Giovedì, 09 Febbraio 2023
 Luca Mereu

Luca Mereu

LA MARCATORI / 14^ GIORNATA - La doppietta del leader vale il +6 sugli inseguitori, terzetto formatosi dopo la rete di Paolin. Avanza Ricci, ma il salto avanti più notevole è di Mondino che si regala un poker. Con lui anche Bergia, Nurisso e Corona. In doppia cifra arrivano Caraglio, Pingitore, Rondini (con una tripletta) e Trogu, in una giornata molto positiva per i marcatori del Rosta (doppietta anche per Moletto). Esordio con la nuova maglia accompagnato dai gol per Davin (Volpiano Pianese), Trombini (Chisola) e Raoof (Moncalieri, con doppietta decisiva).
 


20 RETI: Lucca (Volpiano Pianese)

14 RETI: Gillardo (Acqui), Paolin (Asti), Vitale (Vanchiglia)

13 RETI: Achino (Cbs), Ricci (Novese)

12 RETI: Mondino (Fossano), Bergia (Giovanile Centallo), Nurisso (Rosta), Corona (Turricola Terruggia), Fedele (Volpiano Pianese)

11 RETI: Luparelli (Acqui), Cia (Bra), Girardi (Charvensod), Manfredi (Chieri), Caraglio, Sadrija (Cuneo Olmo), Lista (Volpiano Pianese)

10 RETI: Di Filippo (Chieri), Pingitore (Città di Baveno), Pepe (Pinerolo), Coda (Pro Eureka), Rondini (RG Ticino), Trogu (Rosta)

9 RETI: Bacchetta (Acc. Borgomanero), Stella (Biellese), Maioglio A. (Casale), Ferrante (Chieri)

8 RETI: Foglia Taverna (Biellese), Puppio (Città di Cossato), Massaro (Lascaris), Florio J. (PDHA Evançon), Paradiso (Pro Eureka), Suquet (Quincinetto Tavagnasco), Colombo (RG Ticino), Vargas (Volpiano Pianese)

7 RETI: Zunino (Acqui), Franza (Albese), Hoxha (Asti), Dehari, Ferrero (Bacigalupo), Mazzoni (Biellese), De Luca (Cbs), De Pasquale (Cheraschese), Tomasoni (Città di Cossato), Chelotti (Ivrea), Malavasi (Lascaris), Adragna (Quincinetto Tavagnasco), Cara (Verbania)

6 RETI: Gallo R. (Acqui), Lebbiati (Albese), Fakir (Asti), Mariotti (Borgosesia), Celano (Cbs), Canova (Cheraschese), Galvagno (Chieri), Simonetti (Chisola), Tagliaferri (Città di Baveno), Cutrano (Derthona), Fofana (Fossano), Guttero (Giovanile Centallo), Cencig (Grugliasco), Iamonte, Vanotti (Ivrea), De Luca (Lascaris), Correale (Moncalieri), Ciocchini (PDHA Evançon), Gallo (Pro Eureka), Moine, Moletto (Rosta), Fizzotti, Martelli (Sparta Novara), Valerioti (Turricola Terruggia), Elladori (Union Novara)

5 RETI: Brusati (Acc. Borgomanero), Fassino (Alba Calcio), Baschirotto, Serratore (Alpignano), Isgrò (Borgosesia), Arneodo (Bruinese), Chiapello (Busca), Cannatà, Gerbore (Charvensod), Kola (Cheraschese), Guida (Chieri), Amadio, Sarkis (Chisola), Curatolo (Città di Cossato), Agosta, Perez (Derthona), Kingidila (Lascaris), Dell'Aquila (Nichelino Hesperia), Garlando (Novese), Andreello (Pinerolo), Shehu (RG Ticino), Battaglia, Tassone (Rivarolese), Baccin (Sparta Novara), Jeake (Spazio Talent Soccer), Lot (Torinese), Ago (Union Novara)

4 RETI: Stefanuto (Acc. Borgomanero), Filippini (Acqui), Novara, Sconfienza (Albese), Carnevale, Leccese (Alpignano), Bresciani, Manicone, Saretti (Asti), Santoro (Bacigalupo), Vetrella (Beiborg), Mazzoni (Bra), Simonelli (Bruinese), Griotti (Busca), Laiolo (Canelli), Dalmasso A. (Caraglio), Ceronetti, Pezeta (Casale), Pia (Cbs), Davisod (Charvensod), Costamagna, Derelitto, Nota (Cheraschese), Birtolo, Del Monte (Chieri), Pastiu, Trombini [3 Casale] (Chisola), Barbotti, Negm (Città di Cossato), Maccario II (Cuneo Olmo), Lombardi (Derthona), Berardo (Fossano), Pellegrino, Stingi (Giovanile Centallo), Pesando (Ivrea), Bisi (Lascaris), Bertero, Novara (Lucento), Calabrese (Moncalieri), La Monica, Linciano, Marrese, Noviello (Nichelino Hesperia), Benedettino (Novese), Barria (PDHA Evançon), Alibrandi (Pertusa), De Dominicis, Pussetto (Pinerolo), Tine (Pro Eureka), Tricerri (Quincinetto Tavagnasco), Altomonte (RG Ticino), Zucco (Rivarolese), Chelarescu V., Ndoja (Saviglianese), Monday, Zaccagnino (Spazio Talent Soccer), Usardi (Turricola Terruggia), Ienuso (Union Novara), Burnescu, Nissen (Vanchiglia), Ferrari E., Marino (Verbania), Alba, Davin [3 Casale] (Volpiano Pianese)

3 RETI: Mura (Acc. Borgomanero), Magnani (Acqui), Stabile (Alba Calcio), Caforio, Gerlin, Guidi (Alpignano), Abela, Bo (Asti), Ferrari (Bacigalupo), Limonciello (Beppe Viola), Bottone, Calefato, Chianese, Gariazzo F., Ghedini, Nicolello (Biellese), Borsa (Borgosesia), Brondino, Calosso, Dompè, Palaia, Savu (Bra), Pizzuto (Bruinese), Bernardi (Busca), Pernigotti (Canelli), Hysa (Caraglio), Rhedi (Casale), Argento (Cbs), Chironna, Di Chiara (Cenisia), Dema R. (Cheraschese), Carbone, Cavuoto, Mastrototaro (Chieri), Giordano, Miraglia, Petrea, Villano (Chisola), Ceglia, Gatti, Hilali (Città di Baveno), Giordano, Maccario I (Cuneo Olmo), Lo Re, Salierno, Schiavone (Derthona), Podio (Fossano), Mordenti (Ivrea), Adamo (Lascaris), Gerace (Lucento), Romano (Moderna Mirafiori), Cerbone (Nichelino Hesperia), Gaion, Hilal, Querim (Novese), Duarte (Pinerolo), Tonino (Rivarolese), Caratelli (Saviglianese), Brustia, Crivellari, Ghigliotti, Rabozzi (Sparta Novara), Puleo (Spazio Talent Soccer), Gega (Turricola Terruggia), Scaglia (Union Novara), Kacari (Vanchiglia), Riva (Verbania), Giardino, Imbergamo, Ponzano (Volpiano Pianese)

2 RETI: Guidotti (Acc. Borgomanero), El Hlimi (Acqui), Balocco, Bonino, Mainerdo, Pronzati, Riverditi (Albese), Brenchio (Asti), Badenchini, Doria (Bacigalupo), Contini, Guarnieri, Rigotti (Beiborg), De Paoli G., Gotro (Beppe Viola), Fabiole, Rota, Velcani (Biellese), Faretta, Piletta (Borgosesia), Stojmenovski, Valleriani (Bra), Becchio (Bruinese), Cissè (Busca), Ratti (Canelli), Sorbera (Caraglio), Milano, Pirrotta (Casale), Macrì, Mitini, Urlovas (Cbs), Bustillo, Rizzato (Cenisia), Cutano, Rosset (Charvensod), Delsanto, Grimaldi (Cheraschese), Croce, De Lucia, Mancino, Rizzo, Spinelli (Chieri), Brun, Gironda, Pauliuc, Vada (Chisola), Castrigno, Pirazzi (Città di Baveno), Bellinaso, Chifu (Derthona), Alfieri, Marku, Niba (Fossano), Baudino, Boniello, Zabena (Giovanile Centallo), Conti, Ruggiero, Viro (Grugliasco), Favilla, Rubini (Lascaris), Almondo, Pardi (Lucento), Bruera, Cambareri, Pregnolato (Moderna Mirafiori), Floresta, Lunardi, Maccari, Raoof (Moncalieri), Stani, Unkponmwan (Nichelino Hesperia), Anfosso, Meminaj (Novese), Agu, Bonino, Sconfienza (Pinerolo), Baana, Cotroneo, Tortorella (Pro Eureka), Balzarotti, Giovanetto, Iachi, Vola (Quincinetto Tavagnasco), Eterno, Fracassi, Lazzari (RG Ticino), Ferraro, Fiorenza (Rivarolese), Ariaudo, Ravera (Salice), Calabrese, Zampedri (Saviglianese), Fatone, Locatelli, Oronte, Perri (Sparta Novara), Amo, Di Lorenzo (Spazio Talent Soccer), Novaresio (Torinese), Chornyasskyy, Giolo, Montiglio (Turricola Terruggia), Lenzi, Naldi (Union Novara), Chiarandà, Lanzafame, Romano, Schiavuzzi (Vanchiglia), Amato, Mandica, Martinella (Verbania)

