Giovedì, 13 Giugno 2024

INTERVISTA - Il giovane allenatore: “Dove sono sto bene, in ambito dilettantistico è difficile che cambi”. Ma se arrivasse una chiamata dal professionismo “la valuterei con assoluta attenzione”


Andrea Mirasola sfoglia la margherita: rimanere al Pozzomaina, accettare la corte del Chisola o della Sisport, fare il grande salto verso il professionismo, con l’Alessandria in pressing già dall’anno scorso. Il giovane allenatore del Pozzomaina 2006 è il più conteso in questa fase del mercato delle panchine.

Nessuno meglio del diretto interessato può svelare quale sarà il suo futuro: “Difficile dirlo, non so ancora dove allenerò l’anno prossimo” spiega con franchezza il giovane allenatore. “Vivo alla giornata - continua - e mi godo la mia squadra, un gruppo fantastico con cui non abbiamo mai mollato. Adesso che possiamo tornare in campo, ci stiamo togliendo delle belle soddisfazioni”. Certezze sul presente, un po’ meno sul futuro: “Spero di avere le idee più chiare nel giro di un paio di settimane, non posso negare che tanta attenzione nei miei confronti mi faccia piacere”.

Il Pozzomaina rimane in pole position, almeno tra le dilettanti: “Dove sono sto bene, benissimo, il Pozzo è casa mia. Non potrei chiedere di meglio, una grande società e una grande squadra, so che Franco Porta sta facendo il massimo per trattenermi e di questo lo ringrazio. Sono sincero, in ambito dilettantistico è difficile che cambi, anche se mi sono arrivate offerte importanti da persone che stimo”.

Il riferimento è al Chisola e alla Sisport, ma a mettere in seria discussione la permanenza di Mirasola in via Monte Ortigara sarebbe piuttosto una chiamata dal professionismo: in particolare è forte il pressing dell’Alessandria. “Avevamo parlato l’anno scorso, è vero, ma non se n’era fatto niente e, per come è andata la stagione, forse è meglio così. Per quest’anno non ho ricevuto nessuna proposta concreta, ma se arrivasse ovviamente la valuterei con assoluta attenzione”.

Il punto della situazione sul Chisola: clicca qui

Il punto della situazione sul Pozzomaina: clicca qui

PANCHINE - Il presidente Franco Porta: “Ad Andrea Mirasola abbiamo offerto le due categorie di Allievi più il ruolo di direttore tecnico. Non ci lascerà per un’altra dilettante”. Alessandro Nisticò nominato responsabile di Settore giovanile e Scuola calcio


“Andrea Mirasola è cresciuto qui con noi, gli abbiamo fatto un’offerta importante, per valorizzarlo al massimo: le due categorie di Allievi con il suo fantastico gruppo di 2006 più il ruolo di direttore tecnico. Sono convinto che non cambierà per andare in un’altra dilettante. Se invece arriverà una chiamata dal professionismo, capirò”.

Parole di Franco Porta, presidente del Pozzomaina, ruolo ereditato dal compianto padre Ottavio, da cui ha anche acquisito la gestione della società insieme professionale e familiare: “Abbiamo ridisegnato la società dopo la scomparsa di papà - spiega - con me presidente, mia sorella Amalia e Gianni Talladira vicepresidenti, Alessandro Nisticò responsabile di Settore giovanile e Scuola calcio. Come direttore generale potrebbe tornare Luca Fiore”.

Anche per quanto riguarda gli allenatori la linea è quella della continuità: Alfredo Cantone alla Juniores, Floriano Palmacci all’Under 15, Gino Rea all’Under 14, tutti con i gruppi già allenati quest’anno, con un organigramma tecnico che si completerebbe - il condizionale è ancora d’obbligo - con le due panchine di Andrea Mirasola, Under 17 e Under 16. Nel caso in cui venisse fatta anche la categoria Under 18, il candidato principe è Luca Bottallo.

Clicca qui per leggere l'intervista ad Andrea Mirasola

PANCHINE - L’ex vice di Antonio Asta è il nuovo allenatore della Juniores, ora manca solo il tecnico dell’Under 15. Entro nello staff tecnico anche Claudio Grancitelli, insegnerà la fase difensiva


Il rinnovamento della società del presidente Luca Atzori, iniziato con la nomina di Giorgio Cornelj come responsabile delle giovanili, sta passando per tecnici emergenti, con idee nuove e voglia di imporsi. Il profilo di Andrea Mirasola sarebbe perfetto, è lui l’obiettivo principale per completare l’organigramma tecnico, ma il suo arrivo a Vinovo è molto complicato: oltre alla possibile permanenza al Pozzomaina, c’è anche la forte concorrenza dell’Alessandria.

