Martedì, 05 Marzo 2024
Domenica, 18 Giugno 2017 18:43

Le "Piccole" del S. Bernardo Luserna si fanno onore al cospetto dei "Maschietti" (T. Lucento - 2011)

Scritto da

Torino, 11/06/2017

 

In uno dei luoghi simbolo del calcio Torinese, dove da sempre il calcio è stato considerato uno sport per soli maschi, si è svolto un torneo dedicato ai più piccoli in assoluto, a quei ragazzini che durante questa stagione, per la prima volta, hanno iniziato a dare i primi calci ad una palla. Spesse volte nei loro calzoncini ci starebbero due di loro e le loro maglie sembrano delle vesti  che spesso sono da impaccio. Stiamo parlando dell'annata 2011, bambini di 5 e 6 anni, che quest'anno hanno militato nella categoria Primi Calci. La società del Lucento ha voluto onorare questa categoria con una festa proprio a loro dedicata, e questa volta non solo maschietti ma anche le più giovani calciatrici del calcio Torinese, la squadra del S. Bernardo Luserna, realtà del territorio Torinese che tra i suoi tesserati ha solo calciatrici e che partecipa a quasi tutte le categorie del calcio femminile e non, con la prima squadra che milita nella Serie B Femminile.

 

 

Oltre a loro ed oltre ai padroni di casa del Lucento, erano anche presenti le compagini del Collegno Paradiso, il Real Leinì, il Ragers Savonera, il Bacigalupo ed il Torino. Ebbene, con lo stupore di tutti i presenti, sia degli addetti ai lavori, che del pubblico sugli spalti, le giovani calciatrici del Luserna si sono date battaglia alla pari dei più titolati compagni maschili, mostrando sia una tecnica che una grinta che non hanno nulla da invidiare rispetto a quelle dei coetanei maschietti. Alla fine applausi e complimenti per tutti, ma soprattutto per quelle piccole calciatrici in erba per le quali adesso il calcio è solo un gioco, un modo magari per imitare i fratelli più grandi, ma che forse sognano un giorno di poter avere il loro spazio e la propria gloria in un mondo dove è molto difficile affermarsi e dove solo alcune grandi del passato sono riuscite nell'impresa.

 

La redazione                 

 

 

 

 

 

Letto 3515 volte

Registrati o fai l'accesso e commenta