1 RETE: Battaglia, Bianchi, Bouaziz, Del Boca, Federici, Strozzi, Torsetta (Acc. Borgomanero), Bona (Acqui), Cane, Carrino, Grimaldi, Montrucchio, Mustaccio, Ponzo (Alba Calcio), Gocevski, Lasina, Niang, Voghera (Albese), Centinaro, Chiribau, Ferlazzo, Gioannini, Sciarrotta (Alpignano), Baralla, Guza, Omegna, Vignale (Asti), Cassina, Chirllà, Dedaj, Giannini, Mazzetta, Siliato, Vranceanu (Bacigalupo), Aloisi, Bilel, Caputo, Catinelli, Ciobanu (Beiborg), Aboelala, Catoggio, Grasso, Guido A., Terzulli, Zunino (Beppe Viola), Biassoli, Cremona, Di Francesco, Gariazzo M., Guglielminotti, Sessa (Biellese), Bonda, Della Valle (Borgosesia), La Fleur, Lorini, Nzuzi (Bra), Battaglia, Pecchioli (Bruinese), Barra C., Pavan (Busca), El Mouaatamid, Lovisolo, Messina, Testa (Canelli), Bianco, Ntongo, Yassine (Caraglio), Aguggia, Beatrice, Bennardo, Boja, Cancellieri, Maioglio F., Mazzucco (Casale), Barna, Fucini, La Sana, Massano, Osman, Posse, Saracco (Cbs), Anania, Apollaro, Bethaz, Marcellan, Pacuku (Charvensod), Likaj, Petiti (Cheraschese), Castagna, Cristina, Fasone, Sacco (Chieri), Castellaro, Mancini, Meriacre (Chisola), Bignoli, Buonaroti, De Luca, Lettig, Marzoli, Salina (Città di Baveno), De Mitri, Ferri, Folcia, Lamay, Ragno, Simonetti (Città di Cossato), Daniele (Cuneo Olmo), Chiossa, Dellernia, Santoro, Somrany, Straneo, Tocila (Derthona), Giordano, Guerra, Morante, Virai (Fossano), Beshku (Giovanile Centallo), D'Errico, Dello Monaco, Malih (Grugliasco), Brizzi, Melis, Osmani (Ivrea), Ierinò, Obase (Lascaris), Arfaoui, Kharassane, Kolomiyets, Parisi, Toscano (Lucento), Bruardi, Chentaufi, Medina, Russo, Termotto (Moderna Mirafiori), Grivetto, Longo, Merkaj, Saracco, Tecucianu (Moncalieri), Bahadi, De Gennaro, Di Pasquale, Pagliuca, Tullio (Nichelino Hesperia), Andreis, Picollo (Novese), Perracca (PDHA Evançon), Cravero, Del Mare, Hammad, Moetz, Moreira, Vetri (Pertusa), Giglio, Laeglia, Macario (Pinerolo), Bruni, Garetto, Tornello, Zanzone (Pro Eureka), Colombo, D'Aprile), Celoria, Gianola, Vitale (Quincinetto Tavagnasco), Bizzaro, Campaci, De Lorenzis (RG Ticino), Bauma, Ceresa (Rivarolese), Parola, Salubro, Triolone, Usai, Zappalà (Rosta), Calosso, Curti, Giaccardi A., Masante, Petrucci, Rabbia (Salice), Berrite, Cesano, Monge, Rainero, Saitta (Saviglianese), Candellone, Molinatti, Prudnikov (Sparta Novara), Osazuwa, Rubat, Tang (Spazio Talent Soccer), Cesaretti, Gazzola, Karkoury, Martusciello, Molinatti, Regruto (Strambinese), Discepolo, Mazzella, Rolle (Torinese), Piano (Turricola Terruggia), Ortogni, Schenardi (Union Novara), Incarbone, Pomella (Vanchiglia), Bruno, Davi, Ferrari C., Guazzoni (Verbania), Cafà, Galliani, Garavaglia, Iorio, Lazzaron, Muntean, Nirta [1 Chisola], Romeo (Volpiano Pianese)

LA MARCATORI / 14^ GIORNATA - Fugge via il bomber della Sisport, che sia già lo strappo decisivo? Per il podio avanzano di un passo Nicolello e Touti, ma devono ora guardarsi da Aimetti. Salgono in doppia cifra Trinchero (Alba Calcio), Gili (Area Calcio), Buffon (Cbs) per lui una tripletta, Bagnasco (Novese) e Busico (Pinerolo). Tripletta di qualità per Spagnoli (Oleggio). Prima rete con la nuova maglia per Greco (Pertusa).
 


26 RETI: Leone (Sisport)

19 RETI: Nicolello (Biellese), Beggi (Lascaris)

18 RETI: Touti (Ivrea)

16 RETI: Aimetti (Cbs)

14 RETI: Nardiello [14 Pro Eureka] (KL Pertusa)

13 RETI: Valleriani (Bra), Galvagno (Chieri), Marmo (Chisola), Mereu (Pianezza), Peradotto (Volpiano Pianese)

12 RETI: Ierinò (Lascaris), Crespi (Sparta Novara)

11 RETI: El Bentaoui (Asti), Sammouni (Bra), Caramia (Caraglio), Bennardo (Casale), Faccia (Giovanile Centallo), Grec (Paradiso Collegno)

10 RETI: Trinchero (Alba Calcio), Gili (Area Calcio), Buffon (Cbs), Ferrazza (Chisola), Taverna (Derthona), Barra (Giovanile Centallo), Dimatteo (Lascaris), Bagnasco (Novese), Busico (Pinerolo), Lo (Sisport)

9 RETI: Feraru (Area Calcio), Novo (Cheraschese), Prudnikov (Sparta Novara), Grosso (Vanchiglia)

8 RETI: Antonioli (Acc. Borgomanero), Bussi (Alba Calcio), Bieller (Charvensod), Canavese, Surra (Cheraschese), Dantonio (Ciriè), Marchisio T. (Cuneo Olmo), Brandini (Juventus Domo), Chiarello (Lascaris), Parisi (Lucento), Pittavino (Paradiso Collegno), Zerbi (Pianezza), Ricciu (Novese), Spagnoli (Oleggio), Matera (Pro Eureka), Bottelli (Romagnano), Cagliero (Salice), Massari (Volpiano Pianese)

7 RETI: Dettoma (Biellese), Ferraris (Casale), Romeo (Cenisia), Lahmadi (Charvensod), Bonetti (Città di Baveno), Zabena (Giovanile Centallo), Matta (Lascaris), Kila (Salice), Farotto (Turricola Terruggia), Spandre (Venaria), Garofalo R. (Virtus Mercadante), Gambetti (Volpiano Pianese)

6 RETI: Gai (Acqui), Asteggiano (Alba Calcio), Quarta, Zizzo (Alpignano), Merca (Area Calcio), Ricordo (Asti), Drissi (Beiborg), Doro (Cenisia), Piccinni (Ciriè), Dalla Molla (Cit Turin), Ghibaudo (Cuneo Olmo), Fadda (Ivrea), Torti (Lascaris), Perrone (Nichelino Hesperia), Mulas, Salvatore (Pinerolo), Molino, Rossetti (Sisport), Brunazzo (Volpiano Pianese)

5 RETI: Mo (Asti), Lo Voi (Beppe Viola), Germanetti (Bra), Imeraj (Casale), Calderini, Sarkis (Cbs), Dalipi (Cenisia), Di Francesco, Giachino (Cheraschese), Bove, Melloni (Chieri), Di Gioia, Fiore, Giambertone, Lazzaro, Luxardo (Chisola), Zanoia (Città di Baveno), Dalmazio, Mendeni, Vay (Derthona), Ardissone, Magrì (Ivrea), Minazzi (Juventus Domo), Reggiani (Oleggio), Marinelli (Pertusa), Decolombi (Pinerolo), Colletto (Sisport), Alcaro, Joine (Virtus Mercadante), Stefanelli (Volpiano Pianese)

4 RETI: Maddamma (Acc. Borgomanero), Biglia (Acqui), Di Mase (Beiborg), Ceraudo (Beppe Viola), Bevilacqua, El Achkaoui, Fioravanti, Siviero (Biellese), Di Monte (Borgaro Nobis), Renaudo (Caraglio), Boja (Casale), Di Marco, Riboni (Charvensod), Hajji, Muscatello (Chieri), Peluso D. (Ciriè), De Giorgis, Vola (Città di Baveno), Marzi (Derthona), Butteri, Zanellato (Fortitudo), Fruttarolo (Leinì), Esposito, Melano, Mossucca (Lucento), Asembe (Nichelino Hesperia), Pittaluga (Novese), El Bakri, Greco [3 Pro Eureka] (Pertusa), De Carlo, Vurchio (Pianezza), Rivetti, Salvai (Pinerolo), Chiesa, Trabuio (Pozzomaina), Sciara (Pro Eureka), Mannino (Quincinetto Tavagnasco), Mora (Romagnano), Neri (Saviglianese), Albanese (Sparta Novara), Cesaretti (Strambinese), Tallarico (Turricola Terruggia), Vidili (Vanchiglia), Argiolas (Venaria), El Fahim (Virtus Mercadante), Finetti (Volpiano Pianese)

3 RETI: Battaglia, Boca, Lukiv (Acc. Borgomanero), Anguilletti, El Hlimi, Massa (Acqui), Ajmar, Caci, Candela (Alpignano), Casale, Giardino, Gjorgiev, Palazzo (Area Calcio), Xhambasi (Asti), Godino, Strippoli (Beiborg), La Cava (Beppe Viola), Di Francesco, Gaida, Velcani (Biellese), Giraulo (Borgaro Nobis), Bottero (Bra), Belliardo, Beltramo (Caraglio), Pinto, Zidan (Casale), Sindila (Cbs), Rassat (Charvensod), Ghione (Chisola), Ozella (Ciriè), Gerbino (Cit Turin), Martorelli (Fortitudo), Delfino, Fina (Giovanile Centallo), Dublino, Tozzoli (Ivrea), Didomenico, Pratini (Juventus Domo), Bosco, Chiabotto, Maniscalco (Lascaris), Dimiceli (Leinì), Amuzu (Lucento), Cestari (Novese), Cotugno (Oleggio), De Marinis, Valinotto (Pinerolo), Brena, Canuti (Pozzomaina), Carcangiu (Pro Eureka), Antonietti, Giacalone (Quincinetto Tavagnasco), Piccardoni, Rabbia (Salice), Sani (Santhià), Asanache, Smecca (Saviglianese), Bledea, Ruggero (Sisport), Ferrari, Salvatore (Sparta Novara), Milani (Strambinese), Santoro (Turricola Terruggia), Bellotti Lo. (Union Novara), Alickaj, Shaker (Vanchiglia), Tomiato (Venaria), Coscino (Virtus Mercadante), Frazzetta (Volpiano Pianese)

