Mercoledì, 28 Febbraio 2024

6^ GIORNATA - Le squadre qualificate ai regionali (70): Juve Domo, Vogonna, Città di Baveno, Gozzano, Accademia Borgomanero, Borgosesia, Bulè Bellinzago, RG Ticino, Diavoletti, Union Novara, Città di Cossato, Futurogiovani, Biellese, Aosta 511, Aygreville, Vda Charvensod, Quincitava, Junior Torrazza, Strambinese, Atletico CBL, Virtus Accademia, Pro Eureka, San Gallo Settimo, Volpiano Pianese, Borgaro Nobis, Lascaris, Pianezza, Alpignano, Rosta, Valle Susa, Venaus, Lucento, Barcanova, Spazio Talent Soccer, Cenisia, Cbs, Vanchiglia, Sisport, Beppe Viola, Pozzomaina, Beiborg, Bruinese, Chisola, Piossasco, Pinerolo, Cumiana, PSG, Nichelino Hesperia, Chieri, San Giacomo Chieri, Csf Carmagnola, Bra, Morevilla, Valle Varaita, Giovanile Centallo, Busca, Cuneo Olmo, Pedona, Monregale, Saviglianese, Albese, Alba, Asti, Canelli, Accademia Casale, Fulvius, Acqui, Don Bosco Alessandria, Derthona e Novese.


Si sono concluse le qualificazioni per il campionato regionale, molte squadre hanno dovuto aspettare l'ultima giornata per conoscere la loro prossima sorte. Tra queste c'è il Vogogna (girone 1) che ieri ha espugnato il Fomarco segnando tre reti nel secondo tempo di gioco: Cane, Tagliaferri e Giannaccini dal dischetto sono i marcatori protagonisti dei gol. A fare compagnia al Vogogna c'è anche il Gozzano (girone 2), che in casa sgancia un tris, ad opera di Iseppato (doppietta) e Fertiul, contro il Verbania a cui non basta il gol di Blaseotto. A fare compagnia al Città di Cossato nei regionali è ufficialmente il Futurogiovani Vilinensis (girone 6), che  pareggiando contro la testa di serie del suo girone si aggiudica la qualificazione. Vale lo stesso per l’Aygreville (girone 8), che con il pari al Saint Christophe messo a segno da Pellati nel secondo tempo di gioco ottiene il risultato tanto sperato.

Clamoroso nel girone 10, con tre squadre a pari punti: per la classifica avulsa, rimane fuori l'Ivrea (-1 di differenza reti), mentre passano ai regionali Junior Torrazza, grazie al 2-0 nello scontro diretto con gli orange, e Strambinese. A fare compagnia all’Atletico CBL è la Virtus Accademia (girone 11) che grazie ai gol di Campaner, Scaffardi in raddoppio, Mucci e Mondino si prende i regionali. Stesso risultato finale che ottiene il San Gallo (girone 12) che nonostante la sconfitta contro l’Autovip San Mauro si qualifica grazie al puù largo successo nella partita di andata, mentre la vincente di ieri andrà a giocarsi i provinciali.

Cade in casa la Mappanese contro un grande Borgaro Nobis (girone 13), per questi ragazzi sarà campionato regionale da vivere da protagonisti. Proprio come per il Pianezza (girone 14) che nonostante la sconfitta subita dalla capolista Lascaris passa grazie alla miglior differenza reti sul Caselle, arrivato a pari punti; i rossoneri hanno provato il tutto e per tutto domenica con il Venaria, ma rimangono con il rammarico di aver segnato qualche gol di meno. Ad infliggere la punizione al Rebaudengo è il Lucento che già qualificata facilita il lavoro al Barcanova (girone 17) che con il suo poker alla Torinese si qualifica per i regionali; a trovare la porta i giovanissimi Casetto, Alyan, Cosenza e Hegab. La goleada del Cenisia al Cit Turin sancisce il secondo verdetto del girone 18, qui i protagonisti sono Dalipi e Ferroni autori di una tripletta a testa e il poker di gol di Puccioni. Sono cinque i gol sul tabellino per il Pozzomaina (girone 21) che espugna il Barracuda staccandosi da quest’ultima in classifica ed aggiudicandosi il suo secondo posto a seguito del Beppe Viola. Nonostante i tanti gol per il Garino saranno provinciali, il punto di vantaggio che il Piossasco (girone 23) aveva acquisito nelle scorse giornate è stato fondamentale per la qualificazione, soprattutto dopo un’ultima giornata in sordina a causa di un arrembante Chisola. A seguire il forte Pinerolo come seconda classificata nel girone 24 è il Cumiana che festeggia dopo il poker in casa contro il Chisone. Fa festa anche il Bra (girone 27) che segnando sei reti si prende il +3 obbligando la Sammarinese ai provinciali.

