di fronte alla Pro nel prossimo turno la Lucchese.


GIRONE A 
PRO VERCELLI-VIS PESARO 2-1
RETI: pt 9’ Romano (P), pt 38’ Fiorani (V), pt 45’ Romano (P)

Carrarese-Lucchese 3-0
Fiorenzuola-Piacenza 1-3
Olbia-Lecco 2-1
Pro Sesto-Renate 1-2
Sudtirol-Modena 2-2
 

4^ GIORNATA – Termina 2-2 l’incontro casalingo con il Brescia. Trinceri e Pellitteri rispondono nella ripresa alla doppietta del primo tempo del bresciano Fogliata


La reazione che serviva per l’Alessandria che quest’oggi ottiene il primo punto della stagione. Dopo tre turni culminati con altrettante sconfitte, i grigi riescono a pareggiare nel finale una gara messasi in salita fin dalla prima metà della frazione iniziale. Poteva dunque arrivare un altro k.o. ma l’incontro si è invece chiuso sul 2-2. Il Brescia mette la freccia al 18’ con Fogliata, che si ripete al 42’ per il doppio vantaggio delle rondinelle all’intervallo. Nella ripresa l’Alessandria riesce prima ad accorciare con Trinceri, poi a quattro dalla fine giunge la rete messa a segno da Pellitteri. Primo punto che dà morale alla formazione di Fulvio Fiorin, nel prossimo turno impegnata fuori casa con il L.R. Vicenza.

 

GIRONE A
ALESSANDRIA-BRESCIA 2-2
RETI: pt 18’, pt 42’ Fogliata (B), st 8’ Trinceri (A), st 41’ Pellitteri (A)

Albinoleffe-Monza 4-1
Cittadella-Como 2-2
Feralpisalàò-Genoa 2-4
L.R. Vicenza-Cremonese 0-2
Padova-Parma 0-3
Pordenone-Venezia 0-4
Spal-Reggiana 3-0

3^ GIORNATA – Vittoria di misura per la formazione di Semioli momentaneamente in vetta a quota 7. Nel prossimo turno affronterà la Triestina


Il Novara dà continuità al successo del turno precedente con una vittoria odierna ai danni del San Marino Academy. Tre punti di misura per la formazione di Semioli a decidere l’incontro terminato 1-0 in favore degli azzurri è Mario Verga al 21’ della prima frazione. La sua rete consente al Novara di volare a quota 7 punti e portarsi momentaneamente alla vetta della classifica in attesa dei risultati delle gare delle 15, che riguardano le formazioni a 6 punti come Rimini, Pergolettese e Triestina. Proprio quest’ultimi, i giuliani, ospiteranno il prossimo 15 ottobre la formazione di Semioli per un match che respira alta quota.

 

GIRONE A
NOVARA-SAN MARINO ACADEMY 1-0
RETI: pt 21’ Verga

Pergolettese-Mantova (in corso)
Pontedera-Trento (in corso)
Rimini-Triestina (in corso)
Pro Patria-Arzignano Valchiampo (in corso)
Sangiuliano City-Sassari Torres 6-2
 

7^ GIORNATA – Un altro timbro del turco-tedesco, l’invenzione del belga e la ciliegina sulla torta del gol del capocannoniere regalano i tre punti alla formazione di Montero che mantiene la testa della classifica e si prepara al meglio alla trasferta europea col Maccabi Haifa


