Lunedì, 22 Aprile 2024

LA PARTITA / GIRONE C - Primo tempo a reti bianche, nella ripresa doppietta formata Di Gioia, nella terza frazione sigillo Monchieri: la squadra di Loria batte il Vanchiglia


Cielo finalmente sereno ma temperatura che si è abbassata notevolmente. In questa cornice climatica si è giocata sabato la partita tra Virtus Mercadante e Vanchiglia. La squadra di casa ha ceduto i colori granata agli ospiti scendendo in campo indossando la divisa bianca. Si è ripetuta l'iniziativa bella e socializzante, caldeggiata dalla Federazione, di far accompagnare a centrocampo i bambini da parte di tutti i genitori tenendo per mano uno degli atleti della squadra avversaria. 

Entrambe le compagini occupano le prime posizioni del girone e il primo tempo è trascorso a studiarsi reciprocamente anche se è il Mercadante ad averci provato con maggiore intensità ed insistenza. Al 5' minuto è Strat a calciare appena entrato in area, ma l'ottimo numero uno dei granata, Ceraj, para. Due minuti dopo Ibrahim la mette in mezzo ed è ancora Strat a colpire a rete ma l'estremo difensore del Vanchiglia para ancora. Al 14' altre due occasioni per la squadra di casa. Prima Galluzzo, oggi instancabile sull'out di sinistra, e poi Di Gioia tirano da fuori area ma Ceraj continua a negare la soddisfazione del gol con due belle parate in tuffo. Primo tempo che si chiude sul parziale di zero a zero con l'impressione che i casalinghi possano fare di più, considerando anche la scarsa pericolosità in avanti degli ospiti.

Le squadre riprendono posizione dopo i cambi di rito. Mercadante in vantaggio al 23' su azione di calcio d'angolo. Cioccolatino servito da Vessichelli per Di Gioia che puntuale lo scarta e segna. Al 37' è capitan Joine a sganciare uno dei suoi destri micidiali ma è la traversa a negargli l'esultanza. Gol che arriva allo scadere della frazione. Ibrahim dal vertice sinistro dell'area scarica sul portiere che non trattiene. Il più veloce ad arrivare sul pallone è ancora Di Gioia che insacca. Due a zero e si va tutti a bere.

Ultima frazione giocata a ritmi blandi e soprattutto a centrocampo con un Vanchiglia appena più propositivo. Al 44' arriva l'ultima rete dell'incontro. Monchieri viene servito da Di Gioia in area e segna il gol del finale tre a zero per i locali. Il Vanchiglia di mister Olivieri riesce a creare qualcosa di più rispetto ai primi due tempi, sfruttando le iniziative di Liuni e Quichimbo, ma senza creare pericoli per la porta avversaria.

Partita mai in dubbio per l'attuale capolista vista la poca consistenza del gioco avversario in fase di costruzione e finalizzazione del gioco. Basti il dato dei calci d'angolo: tredici a zero per la squadra agli ordini del signor Maurizio Loria. Entrambi i portieri del Mercadante, Grillone e Alcaro, non hanno effettuato una sola parata. Migliore in campo sicuramente il numero uno granata, Eris Ceraj, senza il quale il Vanchiglia avrebbe subito un passivo ben più pesante. Shoot-out entrambi appannaggio del Mercadante.

Paolo Grillone(Virtus Mercadante S.s.d. A.r.l.)                

 

VIRTUS MERCADANTE-VANCHIGLIA 3-0 (0-0, 2-0, 1-0)
RETI: st. 3' e 20' Di Gioia, tt 4' Monchieri.
VIRTUS MERCADANTE: Alcaro, Grillone (portieri), Carota, Catana, Coscino, Di Gioia, Galluzzo, Ibrahim, Joine, Landi, Monchieri, Strat, Vessichelli. All. Maurizio Loria. Dir. Giuseppe Alcaro, Silvano Di Tanno, Massimiliano Landi.
VANCHIGLIA: ​​​​​​​Ceraj (portiere), Falcone, Battaglio, Andronic, Taormina, Guglielmi, Dadone, Liuni, Quichimbo, Pansini, Recchia. All. Marco Olivieri. Dir. Enzo Taormina, Umberto Olivieri, Giuliano Liuni.