In attesa che si sciolga questa matassa, la panchina dell’Under 15 rimane l’unica ancora da assegnare in quel di Vinovo. Dopo la conferma di Giuseppe Alessi all’Under 17 e l’arrivo di Andrea Gnan per l’Under l’Under 16, è arrivata la “promozione” in Under 14 di Renato Garrone, che di fatto continua con i 2008 già allenati quest’anno nella categoria Esordienti.

L’altra importante novità riguarda la panchina della Juniores, che è stata assegnata ad Antonio Ferraro, patentato Uefa A, per tante stagioni secondo di Antonino Asta (anche alla Berretti del Torino), con un’esperienza alla guida della Prima squadra del Trofarello. Nello staff tecnico entra anche Claudio Grancitelli, esperto giocatore della Prima squadra, che darà supporto agli allenatori per la fase difensiva.

Clicca qui per leggere l'intervista ad Andrea Mirasola

INTERVISTA - L’ormai ex allenatore del Borgaro: “Certe emozioni mi mancheranno, ma se penso alle mie domeniche mi vedo in bicicletta, non più al campo”. I ricordi di una carriera spettacolare, con la ciliegina sulla torta del titolo regionale Allievi con il Chisola, e il podio dei migliori: “Tra i giocatori Vailatti, Castiglia, Sene, Germinario e Dagasso. Poi Mercuri come allenatore, Pontremoli direttore sportivo e Ottavio Porta presidente”


“Ho 55 anni, ho iniziato ad allenare a 20, in 35 stagioni non mi sono mai fermato da settembre a giugno, visto che non sono mai stato esonerato. Mai fermo a parte queste ultime due stagioni, ovviamente, in cui il calcio mi è mancato meno di quanto pensassi. Stavo maturando l’idea di smettere già da qualche anno, adesso ho deciso: mi fermo, la mia carriera di allenatore finisce qui”.

Idee chiare, come quelle che trasmette ai suoi giocatori. Veloce, spettacolare, dritto all’obiettivo, come sono state spesso le sue squadre. Giorgio Brighenti, uno degli allenatori più stimati e vincenti del panorama calcistico piemontese, ha deciso dire basta: “In quest’ultimo anno ho scoperto la bici da strada e sono impazzito: se penso alle mie domeniche non mi vedo su un campo di calcio, ma in bici a pedalare”.

Giorgio, eppure il calcio e la panchina sono stati la tua vita per 35 anni. Sicuro?

“È vero, questa è sempre stata la mia vita. Io faccio l’assicuratore, ma nella mia testa c’era sempre il prossimo allenamento, la prossima partita: se fai l’allenatore con la passione che ci mettevo io, finisci per vivere per il calcio, anche a livelli dilettantistici. Certe emozioni mi mancheranno, ne sono sicuro: l’adrenalina della partita, il rapporto con i ragazzi, vedere in campo le situazioni preparate in allenamento… però in questo momento andare al campo mi pesa, preferisco fare altro. Se devo bilanciare i vari aspetti, e ci ho pensato molto a lungo, è il momento giusto per dire basta. L’ho già comunicato al Borgaro, ho ringraziato Tiziano Gobbato ma gli ho detto di cercare altre soluzioni”.

Domanda alla Jerry Scotti: è la tua decisione definitiva?

“In questo momento sì, è la mia decisione definitiva. Poi magari tra un anno mi verrà una crisi di astinenza, ma so che se esci dal giro non è facile rientrare”.

A un altro ruolo non hai pensato? Dopo tanti anni di esperienza, forse è il momento di provare come direttore sportivo…

“È un ruolo fondamentale ma non mi attrae, non so se ne sarei capace. Piuttosto mi sarebbe piaciuto provare una Prima squadra, ma oramai ho deciso di dire basta”.

Ripercorriamo la tua carriera, allora.

