Sabato, 28 Gennaio 2023

6° GIORNATA – Tre punti importanti per il Derthona e il Rosta, la Pro Eureka non arresta la sua corsa e resta inchiodata al Volpiano che porta a casa la vittoria di oggi. Il Barcanova non smette di stupire, il Pinerolo dimentica la sconfitta con il Cheraschese e il Bra allunga sul Mirafiori, mentre il Cenisia guadagna la sua prima vittoria in trasferta


Apre gli anticipi della 6° giornata di campionato il Chieri, che ieri, 19 Ottobre, ha messo a segno una splendida tripletta. Cinque gol e cinque marcatori diversi, questo è il risultato del Derthona che oggi conquista tre punti importanti in casa, contro il Canelli. Tra i giocatori che hanno deciso la partita, spicca Simo Ahmed che realizza una splendlida rete: azione in verticale, con cross in mezzo, stop di petto e conclusione perfetta . Per la Pro Eureka un’altra vittoria. “Partita complicata, loro erano ben messi e non ci hanno concesso spazi ma siamo stati bravi a sfruttare una nostra potenzialità: le palle inattive” queste sono le parole del tecnico Pilone che vede la sua squadra vincitrice grazie a un gol di testa di Badaracco su calcio d’angolo. Il Volpiano non si lascia sorprendere e mantiene la testa della classifica. “Partita giocata discretamente bene anche se eravamo in 14 e in concomitanza con il secondo gruppo, ma siamo riusciti a vincerla” racconta il tecnico Ragnanin,  contento dei suoi. Dopo i 10 gol della settimana scorsa, il Barcanova non placa la sua fame: anche oggi, segna 9 gol contro l’Ivrea. Partita molto equilibrata fra Olmo e Cenisia, con le violette che conquistano la prima vittoria in trasferta; da segnalare l’ultimo gol: da calcio d’angolo, i padroni di casa ribattono la palla fuori e mentre l’attaccante avversario tenta di proteggere la palla, Sorbone la ruba da dietro e crossa da 30 metri di distanza. “A livello di gioco meno bene di domenica scorsa ma c’è stata più grinta, oggi l’abbiamo vinta con la cattiveria”. Mister Secci è consapevole che una buona tecnica è importante, ma la grinta è indispensabile fuori casa. Una partita discreta, non ottimale che comunque vede la vittoria del Pinerolo per 5-0 in casa del Savigliano. Le giornate storte sembrano essere solo un ricordo per il Rosta che vince oggi a Bruino. Biasci uomo partita, ha lottato moltissimo e ha svolto due ruoli, il suo ruolo classico di terzino destro e quello di centravanti, merita il mezzo voto in più. “Match gestito bene, siamo stati sfortunati, siamo riusciti a segnare solo nel secondo tempo perché la partita era difficile” ma non può dirsi scontento mister Tammaro. Il Bra guadagna i 3 punti che gli permettono di allungare sul Mirafiori ma la classifica è ancora incerta.

 

GIRONE A

S.G.DERTHONA CANELLI 5-1
RETI: pt 5’ Musco (D), 10’ Simo Ahmed (D), 22’ Ferrari (D), st 7’ Praglia (D), 20’ Usai (D), Malai (autogol) (D)

 

GIRONE B

PRO EUREKA GASSINOSANRAFFAELE 1-0
RETI: pt 6’ Badaracco

VENARIA REALE – VOLPIANO 0-3
RETI: pt 25’ Trunfio, st 10’ Novo, 25’ Breda
NOTE: espulsione giocatore del Venaria al 20’ del st

BARCANOVA CALCIOCALCIO IVREA 1905 ASD 9-0
RETI: pt 3’,13’, 20’ Tetaj, 11’ Larotonda, st 2’ Burei, 4’ Tetaj, 11’ e 30’ Cuccia, 18’ Larotonda

 

GIRONE C

OLMO – CENISIA 2-3
RETI: pt 5’ Finocchio (O), 14’ Picicuto (C), 22’ Napoli (C), st 10’ Finocchio (O), 25’ Sorbone (C)

