Mercoledì, 19 Giugno 2024

Elezioni LND Piemonte e Valle d'Aosta: il programma del presidente uscente Christian Mossino

Domenica 10 gennaio 2021 è convocata l’assemblea elettiva del comitato regionale LND Piemonte e Valle d'Aosta: i due candidati alla presidenza sono Christian Mossino e Filippo Gliozzi. Ecco il programma del presidente uscente, che intanto ha ufficializzato anche la sua squadra. Candidati consiglieri: Gianni Baldin, Elisa Candido, Enrico Giacca, Gianni Ventura, Cosimo Agnino, Eudo Giachetti, Agostino Guarnieri e Mauro Foschia. Candidati assembleari: Davide Amenta, Simone Barison, Giovanni Comel, Gianluca Costa, Felice Marmo, Davide Mila, Paolo Montone, Luciano Mortara e Fabrizio Pieroni.


PROGRAMMA di POLITICA SPORTIVA GRUPPO MOSSINO - QUADRIENNIO 2021-2024

“Christian Mossino, con le Società per le Società:  il momento delle scelte”  

  

“È il momento delle scelte, della chiarezza e della coesione. Il 10 gennaio 2021 si  vota per il rinnovo delle cariche direttive del Comitato Regionale Piemonte Valle  d’Aosta della F.I.G.C. - L.N.D. 

Tale prossimità impone a tutti di assumere le proprie decisioni in coerenza con  la propria storia e le proprie convinzioni. E’ il momento delle scelte, della  chiarezza e della coesione.  

Quando nel 2016 ho scelto di candidarmi alla carica di Presidente del Comitato  Regionale l’ho fatto prendendo atto dell’ostruzionismo di una gestione miope e  strumentale che si è rifiutata di guardare al futuro svincolandosi da personalismi,  ho promesso di seguire un percorso di rinnovamento, proponendomi con  chiarezza e determinazione ma soprattutto con spirito costruttivo per generare  una risposta concreta e coesa, scevra da condizionamenti personalistici,  garantendo un puro spirito di servizio, il mio e del Consiglio Direttivo.  

Ritengo che questi aspetti fondamentali siano stati rispettati; abbiamo  completato il progetto di ottimizzazione delle risorse, sia economiche che umane  e strutturali. Ora occorre proseguire in direzioni diverse, quelle del miglioramento  dei servizi alle associate. Il mio unico intento è quello di continuare a sostenere  il movimento con scelte oculate, di sistema e di razionalizzazione e  implementazione delle attività sportive, sia agonistiche che formative.  

Il nuovo programma di lavoro terrà conto principalmente di questi aspetti, con  un incedere di ampia condivisione di tutte le componenti, a partire dalle Società  ed Associazioni Sportive che rappresentano il pilastro portante del nostro  movimento. La mia ricandidatura tiene strettamente conto di queste motivazioni  e questo sarà il mio impegno, che come sempre sarà caratterizzato dalla ferma  volontà di agire nel rispetto di tutti e con salvaguardia dei bisogni di ciascuno” 

Christian Mossino

 

1. Bilancio Sociale – un dovere verso le Società  

Per la prima volta nella sua storia il Comitato Regionale ha realizzato il Bilancio  Sociale, unico Comitato in tutta Italia, in collaborazione con l’Università di  Torino ed ottenendo la certificazione dell’Ordine dei Commercialisti. Un fiore  all’occhiello. 

Il Bilancio Sociale è strumento di rendicontazione delle responsabilità, dei  comportamenti e dei risultati sociali, ambientali ed economici delle attività  svolte da un’organizzazione. Serve a dare un’informativa strutturata e puntuale  a tutti i soggetti interessati, non ottenibile a mezzo della sola informazione  economica contenuta nel rendiconto annuale. In parole povere: serve ad informare e “dare conto” a tutte le persone che  hanno a che fare con il Comitato Regionale Piemonte Valle D’Aosta, o che sono  interessate per altri motivi, sulle strategie ed i comportamenti adottati dal  Comitato per raggiungere le finalità statutarie, sui risultati raggiunti e  sull’eventuale ricaduta benefica per la collettività in generale. 

