Mercoledì, 30 Novembre 2022
Daniele Pallante

Daniele Pallante

SOCIETA’ - Il preparatore dei portieri della Nazionale Under 16 e fondatore della Keeplay Professional Soccer School rinuncia al ruolo di direttore tecnico: “Visto che non posso garantire la professionalità che mi ha sempre contraddistinto, preferisco fare un passo indietro e lasciare alla società il modo di organizzarsi”


È durata solo un paio di mesi la collaborazione tra Fabrizio Capodici e l’Olympic Collegno: l’ex portierone di Juventus e Piacenza, che oggi è preparatore dei portieri della Nazionale Under 16 e fondatore della Keeplay Professional Soccer School, ha dovuto fare un passo indietro: “L’ho già comunicato alla società e alle famiglie - spiega - ma purtroppo non riesco a dedicare all’Olympic il tempo che merita un ruolo importante come quello di direttore tecnico. La mia intenzione era lavorare con gli allenatori, andare in campo con loro secondo una precisa programmazione tecnica. Ma nel frattempo si è intensificata la mia collaborazione con le nazionali giovanili, sono spesso a Coverciano o in trasferta per partite e tornei, e chiaramente non posso dare continuità alla mia presenza a Collegno. Io sono abituato a fare le cose al 100 per 100, non accetto compromessi. Visto che non posso garantire la professionalità che mi ha sempre contraddistinto, preferisco fare un passo indietro e lasciare alla società il modo di organizzarsi al meglio”.

L’inizio di stagione dell’Olympic Collegno è stato comunque molto positivo, la società è ben organizzata con lo staff che fa capo al presidente Domenico Pizzicoli e al vicepresidente Ennio Carpinelli, passa dal direttore generale Nunzio Rubicondo e arriva a una struttura operativa composta da Maurizio Fontana (direttore sportivo del Settore giovanile), Alessandro Cucinotto (già allenatore dei 2006, ora anche responsabile della Scuola calcio), Christian Somale (gestore dei tornei). La presenza di una figura come quella di Fabrizio Capodici avrebbe garantito un ulteriore salto di qualità, ma le buone intenzioni non hanno retto alla prova del campo: “Lascio la società con grande dispiacere, ci tengo a ringraziare davvero tutti, in primis il presidente Domenico, la moglie Valeria e il vicepresidente Ennio, per come mi hanno accolto. In questi mesi la società è stata sempre presente e mi ha supportato in tutto, nel progetto e nella programmazione che abbiamo condiviso e che, spero, possano portare avanti anche senza di me. Auguro il meglio e tornerò sicuramente sul campo dell’Olympic tutte le volte che mi sarà possibile”.

INTERVISTA - Iniziata la collaborazione con la società del presidente Stefano Sorrentino. “Gli aspetti mentali - spiega Giorgia Rocchetta - vanno allenati come la tecnica, la tattica e il fisico, portano a esprimere il massimo potenziale di ogni atleta con continuità. Nelle società dilettantistiche si parte dal contesto, dai genitori e dagli allenatori, affinché assumano uno stile di conduzione condiviso”


“Sono contentissima di questo incarico, la figura dello psicologo dello sport sta iniziando a essere sempre più presa in considerazione anche nel mondo del calcio: in Italia siamo sempre stati indietro, rispetto ad altri contesti europei e mondiali, mentre oggi c’è un’attenzione crescente verso questo aspetto, che è fondamentale”.

Giorgia Rocchetta, psicologa dello sport che lavora (tra l’altro) con la FIGC e il Torino Calcio, ha da poco intrapreso un percorso di collaborazione con il Chieri, fortemente voluto dal presidente Stefano Sorrentino e dal responsabile delle giovanili Omar Cerutti: l’obiettivo è quello di mettere “il ragazzo al centro del progetto, e di creare intorno a lui le condizioni giuste perché possa divertirsi, imparare ed esprimere le proprie potenzialità al 100 per 100”. "Qui a Chieri - spiega proprio Cerutti - stiamo costruendo una società su misura per i nostri ragazzi: il centro sportivo è tra i più belli e moderni del Piemonte, dedichiamo grande attenzione ai comportamenti dentro e fuori dal campo, lo staff tecnico cura tutti gli aspetti tecnici e tattici, abbiamo preparatori atletico, preparatori dei portieri, fisioterapisti e quant'altro. Per completare questo quadro di insieme, abbiamo deciso di aprire questa collaborazione con Giorgia Rocchetta, perché ci aiuti a costruire un ambiente di lavoro sereno e divertente, oltre che serio e professionale. Insomma, vogliamo ottenere risultati sul campo ma, ancora di più, lasciare un segno positivo nella formazione dei nostri tesserati, perché il calcio è solo un aspetto del percorso di vita che vogliamo proporre".

Dottoressa, perché è “fondamentale” la psicologia applicata al mondo dello sport?

“Perché, quando si pratica uno sport, l’attenzione è sempre concentrata sugli aspetti tecnici, tattici e fisici dell’attività sportiva stessa, mentre viene trascurato l’aspetto mentale. Eppure è la mente che guida il corpo, è la mente che fa la differenza”.

Quindi bisogna allenare la mente.