Esce di scena dal campionato regionale il Valle Po, nonostante la parità di punti in classifica con il Valle Variata (girone 28), ma è quest’ultima ad assicurasi la qualifica grazie al derby che l’ha vista battere l’avversaria questa domenica con i marcatori Giogliotti, Luciano e Bonetto. Obbiettivo raggiunto anche per il Busca (girone 29), a cui basta il pari al San Benigno per spuntarla, a segno Rinaudo, Mujkic e Klarion due volte. A qualificarsi nel girone 33 è l’Alba che ferma in casa il Bandito grazie alla tripletta di Calligaris e alla rete di Vendramin. Ad aggiudicarsi il posto ambito nel girone 35 è la Fulvius che passa il turno battendo il Fortitudo in casa, mentre nel girone 36 a fare compagnia all’Acqui è il Don Bosco Alessandria, che nonostante la sconfitta si tiene stretto il vantaggio sulla Ovadese, fermata sul pareggio dall’Olimpia. Infine non delude il Derthona (girone 37) che all’ultima giornata sale in prima posizione scavalcando la Novese, già qualificata, grazie ad un match dominato in casa contro l’Arquatese che ha visto segnare ai bianconeri ben undici reti.

Le situazioni più emozionanti, nel bene e nel male, sono quelle che riguardano i due triangolari e le tre squadre eliminate nonostante il secondo posto. Quanti ai triangolari, a fare compagnia a Valle Susa e Sisport nei regionali è il Venaus che passa ai regionali grazie all'1-1 con il Valle di Susa, mentre esce di scena il Mirafiori, che beffato si deve accontentare dei provinciali. Le tre squadre, che nonostante abbiano ottenuto la seconda posizione, sono nel complesso le tre peggiori per quanto riguarda i punti accumulati sono il Sant'Albano, con i suoi soli sette punti nel girone 31; il Fossano, anch’esso con 7 punti nel girone 32 a pari merito con la Cheraschese (battuta 1-0 in uno scontro diretto che, di fatto, ha mandato entrambe le squadre ai provinciali) e il Ponderano, squadra che gareggiava nel girone 7, che ha ottenuto la peggior differenza reti tra le squadre che hanno chiuso con 8 punti in classifica.

 

INTERVISTA - Roberto Lacerenza dopo sette anni di Vanchiglia saluta il club per iniziare una nuova avventura. È la Varano Academy a chiamarlo affidandogli gli Allievi dell’under 16 militanti nel Campionato Provinciale. L’obbiettivo della stagione? Vincere il Campionato e salire ai Regionali.


Dopo 7 anni lascia il Vanchiglia come è arrivato a questa decisione?

“Semplicemente perchè sono stato contattato da Varano che mi ha proposto un progetto molto interessante per quanto riguarda i 2008, vogliono alzare il livello della loro società portando un’altra squadra ai Regionali e mi hanno offerto di allenare gli Allievi. Ho sposato il loro progetto ambizioso, la società vuole crescere sotto molti aspetti e ha scelto di affidarmi questo incarico. Io in passato al Vanchiglia ho svolto vari compiti partendo dalla dirigenza, segreteria oltre a fare da allenatore quindi ho un po’ di idee posso condividere per migliorare la struttura, anche se il Presidente del Dorina ci sta già pensando proponendo il progetto di ampliare i campi. È una società giovane ma che vuole diventare una società che conta. La scelta di cambiare aria rappresenta per me un nuovo stimolo che mi può dare qualcosa in più”.