 

REPORTAGE - Iniziamo questa nuova serie di editoriali incentrati sul mondo della Scuola Calcio andando a visitare il Vanchiglia, la più antica società dilettantistica di Torino. Alla scoperta dei loro metodi di lavoro
 


103 anni sono un'età importante per una società sportiva. Il Vanchiglia ha fatto tesoro della sua esperienza, costruendo un mondo di professionalità e accoglienza da fare invidia a tanti. Più di 200 ragazzi da seguire richiedono impegno, dedizione e un livello di attenzione elevato; guidati da Marco Spadafora, responsabile del settore, abbiamo fatto un giro per i campi durante gli allenamenti. Un giovedì di grande intensità, con i gruppi dal 2007 al 2010 ad allenarsi sui campi di via Regazzoni. Una massa granata ordinata e bella da vedere, un colpo d'occhio importante a cui al Vanchiglia tengono molto e a ragione. Come ci spiega il responsabile, essere molto attenti a che tutti partecipino con la tuta o il k-way di squadra, è un primo passo importante per creare fin da bambino il senso di appartenenza e dare ai piccoli l'idea che all'interno della squadra sono tutti uguali. Con un livello di inflessibilità che cresce man mano con l'età, di modo che arrivati al passaggio da esordienti a giovanissimi fascia B i ragazzi abbiano raggiunto un grado di consapevolezza e responsabilità importante. Il lavoro psicologico è un fattore su cui si punta molto al Vanchiglia, l'esperienza sportiva nel senso stretto del termine va di pari passo con la formazione umana del giovane. Si parte dal coinvolgimento  diretto dei genitori, con cui ci sono due incontri annuali e coi quali in presenza di problemi ci si rapporta immediatamente, mettendo sempre i ragazzi al centro di tutto. Con loro si interagisce tramite i dirigenti delle varie annate o, in ultima istanza, col responsabile di categoria, di modo che i tecnici possano essere liberi di concentrarsi esclusivamente sugli aspetti tecnici e atletici. Creare poi il senso di identità è importante perché cementa il desiderio di continuare a giocare ed allenarsi, anche all'interno di quei gruppi che magari non ottengono grandi risultati sportivi, con la società che spinge per avere un approccio più ludico che competitivo, evitando di creare false aspettative nella mente dei giocatori e dei mister stessi. La qualità di questi ultimi è certificata, essendo tutti dotati di patentino, ed è importante il fatto che già dal periodo marzo/maggio i quadri tecnici siano completati, potendo così concertare per tempo gli aspetti sui quali lavorare. L'organizzazione lavorativa è incentrata su programmi trimestrali, che sono parte di un percorso stabilito ad inizio anno e che lascia ai mister la libertà di scelta su come raggiungere gli obbiettivi. Ognuno può stabilire i metodi che preferisce, ma i capisaldi su cui si lavora sono principalmente coordinazione motoria e controllo palla, fino ad arrivare ad una infarinatura di tattica  (diagonali, fuorigioco...) durante i due anni di esordienti. L'importante è che col salto di categoria, i ragazzi abbiano le basi tecniche per affrontare la nuova esperienza del calcio giovanile a 11.

GIRONE B/ 1° GIORNATA - Pioggia di gol per Borgaro e Quincinetto
 


Comincia il Girone B del campionato Allievi fb ed il Lascaris va subito a cogliere un gran risultato, piegando 2-0 a domicilio la Pro  Eureka, grazie al gran gol di Andreoli all'incrocio e al raddoppio di Pretti. Soddisfatto mister Manavella che commenta così: "Ottima vittoria contro un'ottima squadra, che ci ha anche messo in difficoltà, ma noi siamo stati bravi sia a tenere palla avanti cercando costantemente il gol, sia in contenimento quando loro premevamo". Parte bene anche il Vanchiglia, che ribalta l'Alpignano, passato avanti con Albisetti. Borgaro Nobis e Quincinetto Tavagnasco dal canto loro partono forte, affossando con una pioggia di gol le velleità di Aygerville e Bollengo Albiano. Nelle altre partite ben quattro cleen sheet, con Rivarolese, Lucento e Venaria che piegano 2-0 rispettivamente Calcio Ivrea, Cenisia e San Mauro, mentre lo scatenato Bosonin con una tripletta trascina il Volpiano alla vittoria sul campo del Pozzomaina.