2 RETI: Savastano (Acc. Borgomanero), Mazza (Alba Calcio), Costa, Ferlazzo, Garrone, Mapelli (Alpignano), Spellecchia (Area Calcio), Arimburgo, Armano, Guerrieri (Asca), Stoymenosky, Tachovski (Asti), Bellantoni, Pomini, Savarise (Beiborg), Bottone, Calì, Caroli, Merella, Mosca (Biellese), Dine, Ferrario, Tamburelli An. (Borgaro Nobis), Gandino, Tonno (Bra), Bianco, Garino, Gazzera (Caraglio), Gottero, Mennuti (Cbs), Barbaro, Tarantini (Cenisia), Pozza (Charvensod), Napoli, Petiti (Cheraschese), Rosano, Sacco (Chieri), Audiso, Tarucco (Chisola), Avveniente [Pro Eureka 2] (Ciriè), Osoria (Cit Turin), Palamara, Piana (Città di Baveno), Caffa, Orlando, Rota (Cuneo Olmo), Atzeni, Scarantino, Tortora (Derthona), Zoia D. (Fortitudo), Bergia, Delle Curti (Giovanile Centallo), Diadoro (Ivrea), Veia F. (Juventus Domo), Labardo [2 Chieri], Rizza, Tonello (Lascaris), Arfaoui, Checa, Nicosia, Piazzolla, Restivo (Lucento), Carvelli (Nichelino Hesperia), Burato, Delfitto, Garberoglio, Riccabone (Novese), Bottarini, Camporelli (Oleggio), Centonze (Paradiso Collegno), Del Mare, Riina, Sollo (Pertusa), Lupis (Pianezza), Ienopoli, Pandolfi (Pinerolo), Abbracciavento, Craciun, D'Amato, Pastore (Pozzomaina), Gallo, Pace (Pro Eureka), Pascarella (Quincinetto Tavagnasco), Nilo, Schena, Sulaj (Romagnano), Maccagno, Messa, Oberto, Rambaudo, Vaira M. (Roretese), Demichelis, Fantini, Veljovic (Salice), Arbore, Critto, Savciuc (Santhià), Grosso, Masino, Mondino, Olivero, Sabena, Thioune (Saviglianese), Busè, Daghino, Sauna, Tavano (Sisport), Barbero, Caldarulo, De Paola (Sparta Novara), Nolfo (Strambinese), Cotoia, Moscardo (Turricola Terruggia), Taggi (Union Novara), Papurello, Verrecchia (Venaria), Faye, Galluzzo, Menniti (Volpiano Pianese)

1 RETE: Cuzzolin, Festari, Milanesi (Acc. Borgomanero), Allemani, Betto, Bologna, Icardi, Mascarino (Acqui), Gallarato, Lupi, Tranchero (Alba Calcio), Ainardi, Brancato, Cottone, Sferruzzi, Zanon (Alpignano), Battaglino, Cammarata, Imarghiabe, Petkov, Toso (Area Calcio), Ferrucci, Robbia (Asca), Bodrito, Moretti, Zire (Asti), Cappai, Conte, De Murtas, Giorgis, Plateroti (Beiborg), Cannata, Cileone, Misul (Beppe Viola), Pagliara (Biellese), Di Benedetto, Franzini, Latella, Tamburelli Al., Zitoli (Borgaro Nobis), Arnolfo, Chiesa, Rossi (Bra), Adamonis, Bertolotti, Chialva, Risso, Rivero (Caraglio), Bellan, Boccaleri, Micillo (Casale), Burca, Cerrato, Deda, Laureana, Lombardi, Malaussena, Masiello, Massano, Mitini, Spinelli (Cbs), Beatrici, Gamba, Prudente (Cenisia), Broglia, Macari, Marcoz, Ranieri (Charvensod), Icardi, Panero, Verde, Verri (Cheraschese), Andrione, Giglio, Mannarino, Palumbo (Chieri), Ambrosino, Borello, Murroni (Chisola), Bellu, Cascino, Cinardo, Musarra, Sapetti (Ciriè), Bassone, Danculea (Cit Turin), Vittone, Zacchera (Città di Baveno), Boi, Bonardi, Marenco, Sigaudo (Cuneo Olmo), Capocchiano, Fracchia [1 Asca], Loria, Torre (Derthona), Guerrieri, Marcenaro, Pongan (Fortitudo), Pomero, Re (Giovanile Centallo), Audisio, Bravo, Faccin, Mitola, Paviglianti, Poma (Ivrea), Adam, Binda, Boschetti, Ghezza, Marcon, Veia S., Veiz, Zuccari (Juventus Domo), Breshak, Geme, Iemma (Lascaris), Attardo, Baltag, Bellone, Dimase, Felletti, Militello, Napolitano, Sola (Leinì), Antoniu, Basilio, Francioso, Panaccione (Lucento), Portelli (Nichelino Hesperia), Gozzoli, Mendolia (Novese), Gambero, Panetta, Pulsone, Russo (Oleggio), Castelli [1 Alpignano] (Paradiso Collegno), Di Giacomo, Lazzarone, Marretta, Stivali (Pertusa), Gironi, Pau, Sacco, Vinci (Pinerolo), Arcilasco, Comoli, De Palma, Steri (Pozzomaina), Costa, Grosu, Lamanna, Todesco, Ungaro (Pro Eureka), Ardissone, Castello, De Stalis, Pitti (Quincinetto Tavagnasco), Barbieri (Romagnano), Cerviello, Garau, Testa (Roretese), Boglione, Gattino, Sufaj (Salice), Amorini, Kamberay (Santhià), Frljuckic, Garello, Isoardi, Pasero (Saviglianese), Lauria, Raco, Scarpellino (Sisport), Airoldi, Bellini, Eugaseki, Gallo, Siciliano, Tambornini, Vandoni (Sparta Novara), Battaglia, Bortolato, Di Benedetto, Pollono, Rotaru (Strambinese), Meloni (Turricola Terruggia), Abbane, Hoxhaj, Malajevardi, Oukhris, Vuksani (Union Novara), Carnino, Colaprico, De Luca, Mancone, Nisticò, Siclari (Vanchiglia), Alessi, Limongelli, Procida (Venaria), Aranda, Di Tanno, Garofalo J., Paul (Virtus Mercadante), Pani, Sciacca (Volpiano Pianese)

IL PUNTO SULLA 14^ GIORNATA - Vittorie eccellenti per Sparta Novara, Volpiano Pianese, Alpignano, Vanchiglia, Giovanile Centallo e Alba Calcio. Girone D diviso in tre tronconi, nel C i primi 8 posti sono pressoché decisi. Grande rimonta del Borgosesia.
 


GIRONE A

Tante gare incerte e due affermazioni nette in questa prima di ritorno. Le due battistrada non hanno alcun problema, ma se non sorprende il 5-0 con cui la Biellese ha avuto la meglio del fanalino Strambinese, ben più rumoroso il 7-2 con cui il Volpiano Pianese ha sommerso un avversario non banale come l'Ivrea. La squadra di Malagrinò viene colpita a freddo da Vanotti, risponde con Lucca, ma nel primo parziale trova pane per i suoi denti. Negli spogliatoi scatta qualcosa e alla ripresa le volpi si divorano la squadra avversaria, con ciliegina sulla torta la rete all'esordio in campionato del terzino Nicolò Davin, arrivato dal Casale.
Tiene il passo anche lo Sparta Novara, dopo la grande vittoria in casa del Città di Baveno. Novaresi che indirizzano la gara tra la fine del primo tempo e l'inizio del secondo, ma non hanno fatto i conti con la reazione rabbiosa della squadra di Mersini, che in 10 minuti agguanta il pari grazie a Ceglia e Pingitore. La gara sembra indirizzata verso il pari, ma a 3' dalla fine Baccin piazza la zampata vincente che regala il terzo posto in solitaria. Baveno quindi staccato di 4 punti e superato dal Città di Cossato, che fatica non poco per avere la meglio dell'Union Novara. Ago illude la squadra di Lizza, ma ci pensano Puppio e Barbotti a ribaltare tutto.
Sotto il Baveno è ressa, con una ridda di squadra che fanno l'elastico tra speranze di 4° posto e un occhio dietro per non uscire dalle migliori 8. Ivrea a 22 braccata ora dall'Accademia Borgomanero a 21, dopo la vittoria di quest'ultima sul Casale, fermo a 18. Scavalcano i nero stellati i ragazzi della RG Ticino, dopo il rocambolesco 5-3 rifilato al Verbania. La squadra di Ferrari, tornato in pianta stabile nella sua categoria e subito in gran spolvero con la doppietta nel recupero e nella sconfitta di domenica, non riesce a dare seguito al bel 4-0 rifilato al Borgosesia in settimana e torna quindi al 12° posto, a causa proprio della vittoria dei granata sul Turricola Terruggia. Gara pazzesca, con gli ospiti avanti 3-1 al duplice fischio e ribaltati completamente dalla ripresa perfetta dei ragazzi del vercellese. Girone davvero incerto ed emozionante, Strambinese a parte, tutte le posizioni non hanno un vero padrone e ci sarà da divertirsi fino all'ultima giornata.