 

“Ho passato tanti anni al Vanchiglia dove ho fatto il dirigente, la segreteria poi sono passato a fare il vice allenatore dei pulcini, dopodiché ho iniziato ad allenare i 2012 e i 2011, poi lo scorso anno ha allenato per sei mesi i 2008 all’epoca c’erano due gruppi, quest’anno invece ne è rimasto solo uno perché non c’erano le condizioni per gestire il tutto. I ragazzi un po’ più bravi esclusi da quel progetto li sto coinvolgendo in questo nuovo progetto per cercare di fare bene qui a Varano, tra l’altro ci troviamo a fianco alla sede del Vanchiglia”.

 

Cosa l’ha spinta a scegliere di allenare l’Under 16 del Dorina che gioca ai Provinciali ?

“Gli Allievi sono una categoria che volevo fare e che mi mancava, ho allenato sempre Giovanissimi e la maglia Allievi non l’ho mai allenata, ho guidato la Juniores del Collegno e mi mancava questa categoria, secondo me questi sono i due anni più belli del settore giovanile avendoli passati da calciatore”.

 

Quali obbiettivi si è posto insieme alla Società Varano nell’intraprendere questo nuovo cammino?

“Sicuramente provare a fare bene creando un bel gruppo, tentare di vincere il Campionato per poter accedere ai Regionali, se non quest’anno il prossimo, come hanno fatto i 2006. Se arriva qualche giocatore che sto cercando di portare potremmo provarci già quest’anno, il Campionato Provinciale è un po’ più semplice del Regionale. Comunque l’obbiettivo importante è quello di costruire una squadra di livello”.

 

Nella prossima stagione ai Provinciali, partite da favoriti?
“Non lo so ci proviamo. Le motivazioni cercherò di darle ai ragazzi e se mi seguono possiamo fare bene. Tu puoi fare la quadra che vuoi ma tanto è il campo che decide, se non ti impegni come si deve non vai da nessuna parte”.

 

Cosa si lascia alle spalle?

“Lascio una parte della mia vita perché comunque mi ha segnato come uomo e sportivo. Il Vanchiglia è un po come una malattia che ti prende e ti porta via. Sicuramente tutto quello che ho imparati lo devo a loro, ringrazio la famiglia De Gregorio per le opportunità che mi hanno dato in questi anni, accogliendomi come un figlio e accogliendo anche mio figlio, facendo crescere entrambi, sia sotto il profilo umano che sportivo, mi rimarrà nel cuore. Poi non si sa mai nella vita magari tra qualche anno…ora sposo questo nuovo progetto con molto piacere”.

 

 

 

 

INTERVISTA - a parlarci è il Mister Daniele Pilone reduce da un grande trionfo ottenuto in campo con la sua Pro Eureka. I ragazzi di Settimo si sono distinti durante tutta la stagione accumulando tante vittorie che li hanno condotti ad una finale difficile contro una forte avversaria come il Chisola. In finale la loro tenacia li ha premiati nominandoli Campioni della categoria Under 14. 


Prima stagione nel campionato Regionale per i suoi 2009 e si aggiudicano il titolo battendo il competitivo Chisola, come ci siete riusciti?
"Ci siamo riusciti grazie al fatto che siamo una squadra vera, un gruppo di amici prima di tutto. Questo fa la differenza nei momenti in cui c’è da tirare fuori quel quid in più che ti permette di vincere la gara o di soffrire senza riuscire a perderla. Questa sicuramente è stata la base su cui abbiamo fondato tutto il percorso e ci ha premiato portando i ragazzi fino alla conquista del titolo". 


Gol all’8’minuto del primo tempo di gioco, Segretario eroe di giornata?
"Gli eroi veri sono i ragazzi che hanno avuto meno possibilità di giocare durante l’anno ma che hanno sostenuto i compagni in campo sempre, senza mai lamentarsi, allenandosi sempre costantemente al 100% e facendosi trovare pronti quando chiamati in causa. Queste sono le situazioni che permettono al gruppo di poter lavorare serenamente durante l’anno senza avere tensioni e quindi di poter puntare al miglior risultato possibile, come poi è stato".

 

Che percorso è stato per tutti voi?
"È stato un incredibile percorso di crescita sotto tanti punti di vista ma soprattutto dal punto di vista della maturità. Durante la pausa invernale abbiamo capito tutti insieme che avremmo potuto ambire a qualcosa di importante e da quel momento in poi ci siamo allenati in funzione sia di migliorare noi stessi, che di performare al meglio possibile nel week-end. Questo ci ha portato a fare 12 vittorie consecutive nel girone di ritorno con prestazioni più che convincenti e sempre in crescita".

