Mercoledì, 21 Febbraio 2024

INTERVISTA - Il direttore generale analizza lo straordinario inizio di stagione: “Vogliamo crescere in casa i giocatori della Prima squadra, come il 2003 Igor Andrioli. Ferrari? Un grande allenatore, ma non è facile lavorare con gruppi così rinnovati”


Under 17 prima a punteggio pieno, con ben 14 punti di vantaggio sull’inseguitrice Alpignano e una differenza reti impressionante, +35; Under 15 prima con 11 vittorie e un pareggio all’attivo, ma due sole lunghezze sulla solita Alpignano; prima anche l’Under 14, con una sconfitta e ben 11 successi, ma il fiato del Borgaro sul collo; prima a pari merito con il Torino anche l’Under 14 sperimentale. Con l’eccezione dell’Under 16, quinta ma con soli 4 punti di distanza dalla coppia di testa Alpignano-Vanchiglia, l’inizio di stagione del Lascaris. Qual è il segreto? Lo abbiamo chiesto a Carlo Pesce, direttore generale bianconero.

Carlo, partiamo da un riassunto della tua carriera: mi raccomando un riassunto, visto che parliamo di 40 anni di calcio…

“Io alleno dal ’74 ma non ho girato tante società, d’altronde dicono che chi sa fare il proprio lavoro non abbia bisogno di muoversi tanto… Ho iniziato al Pertusa, sono stato 10 anni alla scuola calcio Gabetto, che nel frattempo è diventata Gabetto-Orbassano, lavorando anche con Gigi tra le altre cose, poi sono andato al Nichelino e infine sono approdato al Lascaris da cui non sono più andato via. Ho allenato per 37 anni, accumulato qualcosa come 1600 panchine e poi, quando mi è stata data l’opportunità, sono diventato direttore sportivo, carica che ho mantenuto fino all’anno scorso. Ora, quando posso, do volentieri una mano a Balice, che ha ereditato la mia carica, e mi impegno con l’entusiasmo di sempre come direttore generale”.

E siamo ad oggi. Parlando del Settore giovanile, avete impostato la stagione in modo molto ambizioso. Raccontaci il progetto.

“Il progetto della società è quello di portare il maggior numero possibile di giocatori dal vivaio alla Prima squadra. Già adesso parecchi Juniores si allenano con i “grandi” e tanti 2001, 2002 e addirittura qualche 2003 sono pronti a fare un passo in quella direzione. Andrioli, un 2003, per esempio si allena ormai praticamente sempre con la Prima squadra. In tutte le rappresentative abbiamo dei giocatori di grande caratura e sicuramente abbiamo dei gruppi ben costruiti: gli Allievi hanno già 14 punti di vantaggio… “

Anche le altre squadre stanno andando bene.

“Sono convinto che 2003, 2005 e 2006 arriveranno in fondo e otterranno sicuramente grandi risultati. Vorrei anche parlare del 2006 interprovinciale che, nonostante fosse una delle scommesse di quest’anno, dopo l’arrivo di Bragato e con l’aiuto di alcuni 2007 sta ottenendo grandi risultati: è in testa, è campione d’inverno e solo la scorsa settimana ha battuto 4-1 il Torino. Con i 2004 stiamo faticando un po’ ma sicuramente arriveremo bene perché il mister è bravo e i giocatori, nonostante in tanti siano arrivati solo quest’anno, compongono un’ottima formazione”.

A proposito di questo: si è parlato molto del passaggio di Emiliano Ferrari, l’attuale tecnico della formazione 2004, dal Lucento alla vostra società. Come procede la collaborazione? Rispetta le aspettative?

“La collaborazione procede bene, sicuramente l’incarico che gli è stato affidato non è semplice: ha dovuto formare una squadra unendo i giocatori che lo hanno seguito e i nostri. Sicuramente ha dovuto faticare un po’ di più ma siamo comunque a 4 o 5 punti dalla testa quindi possiamo ancora arrivare alle fasi finali. Lui sicuramente è un grande allenatore, basta guardare un suo allenamento: non guarda mai l’orologio, a volte sembra che sia necessario dirgli di smetterla perché lui continuerebbe sempre. Ha sicuramente una grande passione e, avendo giocato con Totti nelle giovanili della Roma, anche un grande passato”.

Un pronostico: se dovessi puntare su una squadra, chi vincerà il titolo regionale?