GIRONE B

Comincia bene il girone di ritorno il Lucento di Alessandro Pierro. Un ottimo pari senza reti al cospetto della capolista Pro Eureka, per una squadra che ha decisamente trovato la quadra, dopo un inizio di stagione davvero complicato. Nessuna catastrofe ovviamente per i ragazzi di Settimo, ma ora il distacco sul Lascaris è di soli 2 punti, dopo il tennistico 6-0 che i bianconeri hanno rifilato all'impotente PDHA Evançon. Stesso risultato con cui la 4^ forza Rosta si è imposta sulla Torinese, riaccendendo immediatamente il duello con l'Alpignano, anch'esso vincente e appaiato a 28 punti. Affermazione di rilievo quella dei ragazzi di Manavella, al cospetto di un Grugliasco affamato di punti e colta in piena emergenza. Tante le defezioni, che costringono il tecnico ad imbottire la panchina di ragazzi del 2007 e fare di necessità virtù nell'undici di partenza, con Gioannini nell'inedita veste di attaccante. La mossa paga eccome, con il 6 bianco azzurro (ma questa volta con il 9 sulle spalle) in rete già al 7'. Conti illude i bianco rossi, ma nella ripresa il rigore di Baschirotto li condanna e nel finale eccesso di nervosismo, con Cencig e Arva allontanati dal direttore di gara, assenza pesantissime in vista dello scontro diretto con il Lucento della prossima giornata.
Non perdono terreno per la corsa ai primi 4 posti Quincinetto Tavagnasco e Vanchiglia. I primi regolano con un convincente 4-0 il Cenisia, con una prova che soddisfa il tecnico Contiero: "I ragazzi oggi si sono divertiti e hanno divertito, segno del buon lavoro che stiamo facendo. E voglio sottolineare la grande crescita di Melis, ormai imprescindibile davanti alla difesa, e un Suquet sempre più decisivo. Tutti stanno dando il meglio a ruota". Il Vanchiglia dal canto suo ha davanti un avversario tosto come il VDA Charvensod ed è costretto agli straordinari per averne la meglio. Sotto 2-1 non si scompone e con Lanzafame e Burnescu strappa i 3 punti, con l'unico neo l'espulsione di Vitale nel recupero.
Con Cenisia e Torinese in situazione critica, cinque squadre lottano per evitare la retrocessione diretta e al contempo conquistare l'ottava piazza, attualmente occupata dal Lucento, ultima valida per la partecipazione al prossimo campionato Juniores Regionale. In questa ressa coinvolte anche Spazio Talent Soccer e Rivarolese, che però non fanno grandi passi avanti, spartendosi la posta. Rammarico per la squadra ospite, che gioca un'eccellente incontro, ma sbatte contro la concretezza degli avversari, guidati dall'ottimo Ojeake. Per la squadra di Scalone comunque due note positive: il vantaggio mantenuto negli scontri diretti (visto il 4-1 dell'andata) e un punticino che dà respiro dopo quattro sconfitte consecutive.

GIRONE C

Tante vittorie secche, ma in alcuni casi con andamenti nient'affatto scontati. Vince il Chisola, ma la prova del Caraglio è coraggiosa e soddisfa appieno il tecnico Dottore, che ha visto i suoi tenere egregiamente viva la gara fino all'ultimo e subire la rete che ha chiuso ogni discorso solo nel finale. Da sottolineare per la squadra di Vinovo proprio il 2-0, siglato dal neo arrivato Trombini.
La capolista vince con lo stesso risultato, ma che fatica contro una bellissima Cheraschese. Anche qui, l'allenatore dei padroni di casa Scarzello è fiero della prestazione offerta dai suoi, puniti oltremodo dal rosso comminato all'estremo difensore Lanzardo nella ripresa. Con l'uomo in più la compagine di Bert trova maggiori spazi e alla fine riesce a bucare l'ostinata difesa avversaria.
Insidia la 3^ piazza dei nero bianchi il Pinerolo, sempre vittorioso per 2-0 sulla Bruinese. Anche in questo caso è stato necessario il secondo tempo per perforare la retroguardia avversaria, che nonostante la pressione ha disputato una gara ordinata e di spessore ed ha finito per capitolare solo a causa di due disattenzioni, uscendo comunque tra gli applausi.
Tiene il passo delle migliori e fa un favore a Bruinese e Caraglio il Bra, che spegne le velleità del Beiborg con un rotondo 3-0. Risultato che non tragga in inganno, perché i giallo rossi di Policaro hanno faticato al cospetto di un avversario che riceve l'onore delle armi proprio dal tecnico braidese: "Sono contento della vittoria, abbiamo faticato al cospetto di un avversario davvero ostico, ci tengo a rimarcarlo più volte. Hanno appena vinto il torneo Caduti di Superga e hanno dimostrato tutto il loro valore, sono convinto abbiano le qualità per salvarsi. Per questo sono molto fiero della forza e della tenuta mentale mostrata dai miei ragazzi. Veniamo da un periodo difficile, con tante defezioni, ma dopo un primo tempo complicato sono stati bravi nella ripresa a reagire, giocando bene e portando a casa un bel 3-0".
Più secche le restanti vittorie, che sembrano delineare in maniera netta la classifica per i primi otto posti. Il Fossano non ha problemi con il Salice, pronto al nuovo corso di Aurelio Seoni, a cui spetta un compito improbo. Da incorniciare la prestazione di Mondino, autore di un bel poker.
Poker che realizza la Giovanile Centallo, un 4-1 pesantissimo ai danni della Saviglianese, visto che di fatto taglia in due la classifica, anche a seguito dell'affermazione del Cuneo Olmo sul Busca. Tra 8^ e 9^ piazza ci sono ora 9 lunghezze, sembra ci sarà da definire solo chi giocherà gli spareggi salvezza e chi retrocederà direttamente.

GIRONE D

Molto più incerta la situazione in questo raggruppamento, in tutte le zone calde. L'Acqui in vetta riparte con il piede giusto piegando il Canelli e attende ora il Chieri, impegnato nel posticipo con il Beppe Viola.
Alle sue spalle brusca frenata di tutte le inseguitrici. Soddisfazione per l'Asti, che in rimonta blocca la Cbs sull'1-1, con Paolin chiamato a rispondere al vantaggio di Celano. Un punto a testa che allontana la vetta, ma consente di mantenere inalterato il distacco sul duo Derthona e Moncalieri, dopo la scoppiettante gara che le ha viste protagoniste. Anche in questo caso risultato che sicuramente soddisfa maggiormente gli ospiti, sotto 2-0 e capaci di rimontare grazie alla doppietta di David Paolo Raoof. Esordio col botto per l'ex Sisport e Vanchiglia, che da difensore risulta subito decisivo e permette al suo Moncalieri di proseguire l'ottimo trend, portando ad otto la sfilza di risultati utili consecutivi.
Dietro c'è grande ressa, con quattro squadre per due posti. Cade il Bacigalupo, sorpreso in casa dall'Alba Calcio e nuovamente invischiato nella lotta per evitare gli spareggi, distanti ora solo un punto. Appaiato ai nero azzurri l'Albese del tecnico Marcarino. Il Pertusa vende cara la pelle e sogna il secondo punto stagionale per buona parte di gara, dopo le reti di Voghera e il pari di Moetz. Ma nell'ultimo quarto d'ora i padroni di casa trovano gli spiragli giusti e dilagano. Vittoria che tiene dietro la Novese, senza patemi contro un Moderna Mirafiori che ha cambiato guida tecnica e dovrà cercare di allontanarsi dal baratro delle ultime tre posizioni.

IL PUNTO SULLA 14^ GIORNATA - Pur se con tutto il girone di ritorno ancora da disputare, alcune situazioni sembrano già delineate. Oltre al Chisola, che chiuderà primo e resta da capire se con sole vittorie o meno, la situazione nelle ultime tre posizioni dei gironi A, C e D sembra molto ben definita, servirà un'impresa. Attenzione nel girone B, dove si rischia di creare subito una frattura insanabile tra le prime quattro e le inseguitrici. Bella vittoria di un Venaria che sta ingranando.
 


GIRONE A

Si apre con il botto il girone di ritorno nel gruppo A. Il Volpiano Pianese, fresco campione del torneo Queencar, incassa la prima sconfitta in campionato per mano (o meglio, piede) dello Sparta Novara. Grande prova dei ragazzi di Faragò, che in una ripresa di fuoco hanno la meglio dei forti avversari, restando così agganciati al treno delle migliori. Classifica estremamente incerta per la corsa ai primi quattro posti, ma le foxes restano saldamente al secondo posto con un comunque ancora rassicurante +4 sulla prima inseguitrice. Stesso distacco che separa la squadra di Uranio dalla capolista Biellese, vincente 5-3 sul campo della Juventus Domo. Prova di forza notevole per i bianconeri, al cospetto di un avversario che non si è mai arreso e ha fatto sudare le proverbiali sette camicie.
Con i risultati del weekend si sta delineando la corsa alle fasi finali, con quattro squadre racchiuse in 3 punti e un +7 tra sesta posizione e settima che al momento taglia fuori Accademia Borgomanero e Città di Baveno. I primi impongono lo 0-0 alla Pro Eureka, primo pareggio stagionale per la squadra di Isaia; i secondi cadono a Casale in un intenso scontro diretto. Gara dove è successo di tutto, con i nero stellati avanti 2-0 con tanto di rigore parato da Valeriano e un Baveno lanciato e affossato da Bonetti, capace di siglare la doppietta della speranza, ma sfortunato nell'autogol che condanna la sua squadra. Casale per altro bravo a tenere fino al termine, pur se con l'uomo in meno.
Chiude il quartetto l'Ivrea, che si impone autoritario sulla Strambinese e riparte con il piede giusto, issandosi al terzo posto.
Meno serrata appare la lotta per evitare la zona retrocessione. Tutte sconfitte le ultime tre e distacchi che cominciano ad essere importanti. Detto della Strambinese terzultima, i punti che ora la separano dal duo che la precede sono 8. Vincono infatti i rispettivi scontri diretti Romagnano e Oleggio. La squadra del tecnico Leone stende l'Union Novara guidata dal suo capitano Mora, oggi in veste di bomber con una doppietta, inframmezzata dal momentaneo pari di Malajevardi. Padroni di casa che avrebbero potuto rendere il passivo più rotondo, ma in apertura di gara Bottelli viene ipnotizzato dal dischetto dall'estremo difensore avversario Varra. Decisamente più rotonda l'affermazione dell'Oleggio, che trascinato dalla tripletta di uno scatenato Spagnoli non lascia alcuno scampo al Santhià.

