Giovedì, 13 Giugno 2024
Venerdì, 30 Gennaio 2015 11:45

Allievi fascia B regionali - Fossano vs Asti: il ballo delle punte

Scritto da

PRESENTAZIONE/7° TURNO - Sabato pomeriggio si giocherà una partita che vale molto per la lotta al secondo posto nel girone 3. Sfida interessante anche tra i due centravanti Audetto e Rossanino

Un evento che potrebbe avere come titolo "Fuori i secondi". Sperando che la Novese non si arrabbi, sembra proprio che saranno Fossano e Asti a lottare fino alla fine per conquistare il posto valido per le fasi finali, in un girone 3 dominato dalla J Stars. I cuneesi, guidati per il terzo anno da Andreano Audetto, devono fare i conti da ormai molto tempo con due assenze pesanti in difesa ma potranno contare sull'ottimo stato di forma dei centrocampisti Giordana e Pinta. L'Asti ha cambiato molto rispetto alla passata stagione: in panchina non c'è più Giovinazzo (andato all'Alessandria 2002) ma Tona, la passata stagione alla Juniores nazionale. Mini rivoluzione anche in campo, con Gjura Beccaris e Nievas sostituiti da Bajram, Monzeglio e Kharoufi. L'unico precedente tra le due squadre risale alla passata stagione, quando nel triangolare delle fasi finali finì 1-1 (La Ganga, Audetto). Sarà una sfida fra due grandi centravanti come Luigi Audetto e Gioele Rossanino, entrambi a quota 3 centri stagionali.

LUIGI AUDETTO (FOSSANO)

                   VS

GIOELE ROSSANINO (ASTI)

19/20

          FINALIZZAZIONE

15/20

18/20

              VELOCITA’

16/20

17/20

                 TIRO

16/20

16/20

         PROTEZIONE PALLA

18/20

15/20

         GIOCO DI SQUADRA

19/20

85/100

                TOTALE

84/100

 

Due centravanti con caratteristiche diverse, Audetto e Rossanino rappresenteranno i punti di riferimento offensivi nel delicato match tra Fossano e Asti. Il bomber del Fossano arriva da un’annata perfetta sia a livello di squadra che personale: 23 gol nel campionato Giovanissimi gli han permesso infatti di diventare “Re Luigi Il Capocannoniere” trascinando il suo Fossano alle fasi finali. Senso del gol, potenza e velocità le sue migliori qualità. Rispetto a Rossanino leggermente inferiore dal punto di vista fisico, Audetto ha ampi margini di miglioramento per quanto riguarda il gioco di squadra e la tecnica individuale, quest’ultima già di buon livello grazie soprattutto ai tre anni al Cuneo sotto l’ala protettiva di Cabella.

Molto meno goleador rispetto al collega, Rossanino è il classico centravanti che piace agli allenatori: tanto sacrificio, lavoro sporco, eccellente protezione palla e intelligenti sponde ad aprire il gioco verso gli esterni offensivi. Solo 12 gol la passata stagione, e pure quest’anno l’andazzo non sembra essere diverso. Sono ancora troppi gli errori sotto porta della punta astigiana, che potrà e dovrà crescere ancora in due fondamentali: il colpo di testa e l’utilizzo del piede sinistro. Nonostante l’altezza il gioco aereo non è un suo punto di forza, tanto da far scherzare (ma neanche troppo) l’ allenatore Tona su questo argomento: “Di testa la prende solo se viene colpito dalla palla”.

 

AUDETTO: “Il nostro portiere Bonofiglio è in dubbio per sabato perché ha avuto l’influenza. In difesa avremo ancora fuori due pedine per noi fondamentali come Grasso e Rinaldi. Il primo è stato operato al braccio, ora ha una placca e fino ad aprile non potrà tornare in gruppo. Rinaldi invece ha ripreso ad allenarsi da poco dopo un grave infortunio alla caviglia. Eravamo impreparati a questi due infortuni, pensavamo di averli a disposizione molto prima. Anche a causa di queste assenze in difesa stiamo soffrendo troppo. Con la J Stars abbiamo regalato tre gol sui quattro totali e pure settimana scorsa con la Piscineseriva abbiamo commesso un errore che avrebbe fatto arrabbiare pure un allenatore di Esordienti. Sono comunque fiducioso del fatto che miglioreremo da questo punto di vista, devono crescere attenzione e autostima perché continuare a commettere ingenuità del genere alla lunga ci potrà costare caro. Siamo molto carichi in vista della partita con l’Asti, loro sono una squadra in salute e sarà una gara difficile. Considerando la J Stars fuori dalla portata di tutti, la lotta per il secondo posto sarà fra noi, l’Asti e la Novese. Contro la J Stars l’Asti a quanto pare ha fatto una buona partita perdendo solo alla fine. E’ sempre difficile non fare brutta figura contro i bianconeri, noi abbiamo perso 4-0 ma il risultato non ci rende giustizia”.

TONA: “Sono tranquillo in vista della prossima partita. Nelle ultime gare stiamo salendo di livello e spero che miglioreremo rispetto alla già buona prestazione di sabato scorso contro la J Stars. Il gruppo è in crescita e anche i nuovi arrivi di dicembre come Cocco e Perosino si stanno inserendo bene. L’obiettivo è assolutamente qualificarsi alle fasi finali, poi ciò che verrà dopo sarà tutto di guadagnato. Sarebbe ingiusto fare dei paragoni rispetto all’anno scorso perché oggi ci sono solo 5 titolari che già giocavano la passata stagione. Non sarebbe corretto né per i nuovi di quest’anno né per i ragazzi che sono andati via. Quest’anno sto cercando di dare continuità al buon lavoro di Giovinazzo, concentrandomi più sugli aspetti tattici, giustamente trascurati nel biennio Giovanissimi a favore della tecnica. In estate ho deciso come mia abitudine di organizzare un pre ritiro per conoscersi meglio, avendo cambiato non solo l’allenatore ma anche molti giocatori. Credo che il punto di forza della mia squadra sia la colonna centrale rappresentata dalla coppia di difensori, il centrocampo a tre e il vertice offensivo Rossanino. La nostra pecca è il non finalizzare al meglio la grande mole di occasioni che creiamo, dobbiamo migliorare molto su questo aspetto”.

Registrati o fai l'accesso e commenta