Risponde sostanzialmente alle seguenti domande: 

  • perché è stata fatta quella attività? 
  • quali risultati sono stati ottenuti per risolvere quei determinati bisogni? • come è stata svolta quella attività? 

L’elenco delle organizzazioni obbligate a redigere il bilancio sociale è stato aggiornato dal Codice del Terzo Settore e sono: 

  • gli Enti del Terzo Settore (ETS) diversi dalle imprese sociali, qualora  abbiano ricavi o entrate superiori a un milione di euro annuo; • tutte le imprese sociali, ivi comprese le cooperative sociali e i loro  consorzi, indipendentemente dalla dimensione economica. I gruppi di  imprese sociali sono tenuti a redigere il bilancio sociale in forma  consolidata, cioè evidenziando gli esiti sociali di ciascun singolo ente,  nonché del gruppo nel suo complesso; 
  • i Centri di Servizio per il Volontariato, indipendentemente dalla loro  dimensione economica.

Di fatto il Bilancio Sociale è uno strumento utile a: 

  • misurare i risultati ottenuti e a presentarli sia ai propri soci che al mondo  esterno (beneficiari, utenti, enti pubblici, cittadinanza, ecc.); 
  • contribuire ad una gestione più efficace e coerente con le finalità  statutarie; 
  • partecipare a bandi o richiedere contributi pubblici. 

Deve saper anche dichiarare anche gli aspetti negativi per dare modo al gruppo  dirigente di focalizzare le criticità e mettere in atto azioni di miglioramento. Il bilancio sociale è a tutti gli effetti un documento ufficiale e va conservato  con cura. 

Anche per questo è opportuno che il Comitato Regionale segua per il futuro il seguente iter di lavoro: 

  • mandato iniziale da parte degli organi sociali dell’ente; 
  • costituzione di un gruppo di lavoro appositamente incaricato alla  redazione del documento; 
  • presentazione e approvazione del bilancio sociale all’interno degli  organi sociali; 
  • presentazione e diffusione all’esterno del documento; 
  • analisi interna dei risultati e definizione delle azioni di miglioramento. 

Abbiamo realizzato uno strumento utile per la valutazione e il controllo dei  risultati conseguiti e che può quindi contribuire ad una gestione più efficace e  coerente con i valori e la missione. Sarà nostra cura proseguire in questa  direzione, migliorando e perfezionando la cura dedicata al progetto. 

 

2. Gestione delle risorse economiche  

L’oculata gestione delle risorse economiche e la politica della razionalizzazione  dei costi adottata nel corso del precedente quadriennio ha consentito di  intervenire strutturalmente nel grave momento di difficoltà determinato dalla pandemia da virus Covid-19 distribuendo a tutte le Società oltre 400 milioni di  euro sotto forma di contributi a fondo perduto; stesso importo è stato  riconosciuto alle Società piemontesi e valdostane dalla Lega Nazionale  Dilettanti. Nel corso del nostro mandato abbiamo, in ogni stagione sportiva, distribuito per ciascuna mediamente 90 mila euro sempre come contributi a  sostegno e salvaguardia del movimento calcistico delle nostre due Regioni.  

L’attenzione prestata alla gestione amministrativa e il lavoro capillare svolto dal  Consiglio Direttivo e dai Dirigenti delle nostre Delegazioni Provinciali ha  consentito di aumentare il numero delle Società iscritte ai vari campionati,  unico Comitato Regionale in Italia ad aver ottenuto questo risultato in un  momento di crisi anche economica che ha generato nel resto d’Italia il  decremento, in alcuni casi anche importante, di affiliate. 

Continueremo in questo percorso, rivelatosi vincente e propedeutico alla vita  associativa delle nostre affiliate, apportando alcuni accorgimenti quali  l’investimento di una parte delle risorse in servizi alle Associazioni Sportive del  territorio, senza però far mancare le necessarie sussistenze alle associate. 