SAVIGLIANO CALCIOPINEROLO 0-5
RETI: pt 20’ Triches, 25’ Raimondi su rig., 30’ Blencio, st 10’ Vivacqua, 20’ Blencio

POL.BRUINESEROSTA CALCIO 0-2
RETI: st 25’ Natale, 35’ D’Amico

MIRAFIORI A.S.D.ASSOCIAZIONE CALCIO BRA 0-3
RETI: pt 4’ D’Amelio, 36’ Cardinale, st 15’ Cucco

                                                                                                                                            Ilaria De Caprio

Vanchiglia 3
Pozzomaina 2
RETI: 5' tt Ledda C. (V), 12' tt Panait (V), 15' tt De Luca (V)
Vanchiglia: Cauteluccio, Ferrari, Erretta, Riccardo, Ledda Cristiano (C ), Ledda Lapo, Panait, De Luca, Di Gregorio, Pemaj. All, Melotti. Dir. Cauteluccio, Ledda.


Grandissima prestazione del Vanchiglia allenato da Melotti, che nella seconda giornata di Campionato del Girone B della categoria Pulcini 2008, ottiene la prima vittoria della stagione. La prima giornata era volta a favore della Sisport che per 6-3 aveva superato i Pulcini granata senza tante pretese. Per il Pozzomaina invece arriva la seconda sconfitta di fila dopo quella, in casa, contro l'ostico gruppo del Borgaro attualmente a punteggio pieno. Sembrava una gara a senso unico a favore della squadra ospite in grado di andare in vantaggio per ben due volte nelle due uniche azioni create. Per il Vanchiglia, invece, sembrava una giornata stregata. I portieri del Pozzomaina toglievano ogni gloria del gol, recuperando palloni e murando la propria porta, quando non arrivavano i portieri ci hanno pensato i legni beccati per ben tre volte. Dopo un primo tempo a favore del Pozzo, il secondo termina in pareggio ma è nell'ultima frazione di gioco che la maledizione per i granata svanisce. Arriva infatti la prima rete al 5' grazie a capitan Ledda, con un tiro a giro dal limite dell'area. Poco dopo ci pensa Panait a raggiungere il pareggio; tiro da dentro l'area con un bel cross basso prendendo il tempo giusto e calciando di piatto all'altezza del dischetto del rigore. Sembrava ormai destinata al pareggio ma è proprio sullo scadere che arriva il gol della vittoria. De Luca riceve palla spalle alla porta si smarca con un controllo orientato e di sinistro non lascia scampo al portiere avversario. Termina così una gara ricca di emozioni, che dimostra la bellezza del calcio, dove tutto è in gioco fino alla fine e niente è dato per scontato.

 

                                    Riccardo Bianco

 

 

 

La seconda giornata di campionato inizia al meglio per i Pulcini 2008 del Lucento allenati dal tecnico Fabio Ghirelli. Vittoria per  5-2 contro il Torino


Dopo la sconfitta della prima giornata contro la Pro Eureka, per 2-0, i Pulcini 2008 del Lucento superano con gran classe il gruppo del Torino, raggiungendo i primi 3 punti del girone B. La gara volge subito a favore degli ospiti che riescono a raggiungere il vantaggio per ben due volte. La prima rete la realizza Bruni che trova la giusta deviazione sul tiro di Attademo deviato dal portiere granata. Il raddoppio non si fa attendere e questa volta arriva il tap-in vincente di Attademo, dopo la superba punizione tirata da Soleti, non trattenuta del portiere. Il Torino prova poi ad accorciare le distanze ma è nel terzo tempo che arrivano le altre reti del Lucento. Su calcio d’angolo tiro al volo di Volpato che gofia la rete; poco dopo con una grande azione palla a terra è Sogos a  finalizzare. Infine ci pensa  Soleti che converge da destra e di sinistro non sbaglia. Una grande prestazione di cuore e di carattere "Abbiamo giocato veramente bene, grazie ad un buon giro palla, siamo andati subito in vantaggio giocando sempre palla a terra." Ci racconta l'istruttore Ghirelli. Da segnalare, infine,  l'ottima prestazione di Volpato che ha permesso di far girare la palla e giocare bene la squadra. 

