Venerdì, 19 Luglio 2024

Il Real Madrid torna protagonista sui campi della Polisportiva Garino. Pronti al Camp dei Blancos sotto la guida di Adriano Zacchè

Adriano Zacchè e il suo team Adriano Zacchè e il suo team

CAMP REAL MADRID - Dopo gli ultimi due, fruttuosi anni (140 i partecipanti), torna a Garino il camping organizzato dal Real Madrid. Cinque giorni per imparare e divertirsi sotto l'egida della miglior squadra d'Europa, manifestazione aperta a ragazze e ragazzi dai 6 ai 16 anni. (galleria immagini in fondo al pezzo)
 


Questa estate tornano il prestigio e la professionalità del Real Madrid sui campi della Polisportiva Garino. La società del presidente Gianni Matacchione ospiterà dal 10 al 14 luglio il camp delle merengues, qui per il terzo anno in un contesto che rispetta appieno i criteri chiesti dal prestigioso club spagnolo, come sottolinea Adriano Zacchè, responsabile della Fondazione Real Madrid per il nord Italia.

"Siamo molto contenti di poter svolgere queste attività sui campi del Garino, è il luogo ideale per tanti motivi. Per la società è una bella opportunità per avere visibilità, per confrontarsi con allenatori qualificati di ottimo livello. Ammiro il presidente Matacchione, è una persona che crede nel calcio, che ha compiuto investimenti importanti, ha realizzato una bellissima struttura, non solo per quanto riguarda gli spazi per allenarsi. L'attenzione dedicata ai giocatori sarà a 360 gradi: saranno offerti servizi di custodia e pre-custodia del bambino, nel caso ci siano tempistiche particolari da parte dei genitori; l'assistenza e primo soccorso in campo saranno sempre presenti e ci sarà un fotografo tutti i giorni per immortalare il lavoro svolto. Il nostro obiettivo è quello di portare la mentalità e i valori del Real Madrid, non per nulla il club è riconosciuto come il migliore al mondo non soltanto per i trofei, ma per il lavoro che svolge da un punto di vista sociale. Le giornate prevedono un momento dopo pranzo tutto dedicato alla socializzazione, con un'ora di lezione di spagnolo o attività ludiche scelte in concertazione con la società ospitante. Niente cellulari e naturalmente bambini e bambine tutti insieme, cercando di trasmetter loro quelli che sono i valori dei Blancos: umiltà, disciplina, rispetto e quello che in Spagna è chiamato compañerismo, lo spirito di gruppo. Siamo per questo un po' rigidi su alcuni aspetti, per cinque giorni è come se i ragazzi fossero all'interno della cantera del Real, quindi ci aspettiamo serietà, educazione e il rispetto di alcune regole. Ad esempio, forniamo a tutti un kit completo Adidas (maglia, pantaloncini, calzettoni, pallone, sacca e borraccia) e richiediamo che vengano utilizzati sempre durante gli allenamenti, in campo devono essere tutti uguali con la divisa ufficiale. La filosofia che cerchiamo di portare coinvolge anche la strumentazione messa a disposizione dal club, è importante averne la giusta considerazione. Credo questo genere di formazione differenzi molto l'approccio che si vede in Spagna rispetto a quello italiano. Per questo abbiamo istituito un premio fair play, per premiare chi dimostrerà di aver recepito al meglio gli insegnamenti che proponiamo. Ci aspettiamo che anche i genitori seguano certe indicazioni e nel sito dove iscriversi al camping (www.frmclinics.com) trovano tutto ciò che riguarda il nostro lavoro e le nostre iniziative. C'è sempre molta richiesta e ci fa piacere, cerchiamo quindi di poter rendere accessibile a tutti l'opportunità di partecipare e posso dire che tra i professionisti siamo la realtà che probabilmente offre i prezzi più vantaggiosi. Abbiamo una promozione in corso, per chi si iscrive entro il 28 febbraio sono 40 euro in meno, valida per i primi 32 partecipanti e mettiamo a disposizione una polizza che garantisce in caso di rinuncia per qualsiasi problema, che la quota venga restituita. Allo stato attuale ci sono ancora posti disponibili, quindi invitiamo chi sia interessato ad iscriversi presto. Per questo ci aspettiamo una certa collaborazione, anche perché l'impegno logistico è rilevante, tutto il materiale che viene usato negli allenamenti è messo a disposizione dal Real Madrid, una garanzia di responsabilità".

