Mercoledì, 28 Febbraio 2024

PANCHINE - Ecco le scelte della società granata: l’ex Caselle e Cirié prende il gruppo 2009, rigenerato con la gestione del direttore tecnico Vincenzo Manzo; l’ex Pro Eureka e Venaria sostituisce Marco Olivieri alla guida dei 2010


Il Vanchiglia affronta la domenica di campionato con due novità in panchina. La squadra Under 15 trova la sua sistemazione definitiva: dopo l’esonero di Beppe Fratello e l’interregno del direttore tecnico Vincenzo Manzo, che ha rimesso in carreggiata la squadra (4 vittorie, un pareggio e una sconfitta sono uno score niente male), il gruppo 2009 è stato affidato a Pasqualino Zarra, che nelle ultime stagioni ha allenato a Caselle, Settimo e Cirié, mentre in questa aveva iniziato alla Torinese.

Novità anche alla guida dell’Under 14, che nelle prime tre giornate del campionato regionale ha raccolto solo 3 punti: al posto di Marco Olivieri, che ha comunque avuto il grande merito di qualificarsi proprio ai regionali, la squadra classe 2010 è stata affidata a Luigi Iovino, esperto allenatore che vanta esperienze con Pro Eureka, Borgaro e Venaria.

SOCIETA’ - Alessandro Pierro accoglie l’ex Cervotto: “Abbiamo due impianti sportivi e due società, servivano anche due direttori sportivi: sono contento che al mio fianco ci sia Raffaele Ballaurdo”. Arriva anche Antonio Tonanni nella scuola calcio, in aiuto a Giorgio Macrì


La notizia è di quelle che fanno rumore: Raffaele Balluardo al Lucento. Appena terminata la seconda avventura con il Venaria, il direttore sportivo ex Cirié, San Mauro, STS e Caselle ricomincia da corso Lombardia, in una società che, dopo aver raddoppiato gli impianti sportivo con la gestione del Mercadante, sta raddoppiando anche la struttura societaria.

A spiegare la novità è Alessandro Pierro: “Con il secondo impianto sportivo stiamo crescendo tantissimo nei numeri e nelle conseguenti difficoltà di gestione, basti pensare che al Mercadante abbiamo già tesserato circa 80 bambini e ragazzi. Io, oltre al ruolo di direttore sportivo, ho anche una squadra da allenare, avevo bisogno di una figura che mi affiancasse e sono felicissimo che questa figura sia Raffaele Balluardo, che stimo da sempre ma con cui non ho mai avuto il piacere di lavorare. Saremo due direttori sportivi con le stesse incombenze e responsabilità, tecniche e organizzative: due impianti, due società e due direttori sportivi”. Ma non finisce qui, perché il raddoppio riguarda anche la scuola calcio: “Con la stessa logica, per dare una mano al responsabile Giorgio Macrì arriva dalla Druentina Antonio Tonanni, che gestirà Piccoli amici e Primi calci. La scelta di prendere il Mercadante sta dando i suoi frutti, ci stiamo strutturando perché sia così anche in futuro”.

Raffaele Balluardo aveva, come detto, salutato il Venaria con un post su Facebook: “Credo di aver svolto bene il mio compito. Ho portato una quarantina di giocatori, allenatori, preparatori, responsabili, arbitri e tutto quanto richiesto dalla società per allestire le squadre. Ringrazio tutti, ma mi trovo costretto a cambiare nuovamente società, mio malgrado”. Ora c’è un nuovo entusiasmo nelle sue parole: “Arrivo al Lucento con grande piacere - dichiara - in questi anni ci siamo inseguiti con Paolo Pesce, finalmente siamo riusciti a trovarci. Entro in una società ambiziosa, voglio dimostrare di avere ancora voglia a chi sostiene il contrario e spero di aprire un nuovo ciclo che duri negli anni, come ho sempre fatto a parte le ultime esperienze. Qui ci sono tutte le condizioni per tornare a lavorare come piace a me”.

TORNEO - Si gioca dal 12 al 23 dicembre a Torino, negli impianti sportivi di Spazio Talent Soccer e Carrara. Formula ad eliminazione diretta, con 16 dilettanti in campo dagli ottavi di finale e le migliori quattro ammesse alla giornata con bianconeri, Pro Vercelli, Novara e Pro Patria. Organizzazione a cura di BeKings


Nel fitto calendario dei tornei invernali c’è una novità che riguarda direttamente 11giovani.it: al nostro sito è stata infatti intitolata una manifestazione, riservata alla categoria Under 14, organizzata da BeKings, società che ormai da anni organizza eventi calcistici tra i più importanti in Piemonte e non solo.