 

Riccardo Bianco

Nella giornata di Mercoledì 10 Ottobre è stato pubblicato dalla Lega Nazionale Dilettanti del Piemonte e della Valle d'Aosta il Comunicato Ufficiale numero 26. In questo documento oltre alle variazioni di rito sulle giornate di campionato sono stati indicati dei chiarimenti in merito ai Primi Calci.


 

 

 

 

L'attività ufficiale dal 06-07 ottobre al 24-25 novembre si svolgerà nelle seguenti modalità:

Dal 06-07 ottobre si disputeranno le gare nella modalità 1 VS 1;
Nelle giornate del 13-14 ottobre 4 PORTE; 
Dal 20-21 ottobre con la modalità 2 VS 2;
Tra il 27 e il 28 ottobre invece, 3 VS 2;
Si ripartirà con la modalità dell'1 VS 1 il 03-04 novembre e con le sfide a 4 PORTE tra il 10 e 11 novembre; 
Infine si ricomincerà con la modalità del 2 VS 2 in data 17-18 novembre, mentre 24-25 novembre con la sfida 3 VS 2.

Partite 1 VS 1: 
Descrizione : in ogni campetto di 8x10 metri si disputano degli 1 contro 1 con porticine di un metro. Ad ogni 3 minuti i bambini nel campo A scalano verso destra.
Materiale: n. 5 palloni n. 4 – delimitatori di 2 colori diversi per dividere campi e porticine.

Parite 4 Porte
Descrizione: si gioca 5 > 5. Una squadra deve far goal su 2 porte larghe 2 metri e poste agli angoli del campo di dimensioni 25x35 metri e difendere le altre 2. La rete è valida se la palla supera la linea di porta ad un'altezza da terra non superiore a quella dei coni. Le rimesse dal fondo edi corner si battono al centro della linea di fondo.
Materiale: n. 1 pallone – n. 8 coni –Delimitatori per dividere il campo.

Partite 2 vs 2:
Descrizione: su un campo di dimensioni 20x30 metri diviso in 2 settori di 15x20 metri si creano 2 situazioni di gioco di 2 contro 2. L’azione inizia sempre dalla rimessa con le mani del portiere che serve la palla ad uno dei 2 difensori posti nel proprio settore che devono passare la palla ai compagni posti nel settore d'attacco i quali tentano di segnare una rete contrastati dai 2 difensori. Se il settore difensivo viene scavalcato la palla viene rimessa in gioco dal portiere avversario. Ogni 5 minuti si ha un cambio dei ruoli: i difensori si spostano nel settore d'attacco, gli attaccanti si spostano nel settore difensivo. Materiale: n. 1 pallone n. 4 – delimitatori per dividere campo e settori – 2 porte 4x2 metri o paletti.
 

Partita 3 vs 2:
Descrizione: su un campo di dimensioni 20x30 metri diviso in 2 settori di 15x20 metri si creano 2 situazioni di gioco di 2 contro 2. L’azione inizia sempre dalla rimessa con le mani del portiere che serve la palla ad uno dei 2 difensori posti nel proprio settore che devono passare la palla ai compagni posti nel settore d'attacco, chi passa la palla può andare nel settore d'attacco creando così una situazione di 3 contro 2; a questo punto i 3 tentano di segnare una rete contrastati dai 2 difensori. In caso di contrattacco dei 3 attaccanti può rientrare nel settore di difesa il difensore che aveva prima creato la superiorità numerica. Se il settore difensivo viene scavalcato la palla viene rimessa in gioco dal portiere avversario. Ogni 5 minuti si ha un cambio dei ruoli: i difensori si spostano nel settore d'attacco, gli attaccanti si spostano nel settore difensivo.
Materiale: n. 1 pallone n. 4 – delimitatori per dividere campo e settori – 2 porte 4x2 metri o paletti.