“Ci sono aspetti mentali che, se allenati come si allenano la tecnica, la tattica e il fisico, portano a esprimere il massimo potenziale di ogni atleta con continuità. Attenzione, lo psicologo dello sport non ha la bacchetta magica, ma un atleta deve avere la consapevolezza di propri aspetti mentali per esprimere il massimo delle proprie potenzialità durante la prestazione. Altrimenti c’è il rischio che le performance siano altalenanti: c’è chi rende molto in allenamento ma non riesce a esprimersi in partita, chi passa periodi di carriera con alti e bassi. Vuol dire che manca la consapevolezza degli aspetti mentali che in quel momento non stanno aiutando l’atleta nella prestazione”.

Scendiamo nello specifico del calcio, in particolare del calcio giovanile e dilettantistico.

“Nel calcio e nelle società dilettantistiche si aggiunge un aspetto fondamentale, ovvero la necessità di lavorare su tutte le figure che ruotano intorno al giovane atleta, che hanno un ruolo fondamentale: dai genitori ai tecnici, ai dirigenti, allo staff. Persone che devono fare, loro per primi, squadra, finalizzati verso l’obiettivo condiviso che è il benessere del ragazzo. Ognuno deve prendere consapevolezza del suo ruolo”.

Quindi la prima tappa del lavoro è sul contesto.

“Sì, perché il contesto influenza i ragazzi. Bisogna creare un ambiente sereno intorno ai ragazzi, dove possano divertirsi, sperimentare le loro abilità e acquisirne di nuove. Un contesto privo di giudizi e di pressione, condizione essenziale per divertirsi, apprendere e migliorare. Senza dimenticare che questo contesto è palestra di vita: attraverso lo sport i giovani traggono insegnamenti che vanno ben oltre lo sport”.

Scendiamo nel concreto.

“Lavorare sul contesto vuol dire fare incontri con i genitori, che sono sempre convinti di fare il bene dei loro figli, ma magari non sono pienamente consapevoli che non tutti i loro comportamenti possono essere di supporto. Poi con gli allenatori di settore giovanile e scuola calcio, per trasmettere loro uno stile di conduzione, dell’allenamento e della partita, condiviso. La formazione è prima teorica, in aula, e poi pratica, sul campo. Lavoriamo in particolare sulla comunicazione, perché i tecnici possono stimolare l’apprendimento e la fiducia dei ragazzi, in questo caso si parla di autoefficacia. Una comunicazione corretta deve stimolare l’apprendimento induttivo, i giovani devono trovare da soli le proprie soluzioni, per diventare giocatori pensanti e non telecomandati, e devono essere liberi dalla paura di sbagliare. Deve cambiare il modo di interpretare l’errore, che può avvenire solo se provo soluzioni nuove. Se non commetto errori è perché faccio solo quello che so già. E invece tramite l’errore si imparano nuove cose”.

Infine, c’è il lavoro con i ragazzi, immagino.

“Ai ragazzi daremo l’opportunità di avere uno sportello di ascolto, nel momento in cui ne sentano la necessità: potranno avvalersi della mia figura professionale attraverso momenti individuali, esclusivamente su loro richiesta. Per esperienza, ha successo il fatto di vedermi in campo durante gli allenamenti, trasmette una nuova interpretazione del ruolo di psicologo dello sport, lo rende più accessibile: non una figura cui ci si rivolge se ci sono problemi, ma per migliorare alcuni aspetti e approfondire le conoscenze”.

Mentre gli adulti, allenatori e istruttori, possono essere più pronti a collaborare con uno psicologo dello sport, immagino ci sia un maggiore scetticismo da parte dei ragazzi. Com’è la loro risposta?

“Dipende dai casi, generalizzare è sempre sbagliato. Alcuni sono timorosi, è vero, quasi sempre perché hanno un’idea sbagliata della nostra figura, legata ai concetti di patologia e malattia mentale. Se spieghi invece il reale ruolo dello psicologo dello sport, abbatti la barriera della diffidenza e trovi la loro voglia di mettersi in gioco. Quando capiscono il percorso e gli obiettivi, i ragazzi sono incuriositi, arriva da loro la richiesta di venire supportati. Posso fare un esempio?”

Certo.

“In un’altra società con cui collaboravo, un ragazzo - che non trovava molto spazio in campo - è venuto a parlarmi, visto che stare sempre in panchina gli suscitava emozioni che non riusciva a controllare. Appena si è seduto, ha subito detto di essersi sbagliato, che non serviva. In poche parole, gli ho spiegato questa idea di psicologo dello sport che non lavora per risolvere un problema, ma per raggiungere la massima espressione dell’atleta, della sua unicità. Dalla paura siamo passati alla rassicurazione e alla spiegazione del percorso”.

Com’è finita?

“È diventato titolare (risata, ndr), anche perché c’era un problema di comunicazione con l’allenatore. Lo psicologo dello sport, tra l’altro, ha il compito di facilitare la comunicazione tra i vari elementi delle società”.

Torniamo a dove siamo partiti, il Chieri. Quali sono le tappe della vostra collaborazione, che tra l’altro segue le linee-guida tracciate dal Settore Giovanile e Scolastico della FIGC?

“Con gli allenatori delle giovanili ho già fatto un primo incontro informativo sullo stile di conduzione che vorremmo che tutti i tecnici del Chieri arrivassero ad adottare, la settimana prossima si replica con gli istruttori della scuola calcio. Sabato prossimo sarò in campo con allenatori delle giovanili per una simulazione di allenamento, perché la competenza è fatta di tre step: sapere le cose, ovvero l’informazione; poi saperle fare, su questo bisogna allenarsi; terzo, come farle, quindi il passaggio dalle simulazioni agli allenamenti veri e propri. Ma non è finita qui, perché agli allenamenti sarò presente e, tramite una griglia di osservazione, mostrerò i risultati per valutare con gli allenatori cosa funziona e quali sono le aree di miglioramento. È un processo continuo, teorico e pratico, che andrà avanti per tutta la stagione”.

