Lunedì, 28 Novembre 2022
Domenica, 11 Settembre 2022 18:55

42° SuperOscar U17 / La partita - L'Alpignano la spunta ai rigori, per il Lascaris tante occasioni sprecate

Scritto da

LA PARTITA - Manavella e i suoi centrano cinque rigori su cinque e passano alle semifinali, per i bianconeri nulla da fare nonostante le occasioni sprecate.


LASCARIS ALPIGNANO 0-0 (4-5 d.c.r)
RIGORI: Caputo (L), Baschirotto (A), Malavasi (L) parato, Gioannini (A), Mammolenti (L), Serratore (A), Naso (L), Sturiale (A), Favilla (L), Milan (A).
LASCARIS: Allegretti (st’ 25’ Lavina); Adamo, Algarotti, Mammolenti, Mingarelli, Naso, De Luca, Kingidila, Massaro, Bisi, Italiano. A disp. Friso, Caputo, Favilla, Rotolo, Malavasi, Rubini, Ediwin, Abela. All. Andrea Mirasola.
ALPIGNANO: Peretto (st’Lerusce); Baschirotto, Sciarotta, Sturiale, Milan, Gioannini, Bitto, Centinaro, Caforio, Carnevale, Serratore. A disp. Esposito, Gerlin, Chiribau, Leccese, Guidi, Aguiaro, Grimaldi. All. Giorgio Manavella.

Quarto di finale che ha sapore di primo derby della stagione, quello tra Alpignano e Lascaris. Come si poteva pronosticare la partita parte subito con l’acceleratore spinto e i ragazzi del neo-mister bianconero cominciano ad attaccare. Algarotti prova subito a mettere in difficoltà Peretto, ma il suo tiro è troppo forte e la palla finisce fuori. L’intesa tra i calciatori di Mirasola non manca e infatti Bisi colleziona un assist perfetto per Massaro, che viene deviato dalla manona di Peretto che riesce a salvare in calcio d’angolo.
Negli ultimi minuti del primo tempo la scena se la prende tutta Italiano che con il suo tiro fa tremare la porta avversaria.
Dall’altra parte del campo l’arbitro fischia un rigore procuratosi da Caforio La chiara occasione da gol per passare in vantaggio non si concretizza perché il tiro dagli 11 metri di Carnevale finisce fuori.

Nel secondo tempo la partita si stabilizza e diventa sempre più tecnica. Le occasioni sono poche, una per parte. La prima del Lascaris quando il cross di Italiano è direzionato a De Luca che prova a centrare il secondo palo senza riuscirci. La seconda è invece dell’Alpignano che grazie a una punizione dai 30 metri prova a mettere in difficoltà Allegretti senza fortuna. I tempi regolamentari finiscono con uno 0-0 che sottolinea la parità agonistica delle due squadre.

I rigori, come ogni volta, sono un terno al lotto, e questa volta premiano i ragazzi di Manavella, che centrano cinque tiri dal dischetto su cinque.

Letto 846 volte Ultima modifica il Domenica, 11 Settembre 2022 19:21

Registrati o fai l'accesso e commenta