Anche la “11giovani Kup” ha tutte le caratteristiche del grande evento: si gioca dal 12 al 23 dicembre negli impianti sportivi di Spazio Talent Soccer e Carrara 90 (entrambi al parco della Pellerina di Torino), con una formula ad eliminazione diretta che assicura solo partite decisive e spettacolari.

Si parte dagli ottavi di finale, che si giocheranno tra martedì 12 e giovedì 14, per non intralciare l’ultima giornata di campionato prima della sosta. Gli accoppiamenti sono ancora da definire ma le squadre che incroceranno i tacchetti sono già ufficiali: in ordine alfabetico Alicese Orizzonti, Barcanova, Borgaro Nobis, Bsr Grugliasco, Cbs, Cenisia, Chisola, Lascaris, Pianezza, Pinerolo, Piossasco, Pro Collegno, Pro Eureka, Rivarolese, Spazio Talent Soccer e Vda Charvensod. Poi i quarti di finale (19 dicembre), le semifinali e le finali (20 dicembre).

Finita qui? No, perché il bello arriva sabato 23 dicembre, quando le migliori quattro società dilettantistiche avranno il privilegio di giocare contro le professioniste (che, attenzione, porteranno i pari età): Juventus, Pro Vercelli, Novara e Pro Patria. Anche qui con una formula ad eliminazione diretta: quarti di finale al mattino, semifinali e finali in rapida serie nel pomeriggio.

Lo spettacolo è assicurato. Noi ringraziamo di cuore tutte le società partecipanti, a partire dalla Juventus, e gli amici di BeKings: Giorgia Contu, Marco Mameli, Aldo Bratti, Alessandro Bellin, Momo Hadiry, Maurizio Valletta e tutti gli altri della banda.

 

LUTTO - Il giovane classe 2010, ricoverato al Cto di Torino da qualche giorno, non ce l’ha fatta. La nostra redazione partecipa al dolore della famiglia e della società e porge le sue più sentite condoglianze


“È impossibile per tutti noi accettare. Ti siamo vicini in questo viaggio Gigi. Sarai per sempre nei nostri cuori”. Con questo post sui social la società della Novese rende l’ultimo omaggio a Luigi B., 13 anni, portiere della squadra Under 14 che è morto questa mattina: era ricoverato da venerdì scorso al Cto di Torino, purtroppo non ce l'ha fatta.

“Tutta la nostra società si stringe alla famiglia B., per un dolore talmente forte che non si può spiegare - ha sottolineato a Radio Gold Monica Canepa, responsabile del settore giovanile della Novese - è sempre una tragedia perdere una persona, a maggior ragione quando si deve dire addio a un bambino che sta crescendo”.

Sulla dinamica dei fatti stanno indagando i carabinieri di Novi. Come scrive La Stampa, “permane ancora il riserbo ma si indaga per capire se il giovane sia stato manipolato da qualcuno sui social e convinto a partecipare a una delle cosiddette challenge fra minorenni”.

Alla famiglia e alla società della Novese vanno le più sentite condoglianze della redazione di 11giovani.it e giocaacalcio.it.

LIETO FINE - In seguito a un fortuito scontro di gioco, Matteo Merlino ha perso i sensi: decisivo l’intervento dell’allenatore del Venaria, insieme ai dirigenti di casa. La società sanmaurese scrive al mister: “Desideriamo esprimerle la nostra gratitudine più profonda per l'atto eroico e tempestivo con cui ha salvato la vita del nostro tesserato”


Dalla grande paura al sollievo: ieri pomeriggio, nella partita di Under 19 di Torino tra Autovip San Mauro e Venaria (poi finita 0-2), il giocatore di casa Matteo Merlino ha perso i sensi in seguito a uno scontro di gioco violento ma del tutto casuale e ha avuto una crisi epilettica. Decisivo è stato l’intervento dell’allenatore del Venaria, Renato Ientile, che ha tirato fuori la lingua del ragazzo e lo ha messo in posizione di sicurezza, insieme ai dirigenti del San Mauro. E' intervenuta anche una mamma del Venaria, di professione dottoressa. Di fatto, una prontezza di intervento che ha salvato la vita al ragazzo (e che a mister Gentile è costata una ferita al dito). Dopo una notte in ospedale per precauzione, Matteo Merlino verrà dimesso nel pomeriggio, visto che gli esami non hanno riscontrato alcun problema.