INTERVISTA - Iniziata la collaborazione con la società del presidente Stefano Sorrentino. “Gli aspetti mentali - spiega Giorgia Rocchetta - vanno allenati come la tecnica, la tattica e il fisico, portano a esprimere il massimo potenziale di ogni atleta con continuità. Nelle società dilettantistiche si parte dal contesto, dai genitori e dagli allenatori, affinché assumano uno stile di conduzione condiviso”


“Sono contentissima di questo incarico, la figura dello psicologo dello sport sta iniziando a essere sempre più presa in considerazione anche nel mondo del calcio: in Italia siamo sempre stati indietro, rispetto ad altri contesti europei e mondiali, mentre oggi c’è un’attenzione crescente verso questo aspetto, che è fondamentale”.

Giorgia Rocchetta, psicologa dello sport che lavora (tra l’altro) con la FIGC e il Torino Calcio, ha da poco intrapreso un percorso di collaborazione con il Chieri, fortemente voluto dal presidente Stefano Sorrentino e dal responsabile delle giovanili Omar Cerutti: l’obiettivo è quello di mettere “il ragazzo al centro del progetto, e di creare intorno a lui le condizioni giuste perché possa divertirsi, imparare ed esprimere le proprie potenzialità al 100 per 100”. "Qui a Chieri - spiega proprio Cerutti - stiamo costruendo una società su misura per i nostri ragazzi: il centro sportivo è tra i più belli e moderni del Piemonte, dedichiamo grande attenzione ai comportamenti dentro e fuori dal campo, lo staff tecnico cura tutti gli aspetti tecnici e tattici, abbiamo preparatori atletico, preparatori dei portieri, fisioterapisti e quant'altro. Per completare questo quadro di insieme, abbiamo deciso di aprire questa collaborazione con Giorgia Rocchetta, perché ci aiuti a costruire un ambiente di lavoro sereno e divertente, oltre che serio e professionale. Insomma, vogliamo ottenere risultati sul campo ma, ancora di più, lasciare un segno positivo nella formazione dei nostri tesserati, perché il calcio è solo un aspetto del percorso di vita che vogliamo proporre".

Dottoressa, perché è “fondamentale” la psicologia applicata al mondo dello sport?

“Perché, quando si pratica uno sport, l’attenzione è sempre concentrata sugli aspetti tecnici, tattici e fisici dell’attività sportiva stessa, mentre viene trascurato l’aspetto mentale. Eppure è la mente che guida il corpo, è la mente che fa la differenza”.

Quindi bisogna allenare la mente.

“Ci sono aspetti mentali che, se allenati come si allenano la tecnica, la tattica e il fisico, portano a esprimere il massimo potenziale di ogni atleta con continuità. Attenzione, lo psicologo dello sport non ha la bacchetta magica, ma un atleta deve avere la consapevolezza di propri aspetti mentali per esprimere il massimo delle proprie potenzialità durante la prestazione. Altrimenti c’è il rischio che le performance siano altalenanti: c’è chi rende molto in allenamento ma non riesce a esprimersi in partita, chi passa periodi di carriera con alti e bassi. Vuol dire che manca la consapevolezza degli aspetti mentali che in quel momento non stanno aiutando l’atleta nella prestazione”.

Scendiamo nello specifico del calcio, in particolare del calcio giovanile e dilettantistico.

“Nel calcio e nelle società dilettantistiche si aggiunge un aspetto fondamentale, ovvero la necessità di lavorare su tutte le figure che ruotano intorno al giovane atleta, che hanno un ruolo fondamentale: dai genitori ai tecnici, ai dirigenti, allo staff. Persone che devono fare, loro per primi, squadra, finalizzati verso l’obiettivo condiviso che è il benessere del ragazzo. Ognuno deve prendere consapevolezza del suo ruolo”.

Quindi la prima tappa del lavoro è sul contesto.

“Sì, perché il contesto influenza i ragazzi. Bisogna creare un ambiente sereno intorno ai ragazzi, dove possano divertirsi, sperimentare le loro abilità e acquisirne di nuove. Un contesto privo di giudizi e di pressione, condizione essenziale per divertirsi, apprendere e migliorare. Senza dimenticare che questo contesto è palestra di vita: attraverso lo sport i giovani traggono insegnamenti che vanno ben oltre lo sport”.

Scendiamo nel concreto.

“Lavorare sul contesto vuol dire fare incontri con i genitori, che sono sempre convinti di fare il bene dei loro figli, ma magari non sono pienamente consapevoli che non tutti i loro comportamenti possono essere di supporto. Poi con gli allenatori di settore giovanile e scuola calcio, per trasmettere loro uno stile di conduzione, dell’allenamento e della partita, condiviso. La formazione è prima teorica, in aula, e poi pratica, sul campo. Lavoriamo in particolare sulla comunicazione, perché i tecnici possono stimolare l’apprendimento e la fiducia dei ragazzi, in questo caso si parla di autoefficacia. Una comunicazione corretta deve stimolare l’apprendimento induttivo, i giovani devono trovare da soli le proprie soluzioni, per diventare giocatori pensanti e non telecomandati, e devono essere liberi dalla paura di sbagliare. Deve cambiare il modo di interpretare l’errore, che può avvenire solo se provo soluzioni nuove. Se non commetto errori è perché faccio solo quello che so già. E invece tramite l’errore si imparano nuove cose”.

