Venerdì, 21 Giugno 2024

37° Pulcino di Pasqua / Pulcini 2008 - Sul gradino più alto del podio il Lascaris, ma trionfa soprattutto il bel gioco

C'è un'immagine rappresentativa della giornata finale del 37esimo Pulcino di Pasqua per la categoria Pulcini 2008, ed è l'immagine del Lascaris a fine torneo, che dopo aver vinto ed esultato, si è raccolto in cerchio attorno al suo orgoglioso Responsabile della Scuola Calcio, che ha fatto i complimenti a tutti. Poi tutti insieme hanno gridato forte: "Chi siamo noi? Lascaris! Chi siamo noi? Lascaris!" e via sotto agli spalti per il saluto finale ai genitori e al numeroso pubblico. Nel frattempo, l'entusiasmo del duo tecnico Orlando-Rizzato si è tramutato in queste parole: «È meritata, abbiamo lavorato anche per questo. Ormai eravamo gli eterni secondi: secondi al Gran Galà, secondi al Superoscar. Era ora, è una bella soddisfazione».


Dall'altra parte, invece, c'è la delusione di una Sisport devastante nelle gare del mattino e altrettanto forte in quelle del pomeriggio, guidata da un Moca extralarge nella gestione del gioco, nel calciare le punizioni, nella facilità di tiro, ma anche di tutto il resto del team, di assoluto livello. Non basta però il gol di Bilanzone firmato con l'Alpignano per portare a casa il risultato finale, perché sempre con l'Alpignano, i lascarini Ferrara, capitan Cirri e Orlando ne fanno uno a testa, determinando abbastanza differenza reti da farsi bastare lo 0-0 nell'ultima sfida, quella decisiva.

Tra le menzioni speciali, oltre ai già citati Moca (Sisport) e Cirri (Lascaris), va segnalato Concarini del Bogliasco, con i suoi dribbling ubriacanti, la sicurezza di Ceraj, portiere dell'Alpignano, Castaldi, estermo difensore del Lascaris (almeno due ottimi interventi nella gara decisiva con la Sisport, ndr), Chiantia, unico gol del Cit Turin nel girone Argento, segnato con La Biellese nell'1-1 del primo match, e tanti altri. Il girone Argento è stato dominato da un grande equilibrio, con la Biellese che se l'è aggiudicato grazie alla vittoria 1-0 con l'Orizzonti. Stesso discorso per il girone di Bronzo, deciso solo dalla differenza reti, dopo una vittoria a testa per squadra: i liguri del Bogliasco hanno chiuso con un +4, il Vicus con un +1 e il Salice Fosano con un -3, complice la sconfitta 5-0 con il Bogliasco.

Il filo conduttore comunque è uno, e lo sottolinea bene l'organizzatore Valter Giachino: «Il Pulcino è sempre il Pulcino, ha il suo fascino. Quando si arriva in fondo il livello è altissimo e tutti ci tengono a vincerlo perché è tra i più storici tornei del Piemonte, e nonostante la voglia di portare a casa il risultato, ho avuto modo di vedere un bel livello di gioco e soprattutto un grandissimo Fair Play da parte di tutti». Un torneo, peraltro, con numeri importanti: 90 squadre partecipanti nella categoria 2008, 9 alla fase finale, oltre 300 partite giocate, 1400 ragazzi coinvolti e oltre 400 persone tra istruttori e dirigenti di società. Inoltre il pensiero va già al prossimo anno, con l'idea di allargare i campi base in Liguria, portandoli a due, ma prima di pensare al prossimo anno, non bisogna dimenticare l'appuntamento con il Memorial Rabitti di giovedì 25 aprile, dove le vincitrici delle varie categorie del Pulcino di Pasqua e la società organizzatrice Barcanova, incontreranno le professioniste Torino e Juventus.

Registrati o fai l'accesso e commenta