Domenica, 16 Giugno 2024

7^ GIORNATA - Il nuovo corso della stagione granata si apre come si è concluso quello precedente: con un pareggio. La squadra di Cottafava ottiene il suo secondo punto stagionale, mancando ancora l’appuntamento con la vittoria. Un 1-1 maturato tutto nel primo tempo con il gol nerazzurro di Fonseca e il fortunato pareggio granata ottenuto grazie all'autogol di Sottini


Al ritorno dal lungo stop è l’Inter a fare i conti con assenze pesanti. Nonostante ciò sono proprio i nerazzurri a iniziare la gara con un piglio più aggressivo. Sava viene infatti già impegnato al minuto 4 con il destro dal limite di Bonfanti, deviato dal portiere granata in calcio d’angolo. I padroni di casa fanno la partita, costringono il Torino ad attendere passiva nella propria metà campo. Un dominio iniziale che si tramuta al 7’ nel gol di Fonseca, abile a sfruttare sul secondo palo il fine assist di mancino, proveniente da destra, di un Oristanio particolarmente ispirato: le sgroppate e i cross taglienti del numero 10 nerazzurro mettono in costante apprensione la retroguardia granata. Dalla parte opposta, il Toro fatica a costruire una reazione convincente. Prova a sfondare sulle fasce, ma ad attendere i granata vi è sempre l’attenta copertura dei difensori interisti. Nella parte centrale della prima frazione gli ospiti provano a distendersi e sfruttano la propria fisicità per vincere importanti duelli in mezzo al campo. I granata non riescono però ad impensierire Magri, per colpa di alcune costruzioni offensive prevedibili e poco conviente. Le scelte sbagliate non premiano gli sforzi di Freddi Greco e Foschi sulle fasce, tra i più propositivi dell’11 di Cottafava. L’Inter risulta invece più fluida e giunge con destrezza nell’area granata. Al 28’ è ancora Oristanio a rendersi pericoloso in area con un sinistro deviato che termina tra le braccia di Sava. Il Toro si fa vedere a sprazzi e al 36’ ha dalla sua l’episodio giusto per rimettere la gara sul pari: Foschi con una sgroppata guadagna un calcio di punizione dal limite destro dell’area di rigore nerazzuro. Sangalli stende l’esterno granata e regala così un’occasione perfettamente sfruttata dal colpo di testa di Karamoko, corretto in rete dalla sfortunata deviazione del difensore interista Sottini. Il Torino trova così il gol del pari, alla prima vera trama offensiva costruita nei 45’.

La seconda frazione si apre con un’altra giocata personale di Oristanio, culminata con una conclusione dal limite dell’aria di mancino bloccata da Sava. Al 50’ Sottini ha la possibilità di riscattare lo sfortunato episodio del primo tempo, ma non riesce a correggere di testa la punizione battuta sull’out di sinistra da Oristanio, con la sfera che termina sul fondo. Stesso copione dunque della prima frazione, con i nerazzurri più pimpanti nelle prime battute dei secondi 45’ e il Torino che attende e aggredisce quando la gara glielo consente. I ritmi, per via della lunga inattività, si abbassano e le due squadre mancano di lucidità nella costruzione offensiva e a pagarne è lo spettacolo. Le squadre sembrano non avere le forze necessarie per tentare un forcing nell’area avversaria. Negli ultimi dieci minuti l’Inter prova a spingere con qualche iniziativa individuale, come quella che ha portato alla conclusione sul fondo di Akhalaia, con il pallone che attraversa tutto lo specchio coperto da Sava. Oppure l’azione rugbistica dell’88’ creata da un Fontanarosa aiutato dai rimpalli, respinta con autorità dalla difesa granata.