BORGO NOBIS-AYGERVILLE 5-0
Reti: pt 10' Lo Bue, Greco, Anterio (r), Popescu, Quaceci

PRO EUREKA-LASCARIS 0-2
Reti: pt 20' Andreoli, pt 30' Pretti

QUINCINETTO TAVAGNASCO-BOLLENGO ALBIANO MORENICA 6-1
Reti: pt 4' Pianese (Q), pt 18' Balbiano (Q), st 9' Pianese (Q), 12' DInuzzo (Q), 17' Vergano (Q), o.g. (B)

RIVAROLESE-CALCIO IVREA 2-0
Reti: st 10' Fonsato, 20' Maglietto

POZZOMAINO-VOLPIANO 0-3
Reti: pt 19' Bosonin, 37' Bosonin, st 43' Bosonin

LUCENTO-CENISIA 2-0
Reti: Gelmini, Losano

VANCHIGLIA-ALPIGNANO 2-1
Reti: Albisetti (A), Pontini (V), Cossu (V)

VENARIA REALE.SANMAURO 2-0
Reti: pt 20' Pirisi, st 41' Tietto

Torino, 25/11/2017

 

Nell’impianto di via Monte Ortigara a Torino, dove è di casa il Pozzomaina, è in programma l’incontro tra due squadre dal rendimento simile: entrambe arrivano a questa sfida dopo aver segnato sette reti nell’incontro precedente, entrambe a 6 punti, entrambe vittoriose nell’ultima uscita di campionato.

I padroni di casa confermano in partenza la formazione che aveva chiuso la partita della scorsa settimana, con Sanzarello in porta, la linea difensiva composta da Barrilà, Messina, Verrone, a centrocampo Ummarino e Gaeta, capitano di giornata, e in avanti Zaetta. Gli ospiti rispondono con Schiavone, in porta, Haichoum, Rosu, in difesa e Raimondo, Lacerenza Matrone a centrocampo e  Eboli come punta.

 

Le prime fasi di gioco sono di studio: il  Pozzomaina tiene in mano il pallino del gioco, ma non trova la via per impensierire la retroguardia del Vanchiglia, mentre gli ospiti tengono bene il campo, riuscendo a  fermare le iniziative sugli esterni, anche grazie ad una superiorità numerica a centrocampo. Bisogna quindi attendere la metà del tempo per il primo tiro in porta, con un’azione che vede il Pozzomaina a calciare a rete, ma il numero 1 del Vanchiglia è attento e blocca.

I padroni di casa, da questo momento diventano assoluti protagonisti del tempo.  La linea difensiva si alza, bloccando sul nascere ogni tentativo di ripartenza avversaria, il centrocampo riesce sempre ad essere efficace nel pressing e le occasioni fioccano. Un tiro di Ummarino dalla media distanza viene neutralizzato prima dal portiere poi dalla traversa. Poco dopo è Zaetta a colpire un legno da buona posizione.  Un primo tempo perfetto del Pozzomaina, a cui manca solo il goal e la frazione di gioco si chiude con lo 0 a 0 iniziale.

 

 

Nel secondo tempo cambiano alcuni interpreti nel Vanchiglia che schiera quindi: Schiavone in porta, Gulia Haichoum in difesa e Borra, Casilli, Bondor dietro la punta Raimondo. Il Pozzomaina schiera invece: Carnesecca in porta, Lipari, Messina, Barufe in difesa,  Gaeta e Ummarino a centrocampo dietro a Bologna che agisce come punta.

Cambiano gli interpreti, dicevamo, ma il copione rimane identico. Sono quindi i grigi a impossessarsi delle redini della partita,  dimostrando un’ ottima organizzazione di gioco. Sono diverse le azioni che li vedono in avanti e il Vanchiglia non riesce mai a ripartire in modo efficace., la pressione dei padroni di casa è costante. Passano pochi minuti e il Pozzo è pericoloso già un paio di volte: sono Gaeta prima e Ummarino, poi, a lanciare Bologna a rete,  e in una di queste occasioni Bologna viene contrastato in modo falloso.  Il 10 dei padroni di casa forse sperava di bissare la rete su punizione della scorsa settimana, ma questa volta la palla sorvola la traversa.  Il goal, però, è nell’aria e al quinto minuto la partita si sblocca. Gaeta, lanciato in area da Ummarino, viene contrastato e atterrato da due difensori del Vanchiglia, e il rigore è ineccepibile.  E’ lo specialista dei piazzati del Pozzomaina, Ummarino, a posizionare la palla sul dischetto e a realizzare la rete del vantaggio.

I padroni di casa non si accontentano e continuano a giocare con la stessa intensità di prima e sono diverse le azioni corali che vedono coinvolte tutte le linee del Pozzomaina. Il fraseggio è rapido, preciso alla ricerca degli spazi per andare a rete. Schiavone   è costretto agli straordinari per tenere in partita i suoi. Al settimo Bologna si guadagna un calcio d’angolo. E’ Ummarino a battere il corner dal lato sinistro di Schiavone. Il corner è preciso sul primo palo, e Gaeta, ben posizionato, con una bella torsione insacca di testa all’angolo opposto, 2 a 0.