“Se continuano così credo che i nostri 2003 siano decisamente i favoriti. L’unico problema è mantenere la concentrazione, per evitare difficoltà quando troveranno squadre del loro livello. Però sono sicuro che Cristian Balice, il loro allenatore, sarà in grado di tenere il gruppo e trovare modi alternativi per tenere alto il livello mentale. È lui la garanzia, come lo sono gli allenatori delle altre categorie”.

Su che base vengono scelti i mister delle squadre?

“Io dico sempre che qualità e esperienza fanno la differenza. Gli allenatori cambiano le squadre più dei giocatori. Io sceglievo e la società continua a scegliere in base alle caratteristiche umane. E’ chiaro che la qualifica tecnica sia fondamentale, ma bisogna vedere cosa ha combinato un mister negli anni e cosa ne pensano le persone che hanno potuto conoscerlo”.

Quali sono i valori che la vostra società, immagino attraverso proprio i mister in prima linea, vuole passare ai suoi ragazzi?

“In questo mondo così superficiale e così tanto legato a modelli predefiniti che i ragazzi vedono sui social, il nostro obiettivo è quello di creare degli uomini. In pochi diventano calciatori professionisti ma è importante che tutti diventino degli uomini, desideriamo che quando smettono di giocare, o anche solo quando vanno a casa, si siano arricchiti dentro: questa è la cosa più importante. È più importante avere la testa che i piedi buoni, anche il mondo del calcio se ne accorge. L’importante è creare uomini, uomini che abbiano una posizione nella società, una dignità loro e si guadagnino il rispetto per quello che fanno, che sia il calciatore o qualsiasi altra cosa”.

Chiudiamo con i progetti più a lungo termine.

“Il progetto a lungo termine è sicuramente di arrivare in Eccellenza con la Prima squadra e stiamo concretamente lavorando per riuscirci. Invece nella Scuola calcio stiamo già ottenendo enormi risultati: abbiamo gruppi competitivi in tutte le categorie. Grazie a questo speriamo, negli anni, di riuscire a formare squadre sempre più forti nelle giovanili, senza aver nemmeno bisogno di andare a cercare i giocatori fuori dalla società”.

La manifestazione, alla quale parteciperà anche una squadra della Lega di C, inizierà martedì 17 e si concluderà giovedì 19 dicembre


Da martedì 17 a giovedì 19 dicembre il Centro Tecnico di Coverciano ospiterà il Torneo dei Gironi Under 16, dedicato ai calciatori Under 16 per la formazione della squadra per il nuovo anno.

Sono 60 i giocatori, tutti classe 2004, convocati dal tecnico federale Daniele Zoratto, frutto di una selezione nazionale supportata dalla rete di osservatori coordinata da Mauro Sandreani. Chiamati Mattia Antolini, Giulio Doratiotto, Tommaso Maressa, Filippo Nobile, Simone Scaglia, Nicolò Turco della Juventus, con loro Alessandro Della Valle del Torino.

Una kermesse di tre giorni in cui gli Azzurrini, suddivisi in tre squadre (Nazionale U16, Selezione A U16 e Selezione B U16), si affronteranno sotto gli occhi del Coordinatore delle Nazionali giovanili, Maurizio Viscidi. Al Torneo parteciperà anche la squadra della Lega di C.

Il raduno inizierà martedì 17: le partite prenderanno il via lo stesso giorno per concludersi giovedì 19 alle ore 11 con la finale del Torneo.

Il programma prevede le seguenti partite:

Martedì 17 a partire dalle 14.30 Selezione A-Lega C, a seguire Nazionale U16-Selezione B;
Mercoledì 18 alle 14.30 Finale 3° posto;
Giovedì 19 ore 11: Finale del Torneo

Clicca per la lista dei convocati e il programma del Torneo

RADUNO AREA NORD - Convocati anche Montiglio del Chisola, Magnaldi del Bra, Toure del Lascaris e Costa dell'Olmo


Nell’ambito del Progetto Giovani LND, Calogero Sanfratello (allenatore Rappresentativa nazionale dilettanti Under 17) in collaborazione con i referenti tecnici regionali delle regioni (Veneto, Piemonte e Val d’Aosta, Liguria, Friuli Venezia Giulia, Trentino, Bolzano, Lombardia ed Emilia Romagna), ha convocato i sottoelencati calciatori per il giorno mercoledì 11 dicembre 2019 a Castelli Calepio (BG), presso il Centro Sportivo Comunale sito in Via Ferrucci snc, per il raduno territoriale dell’area nord della Rappresentativa nazionale dilettanti Under 17.