Infine, c’è il lavoro con i ragazzi, immagino.

“Ai ragazzi daremo l’opportunità di avere uno sportello di ascolto, nel momento in cui ne sentano la necessità: potranno avvalersi della mia figura professionale attraverso momenti individuali, esclusivamente su loro richiesta. Per esperienza, ha successo il fatto di vedermi in campo durante gli allenamenti, trasmette una nuova interpretazione del ruolo di psicologo dello sport, lo rende più accessibile: non una figura cui ci si rivolge se ci sono problemi, ma per migliorare alcuni aspetti e approfondire le conoscenze”.

Mentre gli adulti, allenatori e istruttori, possono essere più pronti a collaborare con uno psicologo dello sport, immagino ci sia un maggiore scetticismo da parte dei ragazzi. Com’è la loro risposta?

“Dipende dai casi, generalizzare è sempre sbagliato. Alcuni sono timorosi, è vero, quasi sempre perché hanno un’idea sbagliata della nostra figura, legata ai concetti di patologia e malattia mentale. Se spieghi invece il reale ruolo dello psicologo dello sport, abbatti la barriera della diffidenza e trovi la loro voglia di mettersi in gioco. Quando capiscono il percorso e gli obiettivi, i ragazzi sono incuriositi, arriva da loro la richiesta di venire supportati. Posso fare un esempio?”

Certo.

“In un’altra società con cui collaboravo, un ragazzo - che non trovava molto spazio in campo - è venuto a parlarmi, visto che stare sempre in panchina gli suscitava emozioni che non riusciva a controllare. Appena si è seduto, ha subito detto di essersi sbagliato, che non serviva. In poche parole, gli ho spiegato questa idea di psicologo dello sport che non lavora per risolvere un problema, ma per raggiungere la massima espressione dell’atleta, della sua unicità. Dalla paura siamo passati alla rassicurazione e alla spiegazione del percorso”.

Com’è finita?

“È diventato titolare (risata, ndr), anche perché c’era un problema di comunicazione con l’allenatore. Lo psicologo dello sport, tra l’altro, ha il compito di facilitare la comunicazione tra i vari elementi delle società”.

Torniamo a dove siamo partiti, il Chieri. Quali sono le tappe della vostra collaborazione, che tra l’altro segue le linee-guida tracciate dal Settore Giovanile e Scolastico della FIGC?

“Con gli allenatori delle giovanili ho già fatto un primo incontro informativo sullo stile di conduzione che vorremmo che tutti i tecnici del Chieri arrivassero ad adottare, la settimana prossima si replica con gli istruttori della scuola calcio. Sabato prossimo sarò in campo con allenatori delle giovanili per una simulazione di allenamento, perché la competenza è fatta di tre step: sapere le cose, ovvero l’informazione; poi saperle fare, su questo bisogna allenarsi; terzo, come farle, quindi il passaggio dalle simulazioni agli allenamenti veri e propri. Ma non è finita qui, perché agli allenamenti sarò presente e, tramite una griglia di osservazione, mostrerò i risultati per valutare con gli allenatori cosa funziona e quali sono le aree di miglioramento. È un processo continuo, teorico e pratico, che andrà avanti per tutta la stagione”.

TORNEO - Grande successo per la manifestazione organizzata dalla società del presidente Stefano Sorrentino in collaborazione con Giorgia Contu, Marco Mameli e Aldo Bratti. Piazzamenti importanti per Enotria, Charvensod e Chieri


Tribune piene e spettacolo in campo, con le vittorie di Pro Patria 2010, Sisport 2011, Juventus 2013 e 2015: è il riassunto del torneo di Halloween che si è giocato tra il centro sportivo Rosato di Chieri e lo Stadio Garrone di Riva presso Chieri, nelle giornate di domenica 30 ottobre e martedì 1° novembre. Una manifestazione organizzata dalla società del presidente Stefano Sorrentino in collaborazione con Giorgia Contu, Marco Mameli e Aldo Bratti, cui hanno partecipato le migliori società dilettantistiche del Piemonte, più Imperia, Rapid Lugano, Pro Patria e Pro Vercelli, con la ciliegina sulla torta della Juventus.

Proprio la Pro Patria si è imposta nella categoria regina degli Esordienti 2010, trascinata alla vittoria da Alessandro Guarnieri, eletto miglior giocatore del torneo. Ottimo secondo posto per il Chieri, medaglia di bronzo per la Sisport (che ha espresso anche il miglior portiere, Assom Parfait), davanti agli svizzeri del Rapid Lugano. La Sisport si è rifatta alla grande con gli Esordienti 2011: bianconeri medaglia d’oro, in una classifica che ha visto il Chisola al secondo posto, la Giovanile Centallo al terzo e i lombardi dell’Enotria al quarto, con Alessandro Corrado premiato come miglior giocatore.

La categoria Pulcini era rappresentata dai 2013, dove a dettare legge è stata la Juventus, che oltre ad un ottimo gioco di squadra ha espresso anche la migliore individualità, Cristian Furfaro. Medaglia d’argento per l’Enotria, società che ha confermato tutto il suo blasone, sul podio anche la sorpresa Charvensod, subito sotto ancora il Chieri. La Juventus ha centrato la doppietta di allori con i Primi Calci 2015, vincendo il derby con la Sisport. Altro terzo posto per l’ottimo Charvensod, e ancora un quarto piazzamento per il Chieri.