Il Pozzo continua  premere sull’acceleratore, e inevitabilmente si scopre.  Un pallone rilanciato dalla difesa del Vanchiglia arriva sui piedi di Lacerenza, che superati un paio di difensori lascia partire un diagonale che supera il numero 1 del Pozzomaina, Carnesecca, ma non l’accorrente Ummarino, che quasi sulla linea riesce a salvare, scaricando su Verrone, che dalla sua area, con un coast to coast riesce a ribaltare l’azione, superando un paio di avversari in dribbling, scaricando poi su Bologna, che si vede ribattere la conclusione dal portiere del Vanchiglia.

Finisce così, sul 2 a 0 la seconda frazione di gioco.

 

Il terzo tempo vede il Pozzomaina schierare ancora Carnesecca in porta, Barrilà Messina e Verrone in difesa,  Gaeta e Zaetta a centrocampo e Bologna in avanti, mentre gli ospiti schierano i sette che hanno iniziato la prima frazione di gioco.

Gli equilibri non si spostano, il Pozzomaina controlla, e se non riesce a bloccare le ripartenze dalla difesa degli avversari sono gli ottimi Verrone e Messina a impedire al Vanchiglia di arrivare in porta, lasciando praticamente inoperoso il proprio portiere.

La squadra di casa riesce sempre ad essere pericolosa, e i cambi di metà tempo non mutano la situazione. Il Pozzomaina è ben messo in campo, opera un buon pressing e riesce spesso a riconquistare palla nella trequarti avversaria. Proprio una palla riconquistata in pressing da Zaetta, su un pasticcio difensivo avversario, diventa un tiro che si insacca alle spalle di Schiavone. E’ la rete che chiude l’incontro.

Il Pozzomaina chiude in attacco anche la terza frazione, ma il parziale del tempo rimane 1 a 0 per i grigi

L’organizzazione del Pozzomaina ha consentito al collettivo di esaltare le qualità dei singoli, soprattutto Ummarino e Gaeta.I padroni di casa hanno sempre dato l’impressione di sapere cosa fare con la palla tra i piedi, orchestrando belle azioni che hanno coinvolto tutti i reparti con una fitta rete di passaggi e hanno meritato la vittoria, anche grazie alla loro capacità di sfruttare le palle inattive.

Gli ospiti si sono fatti sorprendere dalla capacità degli avversari di inserirsi e coprire gli spazi, e spesso sono dovuti ricorrere al contatto fisico per limitare i danni. Particolarmente degne di nota le prestazioni di Schiavone e l’azione pregevole di Lacerenza.

 

 

M.M.(Pozzomaina)                 

 

Pozzomaina vs Vanchiglia 1915: 3-0 (I T.: 0-0) (II T.: 2-0) (III T.: 1-0)

 

MARCATORI: st.: Ummarino (P), Gaeta (P) - tt.: Zaetta (P)

 

FORMAZIONE Pozzomaina: 1 Carnesecca, 2 Barrilà, 4 Lipari 5 Messina, 6 Barufè, 7 Verrone, 8 Gaeta, 9 Zaetta, 10 Ummarino, 11 Bologna, 12 Sanzarello

Allenatore: Carnesecca

 

FORMAZIONE Vanchiglia 1915: 1 Schiavone,  2 Borra,    3 Gulia.  4 Rosu, 5 Haichoum, 6 Bondor, 7 Raimondo, 8 Casilli, 9 Lacerenza, 10 Matrone, 11 Eboli

Allenatore: Paolucci

 

Torino, 3 Dicembre

 

Incontro accesissimo tra Vanchiglia e Settimo, ma la festa, alla fine, spetta farla ai nove di Calò che si sono aggiudicati la vittoria del campionato. I padroni di casa dominano in campo sin dai primi minuti e subito si avvantaggiano. Dall'altra parte il Settimo non si scoraggia e cerca il pareggio, purtroppo l' imprecisione davanti al bersaglio lo condanna a far rimanere il suo risultato sullo zero, non sapendo dare conclusione alle sue trame di gioco. I minuti di gioco, dalla ripresa in poi, sono trascorsi con grande nervosismo da parte di tutti i partecipanti in campo, in panchina e in tifoseria. Il time out non ordinario, richiesto dal dirigente casalingo, nel quale raggruppava i giocatori e le panchine, doveva servire per placare gli animi e dare una svolta al ritmo di gioco pesante che si era creato, anche se questo non ha avuto il successo desiderato, e tra una protesta e l'altra si è giunti al triplice fischio.