La Juventus tiene fede a un inizio di stagione coi fiocchi conquistando un altro successo, quest’oggi ai danni della Sampdoria. 3-1 in favore della formazione di Paolo Montero, a firma di Yildiz nel primo tempo più Mbangula ad inizio ripresa e Turco a risultato già acquisito. Al 91’ la rete utile soltanto alle statistiche del sampdoriano Ivanovic.  I bianconeri riescono così a mantenere il primo posto della graduatoria a quota 17 e il miglior attacco con 21 reti in 7 incontri. I primi minuti del match sono di marca sampdoriana. I genovesi fanno loro il possesso e in fase difensiva adottano una pressione alta sulla costruzione avversaria. In più la squadra di Tufano è in grado di creare pericoli. Al 3’ Nonge entra in maniera scomposta e regala una punizione agli ospiti. Sul pallone Bianchi che dall’out di destra va verso la porta. Il suo tiro è centrale e Scaglia è attento a smanacciare fuori dall’area di rigore. Tre minuti più tardi un’occasione decisamente più succulenta sui piedi di Montevago. Il 9 doriano viene servito in verticale. A tu per tu con Scaglia, l’estremo difensore in uscita riesce a chiudergli lo specchio sulla conclusione rasoterra.
Dopo qualche spavento è la Juventus a prendere le redini del gioco. La Samp rimane in partita in un’interpretazione dell’incontro fondata su rapide ripartenze. Lo scenario però è intercambiabile, con la Juventus che è veloce nel trasformare le azioni da difensive a offensive cercando l’esplosività di Strijdonck coadiuvato da una serie di invenzioni dai piedi di Yildiz. Al 16’ è proprio il turco-tedesco a cambiare il risultato: azione in orizzontale dei bianconeri, palla all’ex Bayern che dal mancino se la sposta sul destro e scarica un tiro potente rasoterra che va ad infilarsi in rete.
Emozioni non stop, la Juventus dopo il nuovo calcio d’inizio ha subito l’occasione per il raddoppio. La difesa doriana in affanno in costruzione. Mancini va a contrastare il portiere. Strijdonck, anch’esso in pressione, si ritrova il pallone tra i piedi. A porta sguarnita perde il tempo per concludere e quando si decide è troppo tardi con la retroguardia doriana che riesce a murarlo mantenendo il risultato. Al 21’ l’occasione arriva per Nonge. Ancora Yildiz protagonista col tacco che libera il belga per la conclusione dal limite che si spegne sopra la traversa.
La Juventus continua a insistere sia sulle corsie che centralmente dove è ancora il turco-tedesco a far la differenza. La Samp non resta sicuramente a guardare. Alla mezz’ora i doriani si riaccendono offensivamente, prima con un tiro a giro di destro da fuori area di Pozzato che conclude la sua corsa di poco oltre l’incrocio dei pali, poi con Ivanovic al 35’. Cross da destra di Savio, l’incornata di Ivanovic sul secondo palo che gli permette di battere Scaglia ma non il legno che gli nega la gioia del gol del pari. Juve graziata, che cerca di scrollarsi fin da subito lo spavento nel capovolgimento di fronte che conduce alla conclusione dal limite di Mbangula, dopo il servizio centrale di Doratiotto. Il belga calcia col destro, traiettoria che termina di poco sopra la traversa.
Resta tutto in bilico e la Samp ha di nuovo la possibilità di riaprire il discorso. Ancora Montevago con un’autostrada di fronte a lui e stesso esito. Ripartenza doriana in un tre contro due difensori bianconeri. Ivanovic porta palla e serve il numero 9 doriano sulla corsa che si avvicina all’area e scarica un diagonale che non centra lo specchio. Mani nei capelli per l’ennesima occasione sprecata. La Samp non si abbate e alimenta il forcing. A un minuto dal duplice fischio doppia occasione per gli ospiti. Ivanovic rifinisce questa volta per Savio che da pochi passi si ritrova la palla del pareggio, ma è ancora la retroguardia bianconera e Scaglia sul secondo tentativo a proteggere il vantaggio che si amplia per tutto il durare dell’intervallo.