MONTIGLIO GIANMARCO (CHISOLA)

MAGNALDI FILIPPO (BRA)

GAI FEDERICO (CHIERI)

TOURE SADIA OMAR (LASCARIS)

DE SANTIS SAMUEL (CHIERI)

COSTA FRANCESCO (OLMO)

VENARIA - Serata di presentazione per la manifestazione dedicata ai 2007 e 2008, arricchita dalla presenza di ” Juventus, Torino, Inter e Atalanta. Eudo Giachetti: “Questo torneo è tra i più importanti del Piemonte, qui si fa qualità e si costruisce qualcosa di importante per i ragazzi”


Venaria-SanMauro (2007) e Juventus Women-Mathi Lanzese (2008), in programma sabato 14 dicembre alle ore 14, saranno le partite inaugurali della quattordicesima edizione torneo nazionale Calcio&Coriandoli: stasera, nel la “Sala delle Vittorie” dell’impianto sportivo Don Mosso di Venaria, è stato sorteggiato il calendario della manifestazione riservata alle categorie Esordienti 2007 ed Esordienti fascia B 2008. La fase regionale proseguirà fino alle finali del 9 febbraio, mentre nei giorni di venerdì 14, sabato 15 e domenica 16 febbraio andrà in scena la fase finale, cui parteciperanno le “magnifiche quattro” Juventus, Torino, Inter e Atalanta, oltre ad Alessandria nei 2008, Casale nei 2007 e Gozzano con entrambe le annate, i Cervotti padroni di casa e la squadra che si imporrà nella lunga fase dilettantistica.

IL PRESIDENTE MALLARDO: “VETRINA ECCEZIONALE PER I RAGAZZI”

“Tornei come questi non vengono organizzati solo per fare cassa - spiega Domenico Mallardo, presidente dei Cervotti - perché comportano un lavoro enorme, ma hanno un significato che va ben oltre quello economico: servono per la società e soprattutto per i ragazzi che lo giocano. L’anno scorso il Pozzomaina 2006 ha dato del filo da torcere a tutti e noi abbiamo tifato per loro, come facciamo per le nostre squadre, perché per i giocatori delle dilettanti è una vetrina eccezionale. Anche se è più facile che, alla fine, emergano le società professionistiche, che ringraziamo perché ancora una volta ci onorano con la loro presenza e daranno spettacolo sui nostri campi”.

Rilancia Eudo Giachetti, presente come in rappresentanza della LND Piemonte e Valle d’Aosta: “Questo torneo è tra i più importanti del Piemonte, qui si fa qualità e si costruisce qualcosa di importante per i ragazzi. Ed è anche lo specchio dello stato di salute di una società: solo le società sane possono reggere un impegno, economico e organizzativo, di questa portata”. Per la Federazione c’era anche Paolo Zambon, che ha portato i saluti di Luciano Loparco, coordinatore regionale del Settore Giovanile e Scolastico.

Evidente soddisfatto anche l’organizzatore del torneo, Luca Scanavino: “Abbiamo squadre non solo da Torino e provincia, ma da tutte le province del Piemonte: le adesioni iniziano ad arrivare spontaneamente già in estate, questo ci rende molto orgogliosi. Anche con le professioniste, ormai, è facile lavorare: oltre a Juventus e Torino, ormai presenze fisse del torneo, l’Inter partecipa per la terza stagione consecutiva e, dopo due stagioni di assenza, torna anche l’Atalanta: vuol dire che queste società si sono trovate bene nei tre giorni dedicati al torneo nazionale. Faremo di tutto per essere all’altezza anche quest’anno”.

LA COMPOSIZIONE DEI GIRONI

ESORDIENTI 2007 
Girone A - Venaria, Saluzzo, Bacigalupo, SanMauro
Girone B - Chisola, Volpiano, Monregale, San Maurizio
Girone C - Lascaris, Bra, Ciriè, ESA
Girone D - Alpignano, Fossano, Baveno, Nichelino Hesperia
Girone E - Chieri, Rivarolese, Ardor San Francesco, Juventus Women
Girone F - Sisport, Cheraschese, Cenisia, Torino squadra femminile
Girone G - Pro Eureka, Lucento, Mathi Lanzese, Garino
Girone H - Pinerolo, Mirafiori, Settimo, River Leinì