Referti:

Per quanto riguarda il referto a 3 squadre:

Le squadre devono presentarsi con almeno 10 giocatori: chi si presenta con più giocatori fa cambi volanti o ne presta a chi ne ha meno.
Chi si presenta con meno di 10 giocatori saltuariamente e per particolari contingenze deve comunque disputare entrambi i giochi-confronto dal momento che si gioca in contemporanea eventualmente facendosi prestare dei giocatori dalla squadra avversaria. 
Ogni squadra si divide in 2 sottogruppi (A1 e A2, B1 e B2, ecc.).
Si gioca su 4 tempi da 15 minuti: i primi due si disputa il gioco di abilità tecnica 5c5 ed i secondi 2 le mini partite 5c5.

Per il referto a 4 squadre:

Le squadre devono presentarsi con almeno 10 giocatori: chi si presenta con più giocatori fa cambi volanti o ne presta a chi ne ha meno.
Chi si presenta con meno di 10 giocatori saltuariamente e per particolari contingenze è comunque tenuto a disputare il gioco abilità tecnica eventualmente facendosi prestare dei giocatori dalla squadra avversaria.
Ogni squadra si divide in 2 sottogruppi (A1 e A2, B1 e B2, ecc.) • Si gioca su 6 tempi da 10 minuti alternando mini partite a giochi di abilità tecnica.

 

                                                                                                                                            La Redazione 

 

Barcanova 0
Mercadante 2
RETI: 10' pt Di Gioia, 13' tt Mochieri.
GREEN CARD: Cristian Riario(B).
BARCANOVA: Draghici (portiere), Godino, La Tella, Mele, Scamarda, Ferrara, Riario, Andreano, Popa, Zanda, Pulitano. Dir.  Luca Andreano e Valentin Draghici.
MERCADANTE: Alcaro (portiere), Carota, Catana, Coscino, Di Gioia, Vessichelli, Galluzzo, Grillone (portiere), Ibrahim, Joine, Landi, Monchieri, Strat. Dir. Massimiliano Landi e Silvano Di Tanno.


Autunno ‘caldo’ quello dei calciatori del 2007. Iniziato il nuovo ciclo scolastico, accedendo alle medie, e debutto nella categoria Esordienti per quanto riguarda il calcio giovanile. Al Virtus Mercadante, che ha esordito in questa nuova avventura sportiva con una vittoria, non poteva andare meglio. Granata privi dell’infortunato Di Tanno, oggi eccezionalmente guardialinee.

PRIMO TEMPO – Le due squadre si studiano a lungo e il gioco ristagna prevalentemente a centrocampo senza occasioni particolari da entrambe le parti. Al 9° la partita si accende con il palo colpito da Galluzzo che calcia dal vertice sinistro dell'area. Si tratta di una prova generale. Un minuto dopo Catana serve Di Gioia che dalla lunetta dell'area la mette alla destra del portiere. Ancora Catana, al 16°, lascia partire un gran destro da fuori area; para Draghici in qualche modo. Al 17° contropiede del Mercadante. Landi serve Ibrahim sul filo del fuorigioco che la mette di poco a lato.
SECONDO TEMPO – Al 27° azione personale di Landi che dopo una sgroppata di 40 metri entra nell'area piccola, calcia e colpisce il palo esterno a destra del portiere che poi blocca a terra. Al 29° punizione per il Barcanova. Il pallone arriva al centro dell'area dove Scamarda la gira al volo, Grillone sventa il pericolo. 38°: azione sulla destra per il Mercadante. Coscino calcia a colpo sicuro: ancora un palo a negare la gioia del gol.
TERZO TEMPO – 43°: batti e ribatti nell'area del Barcanova. Il pallone arriva a Monchieri che, appena fuori area, calcia col destro di prima e la mette all'incrocio dei pali. Nulla da fare per il pur bravo Draghici. Al 45° è Ibrahim ad impensierire Draghici con un tiro insidioso, ma il numero uno rossoblu para in due tempi.
I Dirigenti del Virtus Mercadante hanno assegnato la Green Card al numero sette Cristian Riario del Barcanova per la sportività nell’aver ammesso un suo tocco con la mano facendo rinunciare al calcio d'angolo assegnato alla sua squadra. 
Calci d'angolo 7 a 1 per il Virtus Mercadante.
                                                                                                 