 

Già dall'inizio gli esordienti di Calò si presentano davanti all'obiettivo e in cinque minuti Soro sigla il gol con un destro potente che si invola appena sotto l'incrocio. Il Settimo riparte in contropiede, ma le occasioni dei giovanissimi in trasferta sfumano una volta raggiunta la porta, infatti, le azioni da gol non centrano la rete e il portiere rimane ancora indisturbato.

 

{loadposition ads-articolo}

 

Nella ripresa il gioco diventa confuso, dopo qualche tentativo privo di conclusione per il Vanchiglia, Baiardi raddoppia il risultato con facilità grazie all'assist di Costanza. Da qui in poi il gioco si incattivisce e l'incontro diventa spezzettato e carico di tensione. In seguito a qualche fallo di gioco e di reazione tra i giocatori, con continue proteste nei confronti dell'arbitro, il dirigente granata decide di fermare il gioco per fare un discorso al fine di ripartire con un gioco più pulito, anche se poi le sue parole purtroppo non hanno avuto il seguito prospettato.

 

Nella terza fase, il gioco continua a non cambiare: dopo una prima parte a senso unico, sempre a favore dei nove granata, il Settimo dimostra la sua voglia di recupero, prima la punizione di Chirone, poi Carlini prende il pallino del gioco, avanza verso il bersaglio superando i contrasti, ma lo stesso finisce fuori campo insieme al pallone. Il Vanchiglia parte nuovamente in contropiede, ma il portiere ferma tra i suoi guantoni il destro di Ceraj prima della fine.

 

 

VANCHIGLIA-SETTIMO 2-0

 

I MARCATORI DEL VANCHIGLIA: pt 5' Soro; st 9' Baiardi

 

LA FORMAZIONE DEL VANCHIGLIA: Pastore, Maggio, Elia, De Andreis, Di Blasi, Ceraj, Paun, Amrhar, Baiardi, Costanza, Cellai, Roggero, Alpfa, Soro. All. Calò.

 

LA FORMAZIONE DEL SETTIMO: Mazzeo, Cantatore, Ferroni, Fiorito, Carlini, Donisi, Storniolo, Giovara, D'Arrando, Chirone, Usai, Capato. All. Gallo.  

Redazione

Torino, 3 dicembre 2016

 

Al Tallia Vanchiglia si è giocata l'ultima di campionato del Girone B: i padroni di casa ospitavano il Calcio Settimo, ottima compagine che ha fatto un eccellente percorso durante il campionato.

 

I Risultati dei recuperi delle partite del girone B non giocate per l'alluvione, hanno sorriso al Vanchiglia 2005 che oggi si trovava da sola al comando in classifica e che doveva vincere per tenere lontano i suoi avversari: gli artefici del destino del campionato sono scesi in campo pronti a portarsi via la vittoria! E così è stato! La partita ha preso subito una piega a favore del Vanchiglia che tra il primo ed il secondo tempo ha messo in cassaforte il risultato con un gol per frazione di gioco: infatti le furie granata hanno messo pressione al gioco del quadrato Settimo che non ha resistito all'onda d'urto degli squali vanchigliesi!! Prima un siluro chirurgico e poi un gol di rapina per scatenare la festa sugli spalti...  Il terzo tempo è stato gestito dalla squadra di casa che ha controllato la reazione del Settimo calcio. Appena finita la partita, subito gioia sugli spalti con cori fumogeni e festa dei sostenitori del Vanchiglia.

 

 

 

Torino, 30 ottobre 2016

 

Pomeriggio di sole Ottembrino, all'ombra della Basilica di Superga, i padroni di casa del Vanchiglia ospitano la capolista Ciriè, forte di una difesa impenetrabile e di un attacco a cinque stelle.

 

L'inizio della partita è tutta del Ciriè che con geometrie impeccabili e forza fisica prende il comando della partita, che in un attimo cambia...Il mister del Vanchiglia chiede il Time out a metà del primo tempo e parla ai suoi, finora tutti sottotono ed in balia della squadra avversaria. Le parole arrivano al cuore ed alla testa dei ragazzini del Vanchiglia che rientrano con tutto altro spirito e preparano la tempesta perfetta, iniziando a macinare gioco e geometrie! Si chiude così il primo tempo sullo zero a zero.

 

 

 

La seconda parte della partita non ha storia: Il centrocampo del Vanchiglia, forte di una difesa che si è registrata, arma l' attacco che non delude e schianta la capolista, prima con un azione in solitario del suo Bomber Pietrino la saetta, lanciato a rete dalle retrovie del centrocampo, poi con un gol del rapace Costanza abile a sfruttare la ribattuta del magnifico  portiere del Ciriè che si era opposto al bolide del capitano Jack del Vanchiglia....