La Juventus comincia il secondo tempo in maniera aggressiva, intenta a chiudere il prima possibile il discorso partita. Cinque minuti per la prima occasione volta a rinvigorire il vantaggio bianconero. Rapida ripartenza impacchettata da Mbangula per Yildiz. Il turco-tedesco arriva a tu per tu col portiere. Un tocco in più gli fa però perdere il tempo per la conclusione. In extremis prova a scavalcare il portiere con uno scavetto, ma Tantalocchi non si fa superare e spedisce in corner. Prologo del raddoppio che matura al 52’. Mbangula si ritrova il pallone al limite dell’area. Si inventa una magia con un tiro a giro di destro la cui traiettoria scende per infilarsi all’incrocio dei pali.
Col risultato vicino ad essere in cassaforte, la gara invece di abbassare i toni si riaccende. Le squadre si allungano e la Samp cerca di approfittare di qualche sbandata difensiva della Juventus. Al 63’ ci prova Ivanovic con un diagonale mancino, che per sua sfortuna finisce lontano dal secondo palo. La Samp aumenta la pressione, senza però creare veri problemi a Scaglia. I padroni di casa riescono a mantenere il doppio vantaggio e al 77’ trovano anche la ciliegina sulla torta col subentrato Nicolò Turco. Tiro da fuori area di Nonge col destro. Tantalocchi risponde in maniera non perfetta e per il capocannoniere del torneo è un gioco da ragazzi spingere il tap-in vincente per il 3-0. Nel finale la rete della bandiera della Sampdoria a firma Ivanovic. Cross da sinistra sul secondo palo per la sponda al centro a servire il serbo che incorna in rete al minuto 91.

JUVENTUS-SAMPDORIA 3-1
RETI: pt 15’ Yildiz (J), st 7’ Mbangula (J), st 32’ N. Turco (J), st 46’ Ivanovic (S)
JUVENTUS: Scaglia; Valdesi, Huijsen, Citi, Turco S. (st 19’ Rouhi); Mbangula, Nonge (st 33’ Ledonne), Doratiotto, Strijdonck (st 1’ Hasa); Yildiz (st 9’Anghelè), Mancini (st 18’ Turco).  A disp. Vinarcik, Daffara, Dellavalle, Domanico, Ripani, Morleo, Maressa. All. Montero. 
SAMPDORIA: Tantalocchi, Villa (st 32’ Conti), Cecchini, Pozzato (st 19’ Leonardi), Paoletti, Montevago (st 19’ Ntanda-Lukisa), Miettinen (st 19’ Pellizzaro), Bianchi, Ivanovic, Savio, Uberti (st 10’ Chilafi).  A disp. Zorzi, Scardigno, Muratori, Polli, Caruana, Marocco, Peretti. All. Tufano. 

7^ GIORNATA – Seconda sconfitta consecutiva per i granata dopo l’amaro ribaltone del derby. A decidere l’incontro col Verona uno sfortunato autogol di Gineitis


Una settimana da dimenticare per il Torino di Scurto, fino alla quinta giornata primo in classifica, oggi alla settima, alle prese con un bruciante doppio k.o. Dopo lo scivolone del derby, arriva una sconfitta per 1-0 sul campo dell’Hellas Verona. A garantire i tre punti agli scaligeri un autogol di Gineitis al termine del primo tempo.

Torino in controllo della partita per tutto l’arco della prima frazione. Crea, produce diverse azioni interessanti, ma è sprecona sotto porta. Al quarto d’ora la prima vera occasione pericolosa. N’Guessan, rimasto in avanti dopo un’azione offensiva, appoggia al limite per Ansah. Il tiro dell’attaccante granata è sbilenco e favorisce fortuitamente Corona, piazzato sul filo del fuorigioco. Il figlio d’arte calcia da pochi passi e trova l’ottima risposta di Boseggia sulla traiettoria piuttosto centrale.
Al 22’ l’ex Palermo nelle vesti di rifinitore sulla palla in verticale per Jurgens nello spazio. L’estone si ritrova a tu per tu col portiere che si salva col ginocchio sul tiro di destro del granata. Boseggia pare voglia farsi perdonare qualche parata palesando qualche difficoltà in costruzione. Il Toro prova ad approfittane al 31’ con Ansah. Il ghanese sfiora la traversa ribadendo la poca cattiveria sotto porta dei granata, che si riflette anche nell’occasione capitata al 35’, ancora con Ansah e successivamente con Corona. Cross da sinistra. Il ghanese colpisce di testa ma si fa murare sulla linea di porta. Corona tenta il tap-in vincente ma manca l’impatto col pallone, graziando così gli scaligeri. Il Toro manca di freddezza e un match dominato sul piano del gioco fa presto a sfuggire di mano. Non a caso, a passare avanti sul gong della prima frazione è il Verona. Autogol sfortunato di Gineitis al terzo minuto di recupero che con la schiena devia nella propria porta un cross innocuo dell’Hellas.