GIRONE B

Il Lascaris mette subito le cose in chiaro e con una prestazione monstre surclassa il Lucento 4-1 e sale a +5 sugli avversari. Per la squadra di Delli Calici è la prima sconfitta stagionale, un inciampo preventivabile che rallengta la corsa alla vetta, ma non crea grossi problemi visto che il distacco dal terzo posto è un sereno +7.
Dietro si assestano Vanchiglia e Alpignano, separate da un punto dopo le vittorie su Leinì e Virtus Mercadante. Gara tosta per i granata, che nella ripresa restano in 10, ma trovano la forza di spingersi avanti e guadagnare il rigore della vittoria che Shaker non fallisce. In scioltezza la squadra di Campasso, rodata durante il torneo Queencar e decisamente convincente nel 5-1 che ha sommerso gli avversari.
Perde terreno il Pianezza, che fallisce una ghiotta occasione al cospetto di un Quincinetto Tavagnasco ultimo, ma decisamente combattivo e intenzionato a dare battaglia fino all'ultimo per conquistare la salvezza. Sembrava tutto deciso in avvio di ripresa, quando Mereu porta la squadra di Macciola sul 2-0, ma la reazione dei nero gialli è veemente e nel finale si concretizza con una splendida rimonta, griffata da Giacalone e Pascarella.
Un punto sotto e serenamente a metà classifica, si assesta il VDA Charvensod, dopo il 3-1 rifilato al Borgaro Nobis. Alla squadra del tecnico Gentile non basta Grillone, capace di sventare un rigore a Pozza al 20', né il seguente vantaggio di Franzini, sempre dal dischetto. La gioia dura poco, prima che Bieller trovi il pari e poi nella ripresa la doppietta di Rassat chiude i giochi, tenendo il Borgaro inchiodato in 12^ posizione.
A fargli compagnia il Venaria, che riparte come aveva chiuso il girone di andata, con una vittoria, anch'essa in rimonta. Tre punti che valgono doppio al cospetto della diretta concorrente Cenisia, che passa con Doro, salvo capitolare sotto i colpi di Tomiato e Argiolas. Restano 5 i punti che separano le violette da Borgaro e Venaria, ma la situazione resta incertissima e il prossimo weekend subito sfida da dentro o fuori proprio tra le due squadre a quota 11, con il Cenisia chiamato alla difficile trasferta in casa del Pianezza.
Chiude la giornata l'importante 2-1 del Ciriè sul Paradiso Collegno, tre punti agguantati a fil di sirena grazie a Cascino che regalano una giornata di tranquillità alla squadra di Peluso, che può ora ospitare il Lascaris sapendo di avere un certo margine e potendo giocare con la mente sgombra.

GIRONE C

Il Chisola prosegue la sua marcia perfetta senza problemi, ma c'è voluto il secondo tempo per mettere in archivio la pratica Salice, che ha comunque disputato un incontro dignitoso, riuscendo nel primo parziale a disinnescare le bocche da fuoco avversarie.
Alle spalle dei vinovesi prova a rafforzare il secondo posto il Pinerolo, che apre il girone di ritorno in scioltezza superando il fanalino Roretese. Più incerta la corsa a 3° e 4° posto, con cinque squadre in piena lotta.
Il weekend sorride all'Area Calcio, ora terza dopo il convincente 3-0 sulla Giovanile Centallo. Scavalcata la Cheraschese, inchiodata sul 2-2 da una buona Saviglianese, mentre l'altro scontro diretto di giornata sorride al Beiborg, che con De Murtas piega il Caraglio e si porta un punto sotto. 1-0 anche per il Cuneo Olmo, decisiva la rete di Filippo Caffa nel recupero del primo tempo per avere la meglio di un Bra 9° e tranquillo, ma apparentemente già senza grossi obbiettivi.
Chiude la giornata la roboante vittoria dell'Alba Calcio sul Nichelino Hesperia. Il 5-2 con cui i ragazzi di Alba hanno schiantato la diretta concorrente, appaiandola a 7 punti, è una boccata d'ossigeno che regala nuova linfa alle speranze di salvezza. Per entrambe però la montagna da scalare è altissima e i punti che le separano dal Salice 11° sono ben otto. 

GIRONE D

Vincono tutte le prime sei della classe, in una giornata che non ha avuto grosse sorprese. Inizia la Sisport, troppo per il fanalino Asca e vittoriosa 10-0, risultato che permette a Leone con 6 gol di rimpinguare il bottino in classifica marcatori. Più contenuta, ma non meno convincente l'affermazione del Chieri sul campo del Pozzomaina, con un poker senza appello. Basta una rete per tempo alla Novese per avere la meglio del Fortitudo, prestazione non esaltante quanto quella delle dirette concorrenti, ma sufficiente a portare a casa una gara mai in discussione. Il risultato più rotondo di giornata è quello della Cbs, che viene colpita a freddo da Dalla Molla, ma poi non lascia scampo al malcapitato Cit Turin, rimasto pure in 10 e non in grado di contenere le sfuriate offensive di Aimetti (6 reti anche per lui) e compagni). Per il 4° posto non molla anche il Derthona, di misura sull'Acqui. Bella e combattuta partita tra due buone squadre, su un campo piuttosto difficile. A deciderla, Scarantino, lesto a ribadire in rete il rigore di Taverna neutralizzato da Laiolo. Più attardato, ma non intenzionato ad arrendersi, ecco il 3-1 dell'Asti sul Kl Pertusa, 3 punti che tengono gli astigiani a -6 dalla Cbs.
Infine importante vittoria del Turricola Terruggia sul Beppe Viola. Incontro scoppiettante che esalta la tigna degli ospiti, sotto 3-1 alla fine del primo tempo e capace di ribaltare l'incontro con un secondo tempo di gran carattere. Per la squadra del neo tecnico Siragusa, sceso dall'Under 17 al posto di Luigi Caldarella, passato alla Juniores, una sconfitta dolorosa per come si era messa, ma che regala maggior fiducia per il buon impatto mostrato. La situazione per le ultime tre è comunque estremamente delicata e servirà un girone di ritorno perfetto per riuscire a recuperare il gap in classifica.

14^ GIORNATA - Nessuna sorpresa di rilievo nella prima giornata di ritorno. Diverse goleade per tante favorite, Città di Cossato e Chisola la spuntano contro avversari caparbi. Si infiamma la sfida per entrare nelle migliori 8 nel girone D. Prove di forza notevoli per Volpiano Pianese e Nichelino Hesperia (che ha la meglio con l'uomo in più contro un avversario davvero coriaceo). Nel girone C si rischia di creare una frattura difficilmente colmabile tra 8° e 9° posto.
 


GIRONE A

ACCADEMIA BORGOMANERO-CASALE 2-1
RETI: pt 21' Brusati (A), 25' Maioglio A. (C), 26' Mura (A)

CITTA' DI BAVENO-SPARTA NOVARA 2-3
RETI: pt 45' Brustia (S), st 4' Oronte (S), 5' Ceglia (B), 15' Pingitore (B), 42' Baccin (S)

BIELLESE-STRAMBINESE 5-0
RETI: pt 21' Di Francesco, st 1' Ghedini, 2' Stella, 23' Cremona, 28' Gariazzo

CITTA' DI COSSATO-UNION NOVARA 2-1
RETI: pt 6' Ago (U), 10' Puppio (C), 35' Barbotti (C)

RG TICINO-VERBANIA 5-3
RETI: pt 10' Cara (V), 20', st 2' e 47' Rondini, pt 33' e st 22' Ferrari E. (V), pt 39' rig. Shehu, 42' Colombo

IVREA-VOLPIANO PIANESE 2-7
RETI: pt 1' Vanotti (I), 17' e st 19' Lucca, st 1' Alba, 20' Vargas, 21' Davin, 32' Imbergamo, 43' Lista, 45' Pesando (I)

BORGOSESIA-TURRICOLA TERRUGGIA 4-3
RETI: pt 7' e 45' Giolo (T), 11' Faretta (B), 15' Corona (T), st 25' Faretta rig. (B), 35' Piletta (B), 45' Marotti (B)

GIRONE B

SPAZIO TALENT SOCCER-RIVAROLESE 1-1
RETI: pt 2' Tassone (R), 7' Osazuwa (S)

ALPIGNANO-BSR GRUGLIASCO 2-1
RETI: pt 7' Gioannini (A), 33' Conti (G), st 3' rig. Baschirotto (A)
ESPULSI: st 45' Cencig e Arva (G)

QUINCINETTO TAVAGNASCO-CENISIA 4-0
RETI: pt 13' Suquet, 26' Adragna, 28' Tricerri, st 16' Vitale

LASCARIS-PDHA EVANCON 6-0
RETI: pt 5' Malavasi, 21', 29' e st 25' Massaro, pt 45' Favilla, st 30' Ierinò

LUCENTO-PRO EUREKA 0-0

ROSTA-TORINESE 6-0
RETI: pt 4' Trogu, 8' e 36' Nurisso, 16' Moine, st 24' e 31' Moletto
ESPULSO: st 22' Squillace (T)

VANCHIGLIA-VDA CHARVENSOD 3-2
RETI: pt 6' Girardi (C), 15' Schiavuzzi (V), 30' Marcellan (C), 32' Lanzafame (V), 38' Burnescu (V)
ESPULSO: st 53' Vitale (V)

GIRONE C

FOSSANO-SALICE 6-0
RETI: pt 32', 40', 43' e 45' Mondino, st 3' Marku, 32' Berardo

BRA-BEIBORG 3-0
RETI: st Dompè, Savu, rig. Mazzoni

CHISOLA-CARAGLIO 2-0
RETI: pt 25' Simonetti, st 43' Trombini

CHERASCHESE-NICHELINO HESPERIA 0-2
RETI: st 24' Bahadi, 29' Noviello
ESPULSO: st 10' Lanzardo (C)

PINEROLO-POLISPORTIVA BRUINESE 2-0
RETI: st 7' Andreello, 33' Macario

GIOVANILE CENTALLO-SAVIGLIANESE 4-1
RETI: pt 30' Baudino, st 3' Bergia, 20' Caratelli (S), 33' Zabena, 36' Pellegrino

CUNEO OLMO-BUSCA 3-1
RETI: 2 Caraglio, Sadrija (C); Bernardi (B)

GIRONE D

ALBESE-KL PERTUSA 4-1
RETI: pt 1' Voghera, Moetz (P), st 30' Franza, 35' Riverditi, 37' Gocevski

ACQUI-CANELLI 3-1
RETI: st Laiolo (C); Luparelli, Gallo R., Filippini (A)