ESORDIENTI FASCIA B 2008 
Girone A - Venaria, Atletico Torino, Mathi Lanzese, Juventus Women
Girone B - Sisport, Fossano, Ciriè, Centrocampo
Girone C - Pro Eureka, Bra, River Leinì, Lesna Gold
Girone D - Chisola, Saluzzo, Pozzomaina, Garino
Girone E - Chieri, Lucento, Caselle, Crocetta
Girone F - Lascaris, Cbs, Monregale, Caselette
Girone G - Pinerolo, Baveno, Pianezza, Valdruento
Girone H - Alpignano, Borgaro, Alicese Orizzonti, Cafasse Balangero

Calcio&Coriandoli_2019-20_calendario_2007.pdf

Calcio&Coriandoli_2019-20_calendario_2008.pdf

LA PARTITA - Dopo 80 minuti combattutissimi prevale la squadra di Ivan Mingardo, fondamentali i gol di Sgarlata e Callai che coronano il lavoro di tutta la squadra


BACIGALUPO-CENISIA 2-1
RETI: pt 27' Sgarlata RIG (B), pt 40' Sobrà (C), st 16' Callai (B).
BACIGALUPO: Damiani, Guia Noriega, Veglia, Tola, Callai (st 1' Costamagna), De Simone, Delfino (st 42' Ciancitto), Core, Raeli, Sgarlata (st 39' Cappelletto), Ravotto (pt 14' Coello Olivero). A disp. Bergoglio, Iavarone, Pacconi. All. Mingardo Ivan.
CENISIA: Pozzo, Garbossa, Marini (pt 1' Ferrara), Caputo, Reteuna, Perino (pt 28' Merandino), Castello, Tripepi (pt 14' Pirro), Agostino (pt 1' Ferrero), Sobrà (pt 10' Calligiuri), Del Frari. A disp. Tribuzio, Tomalino Maron, Gutierrez Ninahvan, Sarnari. All. Curcio Matteo.

Bacigalupo-Cenisia, la partita è sentitissima: è una "sfida salvezza". Le due squadre si contendono tre punti che non hanno intenzione di lasciare tanto facilmente: vincere può fare la differenza per mantenere la categoria regionale. Il clima non è favorevole ma i ragazzi non sembrano sentire il freddo e la pioggia e scendono in campo concentratissimi e pronti a portare a casa il risultato.

Il ritmo è da subito alto: il Cenisia pressa bene giocando rapido e attaccando tutti i palloni. Un paio di anticipi a centrocampo gli permettono di arrivare più volte in area già nei primi minuti di gioco; nessuno però sembra volersi prendere l'onere di tirare e, passandosela davanti alla porta, sprecano tante occasioni. Il Bacigalupo reagisce bene e, grazie ai recuperi provvidenziali di Core, riparte e costruisce contropiedi da manuale, mettendo più volte in difficoltà la difesa degli ospiti. Nonostante le incursioni degli uni e i contropiedi degli altri la partita non si sblocca e la palla resta principalmente a centrocampo dove la lotta costante risulta in infiniti cambi di possesso. Nessuno riesce ad imporre il proprio gioco e dopo 25 minuti il risultato è ancora sullo 0-0: nessuna delle porte non è nemmeno stata seriamente messa alla prova.

Al 26' però l'ennesima ripartenza del Bacigalupo frutta un calcio d'angolo, Delfino taglia velocissimo l'area e la schiaccia di testa di pochi centimetri fuori. Provarci non basta e la squadra di casa accelera, riottiene il possesso e stavolta è Ravotto a brillare: entra in area da sinistra e, dopo una veronica da calcio spettacolo, si prende un fallo che vale il rigore. Sgarlata si prende la responsabilità e non sbaglia: la piazza fortissima centrale sotto la traversa: 1-0.

A questo punto la partita, fino ad allora equilibratissima e dominata dal fair play, si innervosisce e i falli diventano tanti. Il Cenisia non sembra sopportare la situazione di svantaggio e i ragazzi giocano sempre più alto: diverse azioni vedono Sobrà e Castello che, da protagonisti, creano occasioni e vanno in porta. Non riescono però a mettere in difficoltà i guanti di Pozzo che, sfruttando tutta la sua fisicità, copre benissimo la porta. Al 40', sullo scadere, l'ennesima offensiva degli ospiti vede proprio Sobrà che, accentrandosi, spiazza l'estremo difensore e trova finalmente il gol. Con l'esultanza arriva anche la fine del primo tempo e negli spogliatoi si va sull'1-1.