Nella ripresa Scurto bocci Corona e Ansah, sostituendoli con Caccavo e Dell’Aquila. Caccavo è pericoloso dopo 13 minuti. Ripartenza del Torino, con i granata in superiorità numerica. Weidmann gestisce sulla trequarti. Appoggia per Dell’Aquila che a sua volta allarga per Caccavo che, da posizione defilata, scarica il destro verso il secondo palo ma il suo diagonale termina di poco fuori. Il Toro come sempre in questo incontro ha in mano il pallino del gioco e fino a venti dalla fine riesce ad avvicinarsi con facilità all’area avversaria senza però scovare il colpo per il pareggio. Con lo scorrere dei minuti i ragazzi di Scurto perdono di lucidità e l’Hellas può farsi vedere con continuità nella metà campo ospite. Ultimo moto d’orgoglio granata nel finale. Frenetico e inconcludente. Gineitis batte un angolo alla disperata. Pallone che va sul secondo palo, allontanato. D’Agostino calcia al volo col mancino, con la sfera che termina fuori come le speranze di rimettere in piedi l’incontro.
 

HELLAS VERONA-TORINO 1-0
RETI: pt 48’ aut. Gineitis
HELLAS VERONA: Boseggia; El Wafi, Calabrese, Ebengue (st 1′ Signorini); Bragantini, Schirone (st 41′ Furini), Joselito, Riahi, Bernardi (st 12′ Larsen); Cazzadori (st 27′ Dentale), Cisse (st 12′ Florio). A disP. Marchetti, Toniolo, Piantedosi, Patanè, Matyjewicz, Camara, Minnocci, Nwanege. All. Bocchetti.
TORINO: Passador; Dembele, N’Guessan, Anton, Antolini (st 34′ Dellavalle); Weidmann (st 23′ D’Agostino), Ruszel (st 30′ Njie), Gineitis; Ansah (st 1′ Dell’Aquila); Corona (st 1′ Caccavo), Jurgens. A disp. Brezzo, Lopez Salgado, Gaj, Dalla Vecchia, Savva, Bura, Ruiz. All. Scurto

3^ GIORNATA – I bianconeri vanno all’intervallo sullo 0-0, nella ripresa Yildiz, Hasa e Anghelè mettono il punto esclamativo sulla prima vittoria nel girone di Youth League


Dopo una sconfitta e un pareggio nella prime due, al terzo tentativo la Juventus fa bottino pieno. 3-1 a Vinovo per i bianconeri nel match che li han contrapposti al Maccabi Haifa. Accade tutto nella ripresa con un altro timbro di Yildiz dopo il derby da mattatore. Il bis di Hasa dopo l’errore dagli undici metri e il momentaneo pari israeliano e infine il tris firmato Anghelé.

La Juventus prende fin da subito le redini della partita. Controllo che si manifesta attraverso un possesso palla utile soltanto alle statistiche e ben poco a scardinare la difesa israeliana. Evanescente il giro palla bianconero, che fa agitare in panchina Montero per la lentezza di esecuzione. Solo Strijdonck, tra i più opzionati nel primo scorcio di gara, prova con qualche giocata tra preziosismo e rapidità a cambiare passo. La prima azione degna di nota è del 13’ ed è in favore della Juve. Ripani serve Turco mossosi verso di lui. Il 9 lascia a Yildiz che conduce palla poi servire a Hasa a sinistra, il quale prova a piazzare col destro il pallone che termina tra le braccia del portiere. Da palla inattiva il secondo squillo bianconero. Punizione di Hasa dalle retrovie. Traiettoria morbida per Hujsen in area di rigore che vince un rimpallo e si ritrova il pallone tra i piedi. Carica il sinistro al volo trovando la risposta del portiere. Si gioca soltanto nell’area del Maccabi e quando gli israeliani provano ad affacciarsi nella metà campo avversaria, la Juve può trarre vantaggi. Al 33’ Strijdonck che si dimena a sinistra per poi puntare una volta giunto sul fondo. Palla fuori area per Hasa che controlla col destro e calcia verso il primo palo senza però inquadrare lo specchio. La Juve in due occasioni sarà più precisa. Questa volta a salire in cattedra è l’estremo difensore Grace con due parate che permetteranno ai suoi di chiudere la prima frazione sullo 0-0.  A sei dalla fine, la Juve questa volta crea a destra. Turco serve al centro Yildiz che col destro cerca di prima un piazzato indirizzato sul secondo palo. Greis si distende in angolo. Due minuti più tardi, il portiere si su supera su Ripani che col mancino alza una traiettoria a mezza altezza su cui Greis vola per la deviazione in corner.