                                                                                                              Paolo Grillone (Virtus Mercadante)

Torino, 04/10/2018

 

Da questo fine settimana questa importante novità sarà obbligatoria per la categoria Esordienti primo anno 2007 e facoltativo per le altre categorie della Scuola calcio


 

I piccoli calciatori entrano in campo tenendo per mano genitori, nonni, istruttori e dirigenti, ma della squadra avversaria. Non è un sogno, non è un’utopia: è quanto succederà da sabato e domenica prossimi su centinaia di campi del Piemonte, in occasione delle partite della categoria Esordienti primo anno, annata 2007. 


Una bellissima iniziativa di Fair Play, fortemente voluta dal Settore Giovanile e Scolastico Piemonte VdA come progetto-pilota a livello nazionale, che rivoluzionerà  l’approccio alle partite dei piccoli calciatori e soprattutto dei loro genitori. Nell’ingresso al terreno di gioco, nella corsetta fino a centrocampo e nel tradizionale saluto, le squadre non saranno più da sole con l’arbitro, ma saranno accompagnate da genitori, nonni o dirigenti di società, che però stringeranno la mano ai bambini della squadra avversaria. Vedere i propri modelli educativi accompagnare i giocatori avversari aggiungerà una buona dose di sportività in campo. E soprattutto tenere per mano i bambini dell’altra squadra cancellerà dalle tribune - si spera - ogni frase offensiva e minacciosa.
È il terzo tassello del “progetto Fair Play” portato avanti dalla Federazione, dopo l’autoarbitraggio (che toglie il primo obiettivo polemico dei campi italiani di tutti i livelli, ovvero la giacchetta nera del direttore di gara) e il terzo tempo, ovvero il saluto tra le squadre a fine partita che da quest’anno è diventato obbligatorio.

 


L’ingresso in campo a ranghi invertiti è stato sperimentato domenica scorsa  in occasione della partita Castigliano-Casale dei Pulcini 2008 e, dopo le perplessità iniziali, è stato un grande successo. Adesso diventa obbligatorio per la categoria Esordienti primo anno 2007 e facoltativo per le altre categorie della Scuola calcio: la ratifica arriverà sul Comunicato Ufficiale che sarà pubblicato nel pomeriggio.  Per i 2007, parliamo di 305 squadre coinvolte in tutto il Piemonte, per un totale di 139 partite ogni week end, numeri che aumentano sensibilmente se verranno coinvolti nell’iniziativa anche i Pulcini. Una vera e propria rivoluzione culturale sulla strada del Fair Play.

 

La Redazione         

 

Marcatori / 3° Giornata - Un week end ricco di emozioni e di gol per gli Allievi regionali, nella classifica marcatori in testa ad un gol di distanza il bomber Cagia della Città di Baveno (Girone A) , insegue Francese del Pinerolo (Girone B)


6 RETI: Cagia (Città di Baveno).

5 RETI: Francese (Pinerolo).

4 RETI: Fontana (Casale), Naamad (La Biellese), Nacu (Lascaris), Campra (Sparta Novara), Moglia (Pro Eureka), Sbriccoli (Cbs).

3 RETI: Verda (Area Calcio), Lo Ricco, Incarbone, Vottero (Pinerolo), Muca (Monregale), Molfetta (Borgaro), Cardile (Cirié), Bassignani (Rosta), Lionello (Vanchiglia), Papagno (Venaria), Nania (Lucento).