Nel secondo tempo, con il risultato in pari, la partita ritorna equilibrata: il Bacigalupo ricomincia ad attaccare e si vedono belle azioni da tutte e due le parti. Forse i tanti cambi o forse solamente la voglia di vincere scatenano la formazione viola, che inizia a giocare più rapida e arriva spesso in porta. Al 15' Del Frari taglia l'area e mette in seria difficoltà la difesa dei padroni di casa. Il Bagicalupo reagisce subito e riparte, solo un minuto dopo Callai riceve il pallone sulla tre quarti e, quasi da fermo, tira e segna un gol spettacolare: 2-1.

Gli ospiti non ci stanno e pressano alto; un lancio lungo sulla punta costringe Damiani ad uscire per prenderla al limite della sua area. Sul contatto portiere-attaccante il direttore vede il fallo: punizione dal limite. Dopo diversi minuti di proteste il Cenisia alla fine batte. Il pallone conclude la sua corsa fuori e i tifosi viola si disperano vedendo l'occasione del pareggio andare in fumo. Gli ospiti comunque non si fermano e continuano ad attaccare fino all'ultimo secondo ed è proprio sull'ennesima delle loro ripartenze che arrivano i tre fischi. Sul 2-1 finisce la partita e

Proseguono i raduni delle tre Rappresentative regionali, che la settimana prossima si alleneranno a Torino: l'Under 19 lunedì 2 dicembre alle ore 14.30 sul campo della CBS (corso Sicilia, 58), l'Under 17 mercoledì 5 dicembre sempre alle 14.30 al Barracuda (via Dandolo, 48/A) e l'Under 15 martedì alla stessa ora nell'impianto sportivo del Vianney (via Bartoli 19/B).


RAPPRESENTATIVA REGIONALE UNDER 19 - Lunedì 2 dicembre ore 14.30 c/o CBS - Corso Sicilia 58, Torino

ALPIGNANO PACCHIARDO Cristiano
ALPIGNANO FRIGATO Davide
ATLETICO TORINO PUPPIONE Andrea
BSR GRUGLIASCO TEMPO Luca Roberto
CARRARA 90 VEILUVA Ludovico
CASELETTE REGIS Riccardo
CHISOLA CALCIO GARGETTI VALENTIN
CHISOLA CALCIO ARKAXHIU Davide
CHISOLA CALCIO RUFFINO Matteo
IVREA BANCHETTE BRUNERO Dario
IVREA BANCHETTE GIANNETTI Luigi
LASCARIS MANGIARDI Luca
LASCARIS NACU Alexandru Eugen
LUCENTO RICCI Mirko
LUCENTO BORIN Giorgio
PINEROLO BALLARIO Davide
PINEROLO GIAY Alessio
PISCINESERIVA 1964 COLUBRIALE Domenico
PRO COLLEGNO COLLEGNESE STROPPIANA Leonardo
PRO COLLEGNO COLLEGNESE BACCOUCHE Sofien
PRO COLLEGNO COLLEGNESE CATANEO Federico
PRO EUREKA VERLUCCA Nicolo
PRO EUREKA LUZ DOS SANTOS Matheus
QUINCINETTO TAVAGNASCO SCAGLIARAT Luca
QUINCINETTO TAVAGNASCO RUFFINO Jarno
QUINCINETTO TAVAGNASCO TROMPETTO Federico
RIVAROLESE 1906 ABBASCIA Diego
RIVAROLESE 1906 NEGRO Edoardo
RIVOLI CALCIO ROGGERO Gianmaria
SPORTIVA NOLESE RINALDI Emanuele
UNION BUSSOLENOBRUZOLO IAGROSSI Federico
UNION BUSSOLENOBRUZOLO ALOTTO Manuel
VENARIA REALE CAMPANELLA Andrea
VILLAFRANCA BARBERO Matteo
VILLAFRANCA DOMINIETTO Thomas
VILLAFRANCA RUSOLO Davide
VILLAR PEROSA ROSTAGNO Alessandro
VILLAR PEROSA FERRERO Alessandro

 

RAPPRESENTATIVA REGIONALE UNDER 17 - Mercoledì 4 dicembre ore 14.30 c/o BARRACUDA - Via Dandolo 48/A, Torino

