Martedì, 23 Aprile 2024

Bekings guarda al futuro: “Abbiamo fatto giocare 25mila atleti, nella prossima stagione ci allargheremo ancora e andremo all’estero”

Marco Mameli, Giorgia Contu e Aldo Bratti Marco Mameli, Giorgia Contu e Aldo Bratti

INTERVISTA - L’amministratore delegato Giorgia Contu non si ferma sui numeri (impressionanti) della scorsa stagione: “Organizzeremo tornei negli impianti sportivi di Chisola, Caselle, Carmagnola, Carrara, andremo a Novarello e Milano, torneremo a Marina di Massa e Bardonecchia, e per la prima volta andremo anche all’estero. Tutto questo grazie all’organizzazione e alla professionalità del mio staff”


“Nella stagione 2022/2023 abbiamo organizzato e gestito 89 eventi sportivi a Torino, Chieri, Sanremo, Bardonecchia e Marina di Massa, tra tornei più o meno grandi e test match organizzati per Juventus. Hanno partecipato quasi 25mila atleti di 1.600 squadre in arrivo da tutte le regioni d’Italia e da 6 nazioni europee: Francia, Inghilterra, Svizzera, Romania, Croazia e Moldavia. Gli ingressi di pubblico sono stati quasi 23mila, 22.865 per la precisione”.

89 eventi sportivi vuol dire uno ogni 4 giorni, vacanze comprese. Tra giocatori, dirigenti, allenatori e pubblico, 50mila persone non ci stanno neanche nello Juventus Stadium. Snocciola numeri impressionanti con una normalità disarmante Giorgia Contu, amministratore delegato di BeKings, agenzia di organizzazione eventi, specializzata in tornei di calcio giovanile, che gestisce insieme a Marco Mameli, Aldo Bratti e una squadra giovane ma molto motivata, in cui è entrato anche Alessandro Bellin, ex responsabile della scuola calcio della Bruinese.

Ma come si fa a gestire un carico di lavoro così impressionante?

“Serve organizzazione, tanta organizzazione - spiega Giorgia Contu - e servono le giuste professionalità. Non togliamo nulla ai tornei che le società organizzano al loro interno, offriamo un servizio diverso e in un certo senso parallelo. Costruiamo e poi gestiamo gli eventi occupandoci di tutti gli aspetti, non solo quelli prettamente di campo, che sono fondamentali perché chi partecipa vuole prima di tutto giocare a pallone, tante partite e contro squadre forti. Ci occupiamo anche di logistica, ristorazione, sistemazioni alberghiere quando servono, siamo un vero e proprio tour operator, offriamo una vacanza all inclusive a tutta la famiglia. Per questo servono tante professionalità: non solo chi contatta le squadre e organizza i calendari, ma i responsabili di campo, gli arbitri, gli addetti all’impianto sportivo e agli spogliatoi. Nessuno ci pensa, ma sapete che lavoro fa chi gestisce il bar e prepara i panini? E abbiamo il fotografo, lo speaker, chi gestisce la comunicazione e i social, tutti i risultati vanno in tempo reale sul nostro sito. Dietro un torneo c’è una macchina organizzativa pazzesca”.

Quest’anno avete organizzato la maggior parte dei vostri tornei a Chieri. Il passaggio di proprietà un po’ turbolento che sta vivendo la società tocca anche voi?

“In realtà no. Ne approfitto per chiarire un punto fondamentale: BeKings è un’azienda indipendente da tutte le società sportive, ma che collabora con tutte le società sportive, o ambisce a farlo. Il Chieri non fa parte della nostra società. Ringraziamo il Chieri e Stefano Sorrentino per la collaborazione vissuta nella stagione sportiva 2022/2023, gli ottimi risultati che abbiamo ottenuto nascono anche da questa partnership, come da quelle che ci hanno portato a fare tornei in altri campi di Torino, come il Mercadante e il Carrara, a Sanremo, Bardonecchia, Marina di Massa, eccetera. Diciamo che il passaggio di proprietà del Chieri, per quanto ci riguarda, ha accelerato un processo che sarebbe comunque avvenuto”.

Spiegaci meglio.

“La nostra intenzione era allargare il numero delle collaborazioni e, di conseguenza, degli impianti sportivi in cui organizzare eventi. Per variegare la nostra proposta e anche, inutile negarlo, perché nessuno ci leghi a questa o quella società. Semplicemente, abbiamo fatto in un mese un cambiamento che avremmo gestito con più calma, ma in un certo senso è meglio così, spesso i miglioramenti nascono dalle necessità. Devo dire che il numero e la qualità delle offerte che abbiamo ricevuto ci hanno gratificato, vuol dire che il nostro lavoro è apprezzato”.

Domanda diretta, allora: con che società collaborerà BeKings nella prossima stagione sportiva, quali impianti sportivi ospiteranno i tornei?

“Il calendario completo della prossima stagione è ovviamente ancora in via di definizione, ma abbiamo già tante certezze. Nel torinese, BeKings collaborerà con Chisola, Caselle, Carmagnola, Carrara e forse una quinta società con cui dobbiamo ancora chiudere, comunque tutte società solide con splendidi impianti sportivi. Andremo a Novarello e stiamo stringendo altri accordi nella zona nord del Piemonte. Lavoreremo in almeno due impianti sportivi in Lombardia, uno a Milano e l’altro in provincia di Bergamo. E naturalmente confermiamo i tornei, ormai tradizionali, a Marina di Massa e Bardonecchia, dove organizziamo anche i ritiri estivi per le società. Quest’anno, per la prima volta, andremo all’estero, a luglio abbiamo in programma alcuni sopralluoghi. Diciamo che di carna al fuoco ce n’è parecchia…”

Le prime date?

“Iniziamo il 27 agosto a Vinovo, con un torneo ad inviti per i 2009, con Juventus, Nizza, Parma e Lugano. Il 10 settembre a Caselle faremo una giornata solo per società professionistiche, categoria Under 13. Invece un evento di massa sarà il torneo “Piccoli campioni”, sempre a Caselle nel week end del 16 e 17 settembre, per Under 9. La settimana dopo, 23 e 24 settembre, saremo al Carrara con un bellissimo evento per 2016 e, nel contempo, a Novarello con la Elite Top Kup, per le annate 2013 e 2014. Sempre a settembre, ci sarà il Memorial Pavanello per 2012 e stiamo mettendo in piedi una serie di eventi dedicati al calcio femminile, settore su cui vogliamo puntare decisamente. E così via…”

Registrati o fai l'accesso e commenta