2 RETI: Brando, Donati (Città di Cossato), Papa (Sca Asti), Guido (Novese), Ghiotti (Accademia Borgomanero), Mamino, Fauli (Alfieri Asti), Palumbo (Bacigalupo), Grivetto (Barcanova), Tabone (Borgaro), Benincasa (Borgosesia), Tosi,Veneziano (Casale), Mingrone, Morone, Rossi, Pavia (Chieri), Pola (Sparta Novara) Vitale, Garcetti (Chisola), Preiata (Città di Baveno), Perazzone (La Biellese), Pesce, Medda (Lascaris), Bandiera, Milani (Mirafiori), Paili (Novara), Bozza (Olmo), Surace (Rivarolese), Guasco (Sca Asti), Gaetano, Perrucchetti, Ferrigno (Venaria), Erriquez (Volpiano), Viziale, Luz Dos Santos, Simoncini, Formia (Pro Eureka), Bianquin (Vda Charvensod), Viancino (Collegno), Totaro, Mazzara (Lucento), Ez Zahraoui (Rivarolese), Negro, Randazzo, (Area Calcio), Turano (Bra), Maia (Morgale Calcio), Di Guida, Mazzitelli, De Agostini (Pozzomaina),

1 RETE: Manca (Accademia Borgomanero), Pastorino, Bollino, Morbelli (Acqui), Recchiuto (Alfieri Asti), Borga, Tibaldi, Olivieri, Monteverde  (Atletico Torino), Piantanida (Arona), Meli (Bacigalupo), Fessile (Barcanova), Mameli, Fimograri (Borgaro), Fuoco, Ippolito (Borgosesia), Nero, Casula, Biasibetti, Corrado, Casula (Bruinese), Perinetti, Ghisio, Bracco, Perinetti (Casale), Barcellona (Chieri), Granata, Germinario, De Vitti, Ferrara, Parise (Chisola), Marchetti, Merio, Bormolini, Labella, Spriano (Città di Baveno), Cigna, , Di Perna (Collegno Paradiso), Colucci (Gassinosanraffaele), Martinelli, Cela, Molino (GiavenoCoazze), Bagatin, Porta, Ferrari, Iannacone  (La Biellese), Menia (Lascaris), Ghiazza, Tempo, Bombardieri, Vigna, , Arduini (Mirafiori), Barberis, Maia, Benzo, Biasini, Mastola (Nichelino Hesperia), Peano (Olmo), Boggero, Casale (Orizzonti United), Borrone, Prigitano, Turi, Declame (Pianezza), Albanese, Vottero, Pellissone, Giay, Francese, Maio (Pinerolo), Mele (PiscineseRiva), Delfino, Napolitano (Pozzomaina), Rima, Regaldo, Zotti, Alì (Pro Eureka), Migliore, Zorzi, Callegher, Surace (Rivarolese), Federici, Carreri, Careri, De Mattia, Morabito (Rosta), Cetera, Manni, Calzia, Perotto, Giuliano(Saluzzo), Pasquino, Coppola (Sparta Novara), Ragazzi, Fiora (Vanchiglia), Di Trapani, Nesta, Muratore, Dianni (Venaria), Policardo, Palazzo (Volpiano), Biasibetti, Miller, Teobaldi (Bra), Barberis, Benzo (Monregale), Roncato (Cbs), Podio, Maruca (Vda Chervensod).

 

3° GIORNATA - Giornata ricca di emozioni per gli Allievi Regionali che delinea una classifica più marcata con il Cheri in solitaria


In casa dell'Arona Calcio i ragazzi di Andrea Mercuri ottengono la terza vittoria consecutiva con un pulito 3-0. Giornata no per il centrale difensivo Zardi che per due volte devia nella porta sbagliata. La Novese in casa batte per 3-1il San Giacomo Chieri, mentre lo Sparta Novara pareggia per 2-2 contro il Casale. Queste le parole del tecnico Alessandro Moro: "Abbiamo sbagliato l'approccio alla partita,  siamo scesi nel secondo con troppa sufficienza e il Casale è tornato in gara; da sottolineare anche un gol annullato nei nostri confronti per un fuorigioco inesistente." La Città di Cossato inverte la tendenza rispetto alla giornata precedente vincendo per 3-0 contro l'Alfieri Asti, queste le parole del tecnico Riccardo Leardi: "Loro sono molto più forti di noi ma siamo stati più cinici, il pallino del gioco era nei loro piedi, abbiamo sfruttato tutte le occasioni a disposizione. La Biellese invece è stata bloccata in casa per 4-1 dall'Acqui ottenendo la prima sconfitta di campionato. Ennesima valanga di gol subita dalla Fulgor Ronco Valengo affossata per 8-0 dallo Sca Asti.
 