INTER-TORINO 1-1
RETI: pt 7’ Fonseca (I), pt 37’ aut. Sottini(T)
INTER (4-3-1-2): Magri; Persyn, Sottini, Moretti, Dimarco (st 15’ Fontanarosa); Sangalli, Wieser, Casadei; Oristanio (st 23’ Akhalaia); Bonfanti (15’ Mirarchi), Fonseca. A disp. Rovida, Tonoli, Zanotti, Hoti, Fabbian, Peschetola, Lindkvist, Goffi. All. Madonna
TORINO (3-5-2): Sava; Aceto, Spina, Celesia; Foschi (st 40’ Kryeziu), Karamoko (st 13’ La Rotonda), Tesio, Adopo, Freddi Greco; Horvath (st 25’ Lovaglio), Vianni. A disp. Girelli, Fiorenza, Siniega, Portanova, Todisco, Savini, Favale, Cancello, Gymah. All. Cottafava

CALENDARIO – La Primavera 1 torna domani ad infiammare la voglia di partite dei ragazzi di Torino e Juventus. Pronti via e già due gare dagli epiloghi tutt’altro che scontati. Il Torino (ore 13) cerca la prima vittoria stagionale in casa dell’Inter, mentre la Juventus (ore 15) ospiterà il sorprendente Sassuolo.


Dopo oltre tre mesi di inattività il Torino calpesterà nuovamente i campi del Campionato Primavera 1. Un periodo di astinenza dalle gare ufficiali lunghissimo, colmato nell’ultimo mese da importanti test match in vista di una meno traumatica ripresa. La squadra di Cottafava ha ben figurato negli allenamenti congiunti contro le tre piemontesi Chieri, Pro Vercelli e Novara, facendo en plein di vittorie che hanno permesso ai granata di portarsi a casa importanti segnali dal punto di vista offensivo. Buone infatti le risposte in particolare di Vianni, autore di un bis di doppiette con Pro Vercelli e Novara, a dimostrazione di una forma smagliante dell’ex Napoli. Meno confortanti invece i dati relativi alla difesa, sempre perforata nel trittico di uscite di allenamento. Vedremo se Cottafava riuscirà a trovare una quadratura del cerchio, a maggior ragione dopo le prove di 3-5-2 messe in pratica in occasione dei recenti test match.

I granata devono riscattare un inizio di stagione non proprio entusiasmante. All’eliminazione dalla Coppa Italia, ad opera della Sampdoria, si aggiunge l’assenza di vittorie nelle prime tre gare di campionato. Soltanto un punto per i granata, conquistato nella sofferta rimonta contro la Spal. Differente invece il cammino dei padroni di casa dell’Inter, i quali ospiteranno il Toro sabato alle ore 13 presso il centro Suning. I nerazzurri, guidati da Armando Madonna, come gli avversari sono scesi in campo soltanto in tre occasioni, ma con risultati differenti. Le due vittorie con Sampdoria e Ascoli e il k.o. con la Spal, la posizionano al settimo posto ad un punto dalla zona playoff. Nelle amichevoli di ricognizione l’Inter ha stravinto con la Cremonese per 8-2 e pareggiato 1-1 nella trasferta con il Chievo. 

Di nuovo in campo anche la Juventus di Andrea Bonatti. I bianconeri riassaggiano le competizioni ufficiali dopo due mesi e mezzo dalla sconfitta esterna in casa della Roma capolista. Le quattro reti subite a Trigoria hanno riacceso qualche spia soprattutto per quanto riguarda l’approccio alle partite e un preoccupante cambio di rotta di una difesa capace di incassare soltanto una rete nelle prime 3 uscite. Diversa invece la situazione per quanto riguarda il reparto offensivo, capeggiato dal bomber Da Graca in gol 4 volte in altrettante partite. Nei test match la Juve non ha smesso di fare paura in zona gol, anzi. Prima il 2-0 all’Atalanta, poi la vittoria di autorità nel campo del Milan per 2-5 dicono che la Juventus pare aver trovato un certo feeling con le reti avversarie.

Vittorie ottenute tutte nel segno di Chibozo, pronto a prendersi sulle spalle i bianconeri dopo aver saltato per intero la prima parte di stagione. Alle 15 la Juventus ospiterà al campo Ale&Ricky uno spumeggiante Sassuolo, proprietario della seconda piazza del campionato. I neroverdi hanno ottenuto 10 punti nelle prime quattro uscite grazie alle vittorie su Empoli, Torino e Cagliari e il pareggio casalingo contro la Lazio. Andrea Bonatti sarà chiamato ad invertire il trend negativo che lo vede sopperire negli incontri contro il suo rivale in panchina di questa giornata. Bigica è riuscito, infatti, sempre a imporsi nei confronti dell’attuale tecnico juventino, già ai tempi in cui i due occupavano le panchine di Fiorentina (Bigica) e Lazio (Bonatti).


