Martedì, 04 Ottobre 2022
Venerdì, 09 Settembre 2022 17:24

L’Olympic Collegno pensa in grande, Fabrizio Capodici nuovo direttore tecnico

Scritto da
Ignazio Capodici, Domenico Pizzicoli e Fabrizio Capodici Ignazio Capodici, Domenico Pizzicoli e Fabrizio Capodici

SOCIETA’ - Ex professionista e preparatore dei portieri della Nazionale Under 16, si occuperà della crescita degli allenatori: “La loro formazione, insieme al miglioramento della struttura, sono le basi per garantire un futuro importante alla società”


L’ingresso di un “top” come Fabrizio Capodici (preparatore dei portieri della Nazionale Under 16 e fondatore della Keeplay Professional Soccer School) parla chiaro sulle ambizioni dell’Olympic Collegno, società che nelle ultime due stagioni ha vissuto una crescita esponenziale e che ha intenzione di alzare ulteriormente l’asticella. “Ci sono tutte le condizioni - spiega l’ex portiere professionista, cresciuto nella Juve e arrivato fino alla serie B con il Piacenza - per costruire qualcosa di davvero importante”.

Il ruolo di Fabrizio Capodici sarà quello di direttore tecnico, all’interno di uno staff che fa capo al presidente Domenico Pizzicoli e al vicepresidente Ennio Carpinelli, passa dal direttore generale Nunzio Rubicondo e arriva a una struttura operativa composta da Maurizio Fontana (direttore sportivo del Settore giovanile), Alessandro Cucinotto (già allenatore dei 2006, ora anche responsabile della Scuola calcio), Christian Somale (gestore dei tornei) e Laura Noventa e Valeria Svagerkova in segreteria. “Mi occupo in prima persona - continua Capodici - della formazione degli allenatori, dalla Juniores fino ai Piccoli Amici, gestisco la programmazione tecnica e vado in campo con loro. Insieme a me è entrato in società anche mio cugino Ignazio Capodici, che è il mio braccio destro e mi aiuterà soprattutto quando io non sarò presente, per via degli impegni con le nazionali giovanili”.

Allargando lo sguardo alla società, le idee sono altrettanto chiare: “Partiamo da un’ottima base - spiega - abbiamo una squadra ai regionali dopo più di 10 anni e siamo entrati nel Grande Slam, anche questa una novità importante. Grazie all’impegno del presidente stiamo migliorando la struttura: abbia rifatto gli spogliatoi, sistemato il campo centrale in erba naturale, appena possibile rifaremo la recinzione per mettere in ordine tutto l’impianto sportivo. Nel frattempo puntiamo a migliorare le squadre, soprattutto passando dalla formazione degli allenatori e puntando sulla scuola calcio. I gruppi sono buoni, la filiera è al completo, qualcosa in più dobbiamo fare sui 2010 nella prospettiva del salto delle giovanili, ma siamo partiti con il piede giusto e non possiamo che migliorare”.

Registrati o fai l'accesso e commenta