Sabato, 25 Giugno 2022
Venerdì, 17 Giugno 2022 16:52

Under 14 Regionali / Intervista - Secondo provino al Perugia per il centrocampista del Collegno Paradiso Francesco Tursi

Scritto da Samira Ben Zitoun

INTERVISTA - Una nuova occasione nel professionismo. Francesco Tursi, centrocampista dell’Under 14 del Collegno Paradiso rientra da Perugia dopo essere stato convocato per un secondo provino.
 


Secondo round al Perugia per il giovane centrocampista del Collegno Paradiso Francesco Tursi, che torna al Centro Sportivo Paolo Rossi su richiesta della società perugina per un nuovo provino, assieme ad altri diciotto talenti provenienti da tutta la Penisola.
Soddisfatto, ci racconta della sue bella esperienza e di quanto sia orgoglioso di questa nuova chiamata. 
“E' stata una grande giornata. Eravamo diciotto selezionati in tutto che hanno partecipato a questo secondo provino a Perugia. Appena siamo entrati in spogliatoio ci hanno assegnato dei posti, poi una volta cambiati siamo entrati in campo e ci hanno un po’ spiegato come si sarebbe svolto il tutto”.

Dopo l’ingresso in campo per Francesco arrivano sorprese. 
"La cosa che mi ha sorpreso di più è stata quando ci hanno detto che avremmo giocato con i 2008 del Perugia, là mi sono molto emozionato, perché ero felice di giocare contro una squadra professionista”.

Per quanto riguarda il provino “abbiamo fatto quattro tempi da quindici, ognuno si è diviso due tempi, in totale ho giocato mezz’ora di partita che però purtroppo noi abbiano perso 4-1. Nel primo parziale ho giocato nel mio ruolo di centrocampo, mentre nel secondo tempo mi hanno fatto avanzare più in attacco”.

Il centrocampista del Collegno Paradiso si mostra entusiasta di questo ritorno
“Quando ho saputo che sarei tornato a Perugia in quel bellissimo stadio ero contentissimo e a dirla tutta sinceramente non me lo aspettavo. È stata una bella sorpresa. Vedremo se mi richiameranno, non so come andrà perché non dicono niente, ma comunque vada sono felice perché è stata una grande giornata”.

Non può mancare il grazie di Francesco a suo papà, che lo ha accompagnato in questa seconda esperienza in terra umbra e che con lui condivide un grande sogno.

Registrati o fai l'accesso e commenta