La società dell’Autovip San Mauro ha voluto ringraziare l’allenatore dei Cervotti con la lettera aperta che riportiamo.

Caro Mister Renato Ientile del Venaria Calcio,

Desideriamo esprimerle la nostra gratitudine più profonda per l'atto eroico e tempestivo con cui ha salvato la vita del nostro tesserato Merlino della Juniores nell'incidente di oggi pomeriggio. La sua prontezza e coraggio sono stati fondamentali in un momento così critico e delicato.

Vorremmo inoltre sottolineare il prezioso sostegno fornito dai nostri dirigenti Milano e Barollo, il cui impegno e coordinamento hanno contribuito in modo determinante al felice epilogo di questa vicenda. La sinergia e la determinazione dimostrate da tutti voi hanno evitato che si consumasse una tragedia che mai avremmo voluto vedere sul campo di gioco.

In questo momento, la nostra società si unisce per rendere omaggio non solo al valore sportivo, ma soprattutto all'umanità e alla dedizione di veri campioni come lei, mister Ientile. La sua dedizione e generosità resteranno per sempre un esempio di virtù per tutti noi e il Parco Einaudi sarà per sempre casa Sua.

Con profonda ammirazione,

Autovip San Mauro

 

SOCIETA’ - L’ex Caselle, dopo qualche mese alla Torinese, è pronto ricoprire il ruolo di responsabile del settore giovanile al parco Einaudi: un altro chiaro segnale, da parte del presidente Davide Berengan, della volontà di crescere fin dalla base


È tutto definito, o quasi, per il ritorno di Michele Gentile all’Autovip San Mauro come responsabile del settore giovanile. In attesa dell’ufficialità, che potrebbe arrivare già all’inizio della prossima settimana, questa notizia è l’ennesima conferma della volontà del presidente Davide Berengan (condivisa con Massimo Bosco, Riccardo Catalano, Luigi Milazzo e Valentino Scoglietti) di migliorare la società del parco Einaudi fin dalle sue fondamenta, per riportarla ai fasti del passato.

Quella di Michele Gentile, infatti, è una figura di grande esperienza e spessore tecnico, che ha dimostrato le sue qualità in una lunga carriera passata proprio da San Mauro, oltre che da Venaria, Cirié, Caselle e, negli ultimi mesi, Torinese. Ora Gentile è pronto a una nuova avventura all'Autovip San Mauro, dove lavorerà di concerto con il direttore generale Luigi Maggia, prendendo il posto fin qui occupato pro tempore da Costantino Sponzilli, che ha da sempre espresso la volontà di fare l’allenatore.

SETTORE GIOVANILE - Si gioca dal 28 dicembre al 7 gennaio nei campi base di Chisola (Under 17), Volpiano Pianese (Under 16), Lascaris (Under 15) Alpignano (Under 14). L’organizzatore Christian Bellanova: “Grazie alla Juventus e a tutte le partecipanti, orgogliosi di organizzare un torneo così importante”


Sono stati sorteggiati i gironi della seconda edizione della Turin Football Winter Cup, che si giocherà dal 28 dicembre al 7 gennaio, giorno delle finali che saranno ospitate allo Juventus Training Center di Vinovo. Questa sera l’hotel Gallia di Pianezza ha ospitato la serata di presentazione, orchestrata dall’ideatore e organizzatore della manifestazione, Christian Bellanova, con la presenza di tutti (o quasi) i presidenti e i direttori sportivi delle società coinvolte; per la Juventus, c’era il responsabile dello scouting per il Piemonte, Davide Bellotto.

Proprio Bellanova ha introdotto la serata: “Siamo orgogliosi della prima edizione, che ha rivitalizzato l’attività del settore giovanile in un periodo in cui tradizionalmente ci sono poche opportunità. Visto il successo dello scorso anno e il numero di richieste che ci sono arrivate, siamo passato da 12 a 16 società partecipanti, che vuol dire 132 partite giocate in pochi giorni e quasi 1300 atleti coinvolti. Ci tengo a ringraziare le società organizzatrici che ospitano le partite, tutte le partecipanti e la Juventus, che ospiterà le finali a Vinovo, dimostrando ancora una volta la vicinanza al territorio”.

