Lunedì, 04 Marzo 2024
×

Attenzione

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 472

Domenica, 07 Maggio 2017 18:06

Alpignano di misura sul Lascaris supera il turno al Bellini (T. Lascaris - 2005)

Scritto da

PIANEZZA – Domenica, 7 maggio 2017.

 

In una gara equilibrata, controllata, tattica e prudente è sempre un episodio a fare la differenza ed in questo caso l’episodio ha sorriso ad un Alpignano che ha forse avuto il merito di crederci un po' di più nell’ultima frazione di gioco.

Mancano 2 minuti al triplice fischio e Di Matteo si incarica della battuta di una punizione da fuori area, il suo tiro è abbastanza forte e preciso ma non sembra irresistibile. Feraj non trattiene e la palla finisce in rete regalando a Crivat e compagni una vittoria tutto sommato meritata ma sofferta al cospetto di un Lascaris mai domo.

 

Nella prima frazione gli azzurri si presentano con Mattiello tra i pali, la coppia centrale formata da capitan Crivat e D’Introno, le ali Grisi (a destra) e Costa (a sinistra), Ciliberti frangiflutti davanti alla difesa e Antoniazzi a conforto delle due punte Di Matteo e Tucci.

Di contro i bianconeri di Mister Bongiovanni con Colamartino estremo difensore, Rio e Strada davanti a lui, Dino, Bongiovanni e Ballacchino a centrocampo e il tridente composto da Umilio a destra, Costa centrale e Cannizzaro a sinistra.

Le due squadre si temono e si rispettano, la posta in palio è alta e ne scaturisce pertanto una partita sostanzialmente accorta, equilibrata e tesa con poche occasioni da gol. Tucci e Di Matteo da una parte e Costa e Cannizzaro dall’altra sono ben arginati rispettivamente da Rio e Strada e da D’Introno, Crivat e Bonfiglio e anche a centrocampo, complice un terreno non proprio ottimale, la palla risulta difficile da controllare ed il gioco poco fluido.

Unica vera occasione quella che capita al 13’ sui piedi di Di Matteo che ben liberato al tiro dal compagno di reparto Tucci alza troppo la mira.

 

 

Nella seconda frazione la gara si accende un po' per poi tornare sui binari dell’equilibrio controllato. Le scaramucce arrivano su entrambi i fronti con due colpi di testa: subito è Amorosi (2’) a finalizzare una bella azione di prima che vede Tucci servire sulla corsa Petrillo, pronto a mettere un buon pallone a centro area e poi è Dino (5’) a replicare su centro di Mainardi ma se il tentativo del biondo ospite è di poco alto sulla traversa, quello del bianconero di casa costringe Casalegno ad una pregevole e plastica parata.

 

Nella frazione finale Grisi e compagni entrano in campo più convinti anche se dopo la bella azione personale in apertura (2’) che porta Tucci ad impegnare Colamartino dopo essersi liberato dell’assillante stretta di Rio con un sombrero, si tratta solo di una leggera predominanza territoriale. Anzi, al 9’ è Mattiello a salvare il risultato con una tempestiva uscita sui piedi di Dino lanciato a rete nell’unica occasione del tempo per i padroni di casa.

Sul finire il citato sigillo di Di Matteo che porta a 5 le reti personali nel Torneo e la sua squadra a superare il turno come prima del girone A.

 

Il prossimo fine settimana darà vita alla seconda fase del Torneo: tra sabato e domenica si affronteranno tutte le prime e seconde della fase eliminatoria divise in 2 gironi da cui salteranno fuori le relative vincitrici che affronteranno nel girone finale a 4 il Torino e la Juventus nell’ultimo week end del mese.

 

                                                                                                             Mario Gribaldo (Alpignano)            

 

LASCARIS  - ALPIGNANO:  0 – 1 (0 – 0), (0 – 0), (0 – 1)

 

MARCATORI – 13’ tt Di Matteo (A)

 

FORMAZIONE LASCARIS – 1) Colamartino, 2) Cella, 4) Strada, 6) Rio, 7) Umilio, 9) Costa, 10) Ballacchino, 11) Cannizzaro, 12) Feraj, 13) Cesano, 14) Dino, 15) Mainardi, 16) Bongiovanni.

All. Guido Bongiovanni

 

FORMAZIONE ALPIGNANO – 1) ) Mattiello 2) Grisi, 3) Costa, 4) Crivat (cap.), 5) D’Introno, 6) Ciliberti, 7) Di Matteo, 8) Antoniazzi, 9) Tucci, 10) Gribaldo, 11) Petrillo, 12) Casalegno, 13) Amorosi, 14) Liso, 15) Bonfiglio.

All. Mauro Fornasieri

Letto 2763 volte

Registrati o fai l'accesso e commenta