NOVESE-MODERNA MIRAFIORI 4-0
RETI: pt 18' Benedettino, 25' Ricci, st 19' Andreis, 26' Anfosso

DERTHONA-MONCALIERI 2-2
RETI: pt 20' Cutrano (D), st 20' Perez (D), 37' e 45' rig. Raoof (M)
ESPULSO: st 40' Doria (M), 47' Atraneo (D)

BACIGALUPO-ALBA CALCIO 0-2
RETI: pt 1' Ponzo, st 6' Stabile
ESPULSO: st 42' Mustacciu (A)

CBS-ASTI 1-1
RETI: pt 27' Celano (C), 45' Paolin (A)

CHIERI-BEPPE VIOLA 7-0
RETI: pt 4' e 31' Del Monte, 8' Carbone, 29' Cavuoto, 44' Guida, st 31' Sacco, 43' Galvagno

14^ GIORNATA - Scosse nelle zone alte, con le grandi vittorie di Sparta Novara e Lascaris. I bianconeri provano subito a scappare in un girone B dove le vittorie di Vanchiglia e Alpignano cercano di delineare subito la classifica. Affermazioni rilevanti per le zone calde nel girone A (Romagnano e super Oleggio), B (colpi esterno di Ciriè e Venaria) e cinquina della speranza per l'Alba Calcio. Scontro diretto caldissimo al Turricola Terruggia. Nel girone D, 3 punti per restare in alto per Novese e Derthona. Nel largo successo della Cbs spiccano le 6 reti di Aimetti.
 


GIRONE A

ROMAGNANO-UNION NOVARA 3-1
RETI: pt 19' e 24' Mora, 20' Malajervaldi (U), st 32' Barbieri
ESPULSO: st 42' Bellotti (U)
NOTE: pt 3' Varra (U) para calcio di rigore a Bottelli (R)

ACCADEMIA BORGOMANERO-PRO EUREKA 0-0

CASALE-CITTA' DI BAVENO 3-2
RETI: pt 1' Bennardo (C), 13' Zidan (C), 15' e st 32' Bonetti (B), st 27' o.g. Bonetti (C)
ESPULSO: st 32' Bettin (C)
NOTE: pt 7' Valeriano (C) para rigore a Zacchera (B)

IVREA-STRAMBINESE 3-0
RETI: pt 25' Touti, 38' Fadda, st 25' Bravo

SANTHIA'-OLEGGIO SPORTIVA OLEGGIO 1-5
RETI: 3 Spagnoli, Bottarini, Reggiani (O); Savciuc (S)

SPARTA NOVARA-VOLPIANO PIANESE 3-1
RETI: st 7' Airoldi, 8' Brunazzo (V), 11' Prudnikov, 37' Albanese

JUVENTUS DOMO-BIELLESE 3-5
RETI: pt 4' Brandini (J), 8' Merella, 18' Gaida, 25' Dettoma, st 2' e 19' Pratini (J), 5' Nicolello, Bevilacqua

GIRONE B

LEINI'-VANCHIGLIA 0-1
RETE: st 17' rig. Shaker
ESPULSO: st 11' Carnino (V)

ALPIGNANO-VIRTUS MERCADANTE 5-1
RETI: Ajmar, Caci, 2 Zizzo, Quarta (A); pt 27' El Fahim (M)

LASCARIS-LUCENTO 4-1
RETI: pt 9' e st 27' Matta, pt 26' Chiabotto, 41' o.g. Triulcio (LU), st 15' Ierinò

PARADISO COLLEGNO-CIRIE' 1-2
RETI: pt 32' Piccinni (C), st 27' Pittavino (P), 40' Cascino (C)

QUINCINETTO TAVAGNASCO-PIANEZZA 2-2
RETI: pt 4' De Carlo (P), st 3' Mereu (P), 31' Giacalone (Q), 40' Pascarella (Q)

CENISIA-VENARIA 1-2
RETI: pt 10' Doro (C), 16' Tomiato (V), 34' Argiolas (V)

BORGARO NOBIS-VDA CHARVENSOD 1-3
RETI: pt 26' rig. Franzini (B), 29' Bieller, st 9' rig. e 34' Rassat
NOTE: pt 20' Grillone (B) para rigore a Pozza (C)

GIRONE C

CUNEO OLMO-BRA 1-0
RETE: pt 41' Caffa

BEIBORG-CARAGLIO 1-0
RETE: st 18' De Murtas

ALBA CALCIO-NICHELINO HESPERIA 5-2
RETI: pt 3' Portelli (N), 6' e st 10' Bussi, pt 14' Asembe (N), 17' Gallarato, 28' Asteggiano, st 27' Trinchero

SAVIGLIANESE-CHERASCHESE 2-2
RETI: st 8' Novo (C), 22' Icardi (C); Sabena, Pasero (S)

SALICE-CHISOLA 0-5
RETI: pt 31' Giambertone, st 14' Di Gioia, 16' Lazzaro, 26' e 41' Marmo

PINEROLO-RORETESE 6-1
RETI: pt 7' Busico, 8' Rivetti, 13' e 16' Salvatore, 30' Salvai, 39' rig. Messa (R), st 35' Ienopoli
ESPULSO: pt Testa (R)

AREA CALCIO ALBA ROERO-GIOVANILE CENTALLO 3-0
RETI: pt 1' Toso, st 22' Gili, 29' Merca

GIRONE D

DERTHONA-ACQUI 1-0
RETE: st 25' Scarantino
NOTE: st 25' Laiolo (A) para calcio di rigore a Taverna (D)

ASTI-KL PERTUSA 3-1
RETI: st 35' Greco (P); 2 Stoymenosky, Anass (A)

NOVESE-FORTITUDO 2-0
RETI: pt 7' Bagnasco, st 5' Cestari
ESPULSO: st 25' Pongan (F)

CIT TURIN-CBS 1-16
RETI: pt 1' Dalla Molla (CT), 10' rig. Cerrato, 18', 20', 34', 36', 37' e 39' Aimetti, 22' Calderini, 30' Deda, st 1', 22' e 34' Buffon, 27' Malaussena, 29' Laureana, 33' Masiello, 36' Sarkis
ESPULSO: st 2' Calvi (CT)

BEPPE VIOLA-TURRICOLA TERRUGGIA 3-4
RETI: pt 20' e 25' La Cava (B), 20' Moscardo (T), 37' Cannata (B), st 10' Farotto (T), 30' rig. Meloni (T), 40' Tallarico (T)

POZZOMAINA-CHIERI 1-4
RETI: pt 5' Sacco, 11' Bove, 16' Hajji, 33' Brena (P), st 3' rig. Galvagno (C)

SISPORT-ASCA 10-0
RETI: pt 11', 21', 29', 31', 32' e 33' Leone, 15' e st 37' Bledea, pt 28' Rossetti, st 1' Sauna, 

RECUPERI - Diversi i recuperi disputati nel weekend. Clamorosa vittoria della Juniores dell'Oleggio contro la terza forza Accademia Borgomanero. Importantissimo il 4-0 del Verbania sul Borgosesia, per la corsa alla salvezza in Under 17, mentre Aygreville e Vallorco si annullano in U15 e il Ciriè ne approfitta allungando sulle zone calde. Diverse anche le partite nei Provinciali. Le più rilevanti ai fini della classifica sono state il 4-1 del Pozzomaina U15 sulla Pro Collegno, che garantisce il secondo posto a -1 dalla vetta e con una gara in meno e la vittoria del Borgolavezzaro a Novara in U17, successo che riporta la squadra al terzo posto in condivisione
 


UNDER 19

OLEGGIO SPORTIVA OLEGGIO-ACCADEMIA BORGOMANERO 3-2
RETI: Colombo, Ranzani (A); Mattacchini, Daye, Attia (O)

CHARVENSOD-BORGARO NOBIS 1-0
RETE: Gobbo

SALUZZO-CARMAGNOLA 2-0
RETI: Bonansone, Paire

UNDER 17

VERBANIA-BORGOSESIA 4-0
RETI: pt 5' Martinella, st 25' e 38' Ferrari E., 36' Ferrari C.

UNDER 15

AYGREVILLE-VALLORCO 2-2
RETI: pt 11' Massaro (A), 20' e st 37' Carraro (V), st 9' Bredy (A)

GRAND PARADIS-CIRIE' 0-3
RETI: pt 30' e st 5' Metta, st 16' Bellu

PROVINCIALI

TORINO U15

POZZOMAINA-PRO COLLEGNO 4-1

NOVARA U17

BORGOLAVEZZARO-DUFOUR VARALLO 5-0

UNDER 16 - Il triangolare più equilibrato di tutti non ha un dominatore assoluto, ma vede tre gare tiratissime che alla fine premiano il Volpiano Pianese per maggior numero di gol segnati rispetto all'Alpignano. Complimenti ai vincitori, per un trionfo giocato sul filo del rasoio.
 


ALPIGNANO-VOLPIANO PIANESE 0-0
ALPIGNANO (4-3-3): Fasano, Ghiano, Mapelli, Costa, Cottone, Caci (st 1' Quarta), Ferlazzo, Grasso (st 14' Ferajani), Zanon (st 1' Speranza), Ajmar, Zizzo (st 5' Locuratolo). A disp. Paganelli, Brancato, Blanc, Ainardi. All. Campasso
VOLPIANO PIANESE (4-3-3): Morelli, Summa, Landi, Torresan, Faye, Sciacca (st 6' Frazzetta), Stefanelli, Finetti, Peradotto, Massari (st 12' Menniti), Gambetti (st 6' Brunazzo). A disp. Hogas, Brogliatti, Pani. All. Uranio
ESPULSO: Brancato (A)

Che sarebbe stato un girone nel quale era difficile fare previsioni, è risultato subito chiaro dai primi minuti della prima sfida. Alpignano e Volpiano Pianese danno vita ad un primo parziale di grande equilibrio, dove nessuna delle due riesce a primeggiare e con grande foga agonistica si spartiscono il parziale. Nonostante gran ritmo, un certo nervosismo e tanta foga, le azioni da gol latitano e tutte le emozioni sono racchiuse nei minuti dal 15' al 17'. Prima una bellissima punizione di Finetti viene fermata solo dalla traversa, poi è Ajmar a rispondere con una sassata da fuori che Morelli è pronto a deviare in angolo con un bel tuffo basso.
La ripresa ripropone lo stesso copione del primo tempo e nonostante i cambi si fatica a vedere azioni da gol pericolose. Fino al 15', quando Fasano compie quattro parate in sequenza che fanno strabuzzare gli occhi. Prestazione irreale della saracinesca dell'Alpignano, che scuote i suoi che stavano concedendo troppo campo e regala un finale da brividi. Prima è Morelli a salvare al 24', nel recupero solo una incredibile traversa spegne l'urlo di gioia di Costa. Pari e patta, per decidere chi giocherà subito con la Sisport si disputano i rigori (ininfluenti ai fini della classifica, ma pare all'insaputa dell'Alpignano) e qui ancora Fasano è mostruoso, sventando tre penallty.