 

3. Assistenza alle Società sul territorio  

Nel nuovo programma prevediamo l’apertura di uno “sportello di assistenza” in  tutte le Province, dove professionisti delle materie fiscali, giuridiche e della  medicina saranno a disposizione delle Società gratuitamente. Ciò in quanto  sempre più le incombenze in tali settori diventano problematiche e talvolta di  difficile gestione. Lo sportello sarà utilizzato anche nella gestione dei rapporti  con gli Enti territoriali per favorire i rapporti con gli stessi nell’ottica di  migliorare le convenzioni e le concessioni degli impianti sportivi e favorire la  fruizione delle risorse comunali e regionali. 

L’introduzione dello sportello di assistenza garantisce la giusta assistenza  soprattutto alle piccole Società che non hanno una struttura organizzativa e  dirigenziale che garantisce l’assolvimento di tutte le incombenze, ma  soprattutto consente loro di poter fruire delle opportunità che spesso non  vengono utilizzate. 

 

4. Marketing e Comunicazione integrata  

E’ stato un obiettivo già realizzato con l’apertura di un ufficio apposito  utilizzando risorse umane qualificate. Abbiamo aperto nuovi canali di  comunicazione, sbarcando sui social network raccogliendo numeri davvero straordinari. Ma dobbiamo persistere nel lavorare in questo progetto per garantire un miglioramento continuo nel servizio della comunicazione verso le nostre associate per essere in perenne contatto con la nostra utenza, chiarendo  sempre ogni dubbio e perplessità su qualsiasi argomento, generando  autorevolezza e al tempo stesso portando allo stesso livello le nostre associate,  perché ogni gruppo associativo, ogni tesserato deve sentirsi alla pari ed inserito  correttamente nel sistema calcistico regionale. 

Occorre rafforzare i contenuti rendendoli virali: un Sodalizio soddisfatto  svolgerà anche un lavoro condiviso replicando i contenuti di qualità e in questo  modo alzando il livello di informazione e di preparazione dell’intero  movimento. Quindi maggiore coinvolgimento nell’ambito di un progetto più  ampio. Sarà cura del Comitato Regionale nel prossimo quadriennio individuare forme  di marketing strategico per l’organizzazione di eventi, sia del Comitato  Regionale che delle Società ad esso affiliate. 

 

5. Campionati dilettantistici  

Occorre proseguire nella direzione della ottimizzazione e della armonizzazione  delle varie categorie, continuando a garantire il graduale aumento delle Società sul territorio per poter completare il progetto cosiddetto “piramidale” che deve  portare ad un numero di squadre e di gironi per categoria che garantisca un assetto solido e stabile. Non occorre aumentare numericamente le squadre  nelle categorie di vertice per poi depauperare quelle che compongono la base,  come purtroppo avvenuto sino al 2016. Questo sistema lo abbiamo scardinato  sin da subito e continueremo a garantire la giusta evoluzione del progetto. Ricercare “Title Sponsor” per alcuni campionati organizzati dal Comitato  Regionale e favorire la realizzazione di dirette Facebook a rotazione in tutte le  categorie regionali e provinciali in stretta collaborazione con le Società interessate, senza alcun obbligo. 

Relativamente all’obbligo di utilizzo dei giovani calciatori occorre rivedere il percorso e riformulare con attenzione e maggiore approfondimento della  tematica una proposta adeguata e strutturata, che possa garantire la  formulazione di una normativa che sia coerente con le prospettive future e  meno penalizzante nei confronti di quelle Società che non possiedono settori  giovanili di un certo livello; per la fattispecie già a partire dal mese di gennaio 2020 e fino alla conclusione della stagione in corso verranno realizzate riunioni di zona con le Società per un fondamentale coinvolgimento delle stesse in una  decisione che sarà garante per il prossimo quadriennio. 

 

6. Campionati giovanili  

Abbiamo assistito nelle gestioni passate alla sperimentazione di vari format dei campionati, li abbiamo ricondotti in un contesto voluto dal Settore Giovanile e  Scolastico Nazionale. Ora dobbiamo formulare le nostre proposte, quelle delle  nostre associate, ai superiori Organi della F.I.G.C.. 