La formula è la stessa della prima edizione, vinta dal Chieri: 16 partecipanti divise in quattro gironi da quattro squadre (con partite della fase eliminatoria nelle date 28, 29 e 30 dicembre, 2, 3 e 4 gennaio), passano le prime due di ogni girone; quarti di finale il 5 gennaio, semifinali il 6 gennaio e finali, come detto, domenica 7 gennaio, dalle 14 alle 17. Vincerà una squadra per annata e soprattutto vincerà una società, quella che farà meglio in tutte le categorie.

UNDER 17 - Campo base Chisola (via del Castello, 3 - Vinovo)

Girone A: Pro Eureka, Cbs, Nichelino Hesperia, Cuneo Olmo

Girone B: Alpignano, Rosta, Lucento, Rivarolese

Girone C: Lascaris, Vanchiglia, Venaria, Spazio Talent Soccer

Girone D: Chisola, Volpiano Pianese, Mirafiori, Pinerolo

UNDER 16 - Campo base Volpiano Pianese (via Trento, 104 - Volpiano)

Girone A: Pro Eureka, Volpiano Pianese, Nichelino Hesperia, Cuneo Olmo

Girone B: Alpignano, Vanchiglia, Sisport, Pinerolo

Girone C: Lascaris, Rosta, Venaria, Rivarolese

Girone D: Chisola, Cbs, Mirafiori, Spazio Talent Soccer

UNDER 15 - Campo base Lascaris (via Claviere, 16 - Pianezza)

Girone A: Lascaris, Cbs, Mirafiori, Cuneo Olmo

Girone B: Alpignano, Vanchiglia, Nichelino Hesperia, Pinerolo

Girone C: Pro Eureka, Rosta, Venaria, Rivarolese

Girone D: Chisola, Volpiano Pianese, Sisport, Spazio Talent Soccer

UNDER 14 - Campo base Alpignano (via Migliarone, 12 - Alpignano)

Girone A: Chisola, Volpiano Pianese, Venaria, Spazio Talent Soccer

Girone B: Lascaris, Cbs, Sisport, Cuneo Olmo

Girone C: Pro Eureka, Vanchiglia, Mirafiori, Pinerolo

Girone D: Alpignano, Rosta, Nichelino Hesperia, Rivarolese

TORNEO - Juventus Under 13 (in finale contro uno splendido Chisola), Pro Sesto Under 12 e Como Under 8 sono i tre vincitori della quarta edizione della Halloween Kup, un torneo “da brividi” che si è giocato ieri in due impianti sportivi, a Carmagnola (2012) e Torino (2011 e 2016), nella casa dello Spazio Talent Soccer.


UNDER 13

I gironi eliminatori del mattino, cinque triangolari cui sono seguiti gli scontri diretti dei playoff, hanno eletto tre società dilettantistiche alle partite del pomeriggio: Sparta Novara (1-0 al Lascaris), Pinerolo (4-1 al Lucento) e Chisola (3-0 allo Sca Asti). I novaresi si sono qualificati per le semifinali, come secondi nel girone dominato dalla Juventus, grazie alla vittoria di misura sulla Rhodense. Anche i vinovesi ha superato il turno, battendo con pieno merito due big come Feralpisalò (3-0) ed Enotria (2-0). Niente da fare invece per il Pinerolo, che si è arreso alla Pro Patria, ma si è tolto l’ulteriore soddisfazione di pareggiare con l’Alessandria. Il duello tra le dilettanti ha vissuto la sua fase cruciale in semifinale, con il netto 2-0 del Chisola sullo Sparta Novara, mentre la Juve ha superato con un sofferto 1-0 la Pro Patria, che ha poi chiuso al terzo posto. Combattutissima anche la finalissima, in cui i bianconeri si sono imposto per 2-1 contro un Chisola che è uscito dal campo tra gli applausi, con una splendida medaglia d’argento al collo.

