Sabato, 20 Luglio 2024
Daniele Pallante

Daniele Pallante

UNDER 17 E UNDER 15 - Già iniziate le partite di una manifestazione di alto livello, domenica dalle 17.30 le finali

 

I padroni di casa del Vanchiglia, Borgaro, Cheraschese, Lucento, Bra, Cbs, Pro Eureka e Atletico Torino in Under 17; Vanchiglia, Cbs, Borgaro, Cheraschese, Lucento e Rosta in Under 15: sono le squadre che stanno partecipando alla “Fair Play Cup”, manifestazione di inizio stagione - ancora prima del Superoscar - in pieno svolgimento sul campo di via Ragazzoni a Torino, ospiti della società granata. 

Le partite sono iniziate ieri con i quadrangolari di 2003, oggi sono partiti anche i triangolari di 2005; le finali in programma già domenica, a partire dalle ore 17.30.

È sicuramente un torneo che fa parte della preparazione estiva, utile per mettere benzina nelle gambe e fare i primi esperimenti in campo: ma visto il livello delle partecipanti, a perdere non ci starà nessuno e lo spettacolo è assicurato...

REANDY AND GO - Nel week end tornei per le quattro categorie delle giovanili, nei 2005 partecipa il Pinerolo al posto del Chisola 

 

Tutto pronto al Lascaris per il torneo “Ready and Go”, uno degli appuntamenti che precedono il SuperOscar nell’ambito della preparazione estiva delle squadre, ma la tradizionale competizione che caratterizza le società di vertice assicura, in ogni caso, una buona dose di agonismo e spettacolo. 

Partecipano Alpignano, Chieri, Chisola e Lascaris in tutte le categorie, con la sola eccezione del Pinerolo al posto de Chisola in a Under 15; i quadrangolari iniziano tutti sabato, domenica le finali, al mattino per le due annate di Giovanissimi, nel tardo pomeriggio per le due di Allievi.

 

CRONACA - Tutti i media riportano la denuncia subita dai quattro ragazzi del 2004, scappati nella notte dal ritiro del Sestriere e denunciati per furto e danneggiamento, ma vanno sottolineati la coerenza e i valori etici della società


Il Vanchiglia ha dimostrato, ancora una volta, di essere una società seria, che mette i comportamenti e l’educazione davanti a tutto, anche ai risultati del campo. Solo così si può leggere la dura presa di posizione della società del presidente Eduardo De Gregorio, che ha annullato il tesseramento dei quattro giocatori del 2004 (E.Y, L.C, P.L. e B.S., mettiamo solo le iniziali per riguardo alla loro giovane età) che si sono resi tristemente protagonisti dei fatti di cronaca che risalgono al 20 agosto, ma sono stati riportati da tutti i media di informazione solo oggi. I quattro ragazzi sono scappati dall’hotel in cui erano in ritiro e hanno passato la notte a spaccare vetri, parabrezza, specchietti e porte delle auto in sosta, fino ad arrivare al furto di una Peugeot 107, poi distrutta e abbandonata: sono stati beccati grazie alle telecamere e ora sono stati denunciati per furto aggravato e danneggiamento aggravato.

Comportamenti inqualificabili, soprattutto per chi dovrebbe farsi portatore dell’etica sportiva: un plauso al Vanchiglia che ha deciso senza indugio di allontanarli dalla società, anche se si tratta di quattro tra i più forti giocatori a disposizione del tecnico Alessandro Malagrinò. Prima dei risultati, vengono i comportamenti e l’educazione.

MERCATO - Esterno offensivo classe 2004, deve convincere i bianconeri a puntare definitivamente su di lui


Tra i segreti del super Pinerolo Under 15, capace di arrivare fino alla finale regionale, c’è sicuramente Adam Amansour, talento cresciuto nella PiscineseRiva che ha fatto la differenza nelle partite che contavano: nelle semifinali contro il Lucento è andato a segno sia all’andata che al ritorno, eliminando la vera favorita alla vittoria finale (poi andata allo Sparta Novara).