INTERVISTA - Il nuovo responsabile: “Società in crescita, costruita da persone serie e competenti: dobbiamo migliorare nei numeri e nella qualità, ma ci sono tutte le condizioni per costruire qualcosa di importante”. L’ultimo colpaccio è Gianluca Lanzoni nuovo istruttore degli Esordienti


Le strade in salita sono più faticose e difficili da percorrere, ma anche quelle che danno maggiore soddisfazione quando arrivi in cima, quando raggiungi il traguardo. Lo sa bene Sebastiano Fiordelisi, che questa estate ha accettato la sfida di rilanciare la scuola calcio del Moderna Mirafiori, società nata dalla collaborazione tra l’Atletico Mirafiori di Luciano Ferramosca e il Moderna di Riccardo De Maglianis nel “mitico” impianto sportivo di strada delle Cacce, a Torino. Un campo dove per tanti anni si è respirato grande calcio, dove c’è stato un periodo buio e ora sta tornando a splendere la luce, con campi pieni di ragazzi e bambini e una società viva, ambiziosa, con voglia di crescere.

“Ho iniziato questa nuova avventura conscio delle difficoltà che avrei incontrato, ma conoscendo le persone, la loro serietà, non ho avuto dubbi e mi sono lasciato trasportare dal loro entusiasmo. Ho accettato con entusiasmo di tornare alle origini, alla Scuola calcio, per riscoprire il bello di questo sport”. Così Sebastiano Fiordelisi, che continua: “Questa società ha ricominciato a fare calcio da poco, c’è tanto da fare e serve tempo, un mattoncino per volta. Ma il presidente Riccardo De Maglianis, il direttore generale Pasquale Blandi e tutti gli altri dirigenti lo sanno bene, stiamo parlando di gente che ha mangiato calcio per tanti anni: insieme possiamo costruire qualcosa di importante, questa prospettiva mi ha fatto tornare l’entusiasmo, un po’ come quando c’era da ricostruire il Pertusa”.

Anche i numeri dei tesserati stanno crescendo: “L’anno scorso - spiega il responsabile della Scuola calcio - c’erano due squadre, quest’anno abbiamo i Piccoli Amici 2015, i Pulcini 2013 con qualche 2014 e gli Esordienti misti, quasi 60 ragazzi in tutto. Non sono numeri altissimi ma una buona base c’è: nelle annate in cui ci sono i bambini, arrivano compagni e amici e si cresce. Il difficile è dove partiamo da zero, ma ci stiamo lavorando: abbiamo fatto degli open day e ne faremo ancora, stiamo andando a farci conoscere nelle scuole, valuteremo anche altre strategie per accelerare questa crescita già per i campionati primaverili”.

Fondamentale avere allenatori e istruttori di qualità: “Il mio ruolo - continua Fioredelisi - è organizzativo, mentre il direttore tecnico Claudio Ivaldi, con cui avevo collaborato già al Pertusa, va in campo con le squadre. Luca Blandi, figlio di Pasquale, allena i Pulcini, del gruppo dei piccolini si occupano ragazzi giovani ma preparati come Lorenzo Farfariello e Davide Noci. La ciliegina sulla torta è il nuovo istruttore degli Esordienti, che ho portato da poco tempo: è Gianluca Lanzoni, uno che nel curriculum vanta Bsr Grugliasco, Cirié Orbassano, Atletico Torino, Barracuda, Atletico Gabetto. È la persona giusta per preparare i ragazzi al salto nel Settore giovanile, dove ha sempre allenato”.

“Sai cosa mi fa ben sperare?” conclude Sebastiano Fiordelisi: “Chi viene, rimane. I ragazzi e le famiglie capiscono subito che qui si lavora con serietà, che siamo una società in crescita, con una storia importante alle spalle, un impianto sportivo importante e una grande voglia di migliorare, per tornare ai livelli che competono a questa società”.

TORNEO - Pubblico delle grandi occasioni per la manifestazione organizzata dalla società biancoazzurra, cui hanno partecipato anche Juventus, Alessandria, Pro Vercelli e Como


Tra tante professioniste (Juventus, Alessandria, Pro Vercelli e Como), la spuntano Sisport 2012, Chisola 2013 e Alpignano 2014: festa grande per le “nostre” dilettanti alla Halloween Cup, torneo organizzato dall’Alpignano e concentrato nella giornata del 1° novembre, con una cornice di pubblico davvero spettacolare che ha riempito le tribune dell’impianto sportivo di via Migliarone.

Nei Pulcini 2012 è stato un tripudio di maglie bianconere: alla fine la Sisport ha conquistato la medaglia d’oro, con il Lascaris secondo, lo Sca Asti terzo e i padroni di casa al quarto posto. Nei Pulcini 2013 si è imposto il Chisola, con Alpignano e Lascaris sul podio. Nei Primi Calci 2014 a fare festa sono stati i biancoazzurri, che hanno avuto la meglio sulla Juventus, che si è dovuta accontentare della medaglia d’argento, davanti a Sisport e Pinerolo.