Il secondo tempo della Juventus si mette subito in discesa. Yildiz apre a sinistra per Strijdonck, pallone di ritorno tra le linee al limite dell’area per il turco che prima fa sedere un difensore con una finta, poi un rimpallo gli nega di calciare a rete. Per sua fortuna si ritrova ancora la sfera sul destro e da terra spedisce in rete il gol dell’1-0 dopo appena trenta secondi di ripresa.
Il vantaggio bianconero ha però breve durata. La Juventus fatica a essere ficcante nel possesso e il Maccabi resiste per poi colpire in ripartenza. Il contropiede conduce palla in area di rigore a Shibli che prima dribbla Dellavalle, poi Nonge e sull’arrivo di un altro difensore si inventa una conclusione sul primo palo su cui Daffara non può far altro che distendersi a vuoto per l’1-1 del 53’.
Il Maccabi porta più uomini nella metà campo avversaria. Ci prende gusto a impegnare la retroguardia bianconera, come accade al 58’. Ben Shimol dribbla due difensori della Juventus in area di rigore. Piazza il destro sul primo palo dove questa volta Daffara è attento per la risposta in angolo. La Juve sembra in difficoltà a controllare i giocatori di maggiore qualità degli israeliani, che si destreggiano in velocità piuttosto facilmente fino all’area avversaria. Montero prova a cambiare volto ai suoi sostituendo Valdesi e Turco per Maressa e Mancini. Proprio quest’ultimo sciupa al 70’ una possibile palla gol per il nuovo vantaggio. Si parte da sinistra con Rouhi, Mancini riceve e va dentro il campo e restituisce al compagno che va al tiro. La difesa mura la conclusione, Mancini si avventa sul pallone e spara un sinistro che sfiora il secondo palo. C’è deviazione e l’angolo da cui sviluppa un calcio di rigore per la Juventus per un fallo sullo stesso Mancini, su un successivo palo colpito con un colpo di testa su Hujsen. Hasa dal dischetto si fa ipnotizzare da Greis. L’italo-albanese si intestardisce. Prende palla al fondo dopo la respinta, si accentra e scarica il destro che grazie a una deviazione supera la linea di porta per il 2-1 Juve al 72’. Sette giri di lancette più tardi Anghelé trova il tris bianconero. Protagonista Strijdonck che si fa tutto il campo palla al piede. Al limite finta di calciare col sinistro, se la sposta invece sul destro e serve Anghelè che la piazza col destro in rete.

JUVENTUS-MACCABI HAIFA 3-1
RETI: st 1’ Yildiz (J), st 8’ Shibli (M), st 27’ Hasa (J), 34’ Anghelè (J)
JUVENTUS: Daffara; Valdesi (st 18’ Maressa), Dellavalle, Huijsen, Rouhi; Hasa, Ripani (st 1’ Doratiotto), Boende, Strijdonck (st 41’ Galante); Turco (st 18’ Mancini), Yildiz (st 22’ Anghelè).  A disp. Vinarcik, Domanic. All. Montero. 
MACCABI HAIFA: Greis; Feingold, Kay Laish, Eissat, Shibli (st 22’ Leigh); Ben Shimol (st 22’ Elmichly), Hermesh (st 29’ Sheto), Otachi; Khalaili, Kahvic (st 29’ Pahima), Razon.  A disp. Shavit, Marelly, Distelfeld. All. Degu. 