“Ho iniziato nella scuola calcio della Rivoli Rivolese dando una mano a Sandro Salvadore, ex giocatore della Juve, mentre ancora giocavo. Il Pianezza è stata la mia prima società, mentre studiavo all’ISEF. Poi Giuseppe Trucchi e Sergio Vatta hanno iniziato progetto dei Primi calci al Torino e mi hanno coinvolto, c’erano Corgiat, Cucco, Curletti, gente di alto livello. Nel Settore giovanile del Torino sono rimasto 15 anni, dal 1990 al 2005, sono partito con Borsano presidente e sono andato avanti fino a fallimento di Cimminelli. Da lì ho iniziato il percorso nel calcio dilettantistico, e devo dire che sono state tutte esperienze bellissime: due anni Borgaro, uno a Chieri, tre al Pozzomaina, ancora quattro anni a Chieri, uno al Lucento, due al Vanchiglia, due Chisola e ancora Borgaro. Così il cerchio si chiude”.

Hai anche vinto qualcosa di importante, in questi anni.

“Titolo regionale alla fine ne ho vinto solo uno con il Chisola, anzi fino a prova contraria sono per il terzo anno di fila campione in carica degli Allievi, visto che non si gioca più (risata, ndr). Una finale l’ho persa con il Chieri, ai rigori ad oltranza contro la J Stars, quella era stata una vera delusione. Poi ho vinto quattro SuperOscar e tanti campionati, non mi posso lamentare”

Ma non si dice che l’obiettivo principale è la crescita dei ragazzi?

“Se alleni nelle giovanili lo fai per il bene dei ragazzi, ma non bisogna essere ipocriti, lo fai anche per te stesso e vincere dà un gusto pazzesco. Sono vere entrambe le cose. Ancora oggi ci sentiamo con i ragazzi che avevo al Toro, ormai uomini fatti, queste sono le soddisfazioni più belle”.

Se parli di giocatori, ti chiedo i più forti che hai allenato.

“Il primo che mi viene in mente è Ricky Vailatti, aveva 8 anni ed era un fenomeno: nei derby dall’altra parte c’era Marchisio, decidevano loro chi avrebbe vinto. Poi Matteo Perelli, sempre al Toro, un ‘89 arrivava da Genova, è arrivato ad essere convocato in serie A ma poi si è perso, meritava di più. Sempre al Toro Luca Castiglia, che poi è andato alla Juve e ha fatto tanta serie B, ora è a Modena”.

E nei dilettanti?

“Kaly Sene al Vanchiglia, faceva la differenza. Al Chisola Germinario e Dagasso, due che meritano il professionismo. E poi tanti, davvero tanti bravi ragazzi. Alcuni si sono persi, la testa è fondamentale quando hai 16 anni”.

Tra i colleghi?

“Pochi amici, è un mondo che ho vissuto a fondo ma non sempre amato. Faccio un nome, non per amicizia ma perché è il migliore nel dilettantismo: Andrea Mercuri, è di un’altra categoria rispetto a tutti, lui sì che avrebbe meritato altre piazze”.

Direttore sportivo, chi mi dici?

“Fabrizio Pontremoli, l’ho avuto a Chieri nell’anno della Juniores nazionale, anche lui di un’altra categoria”.

Se dovessi dire un presidente?

“Sono stato bene con tutti e soprattutto non ho avuto da ridire con nessuno, già questo è importante. Ma dico senza dubbio Ottavio Porta”.

Giorgio, ci rivedremo presto sui campi?

“Vedremo, intanto penso al mio prossimo giro in bicicletta…”

FIGC - Il passaggio fondamentale: “le gare relative a sport di squadra e di contatto possono essere organizzate e svolte soltanto in zona gialla e soltanto all’aperto, non devono prevedere la presenza di pubblico e resta interdetto ai gruppi squadra e loro eventuali accompagnatori l’uso degli spogliatoi”


La FIGC ha pubblicato il “protocollo per le attività di squadra giovanili”, con l’obiettivo di “tutelare di tutti i soggetti coinvolti nella ripresa della pratica sportiva”. È un documento molto prudente, che regola la ripresa delle attività di Settore giovanile e Scuola calcio, riproponendo di fatto i principi operativi fin dalla scorsa estate: autocertificazioni, misurazione della temperatura all’ingresso dell’impianto sportivo, divieto di utilizzare gli spogliatoi, uso dei dispositivi di protezione individuale e lavaggio delle mani, percorsi separati per le squadre, insomma informazione e prevenzione per limitare la diffusione del virus (che, ricordiamolo sempre, è tutt’altro che debellato e anzi circola con più intensità del passato nelle fasce giovani della popolazione).