Per rispetto dei Presidenti di Società e dei loro dirigenti non ci arroghiamo il diritto di decidere cosa fare senza il loro coinvolgimento; pertanto a partire dal  mese di gennaio 2021 e sino alla conclusione della stagione in corso ci  confronteremo con i nostri gruppi associativi per delineare insieme un  eventuale nuovo scenario in cui i campionati giovanili troveranno il loro giusto  assetto. Le risultanze che scaturiranno dalla consultazione societaria saranno poi poste  al centro dei nostri progetti. 

Successivamente la presenza nel Consiglio Nazionale del Settore Giovanile  della FIGC del nostro attuale Vice Presidente Vicario garantirà la possibilità di sostenere con forza e vigore il progetto delineato insieme alle Società del Piemonte e Valle d’Aosta. 

 

7. Consulte e Commissioni  

Indirizzeremo le nostre attenzioni anche verso la creazione di Consulte e  Commissioni di lavoro, utili a coinvolgere tutti i dirigenti che porranno a  disposizione le proprie esperienze e competenze, anche al fine di poter meglio  ascoltare i bisogni delle Società sul territorio e creare nuovi progetti e nuove  strategie di intervento, sia sul piano squisitamente tecnico delle attività che a  livello gestionale ed organizzativo del Comitato Regionale e delle sue  articolazioni periferiche.

 

8. Attività formative e di sviluppo della conoscenza  

Sarà predisposto un piano quadriennale di intervento riguardo la creazione di Corsi specifici per dirigenti, garantendo un percorso a step e suddiviso per  diversi livelli di formazione. Questo per poter definitivamente puntare sulla qualità dei nostri dirigenti e così  alzare il livello di cultura sportiva del nostro sistema, ma soprattutto la  competenza e le capacità di agire in funzione delle diverse problematiche che  sempre più fanno parte del quotidiano agire dei dirigenti sportivi. L’obiettivo è di qualificare anche attraverso l’istituzione di un apposito “Albo  per dirigenti” il maggior numero possibile dei nostri tesserati, con inserimento  di questi in livelli diversificati di abilitazione. 

 

9. Studio e rivisitazione del Premio di Preparazione calciatori  

Occorre che la Federazione intervenga tempestivamente sulle norme che  regolano i Premi di Preparazione dei calciatori, tenuto conto di alcune  dinamiche strutturali della norma e procedurali di applicazione della stessa che  non rispondono alle aspettative delle Società appartenenti alla Lega Nazionale  Dilettanti. Occorre creare tempestivamente un tavolo di lavoro che possa  consentire di proporre agli Organi federali superiori modifiche sostanziali e che  garantiscano alle nostre associate tutte quelle tutele di natura economica,  senza penalizzazione di alcuno.  

 

10. Attività delle Rappresentative  

Occorre completare il progetto “Club Piemonte Valle D’Aosta” che ha visto il suo iniziale sviluppo attraverso la realizzazione di incontri di selezione e  formazione di calciatori a livello provinciale, mai avvenuto precedentemente.  

Non va dimenticato che nel corso del quadriennio abbiamo ottenuto quattro  titoli italiani, di cui due nel calcio femminile e due nel calcio a cinque. Numerosi sono stati gli atleti convocati in ogni Provincia nel corso delle ultime  stagioni sportive, valorizzando così il lavoro delle Società sul territorio e cercando di portare qualche valore aggiunto alla preparazione e formazione  dei giovani calciatori. 

Necessita implementare questo tipo di attività, sempre nell’ottica di potenziare  i progetti sportivi delle associate volte a garantire il miglioramento tecnico agonistico dei propri atleti. Il progetto passa anche una attività di scouting volta a generare unicamente  adeguate sinergie con le associate per garantire la valorizzazione del loro  patrimonio giocatori. Il Club Piemonte Valle D’Aosta avrà una sua struttura gestionale che prevederà  la figura di un Direttore e di uno staff organizzativo per meglio assolvere alle  funzioni operative. 