 

Il terzo tempo è un monologo: Le fasce del Vanchiglia sono diventate delle sottilissime lame capaci di perforare la difesa ed il centrocampo del Ciriè, che non riesce a arginare la furie degli squali del Vanchiglia. Il gioco è ormai n mano ai ragazzi del mitico Tallia (stadio del Vanchiglia) che divertono e sbranano il Ciriè, il quale con tutta la forza e la rabbia rimane a combattere fino al fischio finale...

 

Finisce così 2 a 0, con i genitori ed i tifosi che sugli spalti dimostrano tutto il loro affetto per i loro bambini, che gioiscono e piangono, ma che amano questo sport, perchè il calcio è vita!

TORINO,  30.09.2017

 

Per la prima partita della seconda fase del Palio di Torino Esordienti 2005 si affrontano l’Alpignano e il Vanchiglia.

Mister Ciringione schiera i suoi azzurri con Martino tra i pali,  Bonfiglio e Amorosi in difesa, Grisi e Patruno esterni, Dintrono e Antoniazzi centrali di metà campo, e Musso tra le linee a supportare Cipullo unica punta, per l’ormai classico 2-4-1-1. Mister Cuccarese invece opta per un 3-2-3 che manterrà per tutta la durata dell’incontro.

 

Inizia il primo tempo e le squadre ci mettono 5-6 minuti a prendere le misure dopodiché diventa un monologo biancoceleste. Al 7° arriva da Grisi la prima conclusione pericolosa dopo una bella iniziativa di D'Introno, ma il tiro dell’esterno è alto (vedi video). All’8° un bel fraseggio di prima porta Musso al tiro, ma troppo debole per impensierire Pastore (vedi video). Al 10° un bel lancio di Antoniazzi pesca Cippullo solo al limite dell’aria, Pastore esce travolgendo l’attaccante (vedi video). Fischio dell’arbitro  e mentre tutti si chiedono se concederà il rigore o la punizione dal limite, il direttore di gara decreta la punizione per la difesa, presumiamo valutando erroneamente Cipullo in fuorigioco.  Al 12° punizione di Amorosi deviazione di Patruno parata a terra del portiere amaranto. Al 13° l’azione più pericolosa, palla in corridoio di Antoniazzi sulla destra per Patruno, cross perfetto dell’esterno Alpignanese sul quale irrompe Grisi al volo, ma nuovamente Pastore è pronto alla miracolosa respinta (vedi video). Prima dello scadere ci prova ancora D'Introno con un tito cross che Pogar respinge sulla linea anticipando l’accorrente Cipullo.    

 

 

Nel secondo tempo l’Alpignano cambia ben 7 giocatori, schierando Cuniberti in porta, difesa a 3 composta da Crivat, Bonfiglio e Strada, centrocampo con due mediani D'Introno e Seminerio,  Cireddu e Costa  esterni molto alti  e come punta centrale lo sgusciante Petrillo. Il Vanchiglia dal canto suo non cambia modulo ma si fa subito pericoloso con una punizione di De Andrei sulla quale Cuniberti è attento (vedi video). Al 4° bella percussione centrale del solito D'Introno tacco di Petrillo e palla a Costa che conclude debolmente (vedi video). Al 6° occasione per il dinamico Paun che dopo una bella preparazione  calcia a rete centralmente (vedi video). Al 9° sempre Paun calcia rasoterra chiamando Cuniberti al difficile intervento a terra (vedi video). Al 12° la gara si sblocca, inserimento centrale di Petrillo che caparbiamente difende palla tra tre avversari, al momento di tirare con il portiere in uscita,  viene atterrato platealmente, ma la palla giunge a Seminerio che la deposita in rete praticamente a porta vuota (vedi video). Fortunatamente l’arbitro non fischia il vistoso fallo e concede il gol del 1-0 con cui si conclude il tempo.

 

Nel terzo tempo il ritmo cala vistosamente, si combatte molto a centrocampo senza creare occasioni da rete.  Solo al 7° un tiro cross del Vanchiglia dalla destra impensierisce Martino che con un bel colpo di reni devia la palla (vedi video). Girandola di cambi da entrambe le parti ma non succede davvero più nulla.

 

Un buon primo tempo ed un gol nel secondo, bastano all’Alpignano per aggiudicarsi la gara, ma non è sembrata la miglior giornata per i ragazzi di via Migliarone. Il cambio di modulo del secondo tempo non sempre è stato ben interpretato anche se c’è stato il massimo impegno e la massima disponibilità dei ragazzi a giocare anche in ruoli non abituali o nelle fasce opposte al piede di normale utilizzo.