Primavera 1 – 7^ giornata 
Ascoli-Sampdoria (venerdì ore 13)
Empoli-Bologna (venerdì ore 15)
Lazio-Milan (sabato ore 11)
Inter-Torino (sabato ore 13)
Juventus-Sassuolo (sabato ore 15)

Atalanta-Cagliari (24 gennaio ore 10.30)
Genoa-Fiorentina (24 gennaio ore 12.30)
Spal-Roma (25 gennaio ore 15)

COMUNICATO UFFICIALE – Mancava all’appello soltanto il comunicato della FIGC sulla proroga della sospensione dei Campionati Nazionali, resa nota nella serata di ieri. Una notizia che era nell’aria, soprattutto alla luce dello stesso comportamento adottato dalle altre leghe organizzatrici di campionati giovanili. Anche in questo caso la scadenza del periodo di stop è prevista per il nuovo anno, in data 10 gennaio. 


Comunicato Ufficiale N°047 del 03/12/2020

Con il riferimento al Comunicato Ufficiale n°46/ Campionati Giovanili del 12 novembre u.s. con il quale si prorogava la sospensione delle gare in programma fino al 3 dicembre p.v. dei Campionati Nazionali Under 18, Under 17, Under 16, Under 15, riservati alle società di Serie A e B, Under 17, Under 16 e Under 15 riservati alle società di Serie C, Under 17 e Under 15 Femminile, Under 14 Pro e Under 13 Pro; 

- Considerato che per il persistere delle problematiche legate all’emergenza epidemiologica da Covid-19, non è attualmente possibile riprendere con regolarità le attività di allenamento settimanale e lo svolgimento delle gare ufficiali; 

- Ritenuto necessaria, al fine di assicurare la tutela della salute di tutti i tesserati impegnati nei Campionati Giovanili Nazionali organizzati dal Settore Giovanile e Scolastico, prorogare la sospensione di tali campionati; 

tutto ciò premesso, sentiti i Vice Presidenti dispone la sospensione fino al 10 gennaio 2021 delle gare in programma dei Campionati Nazionali Under 18, Under 17, Under 16 e Under 15 riservati alle società di Serie A e B, Under 17, Under 16 e Under 15 riservati alle società di Serie C, Under 17 e Under 15 Femminile, Under 14 Pro e Under 13 Pro confermando nel contempo la possibilità per le società di effettuare, ove consentito, le sedute di allenamento nel rispetto delle indicazioni previste dai protocolli federali vigenti. 

COMUNICATO UFFICIALE – Resa nota,in data odierna,da parte della Lega Pro la proroga dello stop al campionato anche per quanto riguarda la Primavera 3. La ripresa questa volta è prevista per il 15 gennaio 2021


Comunicato ufficiale N°10/PR3 del 03/12/2020

La Lega Pro, considerato il perdurare delle condizioni di incertezza e il periodo estremamente delicato derivante dall’emergenza epidemiologica da COVID-19, ritenuta la necessità di tutelare la salute dei giovani tesserati;

dispone, a parziale modifica del Com. Uff. n.9/PR3 del 17 novembre 2020, la sospensione fino al 15 gennaio 2021 delle gare in programma del Campionato Primavera 3 2020-2021 – “Dante Berretti”

COMUNICATO UFFICIALE – Continua la situazione di stallo anche per quanto riguarda il Campionato Primavera 1. In data odierna la Lega Serie A comunica infatti la proroga dello stop al 10 gennaio 2021. Tutto dunque rimandato al prossimo anno, vanificando di fatto il rientro previsto in precedenza per il 3 dicembre. 


Il Consiglio di Lega tenutosi in data 27 novembre 2020, ricordata la delibera assunta in occasione della riunione consigliare del 6 novembre 2020 (in prosecuzione dal 30 ottobre 2020); 

- considerata la persistenza delle problematiche legate alla pandemia Covid-19 e l’esigenza prioritaria di continuare a tutelare quanto più possibile la salute e la sicurezza dei calciatori, degli staff, degli arbitri e degli addetti ai lavori di tutte le Competizioni Primavera TIM organizzate dalla Lega; 

- considerata, con riferimento alle Competizioni Primavera TIM, l’attuale impossibilità di assicurare le medesime misure di prevenzione e protezione vigenti ed applicabili nelle Competizioni professionistiche e volte a limitare la diffusione del virus SARS-CoV-2; 

- considerato il costante utilizzo dei calciatori delle squadre Primavera nelle cosiddette Prime squadre; 

ha deliberato di prorogare la sospensione del Campionato Primavera 1 TIM e della Primavera TIM Cup – il cui termine scadrà il 3 dicembre prossimo – fino al 10 gennaio 2021. 