Grazie alla sua fisicità straripante e alla qualità delle sue giocate sulla fascia destra, Amansour ha attirato l’attenzione di tanti osservatori, tanto che anche la Juventus - di solito molto restia al mercato locale e più propensa a spaziare a livello nazionale e internazionale - si è accorta di lui. L’esterno sta infatti svolgendo la preparazione estiva con i bianconeri, che dopo averlo “visto da vicino” decideranno se tesserarlo subito o lasciarlo ancora un anno a maturare a Pinerolo. In ogni caso, una grande occasione per il ragazzo e una soddisfazione importante anche per la società.

LA STORIA - 20 anni, responsabile regionale APPORT (Associazione italiana preparatori portieri di calcio), emigra oltre Manica per motivi di studio e di calcio


Sapete per che squadra tifa Robbie Williams? Il Port Vale Football Club (o semplicemente Port Vale), storica società con sede a Burslem, nella città di Stoke-on-Trent. Il cantante ne ha acquistato anche un certo numero di azioni, ma nonostante questo la squadra milita in Football League, la terza divisione del calcio inglese. Eppure negli anni ’50 il Port Vale ha giocato per 41 stagioni nella Championship, raggiungendo anche la semifinale di F.A. Cup nel 1954.

Perché vi raccontiamo tutto questo? Perché il Port Vale è la nuova società di Simone Lioce, ragazzo di 20 anni che ha sempre giocato nei campi dilettantistici del torinese e, nonostante la giovane età, è responsabile APPORT (Associazione italiana preparatori portieri di calcio) della regione Piemonte. Le sue ultime esperienza come preparatore sono state a Venaria e, nella scorsa stagione, a Chieri, con la ciliegina sulla torta del 2004 Bellucci convocato in Nazionale dilettanti Under 15.

Simone andrà in Inghilterra per motivi di studio e ha trovato la sua nuova casa calcistica al Port Vale, dove seguirà i portieri Academy  e Youth Sector. Ma la distanza non gli farà abbandonare il suo ruolo nell’APPORT, con il prossimo stage di aggiornamento dei preparatori già organizzato nel 2020 con il Genoa.

PANCHINE - Ufficializzati gli istruttori: dalla Sisport sbarcano in bianconero Andrea Mandes (2008) e Ruben Renna (2012)


La Juventus ha ufficializzato gli allenatori delle squadre “non agonistiche”, dall’Under 14 ai Piccoli Amici, con alcune novità in panchine legate anche all’aumento dei gruppi, che passano da due a tre per annata. Nello staff tecnico degli Esordienti entra Andrea Canavese, nelle ultime stagioni al PSG dopo le esperienze al Venaria e alla Sisport, società da cui arrivano anche Andrea Mandes che si affiancherà a Calcia e Gibin ai 2008, e Ruben Renna. Nei 2012 l’altra novità risponde al nome di Vito Redavid, ex calciatore delle giovanili bianconere e la passata stagione allenatore nell’Olympic Collegno. Volti nuovi anche l’ex Sampdoria Mirko Lombardo (2009) e Piero Pasino (2001), in arrivo dai cugini del Torino.

Under 14 - Giovanissimi 2006
Massimiliano Marchio, Fabio Moschini

Under 13 - Esordienti 2007
Edoardo Sacchini, Federico Di Benedetto, Andrea Canavese

Under 12 - Esordienti 2008
Alessandro Calcia, Alessio Gibin, Andrea Mandes

Under 11 - Pulcini 2009
Davide Perri, Pietro Magri, Mirko Lombardo

Under 10 - Pulcini 2010
Stephan Saporito, Giuseppe Comito, Mirko Lombardo

Under 9 - Pulcini 2011
Marco Battaglia, Fabio Cucciniello, Pietro Pasino

Under 8 - Primi Calci 2012
Lorenzo Niello, Ruben Renna, Vito Redavid

Under 7 - Piccoli Amici 2013
Luca Giglio, Gianfilippo Boscolo

PANCHINE - L’ex Alpignano sostituisce Andrea Canavese all’Under 16, l’ex River Mosso allenerà la Juniores, il bomber lavorerà con Stefano Guidoni e Maurizio Calamita per la crescita dei giovani


È Nicola Cancellara il nuovo allenatore della Under 16 regionale del PSG: sostituisce Andrea Canavese passato al professionismo con la Juventus. Doppia soddisfazione per la società collinare, sia per la grande opportunità capitata a Canavese, sia per l'arrivo di un nuovo allenatore come Cancellara, preparatissimo e reduce da un'ottima stagione ad Alpignano con l’Under 16, con trascorsi anche nel Gassinosanraffaele e nel Venaria.