Generosa la prova dei Granata Torinesi che si sono difesi con ordine e soprattutto nel secondo tempo hanno provato ad impensierire la porta avversaria.

 

SANDRO ANTONIAZZI (Alpignano)                    

 

ALPIGNANO – VANCHIGLIA: 1-0 (0-0, 1-0, 0-0)

 

MARCATORI:  25’ Seminerio (A)

 

FORMAZIONE ALPIGNANO: 1)Martino  2)Amorosi 3)Strada 4)Bonfiglio  5)Crivat  6)D'Introno 7)Seminerio 8)Musso 9)Grisi 10)Antoniazzi 11)Cireddu  12)Cuniberti  13)Cipullo  14) Petrillo  15)Costa 16)Patruno.

All. Ciringione

 

FORMAZIONE VANCHIGLIA: 1)Pastore 2)Maggio 3)Pogar 4)Orso 5)Ceraj 6)DeAndrei 7)Costanza 9)Lanciano A. 10)Romano 14)Cellai  15)Paun 17) Lanciano S.  18)Pinto 

All. Cuccarese

Torino, 13 marzo

 

Bella prova di forza per il Vanchiglia che cala il poker e si impone in maniera convincente sul San Maurizio Canavese avversario di giornata. I ragazzi di Cuccarese hanno tenuto in mano le redini del gioco per gran parte del match e dopo i primi due tempi equilibrati hanno preso il largo nella terza frazione. Dall'altra parte i canavesani non hanno certo sfigurato, tentando in ogni frangente di rendere la vita dura ai granata con una fiera opposizione e calando solo negli ultimi minuti di gara. I primi minuti dell'incontro vedono i padroni di casa spingersi in attacco. Al 3' Calabrese lancia Saccotelli che calcia di prima ma non inquadra lo specchio. Cinque minuti dopo è Saccotelli a suggerire per Cavallo che si vede respingere il tiro da distanza ravvicinata. Al 12' ancora Vanchiglia, con una girata di Rossetto che esce di poco a lato. A due minuti dalla pausa passano i locali quando Saccotelli sfonda sull'out di destra e mette in mezzo per Rossetto che intelligentemente appoggia all'indietro per l'accorrente Calabrese: staffilata imparabile e meritato 1 a 0.

 

 

Nel secondo tempo i granata continuano a dettare il ritmo anche se gli ospiti provano a pressare alto e alzano il baricentro, rendendosi pericolosi con le sgroppate di Tomasi e Tuzza. Al 6' un tiro del solito Calabrese sibila fuori di un soffio, poco dopo arriva il raddoppio. Tutto nasce da un'apertura di Calabrese ad imbeccare la corsa di Farinella che non si fa pregare e fulmina Candusso con una sventola di prima intenzione. Al 18' altro pericolo per il San Maurizio quando un cross deviato di Calabrese per poco non carambola in rete. Nella terza frazione le squadre si allungano e subentra un po' di stanchezza; ne beneficia lo spettacolo, con continui capovolgimenti di fronte da una parte e dall'altra. Al 2' Gattiglia gira un corner di prima ma la palla termina sul fondo. Al 4' il Vanchiglia sciorina la migliore azione della partita: Cherubini allarga il gioco per Cavallo che mette in mezzo per Rossetto appostato in area e pronto all'appuntamento con il gol: il tocco è preciso ed è 3 a 0. Gli ospiti non ci stanno e al 6' Tuzza lancia in profondità Tomasi che non centra la porta da posizione favorevole a tu per tu con Zanotto. Un giro d'orologio ed ecco la quarta marcatura dei ragazzi di Cuccarese. A timbrare il cartellino è Cherubini che, servito da Saccotelli, insacca con una bella conclusione angolata. Negli ultimi minuti sono i ragazzi di Mulone a cercare con insistenza il gol della bandiera con i tentativi di Tuzza e Salerno: la mira è imprecisa e il risultato non cambia più fino al triplice fischio.

 

VANCHIGLIA – SAN MAURIZIO CANAVESE 4-0

 

I marcatori del Vanchiglia: pt 18' Calabrese; st 10' Farinella; tt 4' Rossetto, 7' Cherubini

 

La formazione del Vanchiglia: Zanotto, Riario, Barbieri, Gattiglia, Saccotelli, De Andreis, Cherubini, Farinella, Calabrese, Cavallo, Rossetto, Lenisa, Bosco, Zattoni. All. Cuccarese.