SCUOLA CALCIO - Esordienti 2010, Esordienti fascia B 2011, Pulcini 2013 e Primi Calci 2015 in campo domenica e martedì in una manifestazione organizzata in collaborazione con Giorgia Contu, Marco Mameli e Aldo Bratti


Un “pauroso” week end di calcio è in programma a Chieri, con la Halloween Cup che si giocherà nelle due giornate di domenica 30 ottobre e martedì 1° novembre. Il centro sportivo Rosato e lo Stadio Garrone, a Riva presso Chieri, ospitano tantissime partite delle categorie Esordienti 2010, Esordienti fascia B 2011, Pulcini 2013 e Primi Calci 2015, in una manifestazione organizzata dalla società del presidente Stefano Sorrentino in collaborazione con Giorgia Contu, Marco Mameli e Aldo Bratti. Ci sono alcune migliori società dilettantistiche del Piemonte, cui si aggiungono Imperia e Rapid Lugano, Pro Patria e Pro Vercelli, con la ciliegina sulla torta della Juventus.

ESORDIENTI 2010

Prima fase - Domenica 30 ottobre (stadio Garrone, Riva presso Chieri)
Girone A: Chieri Rosso, Cuneo Olmo, Sca Asti, Sisport
Girone B: Chieri Blu, Fossano, Charvensod, Pinerolo

Seconda fase - Martedì 1° novembre (centro sportivo Rosato, Chieri)
Girone Gold 1: Juventus, Pro Patria, Imperia, 1ª classificata A
Girone Gold 2: Pro Vercelli, Rapid Lugano, 1ª classificata A, Miglior 2ª classificata
Girone Silver: Peggior 2ª classificata, 3ª classificata A, 3ª classificata B, Miglior 4ª classificata

HALLOWEEN_CUP_Calendario 2010.pdf

ESORDIENTI FASCIA B 2011

Prima fase - Domenica 30 ottobre (centro sportivo Rosato, Chieri)
Girone A: Cuneo Olmo, Fossano, Chisola Blu, Chieri Rosso
Girone B: Centallo, Chieri Blu, Chisola Bianco, Sca Asti
Girone C: Roretese, Chieri Azzurro, Sisport, Pinerolo

Seconda fase - Martedì 1° novembre (stadio Garrone, Riva presso Chieri)
Girone Gold 1: Juventus, Enotria, Sasso Corvaro, 1ª classificata A
Girone Gold 2: 1ª classificata B, 1ª classificata C, Miglior 2ª classificata, Seconda miglior 2ª classificata
Girone Silver: Peggior 2ª classificata, 3ª classificata A, 3ª classificata B, 3ª classificata C

HALLOWEEN_CUP_Calendario 2011.pdf

PULCINI 2013

Prima fase - Domenica 30 ottobre (centro sportivo Rosato, Chieri)
Girone A: Cuneo Olmo, Chieri Bianco, Sca Asti, Charvensod
Girone B: Sisport, Centallo, Fossano, Moncalieri
Girone C: Pro Villafranca, Chieri Rosso, Roretese, Charvensod Giallo

Seconda fase - Martedì 1° novembre (centro sportivo Rosato, Chieri / stadio Garrone, Riva presso Chieri)
Girone Gold: Juventus, Enotria, Miglior 1ª classificata, Seconda miglior 1ª classificata
Girone Silver: Peggior 1ª classificata, 2ª classificata A, 2ª classificata B, 2ª classificata C
Girone Bronzo: 3ª classificata A, 3ª classificata B, 3ª classificata C, Miglior 4ª classificata

HALLOWEEN_CUP_2013.pdf

PRIMI CALCI 2015

Prima fase - Domenica 30 ottobre (stadio Garrone, Riva presso Chieri)
Girone A: Chieri Bianco, Sca Asti, Charvensod
Girone B: Juventus, Fossano, Chieri Rosso, Sisport

Seconda fase - Martedì 1° novembre (stadio Garrone, Riva presso Chieri)
Girone A: 1ª classificata A, 1ª classificata B, 2ª classificata A, 2ª classificata B
Girone B: 3ª classificata A, 3ª classificata B, Alpignano, 2ª classificata A, 4ª classificata B

HALLOWEEN_CUP_Calendario 2015.pdf

COLLABORAZIONE - Dopo tre anni, si rinforza la partnership con la società spagnola. Giulio Longo, responsabile dei VCF Soccer Camps in Italia: “Prima di tutti c'è un percorso di formazione degli allenatori e degli istruttori, cui viene trasmesso il metodo Valencia tramite video e incontri. Di conseguenza ne trarranno vantaggio tutti i giocatori, che saranno coinvolti anche in eventi internazionali”


“El Valencia CF mantiene y refuerza su gran apuesta por el Proyecto Internacional y ejemplo de ello es el nuevo technical partner, Polisportiva Bruinese”.

Inizia così l’articolo, pubblicato sul sito della società spagnola, che ufficializza la rinnovata partnership con la Bruinese: dopo due anni di collaborazione, da questa stagione il rapporto è più stretto, come spiega responsabile dei VCF Soccer Camps in Italia, Giulio Longo: “La Bruinese è entrata in una élite internazionale, le Technical Academy del Valencia sono quattro in tutta Europa e una decina nel mondo. È il coronamento di una collaborazione iniziata tre anni fa. In Italia le società partner sono 22, nessuna di queste è piemontese, ma solo la Bruinese è stata scelta per diventare partner tecnico ufficiale”. “Siamo felici e orgogliosi di questo riconoscimento - commenta Lorenzo Verduci, direttore generale della Bruinese - è il coronamento di un processo iniziato tre anni fa in cui la nostra società ha sempre creduto. Per tutti i nostri allenatori e istruttori è una grandissima occasione per migliorare la loro preparazione e proporre allenamenti più interessanti e costruttivi, seguendo il metodo di lavoro del Valencia. Di conseguenza per tutti i nostri tesserati sarà l’occasione per migliorare tecnicamente, oltre ad avere qualche occasione in più per partecipare ad eventi internazionali e mettersi in mostra”.