 


Qual è il bilancio a fine stagione?
"Ovviamente il più positivo possibile, adesso ci renderemo conto piano piano, senza troppa fretta, di ciò che i ragazzi hanno fatto, ci stiamo godendo il momento. Finiremo la stagione in tranquillità ma non vediamo l’ora di cominciare la prossima".

 

Il segreto di questo gruppo vincente?
"Esistono diversi segreti che hanno contribuito al successo. Innanzitutto, come ho menzionato in precedenza, il nostro gruppo è più di una squadra: siamo una famiglia. Questo legame speciale ci dà un grande vantaggio. Inoltre, abbiamo la fortuna di allenarci e giocare senza alcuna pressione da parte della società, il che ci permette di lavorare in un'atmosfera di assoluta serenità. Questo risultato è possibile grazie all'input prezioso del presidente Pollastrini e dei direttori sportivi Marco Miele, Raffaele Dragone e Vincenzo Gaudio Pucci, che hanno creato un contesto sia altamente competitivo che familiare allo stesso tempo".

 


Quale è stato il momento, durante l’arco della stagione, in cui ha creduto che avreste potuto vincere il titolo?
"Il momento in cui ho realizzato che si sarebbe potuto compiere qualcosa di importante è stato il 28 Marzo, purtroppo è venuto a mancare il papà di Mister Gagliano, mio stretto collaboratore con Stefano Pioli, Francesco Maldera e Simone Crisafi, e tutto il gruppo squadra ha deciso che il giorno del rosario avremmo interrotto l’allenamento un’ora prima per presenziare. È stato un momento toccante in cui tutti e i 22 ragazzi hanno partecipato in maniera sentita, educata e rispettosa; in quel momento ho capito che questi ragazzi hanno qualcosa di speciale". 

 


Cosa vorrebbe dire ora ai suoi ragazzi?
"Ai ragazzi ho detto che la parte più difficile dopo la vittoria è mantenere il livello dell’asticella tanto alto visto lo status acquisito. È difficilissimo perché ne vince sempre solo una ma sicuramente da settembre saremo in prima fila per provare nuovamente l’impresa"

 

 

 

 

INTERVISTA - quest’oggi a parlare è Davide Domizzi che alla guida del suo Alpignano si gioca i quarti di finale dopo aver ottenuto un grande successo ai gironi trovando tre vittorie contro squadre del calibro di Sparta Novara, Lucento e Gozzano.


 

Com’è l’umore della squadra, dopo aver ottenuto un primo posto nel quadrangolare, battendo squadre di livello?
“Ci siamo presentati alle fasi finali da quarti in classifica, l’obbiettivo minimo di stagione era arrivare alle fasi finali, poi abbiamo giocato questo girone da outsider, perché giocavi contro prima e seconda classificata del girone, Sparta Novara e Gozzano che non hanno vinto solo per la classifica avulsa arrivando a pari punti contro il Volpiano. Queste partite cha abbiamo affrontato non le prepari in maniera particolare soprattutto per l’età che hanno i ragazzi, non sono una prima squadra, devi tenere l’umore alto e cercare di fare l’allenamento ancora più coinvolgente anche perché sei a fine stagione e c’è un po di stanchezza, cerchi di rendere tutto il più divertente possibile, per me così si affrontano queste sfide.”

 

 

Come vi state preparando per il match di domenica conto la Pro Eureka?
“La Pro Eureka è sicuramente una squadra forte, lo ha dimostrato più volte quest’anno, la prima partita dei Super Oscar l’abbiamo persa, poi nelle due partite di campionato all’andata abbiamo vinto noi e al ritorno loro a casa nostra, meritando molto la vittoria. È una partita molto difficile contro un’avversario molto forte secondo me, non la stiamo preparando in modo particolare, stiamo cercando di prepararci bene per essere pronti fisicamente, nel complesso stiamo seguendo lo schema e il percorso delle sedute durante l’anno magari mettendoci qualche attività di gioco e momenti di condivisione in più perché secondo me in queste partite conta soprattutto il gruppo, l’amalgama, la condizione e l’aspetto tecnico”.

