Mercoledì, 29 Maggio 2024
Lunedì, 15 Dicembre 2014 01:00

Primavera - De Biasi tradisce Grosso, esulta Crespo

Scritto da redazione

Il capitano della Juventus si fa espellere lasciando i bianconeri in inferiorità numerica. Il Parma ne approfitta e porta a casa l'incontro, inutile la rete di Roussos nel finale

PARMA-JUVENTUS 2-1
RETI: pt 46' aut. Udoh (P); st 25' Mitta (P), 43' Roussos (J).
PARMA: Coric, Ghizzardi (17' pt Santagiulia), Esposito, Ravanelli, Zuccolini, Abelli, Zecca, Tortora, Mitta (32' st Sliti Taider), Nyantakyi, Haraslin (40' st Lombardi). All. Crespo.
JUVENTUS: Volpe, Roussos, Romagna (24' st Varga), Blanco Moreno, De Biasi, Macek, Sakor, Vitale (1' st Muratore), Clemenza, Buenacasa (10' st Coccolo), Udoh. All. Grosso.
NOTE: espulso De Biasi (J) al 5' st e Santagiulia (P) al 31' st.

La Juventus si ferma al cospetto del Parma di Herman Crespo e non riesce ad incamerare la quarta vittoria consecutiva. Il primo tempo è bruttino, ma grossomodo equilibrato. Macek sfiora il palo alla destra di Coric con un tiro mancino da fuori area, i ducali rispondo con una girata di Mitta che spara fuori misura da distanza ravvicinata. L'equilibrio viene rotto da Udoh allo scadere con una sfortunata autorete: il calciatore bianconero, sugli sviluppi di angolo, anticipa gli attaccanti ducali ma manda il pallone alle spalle di Volpe. Il Parma così prende il largo. In avvio di ripresa, De Biasi completa la frittata stendendo Haraslin lanciato a rete -  direttamente dal proprio portiere Coric - e guadagnandosi la doccia anticipata. Grosso si copre togliendo Buenacasa e inserendo Coccolo, i bianconeri avrebbero comunque l'occasione per pareggiare: Udoh dall'interno dell'are di rigore non se la sente di concludere a rete e serve l'accorrente Romagna, quest'ultimo colpisce di prima ma troppo centralmente per sorprendere Coric. Così, al 25', il Parma chiude definitivamente i conti. Ancora Haraslin in velocità semina il panico tra i difensori della Juventus, l'attaccante gialloblù arriva a tu per tu con Volpe; il portiere è abile nel respingere di piedi la conclusione piazzata del giocatore ducale, ma nulla può sul successivo tap in di Mitta. La Juve comunque ci prova e a poco più di un quarto d'ora dal termine trova, almeno, la parità numerica. Macek (uno dei migliori tre i bianconeri) scappa a Santagiulia che lo atterra guadagnando il secondo giallo. Il finale è un assedio. Coric salva sulla conclusione ravvicinata di Muratore, più tardi Udoh pecca ancora di precisione. Ci vuole una prodezza di Roussos per accorciare le distanze: dalla zona destra del campo, il giocatore greco effettua un tiro carico d'effetto che scende proprio sotto il secondo palo battendo imparabilmente il numero uno del Parma. Negli ultimissimi minuti ancora due emozioni. Sugli sviluppi della medesima azione, prima Coric compie un altro miracolo su Muratore, poi Blanco Moreno colpisce la sfera in semirovesciata mandandola di poco sopra la traversa. Nulla da fare per una Juventus che si è svegliata solo quando la partita era già compromessa.  

Letto 3009 volte Ultima modifica il Lunedì, 15 Dicembre 2014 02:20

Registrati o fai l'accesso e commenta