A scendere nel dettaglio della collaborazione è ancora Giulio Longo: “Prima di tutti c'è un percorso di formazione degli allenatori e degli istruttori, cui viene trasmesso il metodo Valencia tramite documenti e video. La Bruinese deve mandare dei feedback, anche tramite video, per testimoniare il grado di apprendimento e le eventuali difficoltà. Periodicamente poi ci saranno degli incontri, i tecnici del Valencia saranno a Bruino il prossimo 16 novembre. Ma è logico che non possano essere loro ad allenare quotidianamente i ragazzi, la base deve essere la formazione dei formatori".

Poi ci sono i tornei e i camp estivi: "A giugno - conclude Longo - c'è un torneo internazionale a Valencia riservato solo alle Tecnical Academy con la categoria Under 12. Il migliore Under 15 parteciperà a uno stage selezionato, sempre a Valencia. E in estate tornerà l'appuntamento con i centri estivi, anche in questo caso i migliori vivranno un'esperienza di tre giorni a Valencia. Sono solo alcuni esempi delle occasioni delle grandi occasioni che arriveranno alla Bruinese da questa partnership”.

 

L’articolo pubblicato sul sito ufficiale www.valenciacf.com (qui il link)

Il Valencia CF mantiene e rafforza il suo grande impegno nel Progetto Internazionale e ne è un esempio il nuovo partner tecnico, la Polisportiva Bruinese. Un accordo raggiunto attraverso i nostri VCF Soccer Camps in Italia. Una società di calcio senza scopo di lucro il cui obiettivo principale è quello di dare a tutti la possibilità di praticare lo sport nel miglior ambiente possibile. Inoltre è un club élite riconosciuto dalla Federcalcio Italiana ed è impegnato nel calcio femminile e nel multisport.

Si segnala che, in questa cittadina italiana, Bruino, nelle ultime stagioni si sono svolti numerosi VCF Soccer Camps e, inoltre, i responsabili della Polisportiva Bruinese hanno potuto conoscere, lo scorso settembre, gli impianti della Ciutat Esportiva di Paterna, in concomitanza con la fase di allenamento dei calciatori provenienti dalle sedi VCF Italia.

Da parte loro, i responsabili della squadra di Torino affermano che “siamo orgogliosi di essere associati al Valencia CF e alla sua VCF Academy, un punto di riferimento in Europa e nel mondo. Questo accordo rafforza la nostra idea di continuare ad allenare giocatori con valori che li rendono grandi persone con lo slancio della metodologia della Valencia CF Academy”.

Con questo accordo, Valencia CF continua la sua espansione internazionale e il suo impegno a diffondere la metodologia di lavoro dell'Accademia VCF. Il responsabile dei VCF Soccer Camps in Italia, Giulio Longo, conferma che "la sesta stagione del progetto VCF Italia inizia nel migliore dei modi con l'accordo del primo partner tecnico VCF in Italia grazie all'accordo con la Polisportiva Bruinese. Questo mostra la continua crescita del progetto grazie al lavoro e al supporto fornito da Valencia CF".

"I giocatori della Polisportiva Bruinese avranno una grande opportunità per migliorarsi attraverso una metodologia che è tra le migliori al mondo e sono sicuro che il club del nord Italia sarà un punto di riferimento importante per il progetto VCF Italia", aggiunge.

Grazie a questa collaborazione, durante il mese di novembre i responsabili tecnici dei Programmi VCF Academy effettueranno la prima visita tecnica alla Bruinese con l'obiettivo di incontrare i loro allenatori e giocatori e svolgere diverse sedute di formazione teoriche e pratiche.

Le alleanze internazionali, la consulenza tecnica e la VCF Soccer Academy che la VCF Academy ha nei mercati strategici del Nord America, Europa, Africa e Asia fanno parte dei programmi VCF Soccer Academy che aiutano ad espandere il marchio Valencia CF nel mondo e ciò che ne simboleggia colori. Questa strategia di internazionalizzazione è stata finalista ai World Football Summit Awards 2021.

L'obiettivo principale dei programmi della VCF Soccer Academy, oltre ad espandere l'immagine del Valencia CF e la sua filosofia in tutto il mondo, è portare i metodi di allenamento del Valencia CF in qualsiasi parte del pianeta e diffondere i valori che sempre accompagnano questo Club, facendo divertire e imparare i partecipanti dai migliori professionisti della Valencia CF Academy.

I Valencia CF Soccer Camps, le fasi di allenamento, la VCF Soccer Academy e i servizi di consulenza sportiva sono solo alcuni esempi di questo grande progetto.