COMUNICATO UFFICIALE – Salta il ritorno in campo del Campionato Nazionale Juniores Under 19 previsto per il 5 dicembre. In data di ieri è arrivato infatti il comunicato della Lega Nazionale Dilettanti volto a prolungare lo stop degli incontri tra le squadre partecipanti. Si ricomincerà nel 2021, il giorno 9 gennaio, con le gare in origine programmate per il 31 novembre 2020. Nessuna limitazione, invece, in merito agli allenamenti. 


Comunicato ufficiale N° 15 del 30/11/2020

Il dipartimento interregionale comunica che la sospensione del Campionato Juniores Nazionale Under 19 2020/2021, così come previsto dal C.U. n.12 del 29/10/2020, in attesa della entrata in vigore del nuovo protocollo sanitario, così da consentire un’opportuna programmazione degli interventi ivi previsti, viene prorogata sino al 2/1/2021, salvo ulteriori e diversi provvedimenti che dovessero essere emanati. 

Il Campionato riprenderà il 9/1/2021 con le gare programmate il 31/10/2020 e proseguirà per le gare successive con sequenza già prevista. 

I recuperi delle gare non disputate, saranno successivamente calendarizzati e pubblicati con Comunicato Ufficiale.

Si precisa che in detto periodo le squadre, in ogni caso, potranno continuare a svolgere gli allenamenti nelle forme consentite dal DPCM del 3/11/2020.

COMUNICATO UFFICIALE – Si spengono ufficialmente i riflettori sui campionati giovanili con l’arrivo della sospensione del campionato Primavera 1 Tim, comunicata in data di ieri. Stop previsto fino al 3 dicembre.


Comunicato Ufficiale N° 96 del 06/11/2020

Il Consiglio di Lega tenutosi in data odierna (in prosecuzione della riunione del 30 ottobre 2020):

- considerate le attuali problematiche legate alla pandemia Covid-19 e l’esigenza prioritaria di tutelare quanto più possibile la salute e la sicurezza dei calciatori, degli staff, degli arbitri e degli addetti ai lavori di tutte le Competizioni Primavera TIM organizzate dalla Lega;

- considerata, con riferimento alle Competizioni Primavera TIM, l’impossibilità di assicurare le medesime misure di prevenzione e protezione vigenti ed applicabili nelle Competizioni professionistiche e volte a limitare la diffusione del virus SARS-CoV-2;

- considerato il maggiore impiego dei calciatori delle squadre Primavera nelle cosiddette Prime squadre;

- considerato che ben sette Associate hanno squadre che disputano il Campionato Primavera 2, organizzato dalla Lega Nazionale Professionisti Serie B, il cui Presidente – a seguito della decisione unanime dell’Assemblea del 5 novembre 2020 – ha disposto la sospensione con effetto immediato del Campionato Primavera 2 fino alla data del 3 dicembre 2020; 

ha deliberato

di sospendere con effetto immediato, fino al 3 dicembre 2020 (visto il D.P.C.M. del 3 novembre 2020), la disputa delle gare del Campionato Primavera 1 TIM e con decorrenza dal 13 novembre quelle della Primavera TIM Cup per consentire la disputa dell’ultima gara del secondo turno (che si disputerà il 12 novembre 2020)

6° GIORNATA – La Roma di Alberto De Rossi si conferma sempre più capolista del campionato Primavera 1 battendo la Juventus con 4 reti siglate tutte nel primo tempo. Nonostante il risultato, la Juve comunque non sfigura ma non riesce a ritornare veramente in partita nella seconda frazione. Per i bianconeri in gol il solito Da Graca e Soule su punizione.