VOLPIANO PIANESE-SISPORT 2-1
RETI: pt 8' Gambetti (V), st 23' Lo (S), 25' rig. Stefanelli (V)
VOLPIANO PIANESE (4-3-3): Morelli, Summa (pt 6' Hogas), Landi, Torresan, Faye (st 5' Pani), Brogliatti, Brunazzo (st 19' Sciacca), Finetti, Peradotto (st 22' Menniti), Frazzetta (st 1' Massari), Gambetti (st 13' Stefanelli). All. Uranio
SISPORT (4-4-2): Lonegro (pt 9' Licauli), Busè, Viviani (st 11' Lauria), Scarpellino (st 18' Ciocan), Rossetti, Fanotto, Bledea (st 9' Ruggero), Colletto, Leone, Sauna (st 6' Afu), Lo. A disp. Molino, Daghino. All. Borin

Il secondo incontro è vibrante e con un finale al cardiopalma. La Sisport non può perdere, per non vedere subito infrangersi le sue speranze di vittoria, il Volpiano può solo vincere, per poter fare lo spettatore nell'ultimo incontro con un piccolo vantaggio. Viene fuori una sfida sentita, maschia, ma non scorretta, con i bianconeri a partire meglio e i ragazzi di Uranio a prendere lentamente campo. I primi pericoli sono proprio verso la porta volpianese, con Lo a chiamare all'intervento Morelli e Colletto a centrare la traversa con una staffilata dalla distanza. Da qui in poi però sono le foxes ad imporsi, trovano all'8' la rete con Gambetti, lesto a ribadire in rete il tiro di Frazzetta respinto da Lonegro. Nell'occasione il portiere della Sisport si fa male e deve lasciare il posto a Licauli. Il restante parziale e la prima parte della ripresa vede il dominio territoriale del Volpiano, che però non trova gli spazi per un tiro pulito e per vedere un'altra bella parata bisogna attendere l'8' del secondo tempo, quando il 12 bianconero si fa trovare pronto sulla bella conclusione da fuori di Finetti, uno dei migliori dei suoi. Piano piano la Sisport prova ad aumentare la pressione e spaventa la retroguardia avversaria prima con un tiro velleitario di Rossetti, il cui rimbalzo costringe Morelli alla parata in angolo, poi con Lo che spedisce alto dopo una bella incursione centrale. Il finale è poi per cuori forti: al 23' Lo scambia con Leone, perfetto colpo di testa del 9 per l'inserimento del compagno che non si fa pregare e insacca. Ma con il Volpiano non è mai finita: volata in area, il difensore fa fallo e Stefanelli dal dischetto è glaciale. Sei minuti di recupero per gli ultimi scontri di gioco, ma finisce qui ed è apoteosi Volpiano.

SISPORT-ALPIGNANO 0-1
RETE: st 17' Costa
SISPORT: Licauli, Busè, Viviani, Scarpellino, Rossetti, Fanotto, Bledea, Colletto, Leone, Sauna, Lo. A disp. Molino, Daghino, Lauria, Ciocan, Ruggero, Afu. All. Borin
ALPIGNANO: Fasano, Locuratolo, Mapelli, Costa, Cottone, Ajmar, Farajani, Speranza, Quarta, Zizzo, Ferlazzo. A disp. Paganelli, Ghiano, Caci, Grasso, Zanon, Blanc, Ainardi, Sapienza. All. Campasso

Il rigore di Stefanelli risulterà decisivo, perché l'Alpignano a questo punto aveva bisogno di due reti per diventare campione, ma la Sisport non ha certo spianato il tappeto rosso ed è venuto fuori un incontro tirato ed incerto fino all'ultimo. Il primo tempo è molto bloccato e l'unico brivido arriva al 20', quando il sempre fenomenale Fasano si supera con l'ennesimo intervento da campione, tenendo il punteggio sullo 0-0. Ripresa più viva, con l'Alpignano alla caccia del gol e la Sisport pronta a far male. La ripresa è decisamente più viva, con occasioni da una parte e dall'altra. L'Alpignano però pecca di precisione, mentre la Sisport sbatte ovviamente sull'insuperabile Fasano. Si arriva al 17' e dal nulla sbuca Costa, che di testa pescato da corner manda avanti i suoi. A questo punto l'Alpignano non affonda forse come dovrebbe, non conscio della necessità delle due reti e al triplice fischio l'amarezza per aver capito che la vittoria va agli avversari e tanta. Qui da sottolineare ancora una volta i gesti dell'estremo difensore bianco azzurro, che si ferma a ritirare la coppa come migliore seconda, meritandosi i sinceri applausi di tutto il Volpiano.
In ogni caso per tutte le squadre un ottimo torneo, risolto per questioni di dettagli e dove tutte hanno giocato sapendo di poter vincere. Per il tecnico Campasso un altro passo verso un continuo percorso di crescita, mister Uranio invece non può che essere felicissimo per la seconda coppa consecutiva, dopo il SuperOscar di inizio stagione. Con la consapevolezza che il gruppo è sempre più rodato e potrà dare filo da torcere a chiunque.

UNDER 16 - Primo incontro estremamente equilibrato tra Bra e Charvensod. L'affermazione dei giallorossi regala il secondo posto, perché contro questo Chieri non c'è stato nulla da fare per entrambe. Al torneo Lascaris le professioniste sono avvisate, gli azzurri fanno sul serio.
 


BRA-CHARVENSOD 1-0
RETE: st 17' Germanetti
BRA (4-3-3): Fogliatto, Tonno (st 1' Tommarello), Ramonda, Cerviello, Germanetti (st 25' Bergesio), Valleriani, Pavone (st 1' Chiesa), Ghiso (st 1' Gandino), Imariahgbe (st 1' Sammouni), Barberis (st 1' Arnolfo), Bottero. A disp. Jakini, Chaab. All. Piras
CHARVENSOD (4-4-2): Bonasera, Poletto (st 19' Macari), Cheney, Tibone, Pozza, Filippone (st 15' Marcoz), Rassat, Di Marco, Lahmadi (st 3' Riboni), Poletti, Cannatà. A disp. Bosonin, Fazari, D'Alessandro, Giangrasso, Catalano. All. Ciccarelli

Partita dai due volti quella tra Bra e Charvensod. Prima parte di gara di marca valdostana, con Lahmadi e Poletti che quando scambiano in avanti creano apprensione alla retroguardia giallo rossa. E' proprio su una loro combinazione arriva il primo pericolo di giornata, ma Fogliatto è attento e para la botta del 10 avversario. Il Bra spinge soprattutto a sinistra sfruttando le lunghe leve di Imariahgbe, ma non concretizza mai e dietro trema ancora, quando su azione d'angolo Filippone centra una incredibile traversa. 
All'intervallo il tecnico Piras scombina le carte e la gara gira completamente. E' un Bra arrembante quello che dà il via alla ripresa e il Charvensod è subito messo sotto. A questo punto però sale in cattedra il fenomenale Bonasera, che sfodera una serie di interventi strepitosi per salvare la propria porta. Prima vola alla Superman a sventare la botta da distanza siderale di Tommarello, poi doppio intervento prima su Bottero di piede, poi con un riflesso irreale sul destro a botta sicura di Valleriani. La porta sembra stregata, ma ci pensa Sammouni a spezzare l'equilibrio: discesa inarrestabile sulla sinistra, preciso rasoterra al centro per l'accorrente Germanetti che calcia di prima e non lascia scampo. La partita termina sostanzialmente qui, perché il Charvensod non riesce a rendersi pericoloso e l'ultimo sussulto è un gioco di prestigio di Valleriani sulla linea di fondo, ma l'imbeccata per Sammouni non viene concretizzata dall'11 giallorosso.

CHIERI-CHARVENSOD 6-1
RETI: pt 3' Galvagno, 4' rig., 13' e st 12' Bove, pt 26' Poletti (CV), 27' Sacco, st 5' Melloni
CHIERI (4-4-2): Ignat (st 16' Marasca), Petruzza (st 12' Nizza), Bertoli (st 11' Casetta), Sacco, Andrione, Cardinale, Hajji, Ferraris (st 5' Giglio), Galvagno, Bove, Melloni. All. Biancardi
CHARVENSOD (4-4-2): Bonasera (st 1' Bosonin), Poletto (pt 17' Fazari), Cheney (st 1' Catalano), Tibone, Pozza, Filippone, Rassat (pt 15' D'Alessandro), Marcoz, Lahmadi (pt 18' Gianmarco), Poletti, Cannatà (st 15' Riboni). A disp. Di Marco, Macari. All. Ciccarelli
AMMONITI: pt 4' Cheney (CV)

Partita a senso unico quella che vede contrapposte Chieri e Charvensod. Prova di forza impressionante quella degli azzurri, che già nel primo tempo chiudono la pratica sfoderando una prestazione di altissima qualità. Al 3' siamo già 1-0, con Galvagno lesto in area con un tocco che non lascia scampo a Bonasera. Neanche il tempo di ripartire che Hajji subisce fallo in area, rigore e 2-0 di Bove, che dà il via alla sua grande giornata. Il 2-0 è una mazzata durissima e i valdostani non riescono ad organizzare trame efficaci, venendo salvati ancora dal loro bravissimo estremo difensore, miracoloso su Ferraris all'11'. Sono però le avvisaglie del terzo gol, che arriva dopo due minuti sull'asse Ferraris-Bove, impeccabile con un gran colpo di testa che si guadagna i complimenti anche del tifo avversario. Il Charvensod opera alcuni cambi e i ritmi rallentano un po'. Sembra la fine del parziale, ma arriva la perla di Paoletti, un gioiello su punizione che regala il gol della bandiera ai suoi. Non c'è neanche il tempo di festeggiare però, che sul capovolgimento di fronte Cardinale dalla bandierina pesca Sacco per il 4-1. Ripresa molto più tranquilla, ma c'è spazio ancora per due reti: prima è Melloni in apertura di parziale a griffare la cinquina, poi al 12' l'ultimo sigillo non poteva che essere dello scatenato Bove, con una bella punizione.