ASSOCIAZIONE CALCIO BRA GIACCARDI Simone
ALPIGNANO VALENTE Federico
ALPIGNANO BALESTRA Mattia
ASSOCIAZIONE CALCIO BRA SQUILLACIOTI Raffaele
ASSOCIAZIONE CALCIO BRA MAGNALDI Filippo
BACIGALUPO GUIA NORIEGA Felipe Osmar
CALCIO CHIERI 1955 GAI Federico
CALCIO CHIERI 1955 DE SANTIS Samuel
CALCIO CHIERI 1955 CALVARUSO Luca
CBS SCUOLA CALCIO MARFE Stefano
CBS SCUOLA CALCIO FERRANDO Gabriele
CBS SCUOLA CALCIO TURSI Roberto
CHISOLA CALCIO MANAGO’ Mario Antonio
CHISOLA CALCIO MONTIGLIO Gianmarco
CHISOLA CALCIO AMENDOLA Marco
COLLEGNO PARADISO MIRANTE Samuele
LASCARIS TOURE Sadia Omar
LASCARIS GENTILE Daniele
LUCENTO PADILLA FERNANDEZ Erick
LUCENTO BONADIES Riccardo
MIRAFIORI D’Addetta Antonio
PINEROLO BOSIO Paolo
PINEROLO ONGARO Leonardo
POZZOMAINA CAZZUOLA Andrea
POZZOMAINA COVELLO Edoardo
POZZOMAINA FILETTI Lorenzo
RIVOLI CALCIO URSOLEO Dennis
SPAZIO TALENT SOCCER GAIDANO Pietro
SPAZIO TALENT SOCCER BENGHAZOUANI Omar
VANCHIGLIA 1915 GRANATA Manuele
VANCHIGLIA 1915 LONGO Edoardo
VANCHIGLIA 1915 IMBERTI Luca
VENARIA REALE SPIGA Matteo
VOLPIANO CAVALLARI Jacopo
VOLPIANO FERRARI Amir
VOLPIANO SPONZILLI Stefano

 

RAPPRESENTATIVA REGIONALE UNDER 15 - Martedì 3 dicembre ore 14.30 c/o VIANNEY - Via Bartoli 19/B, Torino

ALPIGNANO SPINA Matteo
BACIGALUPO SIMIOLI Geordie
BORGARO NOBIS 1965 ROGNETTA Christian
BORGARO NOBIS 1965 BALMASSEDA Matteo
CALCIO CHIERI 1955 BIONDO Fabio
CALCIO CHIERI 1955 GIACHINO Luca
CALCIO CHIERI 1955 MONGELLUZZI Davide
CASELLE CALCIO MEROLLA Joele
CBS SCUOLA CALCIO COLANTUONO Davide
CHISOLA CALCIO CORTESE Marco
CHISOLA CALCIO CIQUERA Alberto
CHISOLA CALCIO TRIMARCHI Tommaso
CIRIÈ CALCIO ANASTASIO Andrea
CIT TURIN LDE DESSI Davide
LASCARIS COSTA Alessandro
LASCARIS COLAMARTINO Federico
LUCENTO OCCHIOGROSSO Lorenzo
LUCENTO SOFIAN Denis Andrei
MIRAFIORI GARIGLIO Davide
PINEROLO BENIGNO Alessandro
PRO COLLEGNO COLLEGNESE ESPOSITO Samuele Antonio
PRO COLLEGNO COLLEGNESE CORAZZARI Gabriele
PRO EUREKA BROMBAL Emanuele
PRO EUREKA PALESTRO Alberto
PRO EUREKA GASPARDINO Andrea
RIVOLI AMOROSI Manuel
RIVOLI CALCIO SGANGA Alessandro
RIVOLI CALCIO FERRIGNI Vittorio
ROSTA CALCIO TURI Lorenzo
SAN GIORGIO TORINO CATOGGIO Lorenzo
SAN GIORGIO TORINO SORBO Francesco
SPAZIO TALENT SOCCER PRINCI Matteo
SPAZIO TALENT SOCCER RIHI Zaccaria
VANCHIGLIA 1915 CORNETTO Diego
VANCHIGLIA 1915 BONANNO Matteo
VOLPIANO ROSCIO Fabio
VOLPIANO BORIN Tommaso
VOLPIANO BOLLERO Massimiliano

I 25 Azzurrini convocati da Carmine Nunziata affronteranno i pari età francesi il 3 e il 4 dicembre a Clairefontaine


Dopo il successo della scorsa settimana nel Torneo dei Gironi, la Nazionale Under 17 chiude il suo 2019 affrontando la Francia in una doppia amichevole presso il centro tecnico di Clairefontaine. Alle ore 15 di martedì 3 dicembre, nel giorno del sorteggio dei gironi della Fase élite del Campionato Europeo, è in programma la prima gara con i pari età francesi, mentre il secondo test è fissato per le ore 11 di mercoledì 4 dicembre.