In particolare, si legge che “le gare relative a sport di squadra e di contatto possono essere organizzate e svolte soltanto in zona gialla e soltanto all’aperto, non devono prevedere la presenza di pubblico e resta interdetto ai gruppi squadra e loro eventuali accompagnatori l’uso degli spogliatoi. Tali previsioni non riguardano le competizioni a carattere nazionale per le quali si applicano protocolli specifici”.

Clicca qui per consultare il “protocollo per le attività di squadra giovanili”.

La FIGC organizza quattro tornei, due per gli Esordienti (per Scuole calcio èlite e per tutti), uno per Pulcini 2010 e 2011, un ultimo per l’Under 12 femminile. Ma nel contempo detta le regole per la ripresa non solo degli allenamenti, ma anche delle amichevoli e dei tornei delle società dilettantistiche. Il problema principale è, ancora una volta, l’impossibilità di ripagarsi le spese con i biglietti di ingresso. “Al momento e fino al 1° giugno e salvo diverse disposizioni - si legge - non è consentita la presenza di pubblico presso gli impianti sportivi sede delle attività. A partire da tale data, la presenza di pubblico sarà comunque consentita soltanto per gli eventi e le competizioni di livello agonistico riconosciuti di interesse nazionale”. Insomma, se non cambiano le cose, per vedere qualche torneo di livello bisognerà aspettare la prossima stagione sportiva.

PANCHINA - L’ex allenatore del Vanchiglia sostituirà Domenico Delli Calici, che ha dovuto fare un passo indietro ma rimarrà nello staff della Prima squadra


L’annuncio è arrivato via Facebook: è ufficiale il ritorno al Lucento di Alessio Rapisarda. Dopo due stagioni al Vanchiglia (con i gruppi 2005 e 2007), il giovane tecnico riparte dalla società rossoblù, dove aveva già allenato nei quattro anni precedenti, con la categoria Under 14

Il gruppo 2008 inizialmente era stato assegnato a Domenico Delli Calici, che però ha dovuto fare un passo indietro per impegni lavorativi e rimarrà comunque nello staff della Prima squadra di Gianfranco Maione. L’organigramma tecnico del Lucento in vista della stagione 2021/2022 si ridisegna dunque con Tommaso Schiavo (ex Alpignano) in Under 19, Alessandro Pierro in Under 17, Alberto Piazza in Under 16, Alessandro Ursoleo in Under 15 più Nicola Pedalino al secondo gruppo, Alessio Rapisarda in Under 14, con Pietro Delise confermato al secondo gruppo di 2008.

PANCHINE - Definito l’organigramma tecnico: Enrico Scanavino ai 2005, Alessandro Malagrinò ai 2006, Roberto Uranio ai 2007 e l’ex Vanchiglia ai 2008. Vogliotti: "Non me la sento di prendermi l’impegno di allenare una squadra, ma darò una mano alla società"


Dopo Alessandro Malagrinò, c’è un altro arrivo prestigioso a Volpiano: si tratta di Davide Vitelli, ex responsabile tecnico della Scuola calcio del Vanchiglia, che è ufficialmente il nuovo allenatore dell’Under 14. “Davide è un profilo importante, un lusso per la categoria, sono contento che sia entrato a far parte della nostra famiglia” commenta il direttore sportivo Lorenzo De Simone, che dalla prossima stagione potrà concentrarsi solo sul Settore giovanile, visto l’imminente ritorno di Loris Mazzi a gestire Prima squadra e Juniores (dove, tra parentesi, si va verso la conferma di Lollo Parisi e Davide Santoro sulle rispettive panchine).

È così completo l’organigramma tecnico delle giovanili delle Foxes. Enrico Scanavino rimane nella categoria Under 17, passando dal gruppo 2004 a quello 2005; come già annunciato, l’ex Cbs Alessandro Malagrinò è il nuovo allenatore dell’Under 16, ereditando il gruppo 2006 da Enzo Vogliotti; Roberto Uranio, che nella scorsa stagione aveva i 2005, scala ai 2007 nella categoria Under 15, che avrà anche una seconda squadra affidata a Marco Vigliarolo; infine, come detto, i 2008 sono stati affidati alle sapienti cure di Davide Vitelli.