SERIE A/B – Secondo successo per i bianconeri U15 a firma del figlio d’arte. Conte nel finale regala altri tre punti ai granata U16. Under 18 di Asta k.o. con la Spal. Un punto per Juve U16 e Toro U15


Dopo la sconfitta nella trasferta con il Milan, il Torino Under 18 cade per la seconda volta consecutiva. I granata subiscono un k.o. tra le mura amiche per 3-4 a favore della Spal. Una gara pirotecnica in cui è la formazione di Asta a trovare per prima la rete col centro di Corona dopo un paio di minuti. La Spal risponde con Serigne all’8’ e rimonta al 19’ con Firman. La parità ristabilita da Capac al 36’, viene immediatamente violata da Zuccherato dopo un solo giro di lancette. Il gol della doppietta di Corona al 40’ manda le squadre momentaneamente negli spogliatoi sul 3-3. Nella ripresa il pari regge fino al sei dalla fine, quando lo spallino Longoni firma la rete del definitivo 3-4. Nel prossimo turno il Torino farà visita al Parma.

Va decisamente meglio ai granata in Under 16. Secondo successo in altrettante uscite maturato quest’oggi con il Cagliari. 3-2 che si sviluppa tutto nella seconda frazione. I sardi avanti all’8’ con Saddi. Il pari firmato Ressa al 19’ e il nuovo vantaggio ospite di Pietropaolo al 31’ della durata di appena tre minuti. Casadei sigla il 2-2, Conte al terzo minuto di recupero il gol del sorpasso definitivo che consente ai torelli di volare a sei punti. Rallenta invece la Juventus nel confronto col Como, dopo la vittoria all’esordio. 1-1 finale: Yamoah al 16’ permette ai suoi di chiudere la prima frazione avanti, nel secondo tempo Carrozza a cinque dalla fine timbra il pari.

Nel campionato Under 15 la Juventus riesce invece ad avere la meglio sul Como grazie a un gol messo a segno nel finale di match da Suazo. Una rete che vale il secondo successo consecutivo. Pomeriggio beffardo invece per il Torino con il Cagliari. I granata, dopo la sconfitto dell’esordio col Como, pareggiano 2-2 dopo aver condotto il match avanti di due reti fino a inizio ripresa grazie alla doppietta di Luongo. Nel secondo tempo i rossoblù prima accorciano con Mileddu poi trovano la rete che vale un punto sei minuti più tardi con Puttolu. Torino U15 e U16 ospiteranno nel prossimo turno lo Spezia, mentre la Juventus farà visita al Cagliari.

 

Under 18 Serie A e B – 3^ giornata
GIRONE B
TORINO-SPAL 3-4
 RETI: pt 2’ Corona (T), pt 8’ Serigne (S), pt 19’ Firman (S), pt 36’ Capac (T), pt 37’ Zuccherato (S), pt 40’ Corona (T), st 39’ Longoni (S)

Atalanta-Parma 1-2
Milan-Cagliari 1-0
Monza-Verona 0-3
Venezia-Inter

Under 16 Serie A e B – 2^ giornata
GIRONE A
JUVENTUS-COMO 1-1
RETI: pt 16’ Yamoah (J), st 35’ Carrozza (C)
TORINO-CAGLIARI 3-2
RETI: st 8’ Saddi (C), st 19’ Ressia (T), st 31’ Pietropaolo (C), st 34’ Casadei (T), st 43’ Conte (T)

Genoa-Sampdoria 4-3
Monza-Cremonese 4-4
Spezia-Parma 1-1

Under 15 Serie A e B – 2^ giornata
GIRONE A
JUVENTUS-COMO 1-0
RETI: st 39’ Suazo
TORINO-CAGLIARI 2-2
RETI: pt 5’ Luongo (T), pt 33’ Luongo (T), st 7’ Mileddu (C), st 13’ Puttolu (C)

Genoa-Sampdoria 5-0
Monza-Cremonese 4-4
Spezia-Parma 2-3