Il tecnico Carmine Nunziata ha convocato 25 calciatori classe 2003, che si raduneranno domenica 1° dicembre per partire il giorno seguente alla volta della Francia.

L’elenco dei convocati

Portieri: Tommaso Luci (Fiorentina), Gioele Zacchi (Sassuolo);
Difensori: Ramen Cepele (Inter), Andrea Ceresoli (Atalanta), Filippo Fiumanò (Juventus), Alessandro Fontanarosa (Inter), Davide Gentile (Benevento), Daniele Ghilardi (Fiorentina), Giorgio Scalvini (Atalanta), Riccardo Turicchia (Juventus);
Centrocampisti: Gabriele Berto (Atalanta), Federico Casolari (Sassuolo), Giovanni Fabbian (Inter), Jacopo Fazzini (Empoli), Samuel Giovane (Atalanta), Fabio Miretti (Juventus), Andrea Oliveri (Atalanta), Luciano Pisapia (Juventus), Alessio Rossi (Empoli), Federico Zuccon (Atalanta);
Attaccanti: Andrea Bonetti (Juventus), Wifried Gnonto (Inter), Luca Magazzù (Inter), Alessio Rosa (Atalanta), Matteo Sartori (Padova).

Staff – Capo delegazione: Gianfranco Serioli; Coordinatore Nazionali giovanili: Maurizio Viscidi; Allenatore: Carmine Nunziata; Assistente allenatore: Emanuele Filippini; Segretario: Massimo Petracchini; Preparatore dei portieri: Antonio Chimenti; Preparatore atletico: Marco Montini; Medico: Alessio Rossato; Fisioterapista: Giuliano Gepponi; Nutrizionista: Maria Luisa Cravana.

Fonte: www.figc.it

Dopo il successo per 2-0 nel primo incontro disputato martedì, a Telki gli Azzurrini hanno raggiunto il pareggio grazie al gol dell’attaccante della Juventus. Zoratto: “Gruppo di qualità”


È terminata con un pareggio (1-1) la seconda amichevole tra la Nazionale Under 16 e l’Ungheria. Quarantotto ore dopo il successo per 2-0 nel primo incontro disputato martedì, a Telki sotto una fitta pioggia l’Italia è stata costretta ad inseguire i padroni di casa dopo il gol messo a segno al 27’ da Renato Ulbert, raggiungendo il pareggio a inizio ripresa grazie all’attaccante della Juventus Nicolò Turco.

Un risultato che va stretto alla squadra di Daniele Zoratto, che nei primi 45’ ha sfiorato il gol con Federico Accornero e Andrea Palella e nel secondo tempo ha dominato il match, andando più volte vicina al raddoppio ancora con Turco e Samuele Vignato.

“Nel primo tempo abbiamo avuto diverse occasioni per segnare – il commento di Zoratto – ma la partita è stata abbastanza equilibrata, mentre nella ripresa si è giocato in una sola metà campo. Questo è un gruppo interessante, che nella prima parte di stagione ha fatto bene con Bernardo Corradi in panchina e che anche in queste due partite ha confermato di avere qualità. Ho fatto turn over per vedere all’opera tutti i ragazzi, l’obiettivo nei prossimi mesi è quello di ampliare il gruppo per avere più scelta e poter ovviare ad eventuali infortuni”.

Fonte: www.figc.it

VENARIA - La Dea completa il poker delle professioniste di serie A con Juventus, Torino e Inter; definito anche il quadro delle 64 dilettanti tra 2007 e 2008. Conferenza stampa e presentazione dei calendari lunedì prossimo alle ore 18.30 al Don Mosso


La notizia più attesa riguardava la quarta professionista di serie A che avrebbe partecipato alla fase nazionale del torneo Calcio&Coriandoli: l’attesa è finita e la società del Venaria Reale se l’è cavata - ancora una volta - alla grande, perché insieme a Juventus, Torino e Inter torna l’Atalanta. Dopo due anni il Don Mosso tornerà quindi ad ospitare uno dei Settori giovanili più fulgidi d’Italia, con il derby lombardo e neroazzurro che si affiancherà a quello della Mole nei giorni di venerdì 14, sabato 15 e domenica 16 febbraio, quando andrà in scena la fase finale, cui parteciperanno anche Alessandria, Gozzano e Casale.