CITTA' DI BAVENO-ORIZZONTI UNITED 3-1
RETI: 2 Cagia, Spriano (CB)

ARONA CALCIO-CHIERI 0-3
RETI: pt 20' Rossi, pt 40' e st 10' aut Zardi,

NOVESE-SAN GIACOMO CHIERI 3-1
RETI: pt 20' e st 30' Guido (N), 15' st Paini (N), 

CASALE-SPARTA NOVARA 2-2
RETI: pt 5' Campra (SN), st 35' Pola (SN), pt 20' Tosi, st 15' Guala
 
CITTA DI COSSATO-ALFIERI ASTI 3-0
RETI: pt' 5 Donati, pt 20 Brando, st 38 Morgillo

LA BIELLESE-ACQUI 4-1
RETI: pt 25' Bolllino (A), pt 20' st 30' e 32 Naamad(B), st 15' Perazzone(B) 

SCA ASTI-FULGOR RONCO VALDENGO 8-0
RETI: pt 10' Fracchia, pt 20'  e st 1' 5' Hyha, st 25' Papa, st 30' Tosato, st 25' Guasco, st 35' Petruccio
 

 

 

Una serata costruttiva partecipata (più di 40 società presenti) e ricca di spunti di riflessione. Si è svolta giovedì 27 settembre presso la Bocciofila Centallese a Centallo la riunione organizzativa per l'inizio della stagione 2018/2019. La serata si è aperta con la presentazione da parte di Mirella Ronco (delegata regionale Attività scolastica) dei progetti sportivi che possono coinvolgere le scuole e le società per aiutare l’avvicinamento al calcio. Durante l’intervento sono state spiegate anche le modalità e le procedure per attivarli. “Con la scuola c’é un bacino di utenza che dobbiamo migliorare. Abbiamo bisogno che i nostri bambini siano valorizzati anche attraverso gesti di fair play”, ha spiegato poi Luciano Loparco, coordinatore regionale del settore giovanile e scolastico. Alla serata erano presenti: Christian Mossino (presidente Lnd Piemonte), Roberto Scrofani (segretario Lnd Piemonte), Enrico Giacca e Eudo Giachetti (consiglieri Lnd Piemonte), Paolo Marenchino (referente dell'Attività di Base della provincia di Cuneo), Luigi Falvo (collaboratore Attività di Base), Elisa Gardini (referente calcio femminile Cuneo), Stefano Bonelli (referente provinciale Attività Scolastica), Giuseppe Chiavassa (delegato provinciale Lnd), Luca Corrado (vice delegato provinciale Lnd) e Luca Borsato (funzionario della delegazione di Cuneo). La riunione è poi proseguita con gli argomenti all'ordine del giorno, tra cui: il controllo, il supporto, la formazione e l'informazione per le società, la collaborazione tra Figc-Sgs e Lnd, le verifiche ordinarie su campionato e tornei e le date dell’attività ufficiale. "Per portare avanti progetti condivisi è indispensabile avere idee chiare e poter contare sulla disponibilità e l'interesse delle società, elementi che non sono mancati questa sera", questo è stato il commento di Paolo Marenchino, referente dell'attività di base della Provincia di Cuneo. Durante la riunione organizzativa, svoltasi giovedì 27 settembre a Centallo, sono state consegnate le targhe di riconoscimento Scuole calcio a cinque società della provincia di Cuneo: Asd Polisportiva Montatese, Usd Tre Valli, Monregale Calcio, Fossano Calcio Ssd e Ac Cuneo 1905.

                La redazione

Andrea Gasbarroni racconta il suo ritorno al Vanchiglia. Scuola Calcio di tecnica individuale è il nome che si vuole dare al nuovo progetto, ma in realtà la figura di Andrea Gasbarroni sarà a completa disposizione del sodalizio granata, sposandone idee, progetti ed ambizioni.