CONVOCAZIONI - L’Under 19 del selezionatore Luciano Loparco si raduna martedì 25 ottobre alle 14 in provincia di Cuneo (via Cesare del Piano, località Mussotto, Alba), doppio appuntamento a Gassino (in via Diaz 56) per l’Under 15 di Diego Salvamano, martedì 25 e mercoledì 26 ottobre sempre alle ore 14


UNDER 19

Riccardo Abela (San Domenico Savio Asti), Jacopo Anfosso (Gaviese), Francesco Bellucci (Cheraschese), Anouar Benrhouzile (Moretta), Riccardo Bergonzi (Alba), Thomas Biolatto (Pedona), Samuele Blencio (Moretta), Gabriele Bodino (Cuneo Olmo), Pietro Botasso (Cuneo Olmo), Daniele Briata (Arquatese), Simone Briata (Arquatese), Giovanni Brizio (Busca), Luca Carlone (Santostefanese), Madalin Claudio Chelarescu (Albese), Leonardo Chesta (Cuneo Olmo), Francisco Coria (Sommariva Perno), Andrea Costa Pisani (Acqui), Fabio Curti (Benarzole), Lorenzo Deevasis (Felizzano), Domenico Druda (Pro Villafranca), Yahya El Mouaatamid (Canelli ), Andrea Ferretti (Luese Cristo), Cheikhouna Gadiaga (San Sebastiano), Pietro Gamarino (Junior Pontestura), Fabio Grosso (Pastorfrigorstay), Lassina Junior Kone (Saluzzo), Gianluca Leone (Ovadese), Zakaria Majdoul (Castellazzo), Mattia Margaria (Giovanile Centallo), Pietro Masera (Azzurra), Manuel Matija (Sommariva Perno), Matteo Monge (Giovanile Centallo), Guglielmo Morganti (Acqui), David Ndoj (Sommariva Perno), Matteo Preka (Atletico Racconigi), Luca Rinaudo Pro Dronero

Marco Risso Giovanile Centallo), Pietro Rossi (Novese), Tommaso Sanghez (Canelli), Mattia Valinotti (Scarnafigi), Daniele Vena (Asca), Andrea Zannetti (Valenzanamado).

UNDER 15 - Martedì 25 ottobre

Marco Aloj (Bruinese), Mikael Amorosi (Alpignano), Issam Bahadi (Chisola), Pietro Barbero (Pinerolo), Nicolò Bianquin (Grand Paradis), Elia Bionaz (Aygreville), Etienne Broglia (Charvensod), Cristian Caffo (Valle di Susa), Samuele Calamita (Chisola), Riccardo Campisi (Sisport), Francesco Caruso (Bruinese), Alessandro Constantinescu (Beiborg), Andrei Cretu (Alpignano), Flavio Curri (Alpignano), Davide D'Acierno (Chisola), Amadou Dabo (Gran Paradis), Simone Dal Zot (Valle di Susa), Federico De Salvo (Bruinese), Federico De Stalis (Quincitava), Davide Ferraris (Sisport), Matteo Fioccardi (Alpignano), Francesco Galluccio (Mirafiori), Fabio Giambertone (Chisola), Thomas Gozzi (Pinerolo), Gabriele La Rosa (Druentina), Simone Martin Perolino (Grand Paradis), Giuseppe Mazzone (Chisola), Francesco Metello (Cbs), Simone Molon (Alpignano), Herve Nicod (Quincitava), Maxim Palamarciuc (Druentina), Samuele Paneghini (Chisola), Nicusor Paraschiv (Beiborg), Francesco Parente (Sisport), Matteo Patrizio (Grand Paradis), Riccardo  Perretta (Cenisia), Hermes Plano (CG Aosta), Lorenzo Riboni (Charvensod), Mattia Riccio (Mirafiori), Luca Salvai (Pinerolo), Alessandro Scarangella (Chisola), Federico Socco (Cbs), Mattia Tedesco (Aygreville), Emanuele Villa (CG Aosta).

UNDER 15 - Mercoledì 26 ottobre

Pietro Aggero (Volpiano Pianese), Alessio Albero (Borgaro), Andrea Amodio (Lucento), Jaime Arce (Pianezza), Andrea Barberis (Volpiano Pianese), Luca Calabrese (Pozzomaina), Andrea Camino (Chieri), Tommaso Castaldi (Lascaris), Christian Catania (Ciriè), Loris Cirri (Lucento), Antonio Costa (Paradiso Collegno), Niccolò De Luca (Vanchiglia), Giovanni Dell'Agnese (Ivrea), Mauele Domizio (Pozzomaina), Fabio Garbellini (Chieri), Matteo Grosso (Bsr Grugliasco), Federico Halip (Lascaris), Alessio Gaetano Ietto (Volpiano Pianese), Alessandro Lorusso (Pro Eureka), Simone Maiocchi (Chieri), Matteo Marangon (Bsr Grugliasco), Federico Marini (Chieri), Tommaso Marinotto (San Giacomo Chieri), Filippo Mazzeo (Sts), Edoardo Notaro (Carignano), Raffaele Occhino (Bacigalupo), Alex Odello (Volpiano Pianese), Andrea Orso (Chieri), Presley Osaikhuiwuomwan (Lucento), Nicolò Pace (Virtus Calcio), Stefano Palumbo (Chieri), Riccardo Pettinari (Volpiano Pianese), Gabriel Piazza (San Giacomo Chieri), Vittorio Raviola (Pianezza), Edoardo Reci (Volpiano Pianese), Lorenzo Rovei (Carignano), Thomas Sesia (Lascaris), Mahmoud Shaker (Chieri), Daniele Stillavato (Venaria), Sebastian Tremus (Sts), Tudor Turcan (Bacigalupo), Ettore Vernacchia (Kl Pertusa), Matteo Zamana (Ivrea), Edoardo Zmoshu (Paradiso Collegno).