Allo spettacolare week end che concluderà il torneo Calcio&Coriandoli si aggiungeranno i Cervotti padroni di casa e la squadra che si imporrà nella lunga fase dilettantistica, che non sarà meno spettacolare, vista la qualità delle partecipanti in arrivo da tutta la regione.

ESORDIENTI 2007 - Venaria, Cheraschese, Saluzzo, Pinerolo, Fossano, Chieri, Bra, Alpignano, Cenisia, Rivarolese, Lascaris, Settimo, Chisola, Sisport, Lucento, Ardor San Francesco, Nichelino Hesperia, Pro Eureka, Volpiano, Torino Fc Spa Squadra Femminile, Juventus Women, Monregale, Mathi Lanzese, San Maurizio, San Mauro, Ciriè, Garino, Mirafiori, Esa, Bacigalupo, River Leinì, Città di Baveno.

ESORDIENTI FASCIA B 2008 - Venaria, Saluzzo, Pinerolo, Cafasse Balangero, Fossano, Chieri, Bra, Cbs, Alpignano, Lascaris, Caselle, Chisola, Sisport, Valdruento, Lucento, Atletico Torino, Caselette, Lesna Gold, Pozzomaina, Pro Eureka, Juventus Women, Crocetta, Monregale, Alicese Orizzonti, Ciriè, Mathi Lanzese, Borgaro, Garino, Centrocampo, River Leinì, Città di Baveno, Pianezza.

Le partite della prima parte del torneo inizieranno il 14 dicembre e proseguiranno fino alle finali del 9 febbraio. Il primo appuntamento da non perdere per tutti i partecipanti, gli addetti ai lavori e i semplici curiosi è fissato per lunedì 2 dicembre alle ore 18.30, quando si terrà la conferenza stampa di presentazione della manifestazione nel la “Sala delle Vittorie” dell’impianto sportivo Don Mosso di Venaria. Nell’occasione verranno svelati i gironi e i calendari della fase regionale di entrambe le categorie partecipanti, Esordienti 2007 ed Esordienti fascia B 2008. Al termine dell’evento seguirà un piccolo buffet.

SOCIETA’ - Ai risultati delle squadre, finora molto deludenti, si aggiunge una difficile situazione gestionale: il totale debitorio supererebbe i 40mila euro


Undici sconfitte su undici partite giocate in Promozione. Ultimo posto in classifica anche in Under 19 regionale (4 punti), in Under 16 e Under 14 (0 punti), iscritte ai provinciali di Torino. Un po’ meglio l’Under 15, quartultima con 7 punti. E due sole squadre iscritte alla Scuola calcio, Esordienti 2007 e Primi calci.

I numeri non dicono tutto, è vero, ma la fotografia sportiva del SanMauro è buia, soprattutto se paragonata ai fasti raggiunti con la gestione del “trio” composto da Valentino Scoglietti, Massimo Bosco e Gigi Milazzo, allontanati dal presidente Gerardo Angelicchio nell’aprile 2018, quando quattro squadre giovanili su cinque erano qualificate ai regionali e gli iscritti nella Scuola calcio si contavano a centinaia.

Come se non bastasse, la notizia degli ultimi giorni: il Comune di San Mauro ha avviato la procedura di sfratto della società dall’impianto sportivo del Parco Einaudi, affidando l’incarico allo studio legale Merani Vivani, attraverso al delibera di Giunta 168/2019. Il problema è annoso: il contratto tra Comune e SanMauro per l’utilizzo di una struttura dove la società sportiva ha piazzato la propria sede è stato firmato nel 2002, da allora le spese non sono mai state pagate. A questo si aggiungono le utenze non pagate negli ultimi due anni (quelle precedenti sono andate in prescrizione), per cui verrà attivata un’altra delibera.

Come scrive “La Nuova Periferia”, il debito maturato per i canoni di locazione è pari a 27.561 euro, gli oneri accessori per gli anni tra il 2017 e il 2019, invece, sono di 13.314 euro. Un totale debitorio di 40.875 euro. Insomma, piove sul bagnato a San Mauro, sul cui futuro calcistico pende un grande punto di domanda: torna lo spettro degli anni bui vissuti fino a pochi anni fa, a meno che a qualche sanmaurese doc non torni la passione per il pallone...