Quali sono le motivazioni, gli obiettivi e le emozioni alla base del tuo ritorno al Vanchiglia?

Partirei dalle emozioni. Sono nato qui, in questo borgo, a pochi passi da questo campo. Qui ho iniziato e da qui voglio ripartire. Ogni volta che vengo in questo posto mi tornano in mente i ricordi più belli, che poi sono i ricordi di un bambino. Ho iniziato qui a giocare, è nato tutto per gioco, come è giusto che sia. Poi ho avuto la fortuna di fare della mia passione una professione. Oggi mi piacerebbe portare la mia esperienza ed il mio entusiasmo, dedicandomi ai ragazzi di qualsiasi età, con l’obiettivo di trasmettere quello che ho maturato in tutti questi anniAll’atto pratico vorrei insegnare ai giovani, giocare con loro, farli migliorare e crescere. Farlo qui al Vanchiglia è uno stimolo ancora più forte, perché io qui ci sono nato

 

Attraverso il tuo modo di intendere e praticare il calcio, hai sempre rappresentato uno dei simboli dell’antitesi tra l’esaltazione della fantasia e del talento con il concetto di calciatore come talento inquadrato in uno schema

Chi ha talento deve essere lasciato libero di esprimerlo. La gente va allo stadio per vedere la giocata, per vedere il dribbling, per vedere il gesto istintivo. Sono certe giocate che strappano applausi, ti fanno venire i brividi e ti fanno amare questo sport. Poi non puoi pensare di avere 11 giocatori di talento e gli allenatori ci sono anche per quello, per valorizzare al meglio le caratteristiche di ognuno, per unire fantasia e concretezza. Ma se uno vuole dribblare bisogna lasciarglielo fare.

 

I valori del Vanchiglia sono sempre stati l’autenticità, la genuinità e l’identità. Il senso di appartenenza da queste parti si respira nell’aria. Valori che anche Andrea Gasbarroni ha sempre palesato sia come uomo che come calciatore. Personaggio privo di filtri, vero, autentico, con i suoi pregi ed i suoi difetti. Un binomio Gasbarroni-Vanchiglia che promette bene dunque?

Il campo del Vanchiglia è inserito nel cuore del borgo, è qui le persone sono genuine ed autentiche. Io ho avuto la fortuna di far diventare un gioco il mio lavoro e questo mi ha aiutato davvero tanto ad essere sempre me stesso, senza filtri. Poi per me il piacere di giocare al calcio è sempre stato uguale a 5 anni così come a 30 anni. Perché se a guidarti è la passione, allora anche se giochi a San Siro lo fai con la spensieratezza di un bambino. Quando entri in campo, per una partitella tra amici o per una partita di Serie A, il gioco del calcio è sempre quello.

 

La tua idea di Scuola Calcio. Crescere attraverso l’apprendimento, attraverso il divertimento, senza esasperazioni. Al Vanchiglia si dice sempre “crescere nello sport per crescere nella vita”. 

Ogni bambino che inizia a giocare ha il sogno di diventare un calciatore. La cosa più bella che ti può capitare nella vita è svegliarti la domenica mattina e pensare di dover andare a giocare al pallone. Aldilà di tutto il calcio è un gioco questo non bisognerebbe dimenticarselo mai. Questo è il succo, il senso più bello di questo sport. Al Vanchiglia spero che arrivino ancora tanti ragazzi con voglia di divertirsi e migliorare. Questo è l’obiettivo mio e del presidente. Ringrazio lui e tutta la società per l’opportunità che mi ha dato e per avermi permesso di tornare a casa. Qui si vive di passione e c’è una voglia smisurata di fare bene.

 

Marco Giampaolo in un intervista ha dichiarato: “il talento lo trovi in mezzo alla strada, sono quei ragazzini senza maglietta”. Andrea Gasbarroni è stato uno di questi talenti. Ma lui la sua maglietta del Vanchiglia ce l'ha sempre avuta cucita addosso e adesso potrà tornare ad indossarla. 

                                    Paolo Montone