 

Ci sono nella tua squadra delle individualità importanti che possono fare la differenza domenica essendo una partita secca?
“Siamo un gruppo abbastanza umorale, i primi avversari di noi stessi siamo noi perché alterniamo prestazioni molto positive a prestazioni meno belle. Un nome non riuscirei a fartelo perché a fare la differenza potrebbe essere chiunque, una cosa che vogliamo fare sicuramente e che abbiamo fatto tutto l’anno è quella di far partecipare tutti, ne è prova il fatto che abbiamo fatto entrare in campo ventitré ragazzi nelle prime tre partite, cerchiamo di far si che tutti si sentano parte integrante di questo progetto. Domenica chiunque potrebbe essere protagonista”.

25^ GIORNATA - Il penultimo anticipo della stagione vede in campo solamente tre squadre di gironi diversi. A trionfare il Quincitava sull'Olympic Collegno, il Cumiana sul Pedona e la Cbs, che rifila 3 gol al Don Bosco Alessandria e aggancia l'Asti al quarto posto


GIRONE B

QUINCINETTO TAVAGNASCO-OLYMPIC COLLEGNO 2-0
RETI: pt 3' Clemente, st 25' Correa 

 

GIRONE C

CUMIANA-PEDONA 2-1
RETI: st 9' D'Agostino (C), 20' Serale (P), 25' Mitarotonda (C)

 

GIRONE D

CBS-DON BOSCO ALESSANDRIA 3-0
RETI: pt 5' Miceli, st 5' Miceli, 8' Trezza 

 

 

 

 

24^ GIORNATA - Nuovi verdetti. Corsa aperta nel girone A, certezze nel girone B, battaglia al quarto posto nel girone C, Derthona Campione nel girone D.


GIRONE A

Nulla di certo nel girone A dove a due giornate dalle fine la corsa ai quattro posti è ancora aperta. È chiaro che Volpiano pianese e Sparta Novara si tengono stretti il loro vantaggio di +3 sulle seconde Gozzano e Bulè Bellinzago che a loro volta consolidano il loro vantaggio di un solo punto sul Città di Baveno e sul Gassinosanraffaele. Nel weekend non sbaglia lo Sparta Novara che espugna la penultima in classifica con le reti di Fonzo, Chieregato e Lopez, intanto è meno il convincente il Volpiano che a casa si deve accontentare di un pareggio regalato dall’Accademmia Borgomanero che dopo aver conservato il vantaggio sfonda la propria porta trovando un autogol. Un’occasione persa anche quella del Bulè, sconfitto dalla Juventus Domo, che con Samà e Comazzi vince lottando sul campo. Nel frattempo finisce in parità tra Gozzano e Città di Baveno, una partita combattuta da entrambi le parti conclusa con un 3-3, a trovare la porta per i rosso blu Nicolosi, Bonetti e D’amico. A concretizzare nel fine settimana è anche il Verbania che trova cinque gol contro la Biellese e il Gassino che in lotta per agguantare un quarto posto batte la Ticinese grazie ai gol di Di Parigi, Belfiore, Alvaro e Lattarulo. Infine pareggiano Diavoletti e Omegna, Colombo e Zarattini trovano la porta e regalano un punto ciascuna, se per l’Omegna è certezza play-out, il Diavoletti ha ancora due occasioni per provare a evitarli con la consapevolezza che chi ha davanti deve sbagliare.

VERDETTI A 2 GIORNATE DALLA FINE

  • Fasi finali (prime 4 classificate): Volpiano Pianese 47, Sparta Novara 47, Gozzano 44, Bulè Bellinzago 44, Città di Baveno 43, Gassinosanraffele 43
  • Playout (ultime 3 classificate): RG Ticino 26, Diavoletti Calcio 21, Oleggio 12, Omegna 4

 