UNDER 12

Lascaris e Suno (girone A), Sparta Novara e Accademia Casale (girone B) sono le quattro squadre che hanno superato la fase eliminatoria del mattino, riservata alle dilettanti. Di queste, solo i novaresi sono riusciti ad arrivare fino alle semifinali, come prima del girone Gold 3 davanti ad Alessandria, Lesmo e Siziano Lanterna; nel girone Gold 1 è passato il Feralpisalò, mentre nel girone Gold 2 sono andati avanti Como e Pro Sesto come miglior seconda. Da lì in avanti, la Pro Sesto ha dettato legge: 2-1 in semifinale allo Sparta Novara, 2-0 secco in finale al Feralpisalò, che aveva battuto ai rigori il Como, che poi ha chiuso al terzo posto grazie al 2-1 sullo Sparta Novara.

UNDER 8

Sparta Novara grande protagonista anche nella categoria Under 8, al pari della Cheraschese: partite dai gironi eliminatori del mattino, le due squadre sono state capaci di arrivare a contendersi la finale per il terzo posto, poi vinta 4-1 dai cuneesi, dimostrando di essere all’altezza delle professioniste e delle compagini in arrivo dall’estero, i francesi del Carnoux e i rumeni di Arges Pitesti e Marcea Sport. Alla fine, è stato il Como ad alzare la coppa del vincitore, al termine di un cammino perfetto, incominciato dalla vittoria nel girone Gold 2 (unico mezzo passo falso, il pareggio con la Cheraschese), passato per la semifinale ancora con i cuneesi, stavolta stravinta 7-2, e concluso con la finalissima vinta 4-2 con l’Arges. A sua volta, la squadra rumena aveva collezionato solo vittorie nel girone Gold 1 (tra cui quella decisiva contro la Juventus, con il risultato di 2-1) e si era imposta nella semifinale contro lo Sparta Novara (4-2).

TORNEO - Dominio bianconero nella seconda edizione della Èlite Top Kup Pro, riservata alle categorie Under 11, Under 10 e Under 9, che si è giocata nell’impianto sportivo del Caselle. Secondo posto per il Nizza 2013 e 2014 (con due medaglie di bronzo per l’Hellas Verona) e per il Como 2015. Al torneo, riservato alle sole società professioniste, hanno partecipato anche Albinoleffe, Feralpisalò, Spezia, Parma, Genoa e Alessandria


UNDER 11

Cammino (quasi) perfetto della Juventus, che al mattino ha vinto tutte e tre le partite del girone B, contro Albinoleffe, Spezia e Parma, e al pomeriggio si è imposta anche nel girone Gold, con due larghe vittorie (7-0 all’Hellas Verona e 8-0 allo Spezia) e al pareggio a reti bianche contro l’ottimo Nizza, secondo solo per la differenza reti. I francesi, infatti, hanno dominato il girone A del mattino, superando Hellas Verona, Feralpisalò e Como, mentre nel girone Gold hanno battuto di nuovo gli scaligeri e lo Spezia con parziali inferiori a quelli dei bianconeri (rispettivamente 4-2 e 3-1). Terzo posto per l’Hellas Verona, in virtù del 4-2 sullo Spezia. Grande equilibrio nel girone Silver, dove si è imposto il Como per la vittoria nello scontro diretto sull’Albinoleffe per 1-0, visto che le due squadre hanno poi chiuso a pari punti, con due vittorie e una sconfitta a testa; infatti, anche Parma e Feralpisalò hanno voluto dimostrare fino all’ultimo di essere all’altezza della situazione.

UNDER 10

Solo l’Hellas Verona è stato capace di opporsi al superpotere della Juventus. I veronesi, infatti, hanno battuto i bianconeri nel girone eliminatorio del mattino, che le due squadre hanno poi passato a pari punti, mentre nel girone Gold i bianconeri si sono rifatti vincendo 4-2, terzo successo su tre partite (dopo il 3-1 al Nizza e il 4-0 al Genoa) che è valso il primo posto finale. Secondo posto, ancora una volta, per il Nizza, terzi gli scaligeri e quarto il Genoa. Nel girone Silver ha dettato legge l’Albinoleffe, che già al mattino aveva dimostrato ottime qualità battendo proprio l’Hellas Verona: i lombardi hanno vinto tutte e tre le gare in programma (4-1 al Feralpisalò, 3-0 all’Alessandria e 5-1 allo Spezia). Medaglia di bronzo per i liguri.