 

La formazione del San Maurizio Canavese: Candusso, Grande, Cotugno, Teofilo, Tomasi, Velardo, Cussarini, Marsaglia, Salerno, Tuzza, Valido. All. Mulone.

 

Glocal Press

Torino, 26 Marzo 2017

 

"E adesso, signori, disse d'Artagnan, tutti per uno, uno per tutti. È il nostro motto, non è vero?". Potrebbe essere questo il motto dei giocatori del Pozzomaina. Nella partita che si è giocata domenica pomeriggio in via Ragazzoni, 2, la squadra allenata da Bersi, ha dimostrato, al di là del risultato, carattere, maturità, determinazione, volontà e soprattutto  generosità. Il gruppo è coeso, e oggi ha dato un ulteriore prova. Questa è la forza di questi ragazzi, l'unione, passare la palla al compagno che non ha ancora segnato è un gesto di straordinaria umiltà. Chapeau.

 

Parte subito in attacco il Pozzomaina, assist di Mema per Hagab che segna solo davanti alla porta. Passano pochi minuti, Mema per Hagab che passa a Chiarelli che segna. Conquista palla il Vanchiglia, Sanchioni per Pecoraro che passa a Sangiovanni, intercetta Corona, passaggio per Mema va al tiro, Bernini è bravo nell'uscita. Il Pozzomaina conquista palla, Mema al volo, gol. Calcio di punizione battuto da Severina, concentrazione, gol. Rossi  al tiro da centrocampo, la palla finisce alta sulla traversa. Calcio d'angolo battuto da Rossi, Mema segna di testa. Avanza il Vanchiglia, Pecoraro per Martinelli per Elia, l'azione non si concretizza. Finisce il primo tempo con il risultato di 0 -5.

 

 

 

Riprende il secondo tempo. Calcio di punizione battuto da Sangiovanni, gol. Si riaccendono le speranze del Vanchiglia. 1 -5. Triangolazione Mema per Sasso per De Rosa al tiro, Bernini para agevolmente. Possesso palla dei padroni di casa, Franco per Sangiovanni poi Pecoraro, Hagab conquista palla passa a Mema dribbla gli avversari e segna. Partita dai ritmi frenetici. Assist di Aprile per Di Benedetto palla per Sasso al tiro palla alta sopra la traversa. De Rosa, punizione da fuori area, gol. 1 - 7. Azione in velocità di Mema, il portiere non trattiene e Mema segna. Arriva anche il primo gol stagionale per Di Benedetto. Prosegue l'assedio degli ospiti nell'area degli avversari, Corona al volo, gol. Sul finire del secondo tempo, gol di Sasso che viene annullato per fuorigioco. 1- 10.

 

Riparte il terzo tempo. Le marcature si sono allentate, questa fase di gioco è caratterizzata da una serie di passaggi, ripartenze e azioni offensive. Il Vanchiglia nonostante il risultato negativo, continua a crederci, al tiro Serafini, la palla finisce a lato. Arrivano in rapida successione i gol di De Rosa, il gol fortemente voluto da Rossi e il gol di Chiarelli. 1-13. Punizione battuta da de Rosa, palla imprendibile finisce all'incrocio dei pali. Gol. Tartaglia al tiro da fuori area, la palla finisce alta sulla traversa. Anche Sasso, spronato dai compagni cerca il gol ma l'azione non si concretizza. Sul finire del terzo tempo, Di Benedetto segna ancora.

 

Soddisfatto mister Severina, sia del gioco che dei ragazzi, al di là del risultato. " Una partita dove abbiamo fatto girare  palla, su dodici giocatori hanno segnato otto. Il Vanchiglia ha giocato bene, nel secondo tempo ha trovato anche il gol.

 

Risultato finale: Vanchiglia - Pozzomaina 1 - 15

 

Marcatori: 1° t.  Hagab (P), Chiarelli (P), Mema (P), Severina (P), Mema (P); 2° t Sangiovanni (V), Mema (P), De Rosa (P), Mema (P), Di Benedetto (P), Corona (P); 3° t De Rosa (P), Rossi (P); Chiarelli (P), De Rosa (P), Di Benedetto (P).

 

La formazione del Vanchiglia: Bernini, Hrar, Serafini, Pecoraro, Bertalot, Sanchioni, Sangiovanni, Elia, Martinelli, Turolla, Girondi, Franco. All. Sangiovanni Edoardo.

 

La formazione del Pozzomaina: Esposito, Sasso, Di Benedetto, Hagab, Chiarelli, Severina, De Rosa, Corona, Mema, Rossi, Tartaglia, Aprile. All. Bersi Mauro

                                              

                                                                                                 Antonella (POZZOMAINA)