GIRONE B

Lucento, Lascaris, Pro Eureka e Alpignano volano alle fasi finali, tutte e quattro escono dal fine settimana trovando una vittoria. Schiacciante è il risultato che la Pro Eureka si riserva contro il Venaria Reale, sono dieci i gol del vantaggio, non sbaglia nemmeno il Lascaris che ne fa tre al Paradiso Collegno, a segno Tosku, Benevento e Marengo. Tris anche per il Lucento contro il VDA Charvensod, che alla guida del girone vince confermandosi Campione del girone B. Intanto ne fa cinque l’Alpigiano contro una Virtus Mercadante che vola ai play-out, a decidere il match Dello Russo, Maccioni, Greco, Dellavalle e Sansica. A trionfare nel weekend è anche il Borgaro Nobis sul Vallorco mentre finisce in parità tra Strambinese e Quincitava, Tenca e Pallante segnano in casa mentre per gli ospiti è la doppietta di Correa a portare un punto a casa. A pareggiare sono anche l’Olympic Collegno e Ciriè Calcio con Maselli e Ferranti autori dei gol.

VERDETTI A 2 GIORNATE DALLA FINE

  • Fasi finali (prime 4 classificate): Lucento 62, Lascaris 61, Pro Eureka 61, Alpinano 56
  • Playout (ultime 3 classificate): Virtus Mercadante 13, Venaria Reale 8, Vallorco 1

 

GIRONE C

Il Chisola è Campione del girone, Pinerolo e Fossano, volano alle fasi finali. Sono dodici i gol che i Campioni si riservano per un Bra che vola ai play-out, mentre al Pinerolo basta una vittoria di corto muso contro il  Nichelino Hesperia, a decidere il match Calizia. A festeggiare è anche il Fossano, che con sei gol batte il Cumiana, Giletta, Racca, Bruna, Boubker e Arlorio con la sua doppietta. A trovare il tris è il Cuneo olmo sul Grugliasco, che dovrà concludere la stagione con un punteggio positivo se vuole rimanere in quarta posizione. Intanto l’Alba Cacio espugna la Saviglianese a decidere la partita Sottimano, Gervasoni e Negro. Grande occasione per la Giovanile Centallo che con un gol di vantaggio batte il Pedona e procede a -1 dal Cuneo Olmo. Infine il Saluzzo vince e batte il Salice con il gol di Moriqi al 20’ del secondo tempo di gioco.

VERDETTI A 2 GIORNATE DALLA FINE

  • Fasi finali (prime 4 classificate): Chisola 67, Pinerolo 66, Fossano 53, Cuneo Olmo 47, Giovanile Centallo 46
  • Playout (ultime 3 classificate): Salice 7, Bra 7, Saluzzo 6

 

GIRONE D

Il Derthona è Campione. Merito della bella vittoria contro il Casale, con Reda e Miotti e le loro doppiette e la rete di Pujda. I bianco neri al momento sono gli unici a festeggiare in attesa dei prossimi verdetti, intanto è concreta la vittoria della Sisport che con De Angelis e Ragagnin fissano lo 0-2, stesso punteggio che realizza il Chieri sul Pozzomaina, con a segno Roncarolo e Tamoud. La partita di giornata finisce con un Asti trionfante sul Vanchiglia, che sette volte sfonda la porta avversaria godendosi una bella quarta posizione, mentre per i granata un finale di stagione difficile che li vede scendere clamorosamente in classifica in sesta posizione. A giocarsi un quarto posto è la CBS, che con Lapegna, Buffon e Saviotti batte il Psg, a trovare punti è anche l’SCA Asti sul San Giacomo Chieri, per la squadra  astigiana servono sue vittoria per salvarsi ed evitare i play-out. Infine nel sabato il Mirafiori vince e batte l’Acqui con la rete di Ferretti nei primi minuti di gioco.

VERDETTI A 2 GIORNATE DALLA FINE

  • Fasi finali (prime 4 classificate): Derthona 58, Sisport 56, Chieri 55, Asti 54, CBS 51
  • Playout (ultime 3 classificate): Casale 18, SCA Asti 18, Pozzomaina 9, PSG 1

UNDER 14 REGIONALI - Arriva l'ufficialità del ritorno del Mister Davide Vitelli sulla panchina del Volpiano Pianese  a confermarlo la Società stessa tramite un comunicato. Il rientro avviene dopo quattro mesi di assenza a causa di motivi lavorativi personali. Oggi dopo undici giornate il Mister ritrova una squadra competitiva che in questi primi tre mesi di Campionato è riuscita a crescere con costanza, merito del buon lavoro conseguito dal sostituto Davide De Letteriis che da ora potrà tornare a dedicarsi ai ragazzi della Scuola Calcio.

