Mercoledì, 24 Luglio 2024
×

Attenzione

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 798

Lunedì, 02 Febbraio 2015 20:54

Giovanissimi regionali - Le partite da raccontare

Scritto da

IL PUNTO/8° TURNO - Buona la prima per Capola sulla panchina del Venaria, Zappia rimonta il Chieri e il Cuneo passeggia a Pinerolo. Ma la partita più bella dell'ottava giornata la regalano Banchette e Victoria Ivest

 

La più bella
BANCHETTE-VICTORIA IVEST  3-3

Il Banchette di mister Pesce è la terza forza del girone C dopo J Biellese e Borgaro e vuole aggredire il secondo posto valido per conquistare le fasi finali, mentre l’Ivest allenato da Mancini naviga in acque più profonde e vuole dimostrare di meritarsi ben altra posizione in classifica. Con queste premesse le due squadre si danno battaglia in una partita epica, dalle mille emozioni e, seppur con grinta e cattiveria agonistica, ricca di sportività. L’equilibrio viene sbloccato al 28’ da Parenti che porta in vantaggio i padroni di casa. Nella ripresa Onjefu - al suo quinto centro regionale - fa uno a uno prima dello show di doppiette. Dopo  pochi minuti Martingano con un gran tiro da fuori riporta il Banchette avanti ma non passano 60’’ che Miliano pareggia di nuovo. L’attaccante ospite si ripete al minuto 23 e l’Ivest prova a gestire il risultato per i restanti dieci minuti ma ad uno dalla fine deve fare i conti ancora con il numero 9 di casa che offre al pubblico un prezioso pallonetto che bacia la traversa e si insacca per il definitivo 3 a 3. A fine partita Pesce dice soltanto: “Partita stupenda, bellissima. Nessuna delle due squadre voleva perdere. Risultato giusto”. 

La più pazza
PINEROLO-CUNEO  0-6

Questo è senza ombra di dubbio il risultato più eclatante della giornata che ha visto protagonisti i classe 2000. Il Pinerolo di La Spina - candidata a guadagnarsi un posto dei due disponibili per le fasi finali - ha fatto sin qui un percorso lineare, pulito. Quattro vittorie e due sconfitte arrivate per mano dell’Accademia Alba (dove anche un pari sarebbe stato stretto) e contro lo Sporting Cenisia che guida il girone avendo perso solo due punti per strada. Il Cuneo, invece, non aveva ancora espresso tutto il suo potenziale, altalenando buone prestazioni con partite sottotono che hanno fatto perdere terreno alla squadra di Giordana che a Novembre partita da favorita. Ecco, a Pinerolo i cuneesi hanno tirato fuori tutto quello che nelle giornate precedenti era rimasto nascosto. Due volte Cavallo, Giordana, Galvagno, Delfino e Maurino lanciano un messaggio a tutto il girone D. Ci siamo anche noi sembrano dire tutti i gol rifilati a La Spina. A fine gara Giordana è soddisfatto ma ammette: “Oggi il risultato fa notizia, abbiamo fatto una grande gara e ci godiamo il momento. Tra noi e loro non c’è tutta questa differenza, forse oggi siamo riusciti finalmente a giocare come sappiamo”. La Spina, invece, ci parla così: “Preso il gol dopo 45’’ la nostra partita è finita”.

La rimonta
CHIERI-PERTUSA  2-2

La capolista Chieri ospita il Pertusa di Grieco, diretta inseguitrice. Con una vittoria i collinari metterebbero un piede sulla qualificazione avendo già vinto sei incontri in altrettante uscite regionali. Per i giallo-neri invece è un’occasione da non perdere per confermarsi seconda della classe con Castellazzo e Casale che osservano attente. Sono gli ospiti a partire con il piede sull’acceleratore e a cavallo dell’intervallo si portano sul doppio vantaggio grazie a Fioriello che firma una doppietta per il sesto e settimo gol personale. Subito dopo il raddoppio, però, prima Borga e poi proprio Fioriello commettono due sciocchezze e l’arbitro li manda negli spogliatoi. A 20 minuti dal termine il Pertusa si trova con due uomini in più e due gol da recuperare. Rosano  riapre i giochi dopo un minuto dalla seconda espulsione, mentre sarà Zappia a completare la rimonta con il gol del 2-2. Per l’esterno di Grieco è il primo gol stagionale, lui che nella passata stagione ci aveva abituati a vederlo spesso e volentieri nel tabellino dei marcatori. “Per come si era messa la partita ho ancora l’amaro in bocca. Abbiamo avuto l’opportunità di vincere contro una grande squadra ma la abbiamo sciupata. Devo dire però che se non fossero rimasti in nove forse non l’avremmo neanche raddrizzata ma il calcio è fatto così, devi sfruttare il momento. Noi lo abbiamo sfruttato per metà”. Queste le parole di Maurizio Grieco appena terminata Chieri-Pertusa.

La prima volta
BORGOSESIA-VIRTUS VILLADOSSOLA  0-1

La prima volta non si scorda mai, o almeno, di solito funziona così. La ottava giornata è stata la prima volta in cui la Virtus Villadossola di mister Riva ha conquistato i tre punti, salendo a 4 in classifica. E lo ha fatto a scapito di una squadra che di punti ne ha 7, in virtù di due vittorie e un pareggio. A regalare la gioia calcistica più grande ad allenatore e compagni è stato Viroletti che ha finalizzato un’azione corale di tutta la squadra anticipando l’avversario su un cross con il piattone destro  e realizzando l’1 a 0 decisivo. Per la punta allenata da Riva è il secondo centro regionale, ma la soddisfazione più grande è stata poter festeggiare una vittoria che ormai tardava ad arrivare. 

La risposta
BORGOVERCELLI-VENARIA  1-8

Sono settimane ormai che, quando si parla del Venaria Giovanissimi, la prima cosa a venir in mente è la telenovela sulla panchina più calda della categoria. La domanda era, Enzo Grosso - nuovo allenatore che ha preso il posto di Petrucci - può allenare? La società alla fine ha deciso di lasciare la panchina a Capola e quindi da adesso si parla del campo. E’ proprio lì, sul campo, che i Cervotti hanno dato la loro risposta. Coulibaly, Sutera, La Mesta - che dalla prima giornata non trovava la rete - ed Eboli hanno risposto facendo gol. A Vercelli la squadra di Capola ha surclassato i padroni di casa 8-1 ma oltre al risultato è la reazione che conta. Bando alle ciance, si gioca a calcio.  

 

Registrati o fai l'accesso e commenta