Sabato, 28 Gennaio 2023
Giovedì, 01 Dicembre 2016 09:52

La Chivasso - Botta e risposta tra Luigi Defilippi e Alessio Ozimo

Scritto da

PANCHINA - L’ex allenatore: “Mi hanno obbligato a lasciare, non è un comportamento corretto”. Risponde il responsabile del Settore giovanile: “I risultati del campo parlano chiaro, il nostro progetto di crescita e sviluppo del Settore giovanile e della Scuola calcio continua senza nessun tipo di problema”

“Luigi Defilippi (è stato) “promosso” nello staff di Alessandro Giraulo, allenatore di Prima squadra e Juniores. Defilippi sarà una sorte di viceallenatore, con delega specifica alla Juniores”. Così scrivevamo in data 20 ottobre, ma da allora è già cambiato tutto: “Mi ha chiamato Ozimo, responsabile delle giovanili e vicepresidente, dicendo che non mi poteva più dare rimborso spese per questioni di bilancio. E io ovviamente ho lasciato, mi hanno obbligato a lasciare. Adesso devo stare fermo fino al termine della stagione. Sono veramente amareggiato” tuona Luigi Defilippi, che continua: “Già lo spostamento era incomprendibile, visto che eravamo l’unica squadra che aveva fatto la finale Grande Slam e la stagione stava andando bene. Anche la squadra, a differenza di quanto dicono, era con me, infatti con il nuovo allenatore hanno già perso 5 giocatori. Mi hanno detto di andare su per crescere, e invece adesso mi tagliano il rimborso spese. Non me lo spiego, comunque non è un comportamento corretto, da società che vuole crescere come dicono loro”.

Alessio Ozimo risponde per iscritto, con un comunicato stampa che riportiamo integralmente.
In qualità di responsabile del Settore giovanile del La Chivasso, penso di sentirmi in dovere di tranquillizzare tutti, sempre ce ne fosse il bisogno, che nonostante l'addio di Luigi Defilippi, il nostro progetto di crescita e sviluppo del Settore giovanile e della Scuola calcio continua senza nessun tipo di problema. Penso che i risultati sul campo dei più grandi e la crescita esponenziale che stanno avendo le nostre squadre siano agli occhi di tutti. Non mi sembra un lavoro campato in aria così tanto per... Le squadre stanno continuando il lavoro in funzione degli obiettivi che ci siamo posti sia ad inizio anno, tra i quali c'era la qualificazione ai regionali con i 2003, la "ricostruzione" del 2002, un gruppo che aveva ed ha degli ottimi margini di crescita, e il lavoro di Protto e il suo staff sta facendo crescere e migliorare questo gruppo. Per quanto riguarda la categoria Allievi, quindi 2001 e 2000, stiamo ripartendo bene, dopo il girone di qualificazione: nei 2001 stiamo recuperando alcuni ragazzi infortunati, qualcuno ha dovuto sospendere per motivi di salute (ai quali rivolgo il mio più caloroso abbraccio) e spero rientrino il prima possibile; nei 2000 invece dopo una prima fase al di sotto delle aspettative ci siamo chiusi nello spogliatoio e guardati in faccia con i ragazzi, hanno capito l'importanza che hanno loro e i 2001 per il prosieguo del progetto e si sono messi a disposizione, tanto è vero che i 2000 al martedì hanno iniziato ad allenarsi insieme a Juniores e Prima Squadra con buoni risultati. Parlando di Scuola calcio invece, abbiamo rimpolpato il 2004 (considerato non all'altezza da qualcuno), con innesti di qualità e il gruppo sta rispondendo presente alle richieste dei mister, come tutto il resto della Scuola calcio. Abbiamo anche iniziato un lavoro specifico sulla coordinazione con due ragazzi SUISM, i quali lavorano con le categorie più piccole su motricità e coordinazione, ogni gruppo una volta alla settimana lavora con Alberto e Ilenia con lavori motori e coordinativi. Abbiamo le idee molto chiare su come lavorare, tanto è vero che con Giraulo e Cellerino ci siamo già prefissati qualche chiacchierata dopo le feste di natale per iniziare a programmare la stagione 2017/2018. Se questo vuol dire "poca chiarezza di obiettivi e mancanza di progettualità”…

 

Letto 2330 volte

Registrati o fai l'accesso e commenta