In uscita c’è quindi Giuseppe Zangari (ex 2007), ma fa notizia l’assenza dal quadro tecnico di Enzo “Ciccio” Vogliotti, che a Volpiano è un’istituzione. “Giusto dare spazio ad allenatori giovani - spiega Vogliotti - io già a febbraio avevo comunicato a De Simone che non avrei voluto allenare una squadra, ho vissuto un periodo difficile e non me la sento di avere un impegno continuativo”. Futuro da direttore tecnico? “Non lo so, ci troveremo e ne parleremo, ma se c’è da dare una mano io ci sono, per sostituire qualcuno in panchina, per vedere partite e giocatori, come ho sempre fatto. Continuerò ad andare sui campi al sabato e alla domenica, ma per quest’anno, ripeto, non me la sento di prendermi l’impegno di allenare una squadra”.

ESCLUSIVA - Nessuna conferma dalla società, ma l’attuale responsabile delle giovanili del Torino potrebbe affiancare il direttore sportivo Pino Perfetti. Percorso inverso per Edoardo Zaccarelli


A Chieri ha giocato nella stagione 2009/2010, segnando 8 gol in 20 presenze, al termine di una carriera straordinaria, che lo ha visto confrontarsi con tutte le categorie (compresi 21 gettoni e un gol in serie A con il Modena, 136 presenze e 30 gol in serie B di cui 7 con la maglia del Torino). Dal 2013 al 2017 è stato a capo degli osservatori granata, poi per due anni responsabile del Settore giovanile della Pro Vercelli, attualmente è di nuovo al Torino, dove gestisce le giovanili insieme a Massimo Bava, ma il suo contratto è in scadenza al 30 giugno.

Naturalmente stiamo parlando di Andrea Fabbrini, che una clamorosa indiscrezione vorrebbe di ritorno a Chieri, con il ruolo di direttore generale, per gestire la società del presidente Luca Gandini insieme allo storico direttore sportivo Pino Perfetti. Proprio Perfetti, interpellato per telefono, si limita a un “no comment” riguardo all’eventuale arrivo di Fabbrini: per avere le certezze, bisognerà aspettare i giusti tempi.

Percorso inverso, dal Chieri al Torino, potrebbe farlo Edoardo Zaccarelli, che in collina allenava l’Under 15 ed era direttore sportivo delle categorie Under 14 ed Esordienti: in granata troverà una panchina importante ad attenderlo.

SOCIETA’ IN PRIMO PIANO - Parla il presidente Marco Scognamiglio: “Saliamo con i nostri 2008, come da programma, e costruiamo ex novo una squadra di 2007, visto che abbiamo un gruppo completo e di qualità nella nostra scuola di perfezionamento calcistico. Il nostro progetto riparte alla grande, compreso il centro provini in Brianza. E presto annunceremo il campo a 11”


La Virtus Calcio sbarca nel Settore giovanile con la forza che contraddistingue la società del presidente Marco Scognamiglio fin dalla sua fondazione, che risale solo a una stagione fa: non solo con il naturale salto dei 2008 dagli Esordienti all’Under 14, ma anche con un 2007 nuovo di zecca.

“Per politica societaria - spiega Scognamiglio - abbiamo deciso di partire con le squadre della Scuola calcio, con un programma tecnico e un codice comportamentale che ci permettono di strutturare i gruppi in un certo modo. Così costruiamo un percorso per portare le nostre squadre nelle giovanili: i primi a fare questo passaggio sono i 2008, con mister Giampiero Muroni che seguirà il biennio Giovanissimi”. Muroni è un personaggio che non ha bisogno di presentazioni: patentato Uefa B, già direttore tecnico in società importanti come Cbs, Chisola e Venaria, osservatore in ambito professionistico, ha l’esperienza e la qualità per accompagnare i 2008 nella Virtus nel salto dalla Scuola calcio all’attività agonistica.

