Mercoledì, 12 Giugno 2024
Domenica, 12 Settembre 2021 15:41

SuperOscar / Under 19 - Vanchiglia campione, Pontin uomo del torneo. Il SuperOscar si tinge di granata

Scritto da
Il Vanchiglia Il Vanchiglia

LE FINALI - Il "Memorial Aldo Grosso" va ad uno splendido Vanchiglia, che conquista una finale a senso unico. Volpiano e Chisola fanno i fuochi d'artificio nella finalina.
 


3°/4° POSTO

VOLPIANO-CHISOLA 5-3
RETI: pt 14' e st 21' Guarnieri (C), 24' (V), 26' Laurenti (V), st Bussolo (V), 30' Erriquez (V), 33' Liberti (C), Ceschin (V)
ESPULSO: st 20' Savva (V)
VOLPIANO: Longo, Savva, Ceschin, Grandini, Szasz-Spataru, Guzzo, Cavalla, Montesano, Bussolo, Laurenti, Gagliano. A disp. Belfiori, Iovene, Cimenti, Femia, Erriquez, Anastasio, Duò. All. Santoro
CHISOLA: Bisceglia, Mecca, Perotto, Alberetto, Bacinulo, Diattoli, Guarnieri, Laronga, Rotondo, Viano, Di Salvo. A disp. Mussino, Liberti, Turatello, Priarone, Merico, Fasone. All. Masera

Difese piuttosto allegre nella finalina per il gradino basso del podio. Le forti Volpiano e Chisola non disputano forse un incontro all'altezza delle loro capacità tattiche, ma sicuramente hanno fatto divertire. Il primo parziale fa già capire che partita sarà, con botta e risposta nell'arco di 12'. Prima Guarnieri su punizione, poi in 2' il Volpiano è capace di ribaltarla. Memori dell'incontro con la Pro Eureka i ragazzi di Santoro non vogliono certo rilassarsi e in mischia nella ripresa allungano con Bussolo. Chisola che fa subito capire che è vivo e vegeto e sull'asse Diattoli-Laronga costringe Longo ad una uscita salvifica. Poco dopo altro lancio, Di Salvo scappa e costringe al fallo Savva e l'arbitro non può far altro che estrarre il rosso. Sulla punizione che ne segue Guarnieri dal limite trafigge ancora il non impeccabile Longo sul suo palo. Sembrano capovolgersi le sorti della partita, ma il guizzante Erriquez mette in crisi la difesa vinovese e da un suo inserimento dalla sinistra arriva un rigore che a dirla tutta non sembra proprio esserci. Bisceglia è bravo a sventare la conclusione dello stesso 17, ma sulla ribattuta solo l'attaccante bianco-azzurro scatta sul pallone e deposita in rete. Non è certo finita, perché Liberti va in rete e regala ultimi minuti di fuoco, ma sulla sirena una punizione molto defilata di Ceschin trova impreparato Bisceglia e chiude definitivamente la tenzone.

1°/2° POSTO

VANCHIGLIA-PRO EUREKA 2-0
RETI: st 8' rig. Pontin, 16' Ossola
ESPULSI: st 37' Cavaliere (V), 38' Emmanuello (P)
VANCHIGLIA: Cavaliere, Fagnone (st 35' Lacava), Imberti, Foresto, Gallo, Diaec, Cavallo (st 32' Bianco), Pontin (st 37' Martino), Ossola (st 29' Tommasi), Ledda (st 20' Di Niso), Calabrese. A disp La Torraca, Topalovic, Samson, Pratico. All. Di Girolamo
PRO EUREKA: Zago, Mulas (st 18' Lorello), Frizzi (pt 7' Scognamiglio), Giannini (st 6' Modica), Cabrini, Boeri, Gianotti, Starnai, Emmanuello, Sardo (st 20' Bergo), Curcio (st 10' Demaria). A disp. Fasolato Idris, Monetta. All. Moreo

Vince e convince il Vanchiglia, che si aggiudica un trofeo assolutamente meritato guidato da un Pontin sontuoso e un'organizzazione di squadra impeccabile, oltre essere supportato da una condizione atletica davvero eccellente, che non può che far ben sperare per un inizio di campionato da protagonista. La Pro Eureka a tratti è stata annichilita e nei primi 20' di gara ha superato a stento la propria metà campo, senza mai avvicinarsi all'area avversaria. Ma a livello difensivo ha tenuto egregiamente, perché se è vero che i granata hanno spadroneggiato sulle fasce grazie a Cavallo e Ledda, a livello di pericoli oltre un tiro alto di Ossola al 1' e un gran numero di angoli e mischie in area blucerchiata non si ricordano interventi particolari di Zago, che solo al 21' si sporca i guanti mandando in angolo un colpo di testa di Diaec. E allora la Pro Eureka prende fiducia, aiutata anche da un Vanchiglia che rifiata e allenta il pressing asfissiante effettuato fino a quel momento, si fa vedere attorno all'area granata e al 30' sfiora la beffa con tanto di eurogol, grazie al bolide di Starnai dai 25 metri, che chiama Cavaliere al grande intervento all'incrocio. Soluzione splendida del 8 blucerchiato, ma è un lampo che non si ripeterà e nel finale di parziale Zago emula il collega avversario con un clamoroso riflesso sul tap-in da due passi di Ossola di testa dopo l'ennesimo calcio d'angolo.

Il secondo parziale parte sulla falsariga del primo, ma la Pro Eureka fa subito harakiri. Ancora tiro dalla bandierina, Starnai smanaccia in area in maniera clamorosa e il rigore è sacrosanto. Pontin si regala un'altra marcatura non fallendo l'occasione e indirizza la partita. A conferma del dominio granata arriva la sassata di un attivissimo Ossola, che spacca la traversa al 10' e anticipa di pochi minuti la sua meritata marcatura che chiude definitivamente i giochi al 16'. Bravo Cavallo con l'assist e poco dopo si mette in proprio cogliendo però il palo con un altra grande conclusione. A questo punto c'è un'unica squadra in campo e si susseguono in serie altri tentativi a firma Di Niso, Gallo e Calabrese. Girandola di cambi per un finale apparentemente tranquillo, ma in pieno recupero Emmanuello e Cavaliere si beccano, l'arbitro vede solo la reazione dell'estremo difensore del Vanchiglia e lo allontana. Il 9 della Pro però non è contento del cartellino giallo e 30" dopo se ne guadagna un altro, accendendo un parapiglia che lo accompagna anche all'uscita. Animi fortunatamente subito sedati e la premiazione è tutta una festa per i granata.

Letto 2187 volte

Registrati o fai l'accesso e commenta