 

11. Rapporti con Istituzioni Sportive e Scolastiche  

Nel corso dell’ultimo quadriennio siamo giunti alla forma di un protocollo  d’intesa mai realizzato in Italia a livello territoriale; abbiamo sottoscritto con il  Comitato Olimpico Nazionale Italiano del Piemonte, con l’Ufficio Scolastico  Regionale del Ministero dell’Istruzione, con la Presidenza del Consiglio  Regionale del Piemonte, un protocollo che favorisce l’inserimento della  disciplina del giuoco del calcio nella scuola. Questo risultato ha di fatto scardinato equilibri effettivamente negativi che sino  a ieri spesso impedivano al calcio di entrare nella scuola, per fattori a volte  purtroppo intrinsechi al sistema. 

Ora abbiamo l’appoggio delle istituzioni sportive e scolastiche di livello e che  possono imporre l’adozione e l’accoglienza di progetti strutturati da svolgersi  nella scuola di ogni ordine e grado. Continueremo in questa direzione cercando di veicolare nel miglior modo  possibile i valori di questa progettualità affinchè siano le stesse Società ad  usufruire dei benefici, anche supportandole nei loro progetti rivolti alla scuola  sia dal punto di vista economico che strutturale.

 

12. Osservatorio Impiantistica Sportiva  

Creazione di un osservatorio sull’impiantistica sportiva adottando una  innovativa politica di monitoraggio, coordinamento e supporto alle Società ed  Associazioni Sportive che assicuri un patrimonio impiantistico regionale  funzionale e riqualificato secondo i nuovi criteri di sicurezza ed efficienza. In tale ottica il Comitato Regionale destinerà i fondi necessari per la sua  creazione e per il sostegno alle associate. 

Va evidenziato che nel corso del quadriennio grazie alla nostra struttura  regionale e le persone addette alle omologazioni dei campi sono stati visitati  tutti gli impianti del Piemonte e Valle d’Aosta provvedendo a riomologare oltre  400 impianti sportivi, garantendo così a tutte le Società la gestione delle  proprie attività su impianti sportivi resi idonei e utilizzabili nel rispetto delle  normative vigenti. 

 

13. Rapporti con gli Enti territoriali  

Nel corso del quadriennio è si è lavorato molto ed in modo collaborativo sia  con la gli Enti Regionali del Piemonte e della Valle D’Aosta; molti gli incontri e  le sinergie condivise soprattutto nel periodo della pandemia. Con i Governatori e gli Assessorati competenti abbiamo già prefigurato un  calendario di impegni, ma soprattutto di interventi a sostegno e salvaguardia  del sistema calcistico delle due regioni; a breve verranno diramate già alcune  iniziative concordate con gli Assessori preposti.  

 

14. Calcio a Cinque  

Il Comitato Regionale e le sue articolazioni provinciali, oltre ad essere  organizzatori efficaci ed efficienti di un’offerta sportiva rispondente alle  esigenze degli aderenti, devono dimostrarsi sempre più strumenti vicini alle  Società in modo tale che ciascuna di esse (tutte ma in particolare quelle meno  “strutturate”) possano trovare in essi un vero e proprio “spazio” che promuova  occasioni di formazione e di informazione (da realizzarsi, ad esempio,  attraverso incontri e seminari distribuiti nel corso della Stagione Sportiva e  dislocati su più territori). Fondamentale sarà il potenziamento dei canali di informazione alle società che dovrà riguardare principalmente l’aggiornamento  sui vari aspetti normativi del Legislatore e sui regolamenti Federali. Istituzione  di percorsi formativi, che pur non sostituendosi ad altri corsi più strutturati,  devono mirare a dare piena consapevolezza a tutti i Tesserati (siano essi Atleti,  Dirigenti, Allenatori,...) del proprio ruolo: diritti e doveri, compiti e  responsabilità, rispetto di scadenze e rapporto con la società civile,... In questo  modo, promuovendo una vera e propria “cultura dello sport”, il Comitato  Regionale e le sue articolazioni provinciali potranno rappresentare uno  “sportello” per le Società utile non solo per le consuete pratiche amministrative  (iscrizioni, tesseramenti,...), ma per un più articolato supporto ad esse. 

