Lunedì, 26 Febbraio 2024
Lunedì, 02 Ottobre 2023 20:04

Primavera 1 - La doppietta di Anghelè non basta, il Verona espugna Vinovo

Scritto da
Lorenzo Anghelè Lorenzo Anghelè

5^ GIORNATA - Terza sconfitta di fila, ancora con tre reti sul groppone per la Juventus di Paolo Montero. A Vinovo il doppio vantaggio non basta, un momento di black out costa il sorpasso e la vittoria per gli scaligeri.
 


La Juventus non riesce ad invertire la rotta e cade nuovamente tra le mura amiche, nonostante la gara si fosse messa sui binari giusti, ma un ottimo Verona ha risposto colpo su colpo centrando la posta piena e scavalcando di un punto i bianco neri.
Gli scaligeri approcciano meglio i primissimi minuti di gioco, affacciandosi subito dalle parti di Vinarcik, pur perdendo già al 9' Rigo per uno sfortunato scontro di gioco. Neanche il tempo del cambio che proprio il neo entrato rischia di beffare Vinarcik in tap-in, dopo che il portierone juventino si era superato sulla conclusione di D'Agostino. Fortunatamente la difesa si oppone e sull'angolo seguente si risolve tutto in un nulla di fatto. A questo punto i bianco neri si scuotono e la loro risposta è immediata, con Turco che di testa chiama Toniolo alla parata. Sono le avvisaglie del gol che arriva al 18': Pagnucco ha la palla sul mancino, vede Anghelè sul secondo palo e la palla termina comodamente in rete. I ragazzi di Sammarco mostrano gran carattere e vanno vicinissimi al pareggio prima con Diao (decisivo Vinarcik), sulla respinta Patanè centra l'esterno della rete ed infine con una bella azione personale di Cissè, con la sfera che termina però alta. Nonostante la buona verve dei giallo blu sono i padroni di casa ad avere la più ghiotta occasione nel finale, ma Pugno calcia alto da ottima posizione mancando l'occasione di chiudere il parziale sul 2-0.

Errore che pesa, perché pronti via e ad inizio ripresa Calabrese pareggia, azione pregevole iniziate e conclusa dal difensore, che subito dopo però combina la frittata, entrando in ritardo su Turco. E' rigore e Anghelè si regala la doppietta personale per il nuovo vantaggio. L'inizio di secondo tempo è però incredibilmente concitato e la Juve spegne la luce quei due minuti sufficienti a consentire al Verona di capitalizzare il colpaccio. La fortuna invero aiuta gli ospiti, con Diao che insacca in maniera fortuita, colpito dalla botta da fuori area di D'Agostino; situazione simile sul 3-2 di Nwanege, la cui deviazione sul tocco del sempre presente Calabrese non lascia scampo a Vinarcik. 
La Juventus reagisce, ma la dea bendata oggi guardava verso la città di Romeo e Giulietta e decide di benedire la traversa della porta difesa da Toniolo, con il legno che salva i suoi sulle conclusioni di Pugno e Florea.
E' l'ultimo sussulto per i padroni di casa, il Verona si regala un'altra chance, ma è bravo Vinarcik a chiudere su Dalla Riva e gli ultimi 20 minuti scorrono senza altre emozioni.

JUVENTUS-VERONA 2-3
RETI: pt 18' e st 8' rig. Anghelè (J), st 2' Calabrese (V), 12' Diao (V), 14' Nwanege (V)
JUVENTUS (3-4-2-1): Vinarcik, Martinez, Bassini, Gil, Turco (st 15' Savio), Florea, Owusu (st 15' Boufandar), Pagnucco (st 33' Firman), Finocchiaro (st 10' Vacca), Anghelè, Pugno (st 33' Crapisto). A disp. Zelezny, Domanico, Giorgi, Grosso, Ngana, Scarpetta. All. Montero
VERONA (3-4-1-2): Toniolo, Nwanege, Calabrese, Corradi, Patanè, D'Agostino (st 38' Ventura), Dalla Riva (st 29' Szimionas), Rigo (pt 9' De Battisti), Pavanati (st 38' Valenti), Diao, Cissè. A disp. Ravasio, Dentale, Agbonifo, Doucoure, Minnocci, Trevisan, Fagoni. All. Sammarco
AMMONITI: st 7' Diao (V), 30' Florea (J)

Letto 819 volte

Registrati o fai l'accesso e commenta