 

"Il G.S.D. Volpiano è lieto di comunicare il ritorno di Davide Vitelli alla guida degli Under 14 che in Agosto, dopo il ritiro di Bardonecchia, ha dovuto lasciare per motivi lavorativi. Il mister riabbraccia i suoi ragazzi che dopo 11 partite di campionato sono quarti in classifica, posto che garantirebbe l’accesso alle fasi finali; merito dell’ottimo lavoro svolto dal DT Davide De Letteriis al quale era stata affidata protempore la squadra e ora potrà tornare a dedicarsi pienamente della Scuola Calcio". 

La Società. 

11 ^ GIORNATA - il punto su questa nuova giornata in cui vanno a ridisegnarsi le classifiche dei gironi, che si confermano sempre più corte.


 

GIRONE A

In testa al girone a + 4 dalla seconda Sparta Novara c’è ancora il Bulè Bellinzago, che con costanza e solidità ribalta una partita con punteggio iniziale favorevole alla Juventus Domo grazie al vantaggio ottenuto da una ribattuta a seguito di un rigore parato. A seguire nel secondo tempo sale la squadra del Mister Galli che la decide con Stangalini, Mucchietto e Forzatti. La doppietta di Chieragato e il gol di Lopez sono i protagonisti del duello tra Sparta Novara e Oleggio, per i bianchi di Novara punti assicurati contro la penultima in classifica. Di forza e personalità il Gozzano espugna il Città di Baveno, nonostante l’autogol concesso all’avversario trova il 3-4 grazie alla bellissima tripletta di Summa rifinita dalla rete di Bogogna, per i rosso blu punti decisivi in una classifica corta che li vede scalare in una terza posizione ad un passo dalla seconda Sparta.

 

A marcare questo gruppo a soli -3 punti troviamo le Volpi, che con grinta vincono a casa dell’Accademia Borgomanero grazie ai gol di Baudin, Dottrino e la doppietta siglata da Pani, per il Volpiano Pianese una rimonta vera e propria guardando alle prime giornate, che oggi gli consente di giocarsela fino in fondo come una squadra vincente. A trascinare l’Accademia, nonostante la sconfitta, sono i gol di Bodbariuk che in questa 11^ giornata trova una tripletta che fa sperare ma che non basta per ottenere punti. L’unico anticipo del sabato regala un punto a ciascuna della squadre, un pareggio amaro per un Verbania reduce da due sconfitte consecutive non molto rassicuranti, per l’avversaria Biellese invece un punto motivante che dona un ottava posizione. La partita più sorprendente vede la Ticinese battere il Gassino, a deciderla la rete di Chirighetti che con personalità trascina un gruppo in costante crescita, che di giornata in giornata garantisce ottime prestazioni contro avversarie sulla carta più forti. Infine ad avere la meglio nel duello di bassa classifica è il Diavoletti Calcio che con un tris di gol ad opera di Prato e di Panipucci espugna l’Omegna.

 

 

 

GIRONE B

Tra gli anticipi di questa giornata un grande Ciriè Calcio vince di corto muso contro il competitivo Olympic Collegno grazie al gol di Decostanzo, per i nero azzurri sono nove i punti in classifica che gli permettono di salire in undicesima posizione al pari della Strambinese. Sono sette le squadre in un undici punti, tra queste in quarta staziona l’Alpignano, che nel sabato trionfa sul Marcadante con una prestazione di forza, sono cinque i gol messi a segno da Miceli, Greco che raddoppia, Chiechio e Dellavalle contro una Virtus che ci prova trovando la porta due volte con Momo e Simone, ma che successivamente dovrà arrendersi. Nell’altro anticipo di giornata la solida Pro Eureka vince in casa contro il Venaria Reale, con Cinti e la garanzia Trovato che centrano la porta avversaria e permettono al gruppo di marcare con costanza il Lascaris che staziona a + 4.