Altro obiettivo utile che ci poniamo, sarà quello di instaurare proficui rapporti  di conoscenza reciproca e di collaborazione con le altre realtà del mondo  sportivo e, in particolare, con gli Enti di Promozione Sportiva in modo da  realizzare, ciascuno con le proprie peculiarità e senza sovrapposizioni, sul  territorio piemontese un’ampia, completa ed inclusiva “politica dello sport” di  cui non potranno che beneficiarne le Società affiliate anche, ma non solo, in  relazione ai rapporti con gli Enti Locali. 

Dal punto di vista gestionale verrà potenziata la segreteria dedicata  esclusivamente al Calcio a 5, che sia in costante contatto con le società, che  possa offrire ad esse anche la giusta assistenza nonché consulenza sportiva  attraverso un lavoro di connessione con gli altri uffici del comitato  (tesseramento/affiliazioni/contabilità etc.).  Per fare ciò è necessario non affidarsi esclusivamente al volontariato, ma come  per il calcio a 11 poter disporre di personale dipendente dedicato.  Necessità di avere un rappresentante/delegato del calcio a 5 in ogni provincia  del comitato regionale (con il sostegno delle delegazioni provinciali attraverso  il Presidente Regionale), che dovrà operare in accordo con la segreteria centrale  al fine di dare un supporto concreto alle società del territorio oltre che lavorare  per dare risalto e visibilità alla disciplina nei confronti dei media e degli enti  locali, operando per strutturare e radicare il marchio “Futsal” (Calcio a Cinque)  nel territorio. 

Sarà prevista una dotazione da parte del Comitato Regionale LND di risorse  specifiche dedicate al settore per la promozione della disciplina, da utilizzare  per iniziative a 360° al fine di promuovere e rilanciare la disciplina. Lo scopo è di incentivare la partecipazione ai campionati della Federazione e rendere la  nostra disciplina più appetibile a tutti coloro, partners commerciali ed  istituzionali, che vorranno investire nel progetto "FUTSAL" con il chiaro intento  di avere un tangibile ritorno d'immagine.  

  • Final four Coppa italia – fase Regionale  
  • Final eight Coppa Piemonte 
  • Portale/pagine dedicate al Calcio a cinque Maschile/Femminile
  • Ricerca di partners commerciali a sostegno delle iniziative sopramenzionate 

Saranno profusi sforzi maggiori per incentivare i settori giovanili, con criteri  basati sulla crescita nella disciplina attraverso meccanismi meritocratici come  un contributo per ogni squadra iscritta ai campionati giovanili (giovanissimi)  organizzati dal Comitato. Investimenti dalla Divisione nazionale calcio a Cinque diretti ai tornei di attività  giovanile dai primi calci agli esordienti, da svilupparsi inizialmente con  concentramenti territoriali. 

Sarà garantito il coinvolgimento diretto del Comitato Regionale, attraverso il  Presidente, per richiedere ed ottenere la possibilità per le società di calcio a  Cinque di poter usufruire al pari delle altre discipline delle strutture/palestre  dei relativi territori, da destinare alle società che non dispongono di un proprio  impianto e che fanno fatica a sostenere i costi di affitto presso gestori privati  per allenarsi e giocare i relativi campionati.  Ciò potrà avvenire solo attraverso un protocollo d’intesa tra il Comitato  Regionale e gli enti locali preposti alla gestione degli spazi sportivi delle diverse strutture. Verranno dedicate risorse al sostegno delle rappresentative regionali di calcio  a 5 maschile/femminile che possano permettere un potenziamento della fase  di reclutamento degli atleti/e per la definizione delle stesse, oltre a sostenerle  in fase di preparazione pre-torneo. Potenziamento della struttura organizzativa  che miri ad agevolare il lavoro dei tecnici impegnati con le squadre selezionate.

 

15. Calcio Femminile  

Il Comitato Regionale nel corso dell’ultimo quadriennio ha prestato grande  attenzione al sistema del calcio femminile con continui e costruttivi incontri con  le Società del settore. Per il futuro sono state individuate le linee  programmatiche per lo sviluppo del Calcio Femminile sul territorio, con lo  scopo di avviare un programma di rilancio e sostegno del movimento calcistico  femminile, finalizzato a produrre un miglioramento degli standard in termini  quantitativi e qualitativi. 