In questo contesto, la scelta di iscrivere anche la squadra Under 15 rappresenta una piacevole eccezione: “Abbiamo in società una scuola di perfezionamento, la Professional Soccer School, che accoglie moltissimi ragazzi di tutte le età, in particolare abbiamo un numero importante di 2007 con i quali abbiamo deciso di formare la squadra. Ce lo avevano già chiesto l’anno scorso ma ci sembrava prematuro, ora invece abbiamo deciso di accontentarli anche perché sono tutti ragazzi di prima qualità, che hanno già esperienza nei campionati regionali. Noi non puntiamo sulla quantità, anche nella Scuola calcio abbiamo un solo gruppo per annata, che formiamo in un contesto di selezione. Ecco, i nostri 2007 sono già un gruppo completo e competitivo, di alta qualità, molti altri ci stanno già contattando. Dirò di più, avremmo potuto anche fare la squadra dei 2006, ma vogliamo fare un passo per volta”. Già scelto il nuovo allenatore dell’Under 15: è Marco Mezzapesa, nella scorsa stagione al Paradiso Collegno proprio con i 2007, nato e cresciuto come istruttore alla Sisport.

La prospettiva è chiara, arrivare a costruire una Prima squadra fatta in casa: “Partiamo con le due annate Giovanissimi - continua il presidente della Virtus - nel giro di tre stagioni arriveremo ad avere un Settore giovanile completo, con l’obiettivo ultimo di formare una Prima squadra con i nostri giovani. Tutto il lavoro che proponiamo è strutturato in modo professionale: facciamo tre allenamenti a settimana con tutte le squadre, anche dell’attività di base. Assicuriamo a tutti uno staff di prim’ordine, con il preparatore atletico Federico Ferro, un ragazzo molto preparato che arriva anche lui dalla Sisport, e Gianni Bellaera che coordina lo staff dei preparatori dei portieri, in cui spicca il nome di Fabio Valla. Ma non solo, abbiamo un accordo in esclusiva con un poliambulatorio medico dove sono a disposizione dei nostri ragazzi l’ortopedico, il massaggiatore, il fisioterapista, il mental coach, il posturologo e il nutrizionista. A inizio stagione tutti i ragazzi e i bambini fanno una visita completa, come nelle società professionistiche, in modo che gli istruttori - e anche le famiglie - abbiano una scheda personalizzata, per fare un lavoro specifico”.

Ciliegina sulla torta, il centro provini in Brianza. “Finalmente partirà” sospita Marco Scognamiglio, che poi scende nello specifico: “La pandemia ha ovviamente rallentato il progetto che abbiamo sviluppato in collaborazione con la Nuova Usmate calcio. Porteremo i ragazzi più meritevoli in questo “centro provini”, dove saranno osservati e valutati dai responsabili delle società professioniste e dai procuratori con cui collaboriamo, sotto la supervisione di Paolo Monelli, bomber degli anni ’80 di Fiorentina e Lazio”.

Ultimo argomento da trattare parlando dell’ingresso della Virtus nel mondo delle giovanili è quello dell’impianto sportivo: “La nostra base rimane allo Sport Club, in via Di Vittorio a Venaria, dove abbiamo un campo a 9 e due campi a 5. Per le giovanili una struttura con campo a 11 ce l’abbiamo già, la ufficializzeremo a breve, perché nel frattempo vogliamo partecipare a vari bandi, ce ne sono tanti molto interessanti sia a Torino città che nella prima cintura”.

PANCHINE - Il nuovo responsabile delle giovanili Gianfranco Perla e il direttore tecnico Sergio Campra scelgono la linea della continuità: rimangono anche Davide Ippolito, che scala in Under 15, e Simone Berger, confermato in Under 14


L’unica novità in casa Pinerolo rimane quella di Gianfranco Perla, nuovo responsabile del Settore giovanile al posto di Sergio Gili, perché tutti gli allenatori della scorsa stagione sono stati confermati, con qualche “scambio” di panchina: Perla e il direttore tecnico Sergio Campra hanno scelto la linea della continuità, nonostante si siano negli scorsi giorni rincorse tante voci (per esempio quella che portava al corteggiatissimo Andrea Comotto, in uscita dal Chisola ma intenzionato a restare fermo per una stagione).

La prima conferma è quella di Carlo Barberis, che rimane saldo sulla panchina dell’Under 17; stessa categoria della scorsa stagione anche per Simone Berger, che accoglie i 2008 in Under 14. Si scambiano di fatto la categoria Gianfilippo La Spina, che sale in Under 16 con i 2006 già avuti in questa stagione, e Davide Ippolito, che invece passa dall’Under 16 all’Under 15, ereditando il gruppo di Berger.