Come sarà allenarsi con voi?
"E' un'opportunità importante per impegnarsi al fianco di allenatori di alto livello. Io stesso ho conseguito il patentino Uefa B e C, sono maestro di tecnica e supervisiono sempre il lavoro sul campo. I tecnici che offrono il loro contributo giovano di un confronto costante con la casa madre, andiamo regolarmente a Madrid per aggiornamenti e beneficiamo del rapporto con campioni del passato recente del calibro di Roberto Carlos, Raul, Xabi Alonso e una leggenda come Butragueño e tanti altri ancora. A Garino saranno presenti allenatori spagnoli con il patentino Uefa Pro, il cui numero varierà a seconda degli iscritti, più saranno, più tecnici saranno presenti, tutto questo è garanzia di serietà e professionalità.
Per quanto riguarda le giornate, saranno divise in due blocchi, con la mattina dedicata agli allenamenti, poi doccia, pranzo tutti insieme, attività sociale e dalle 15 alle 17 si torna sul campo. Sono tempi importanti, quattro ore e mezza di allenamenti, dieci sessioni per cinque giorni, sono in media due mesi di allenamenti che fanno gli Esordienti. Quello che offriamo è un approccio diverso rispetto a ciò che si vede per la maggior parte in Italia, in Spagna si utilizzano metodi che puntano pesantemente sullo sviluppo della tecnica individuale e sulla velocità di pensiero. In un calcio dai ritmi sempre più alti e sempre più fisico, la capacità di giudicare al volo la situazione, dove passare la palla, è vitale. Per fare questo ci avvaliamo non solo di personale di qualità, ma anche di tecnologie moderne all'avanguardia. La smart ball, la sportstation, ci permettono di misurare diversi aspetti di gioco, consentendoci di calcolare come migliorare la velocità, il dribbling. Così facendo interveniamo in maniera precisa sugli aspetti su cui il bambino deve lavorare maggiormente. Naturalmente adegueremo il programma tecnico a seconda del livello dei partecipanti, che saranno divisi per età e avranno tutti una scheda individuale, focalizzata per permettergli di esprimersi al meglio. Tutti saranno attentamente seguiti e potranno ricevere le valutazioni su un app che forniremo ai genitori. I risultati ovviamente non tengono conto dell'età, ogni partecipante può essere valutato al meglio senza che vi siano distinzioni fisiche o di genere e i dati registrati sono necessari per stabilire chi volerà a Roma per la finale nazionale. Questo non vuole essere motivo di stress, non bisogna pensare sia come ricevere la pagella di scuola, ma come valutazioni utili ad ottenere spunti su cui poi applicarsi. Sono dati tecnici oggettivi che devono aiutare il giocatore, che va a confrontarsi con un ambiente competitivo. Questo è un aspetto che contraddistingue La Fàbrica, la cantera del Real, dove ogni ragazzo ha negli spogliatoi il suo posto, con sopra la sua foto e una scheda con i punti di forza e gli aspetti su cui deve migliorare e ogni tre mesi questa viene aggiornata.
Ora è importante sottolineare che questa esperienza non è un provino per vestire la maglia dei Blancos, però tra socialità e divertimento, rimane una bella occasione di crescita e per mettersi in mostra. Due dei vincitori degli scorsi anni ora si allenano alla Juventus, le attenzioni da parte delle società ci sono. E l'eventuale partecipazione alla finale nazionale può portare ad essere scelti per la finale internazionale che si disputerà proprio a Madrid, un bel palcoscenico dove farsi notare". 

La Polisportiva Garino si appresta quindi a fare nuovamente gli onori di casa e le belle parole spese dal Real Madrid nei confronti del sodalizio rosso blu, non possono che far piacere al presidente Gianni Matacchione.
"E' motivo di orgoglio essere stati scelti per il terzo anno per questo camp. E' un riconoscimento al buon lavoro svolto e alla strutture che ci siamo impegnati a creare. Gli spazi messi a disposizione sono diversi e non abbiamo trascurato nulla, dall'impianto stereo alla ristorazione, abbiamo un salone dove svagarsi e spazi coperti se dovesse piovere o grandinare, come già successo in passato. Offriamo un buon servizio, ma un conto è dirtelo da solo, un altro è ricevere i complimenti di una società come il Real Madrid. Sarà un'altra bella esperienza, un modo simpatico per farci conoscere e speriamo sia il preludio ad una prossima stagione che veda alcune delle nostre squadre tornare protagoniste ai Regionali. L'anno è positivo e diverse annate sono in buona posizione nei Provinciali, speriamo che visto anche il cambio di regolamento per le promozioni, si possano mantenere i gruppi uniti".

Registrati o fai l'accesso e commenta