Il programma ha opererà attraverso diverse aree federali riguardanti  principalmente: 

  • la governance e l’organizzazione federale con la creazione di una funzione  dedicata e il coordinamento delle varie aree di competenza; • la dimensione sportiva con introduzione di forme di sostegno ad hoc per  sviluppare gradualmente un settore giovanile femminile per le Società maschili; • la rivisitazione del format dei Campionati giovanili; programma di scouting , il monitoraggio delle performance, le riunioni con le  Società, la creazione di due selezioni regionali di cui una a livello giovanile  Under 17; 
  • la Comunicazione, con la realizzazione di un’area dedicata sul sito, la  valorizzazione delle attività delle Rappresentative Regionali, l’utilizzazione dei  grandi eventi come veicoli di promozione della disciplina; 
  • il consolidamento dei progetti del Settore Giovanile Scolastico per la  promozione della disciplina; 
  • la formazione con la progettualità dedicata agli allenatori e ai dirigenti. 

Il Consiglio Direttivo vedrà per il prossimo futuro il consolidamento dei risultati  raggiunti e nuove sfide da affrontare che riguardano soprattutto la dimensione  sportiva; il consolidamento delle società di Calcio Femminile; la valutazione di  strategie di comunicazione e marketing; il rafforzamento dell’attività giovanile  e della filiera di riferimento; l’ampliamento della collaborazione con il mondo  scolastico e universitario; il consolidamento della formazione per aumentare le  professionalità coinvolte nel Calcio Femminile; la programmazione di azioni  sinergiche con il Calcio a 5 per favorire una crescita armonica dell’intero  sistema.

 

16. Quarta Categoria – il calcio integrato  

Il Comitato Regionale Piemonte Valle D’Aosta è stato uno dei primi ad  abbracciare e a credere nel senso profondo del progetto “Quarta Categoria”  sin dai suoi primi timidi passi e dall’inizio sempre stando accanto agli  organizzatori della FIGC in una bellissima ed intensa avventura, entrando a far  parte a tutti gli effetti della meravigliosa famiglia del calcio integrato. 

Il Presidente Mossino per la fattispecie è stato insignito del riconoscimento  “Best Disability Initiative" ricevuto per gli UEFA Grassroots Awards 2020; un  risultato che ci riempie di orgoglio e che vogliamo condividerlo con tutte le  Società affiliate. 

La virtù dei forti si nasconde spesso nel cuore dei deboli, ce lo ha insegnato la  vita avendo avuto il privilegio di dedicare tempo e sentimenti a chi dalla vita  poco ha avuto, ma tanto ha dato. Il pallone gira nello stesso modo per tutti ma  forse per pochi da un senso alla vita. Non servono ingaggi milionari per emozionare la gente ma basta la passione, un rettangolo verde ed il cuore di  bambino per smuovere i sentimenti più veri, quelli che ancor oggi ci fanno  piangere vedendo scendere in campo i nostri “ragazzi speciali” con la stessa  fierezza dei campioni del calcio mondiale. Continueremo a dedicare il nostro impegno e la nostra passione per  l’organizzazione di attività dedicate agli atleti diversamente abili. 

 

17. ESport e i Dilettanti  

Sin dal principio il progetto LND eSport ha voluto sottolineare l’eliminazione  delle distanze interpersonali. In un momento delicato come quello vissuto nel  2020, dove restare a casa significa dare il proprio contributo alla battaglia  contro il coronavirus, non abbiamo smesso di promuovere coesione, amicizia e  passione per il calcio, proprio grazie agli eSport. Dopo l’interruzione del  RoadShow, in linea con le normative inerenti la gestione dell’emergenza  COVID-19, con la LND abbiamo organizzato tornei on line di Fifa, totalmente  gratuiti, per offrire ai nostri ragazzi l’opportunità di sfruttare il joypad come  svago, vivendo la magica atmosfera degli ESport sulla poltrona di casa, con la  telecronaca di Giuseppe Di Giovanni, prevista per ogni finale. Un modo per  vivere il calcio anche nei momenti in cui non possiamo praticarlo; continueremo  a garantirne l’organizzazione.

Registrati o fai l'accesso e commenta