Un’altra importante novità riguarda la Juniores del PSG: nella prossima stagione la squadra sarà guidata da Luca Bosso, tecnico emergente con esperienze a Settimo e soprattutto alla guida del River Mosso, squadra Juniores rivelazione della scorsa stagione, a un passo dalla conquista del campionato in un girone torinese di altissimo livello.

Infine, un altro ex professionista entra nello staff tecnico: Andrea Dalessandro. Cresciuto come calciatore nelle giovanili della Juventus, è passato all'Udinese prima di giocare in serie C con Pro Vercelli e Piacenza, in serie D con Savona, Sanremese, Vado, Cuneo, Pro Settimo, poi ancora Borgosesia e Chisola. Dalessandro ha segnato 209 gol come centravanti, stesso ruolo di Stefano Guidoni e Maurizio Calamita con cui da allenatore collaborerà per far crescere sempre di più i ragazzi del PSG.

SOCIETA’ - Terza categoria e tanto Settore giovanile, la stagione è già iniziata con gli open day


Pierangelo Calandra, Sergio Boscarino e gli altri irriducibili dei colori biancorossi ce l’hanno fatta: dalle ceneri dell’A.C. Cuneo 1905, il calcio cuneese è rinato con l’Associazione Sportiva Cuneo Football Club: la nuova stagione è già iniziata con i primi open day, utili a rimpolpare le prime squadre e a far conoscere la nuova società, anche se le persone che l’hanno fondata non hanno certo bisogno di presentazioni.

Il presidente del nuovo sodalizio - nato con la benedizione dell’amministrazione comunale e del Sindaco Federico Borgna - è Mario Castellino: “Il calcio a Cuneo deve avere come centralità i giovani e deve essere patrimonio di eccellenza di tutti i cuneesi. È  fondamentale strutturare un valido settore giovanile, che dovrà in prospettiva essere polmone fondamentale per la prima squadra”, è la sua dichiarazione rilasciata al sito www.laguida.it.

Calandra allenerà la Prima squadra in Terza categoria (dove giocherà Marco Gorzegno, che farà da chioccia ai giovani), e gestirà le giovanili proprio insieme  Boscarino, che seguirà in prima persona anche l’Under 19. Mario Volcan allenerà l’Under 17, l'indimenticato bomber Enrico Fantini l'Under 15, Andrea Michelotti si occuperà della preparazione atletica, Gianni Pellegrino sarà il preparatore dei portieri.

MERCATO - L’attaccante classe 2003 potrà misurarsi con l’impegnativo campionato Under 17 alla corte del tecnico Franco Semioli


Dal Borgaro al Torino: festeggia un grane “colpo” in uscita la società del presidente Piergiorgio Perona e del direttore sportivo Tiziano Gobbato, che ha ceduto ai granata l’attaccante del 2003 Mateus Greco.

Capace di destreggiarsi su tutto il fronte offensivo grazie alla sua fisicità debordante, accompagnata da tecnica e velocità di esecuzione, Greco potrà misurarsi con l’impegnativo campionato Under 17 alla corte del tecnico Franco Semioli.

MERCATO - Completata la rosa a disposizione di Tommaso Schiavo, dove erano già stati inseriti Mirabella e Caroppo dal Chieri, Luca Bianco dal Torino e Iacovone dal Pianezza


Chiude il bellezza il mercato dell’Alpignano Under 16: il responsabile delle giovanili Omar Cerutti ha piazzato un super colpo dell’ultima ora, tesserando il centrocampista Mattia Castelmaro, nella scorsa stagione al Lucento.

Castelmaro è la classica “ciliegina sulla torta” della rosa a disposizione di Tommaso Schiavo, che rispetto all’anno passato ha perso solo due giocatori (Baldin e Laronga), ma ha inserito Nicolò Mirabella e il bomber Steve Caroppo  dal Chieri, il difensore centrale Luca Bianco dal Torino e l’altro difensore Alessandro Iacovone dal Pianezza.