La Juventus di Andrea Bonatti va a far visita a una Roma capolista e a punteggio pieno, vogliosa subito di far suo il match, prima con un tiro fuori bersaglio di Milanese dalla lunga distanza, per poi essere più fortunata al minuto 8’ quando Darboe serve splendidamente di tacco Ciervo che, aiutato da una deviazione, batte Senko e porta avanti i suoi. La Juve accenna a una piccola reazione, ma la Roma è determinata a chiuderla il più in fretta possibile e all’11’ Zalewski, su un errore in impostazione di De Winter, è bravo a raccogliere e a servire immediatamente Darboe che freddo firma il gol del raddoppio. Tre minuti più tardi la Roma rischia di portarsi già a 3 lunghezze di vantaggio, ma Tall non riesce a correggere in rete il suo colpo di testa. Mancato dunque il colpo del k.o. definitivo, la Juventus si scuote e ritorna in partita al 18’ con Da Graca abile a trasformare in gol il bel uno due con Cerri. L’attaccante siciliano, galvanizzato dalla gioia personale, al minuto 23 calcia forte sul primo palo, ma questa volta Boer è attentissimo. Al 25’ due occasioni per i bianconeri prima con il solito Da Graca, ancora una volta neutralizzata dal portiere, Cerri poi si presenta sulla respinta e la sua conclusione viene ribattuta dal corpo di Vicario. Un minuto dopo ci prova Soule con un altro tiro da fuori, con la sfera che finisce sul fondo. Pare evidente ormai che la Juventus abbia l’inerzia della parte centrale della prima frazione, ma la Roma non sembra avere alcuna intenzione di abbassare il ritmo. Esempio lampante è l’occasione che arriva sui piedi di Tal al 29’ che davanti a Senko spara altissimo. E’ un primo segnale di un nuovo forcing offensivo giallorosso che culmina al 33’ con il 3-1 siglato da Milanese, assistito in precedenza da Ciervo, che incrocia con il destro e batte per la terza volta il portiere bianconero. La Roma serve poi al 41’ il poker con Zalewski: ancora protagonista in negativo De Winter che, sfortunato nel rimpallo, serve involontariamente il polacco freddo a spiazzare per la quarta volta Senko. Si va al riposo sul risultato di 4-2 in favore della Roma, dopo i primi 45’ di puro spettacolo.

Il ritmo rimane altissimo anche nei minuti iniziali della seconda frazione: dopo 5 minuti la Juve ha due chance importanti, ma che servono soltanto a celebrare il talento di un Boer bravo a rispondere con i piedi sulla prima conclusione di Da Graca, così come con le mani sulla correzione di Cerri. La Juve riesce comunque a portarsi a -2 al 53’ con un gioiello di mancino su punizione di Soule, su cui questa volta l’estremo difensore giallorosso non può fare niente. Le due squadre, dopo un primo tempo ai 300 all’ora, per forza di cose tirano il fiato e la partita dunque si abbassa di intensità e le occasioni degne di nota scarseggiano. Da segnalare per i bianconeri il destro del subentrato Bonetti al 72’, che non centra però lo specchio della porta, e la conclusione strozzata dalla difesa di Da Graca al 77’. La gara viaggia lentamente verso il triplice fischio con la Roma gestisce con tranqullità e prova a toccare la “manita” con un sinistro a incrociare di Chierico che scorre però a lato. De Winter tenta il gol della disperazione con un’ incornata di testa al 91’ dagli sviluppi di corner, ma trova ancora pronto un Boer quest’oggi tra i più positivi. La Roma vince 4-2 e si conferma la schiacciasassi di questo campionato rimanendo anche per questo turno a punteggio pieno. I bianconeri non riescono invece a dare continuità alle due vittorie consecutive maturate contro Empoli e Milan, incappando nella prima sconfitta stagionale.

ROMA-JUVENTUS 4-2
RETI: pt 8’ Ciervo (R), pt 11’ Darboe (R), pt 18’ Da Graca (J), pt 33’ Milanese (R), pt 41’ Zalewski (R), st 8’ Soule (J),
ROMA (3-4-3): Boer; Ndiaye, Feratovic, Vicario, Milanese (st 43’ Bove), Tripi, Ciervo (st 11’ Buttaro), Darboe (st 21’ Cassano), Tall (st 43’ Voelkerling), Zalewski (st 21’ Chierico), Providence. A disp. Mastrantonio, Megyeri, Morichelli, Astrologo, Muteba, Bamba, Tomassini. All. De Rossi
JUVENTUS (3-4-1-2): Senko; Riccio, De Winter, Nzouango (st 1’ Iling-Junior); Mulazzi, Barrenechea (st 21’ Ledonne), Pisapia, Ntenda (st 35’ Cotter); Soule (st 35’ Rouhi); Cerri (st 21’ Bonetti), Da Graca. A disp. Raina, Ratti, Fiumano, Dellavalle, Ventre, Sekularac, Amansour. All. Bonatti