 

Bianco neri che ancora si confermano vincenti e avanzano grazie alla vittoria contro il Paradiso Collegno, a splendere in campo tra i ragazzi del del Mister Grungo il giovane Zamboni autore di una tripletta a seguire Persiano e Cruto riferiscono. Che Lucento, non ne sbaglia una e incassa il costante + 3 sul Lascaris, punti difficili ottenuti contro il forte VDA Charvensod che non possono fare altro che mettere in risalto il bel lavoro portato a termine dai ragazzi del Mister Commisso. Borgaro Nobis da sette come i gol piazzati all’ultima Vallorco che con fatica inizia a fare i conti con una classifica amara, a brillare tra i ragazzi del Borgaro il giovanissimo Pucci autore di quattro gol, dopodiché Molinari, Quaglieri, Polino fissano il punteggio. Cade la Strambinese contro il Quincinetto Tavagnasco che con Aresti ottiene tre punti e sale in ottava posizione a - 2 dall’Olympic Collegno.

 

 

 

GIORNE C

Un Chisola devastante distrugge il Bra con un punteggio record di stagione di ben tredici gol, tra questi anche due autoreti ad opera del Bra. Punti che facilitano la corsa del forte Chisola che nonostante la grandissima partita dovrà guardarsi bene le spalle dal secondo Pinerolo, a soli tre punti di distanza. Per i ragazzi di Iaccarino punti importati contro un Nichelino Hesperia che sa difendersi e che ci prova con il raddoppio di Boenzi ma Buzzi, Ponticelli e i due gol di Calizia nel secondo tempo decidono la partita. In terza posizione di classifica si consolida la posizione dell’Alba Calcio che con una grande prestazione batte la Saviglianese a casa in un 3-1 guidato da Bozhinov che trova il vantaggio nel primo tempo, dopodiché rifinisco nel secondo Sottimano e Martini.

 

Occasione sprecata per il Fossano che si stacca di qualche punto delle prime tre a causa del pareggio ottenuto in casa del Cumiana, una partita deludente nel quale nessuna delle due squadre riesce a sfondare la porta. A consolidare il suo quinto posto in una classifica decisamente molto corta è il Cuneo Olmo che cala il tris a casa della BSR Grugliasco con Boaglio e Necula che decidono la partita. Gran lavoro svolto dalla Giovanile Centallo che stravince con un 6-0 sul Pedona Borgo, nel primo tempo sono due le reti del vantaggio realizzate da Samaritano e Muratore, poi nella seconda parte di gioco arriva il gol di Grosso, torna in porta ben due volte Samaritano e rifinisce ancora Muratore. Infine finisce con un pareggio tra Salice e Saluzzo, a segno Alessandria e Sacchetto.

 

 

GIRONE D

Il Derthona vince a casa del Casale e si prende di forza la vetta del girone, salendo a pari punti di un Vanchiglia che pareggia con il forte Asti. È il giovane Tolomeo a prendersi la scena nella domenica pomeriggio, sono suoi i gol che permettono al Derthona di scalare la cima. A pari punti in seconda per differenza reti scende il Vanchiglia che in casa si ritrova a lottare con il forte Asti, una partita che termina con un 2-2, a segno i bianco neri nella prima parte di gioco con il raddoppio di Lupo, nel secondo tempo scende in campo l’Asti e ribalta il risultato grazie ai gol di Petkov e Cavazza. Ad un solo punto di distanza dalle prime due troviamo la Sisport che in casa vince contro il Don Bosco Alessandria grazie a Ragagnin capocannoniere dell’Under 14 e Patella.

 

Con personalità il Chieri batte il Pozzomaina rimanendo in una bella quinta posizione, quinta come i gol che si riserva in questa giornata, messi a segno da Canova (due reti), Caradonna, Roncarolo e Marasco. Ad ottenere lo stesso punteggio di 5-0 è la CBS che con grinta batte il PSG, in porta Miceli, Monterosso, Macagnone, Lorent e Iannacore. A -1 da quest’ultima si consolida la posizione di un Mirafiori che vince in casa dell’Acqui, con Mainero e il bomber Boldrino, non manca neanche quest’oggi la risposta da parte di Ez Raid che trova sempre la porta avversaria nonostante la sconfitta. Intanto cade l’SCA Asti in casa conto il San Giacomo Chieri, merito del duo Isufaj e Schito che hanno la meglio su Otranto.

 

 

IL PUNTO - Olivari, portiere della squadra di Alice Castello, non ha ancora subito reti dall'inizio del campionato. Nei 2001 i bianconrossi conquistano la vetta approfittando del turno di riposo del Casale