CHIERI-BRA 4-1
RETI: pt 4' e 10' Galvagno, 24' e st 15' Petruzza, st 4' Sammouni (B)
CHIERI (4-4-2): Ignat, Casetta, Bertoli (st 1' Hajji), Sacco, Andrione, Cardinale, Ferraris (st 18' Giglio), Petruzza, Galvagno, Bove, Melloni. A disp. Marasca, Nizza. All. Biancardi
BRA (4-4-2): Jakini, Tonno, Tommarello (st 1' Barberis), Ramonda, Chiesa, Cerviello, Arnolfo (st 1' Imariahgbe, 10' Pavone), Gandino (st 1' Bottero), Germanetti, Valleriani (st 22' Bergesio), Sammouni. A disp. Fogliatto, Ghiso, Chaab, Rossi. All. Piras

Chieri schiacciasassi. Neanche il Bra è riuscito ad opporsi alla corazzata di mister Biancardi, che si aggiudica il trofeo e volerà al Torneo Lascaris ad aprile. La sfida con i giallorossi si mette subito bene, al 4' è Galvagno a portare i suoi avanti scavalcando Jakini dopo una respinta in uscita dell'estremo difensore. La pressione azzurra è costante e all'8' il 2-0 non arriva per un soffio: prima la difesa salva sulla linea il colpo di testa di Sacco, sulla ribattuta arriva di gran carriera Bertoli che di prima scaglia un destro che spacca il palo. Il raddoppio è solo rimandato e arriva ancora su Galvagno, lanciato dalle retrovie dopo un pallone rubato al centro del campo. Il Bra non riesce a rendersi pericoloso e ringrazia Jakini, che con un super intervento neutralizza in angolo la girata di Bertoli da dentro l'area. Ma al 24' nulla può il 12 di Piras sullo sfondamento centrale di Petruzza, che chiude i giochi prima dell'intervallo.
La ripresa si apre con un sussulto d'orgoglio del Bra, che di rabbia si fa sotto e prova a riaprire la gara. E' subito Bottero a chiamare Ignat all'intervento di piede e poco dopo Sammouni si fa largo tra le maglie avversarie con una bella incursione e piazza la zampata del 3-1. E' però un fuoco di paglia illusorio, in breve gli azzurri si ricompattano e da quel momento non correranno più rischi, regalandosi la rete della tranquillità con ancora l'8 a bucare la difesa del Bra. L'incontro di fatto finisce qui, ma due minuti prima del triplice fischio si prende gli ultimi applausi Jakini, con un grandissimo riflesso a sventare la girata in area di Giglio.

UNDER 16 - Prova di forza dei padroni di casa, che vincono con autorità entrambe le sfide aggiudicandosi il trofeo. Cbs seconda grazie al gol di rapina di Aimetti, niente da fare per un Borgaro Nobis che ha sicuramente disputato un torneo di grande spessore.
 


LASCARIS-BORGARO NOBIS 5-2
RETI: pt 3' o.g. Picheca (B), 8' Picheca, 10' Tonello, 19' Bosco, 21' Zitoli (B), st 8' e 16' rig. Beggi
LASCARIS (4-3-3): Bruno, Bosco, Geme (st 1' La Cava), Tonello (st 1' Maniscalco), Breshak (st 1' Girodo), Picheca, Ierinò, Iemma, Matta (st 1' Beggi), Grisafi, Labardo (st 1' Triulcio). A disp. Coroama, Giarrizzo. All. Cocino
BORGARO NOBIS (4-4-2): Grillone, Latella (st 8' Piro), Catana, Franzini, Guglielmo, Zaccone (st 12' Dine), Zitoli (st 12' Tamburrelli), Altomari (st 4' Giraulo), Rinaldi (st 12' Di Monte), Di Benedetto (st 6' Dezzutto), Ferrario (st 8' Di Ruocco). All. Gentile
AMMONITI: pt 27' Tonello (L), st 7' Giraulo (B), 13' Breshak (L)

Troppo Lascaris per un coraggioso Borgaro Nobis, anche se l'inizio di gara è favorevole ai ragazzi di Gentile. Il 4-3-3 bianconero fa paura, ma il primo affondo è proprio del Borgaro, con un colpo di tesat di Di Benedetto terminato alto. E al 3' arriva la doccia fredda per i padroni di casa, con Picheca sfortunato: chiusura difensiva, retropassaggio a Bruno che scivola e vede il pallone rotolare in rete. La squadra del tecnico Cocino non si scompone e in breve ribalta tutto. All'8' agguanta il pari proprio con Pacheca da azione d'angolo; al 10' passa avanti con Tonello, lesto a ribadire in gol la punizione di Grisafi respinta da Grillone. Al 19' arriva il terzo gol, il più bello della giornata, una strepitosa battuta di Bosco dai 20 metri, destro effettato imparabile per l'estremo difensore avversario. Il Borgaro però non si arrende e con Zitoli trova il 3-2 con una staffilata da fuori area imparabile per Bruno.
Il secondo parziale non è altrettanto scoppiettante, ma c'è spazio ancora per la doppietta di un Beggi entrato subito bene in gara, per la bella parata di Grillone sulla botta di Grisafi e ancora Beggi che sfiora la tripletta nel finale, ben servito da uno scatenato Ierinò.

CBS-BORGARO NOBIS 1-0
RETE: pt 19' Aimetti
CBS (4-4-2): Truzzi (st 1' Benso), Lombardi, Garassino, Falcone, Massano, Mennuti (st 1' Gottero), Deda (st 1' Nucera), Spinelli, Buffon (st 10' Sindila), Sarkis (st 1' Cerrato), Aimetti (st 10' Calderini). A disp. Improta, Malaussena, Masiello. All. Barberis
BORGARO NOBIS (3-5-2): Castagno, Latella (st 1' Di Ruocco), Guglielmo, Zaccone, Ferrario, Piro, Giraulo (st 7' Catana), Dezzutto (st 1' Franzini), Dine (st 1' Altomari), Tamburrelli (st 1' Rinaldi), Di Monte (st 1' Zitoli). A disp. Grillone, Di Benedetto. All. Gentile
AMMONITI: st 16' Zaccone (B)

Il secondo incontro non è altrettanto frizzante e sembra una gara destinata verso lo 0-0, con le due compagini compatte e abili a chiudere ogni spazio. Al 19' però il fattaccio che decide la sfida: lancio dalle retrovie per Aimetti, Giraulo interviene alzando la sfera a campanile, esce coi pugni Castagno, ma l'intervento scoordinato fa si che il pallone lo superi, con Aimetti lesto a ribadire in rete. Sarà il gol partita, perché nella ripresa la partita prosegue sulla farsa riga del primo tempo, con Benso che però è chiamato a superarsi nelle uniche due azioni pericolose costruite dalle due squadre. Prima è bravissimo con un gran colpo di reni a mandare in angolo la conclusione di Di Ruocco. Poi nel finale doppio intervento salvifico: di piede dopo la discesa di Rinaldi, poi con eccellente riflesso dopo il rimpallo sul compagno di squadra Massano. Finisce qui e la Cbs va affronta il Lascaris in un vero e proprio spareggio.

LASCARIS-CBS 4-1
RETI: pt 9' Tonello, 23' rig. Matta, 24' o.g. Malaussena, 26' rig. Cerrato (C), st 7' Geme
LASCARIS (4-3-3): Bruno, Tonello, Maniscalco, Ierinò (st 9' Grisalfi), Iemma, Matta, La Cava, Triulcio (st 1' Geme), Picheca, Girodo (st 11' Breshak), Beggi (st 1' Labardo). A disp. Coroama, Bosco, Torti, Giarrizzo. All. Cocino
CBS (4-4-2): Benso (st 1' Truzzi), Massano, Spinelli (st 1' Sarkis), Calderini (st 1' Buffon), Cerrato (st 1' Mennuti), Gottero, Improta, Malaussena, Masiello, Nucera (st 1' Deda), Sindila (st 1' Aimetti). A disp. Lombardi, Garassino, Falcone. All. Barberis
AMMONITI: pt 21' Matta (L)

Nella finale il Lascaris fa subito la voce grossa e mette subito pressione ai ragazzi di Barberis, che però si difendono con ordine e non lasciano spazi ai bianconeri. Serve così un pizzico di fortuna ai padroni di casa per sbloccare il  risultato. Come con il Borgaro ancora decisivo capitan Tonello a timbrare il cartellino: punizione appena fuori area, deviazione decisiva della barriera e Benso incolpevolmente bucato. Il gol regala ulteriore fiducia alla squadra del tecnico Cocino, che aumenta la pressione e per due volte con Maniscalco chiama all'intervento l'attento estremo difensore rossonero. La gara prosegue saldamente in mano al Lascaris, ma solo negli ultimi minuti del parziale si concretizza la superiorità territoriale. Prima è Matta a raddoppiare dal dischetto, rete voluta dal 9, molto attivo su tutto il fronte offensivo. Poi è Maniscalco con un potente tiro cross a favorire la sfortunata deviazione di Malaussena, che porta il risultato sul 3-0. Prima del duplice fischio c'è spazio per il rigore di Cerrato, ma resterà l'unico acuto della Cbs, che nella ripresa subirà anche il gran gol di Geme, unico squillo di un secondo tempo mai in discussione.