6° GIORNATA – La Juventus di Andrea Bonatti ritorna a giocare dopo i rinvii degli scorsi due turni. Ad accoglierli non sarà un match cuscinetto, ma una Roma ancora a punteggio pieno e reduce dal 4-0 nel derby con la Lazio. Fischio d’inizio alle ore 10.00


Ritorna in campo dopo due weekend di stop la Juventus Primavera di Andrea Bonatti. A ridare il bentornato ai bianconeri ci sarà però di fronte un avversario a dir poco ostico: la Roma di Alberto De Rossi, capolista indiscussa di questo scorcio iniziale di stagione. I giallorossi vivono un momento d’oro e hanno sicuramente più minuti nelle gambe rispetto agli avversari di questo turno. Se la Juve si è infatti vista negare la possibilità di disputare le ultime due gare in programma nel calendario contro Ascoli e Sampdoria, i capitolini non conoscono ancora sosta in tutti i sensi: en plein di vittorie in campionato, tra cui l’ultima caratterizzata dal poker rifilato nella stracittadina agli odiati rivali della Lazio. L’ultima uscita dei bianconeri risale invece a ben tre settimane fa, ovvero all’1-0 sul Milan firmato Pisapia. Per la Juve il match di domattina rappresenta già una chiamata importante, trattandosi di uno scontro al vertice. Per la banda Bonatti innanzitutto è una buona occasione per avvicinarsi sempre più alla testa del campionato, ma allo stesso tempo anche per confermare il trend positivo che li vede vittoriosi da due gare consecutive.

ROMA-JUVENTUS (domenica ore 10.00)
TORINO-ASCOLI (Rinviata a data da destinarsi)

Fiorentina-Lazio 1-3 (giocata venerdì)

 

Bologna-Parma
Cagliari-Genoa
Milan-Empoli
Sampdoria-Spal
Sassuolo-Inter
(Rinviate a date da destinarsi)

 

 

 

 

3° GIORNATA – Pari tra Pro Vercelli e Lecco nell’unica gara giocata nel campionato Under 17 Serie C. In rete per le bianche casacche Gasparoni e Messina. Rinviate a date da destinarsi Novara-Renate e Pro Sesto-Alessandria.


Due sconfitte in altrettante uscite per la Pro Vercelli Under 17 di Stefano Melchiori. Un trend decisamente da variare, magari partendo proprio dai 90' in programma quest'oggi. Nella gara delle 11 tra i Leoni e il Lecco, regna la necessità di portare a casa i primi tre punti della stagione. Lo 0-0 del duplice fischio delude però le aspettative di chi avrebbe immaginato un match già dal primo minuto scoppiettante. Serve pazienza. Dopo il classico tè caldo, il Lecco infatti si porta subito avanti con La Notte. La Pro non ha però alcuna intenzione di interpretare anche per questo turno il ruolo di vittima sacrificale e soprattutto è della stessa idea Gasparoni che al 55’ realizza il gol che ristabilisce la parità. Il match assume un ritmo concitato e nella parte centrale dei secondi 45’ si vive quasi in apnea. La Notte segna infatti la sua doppietta personale, auspicandosi di aver messo questa volta bene la marcia verso la prima vittoria stagionale. La Pro rimane comunque viva e al 60’ pareggia per la seconda volta con Messina. Non c’è più spazio per altre realizzazioni e per questa domenica si è costretti ad accettare quel punto in più in classifica che non può mai guastare. 
Spostate invece a date da destinarsi le altre due gare delle piemontesi in programma per oggi tra Novara-Renate e Pro Sesto-Alessandria.

PRO VERCELLI-LECCO 2-2
RETI: st 4' Lanotte (L), st 7’ Gasparoni (P), st 13' Lanotte (L), st 25’ Messina (P)

NOVARA-RENATE (Rinviata a data da destinarsi)

PRO SESTO-ALESSANDRIA (Rinviata a data da destinarsi)

Como-Pro Patria (Rinviata a data da destinarsi)