UNDER 9

Terza vittoria su tre annate per la Juventus. I piccoli bianconeri hanno vissuto un solo passaggio a vuoto mel girone eliminatorio, il ko per 2-1 subito dal Como, per poi vincere in scioltezza tutte le altre partite: al mattino 4-0 al Parma e 5-0 al Feralpisalò, nel girone Gold del pomeriggio 4-1 al Genoa, 7-1 al Nizza e, per rimettere le cose in chiaro, 5-1 al Como, che ha comunque chiuso con uno splendido secondo posto. Combattuto ed equilibrato il girone Silver, chiuso a pari punti (7) da Parma e Feralpisalò, con i lombardi che hanno conquistato il primo posto grazie alla miglior differenza reti.  

MISSIONE COMPIUTA - Quattro rigori, di cui tre realizzati, tutti nel primo tempo. Favo: “Soddisfatto per la mentalità e per il dominio del gioco, ma dobbiamo essere più cinici”


Al ‘Tullo Morgagni’ di Forlì passa la Grecia: gli ellenici si impongono per 2-1 sull’Italia nell’ultima partita del girone e chiudono il gruppo 11 del Qualifying Round al primo posto. Agli Azzurrini rimane il passaggio del turno ma anche un finale vissuto con la paura di non farcela e un orecchio a Santarcangelo, dove in contemporanea si stava disputando l’altra gara del raggruppamento tra Irlanda del Nord e San Marino: alla notizia del 4-0 finale in favore dei nordirlandesi tutto il gruppo azzurro ha tirato un sospiro di sollievo per la matematica certezza del secondo posto, arrivata per un solo gol subìto in meno rispetto ai ragazzi allenati da Waterworth.

“In tutte e tre le partite di questo torneo – ha sottolineato a fine gara, ai microfoni della Rai, il tecnico degli Azzurrini, Massimiliano Favo - abbiamo trovato squadre molto chiuse, che si sono difesa a oltranza. È ovvio che dal punto di vista dei risultati non possa essere soddisfatto; lo sono per la mentalità, per il dominio del gioco, ma dobbiamo imparare a essere più incisivi. Abbiamo passato il turno e siamo contenti di questo; lo abbiamo meritato per la mole di gioco creata in tutte e tre le gare disputate, però dobbiamo essere più cinici”.

La qualificazione proietta così l’Italia alla seconda fase degli Europei Under 17, che si disputerà nei primi mesi del 2024: le 32 squadre presenti all’Elite Round saranno suddivise nuovamente in otto gironi da quattro squadre l’uno e da lì verranno decise le quindici Nazionali che raggiungeranno i padroni di casa di Cipro alla fase finale.

La partita. Nemmeno il tempo di trovare le giuste misure in campo dopo il calcio d’inizio che l’Italia ha subito l’occasione per sbloccare il confronto: al secondo minuto di gioco Maiorana ruba il tempo per la battuta a Bataoulas e il difensore greco anziché rilanciare colpisce in pieno l’azzurrino. Dagli undici metri si presenta Liberali, la cui battuta è però neutralizzata dal bell’intervento di Beleris. Dieci minuti più tardi la situazione si ribalta: l’intervento di Maffessoli su Kostoulas viene sanzionato con un altro penalty, ma questa volta in favore degli ellenici. Dal dischetto la battuta di Darviras è precisa quanto basta per portare avanti i suoi.

Sono in pratica i tredici minuti attorno a cui ruota tutta la gara. L’Italia manca la grande occasione per sbloccare il confronto e si ritrova invece impantanata in una trama del match che si sviluppa, ancora più marcatamente, secondo le previsioni della vigilia: gli Azzurrini fanno la gara ma faticano a costruire vere occasioni da rete, mentre la Grecia è rintanata nella propria metà campo, pronta a colpire in ripartenza grazie alla velocità dei suoi interpreti offensivi. Al 26’ il tentativo al volo di Di Nunzio dal limite dell’area strappa gli applausi al pubblico assiepato sugli spalti del ‘Tullo Morgagni’ di Forlì ma non modifica il tabellino. Stessa sorte del tiro a giro di Maiorana al 35’, che lambisce il palo e dà solo l’illusione del gol.

Le lancette si muovono inesorabili sul cronometro, mentre sull’altro campo il doppio vantaggio dell’Irlanda del Nord su San Marino comincia a far balenare in testa anche qualche pensiero ancora più negativo. Con il trascorrere dei minuti la manovra degli Azzurrini diventa sempre più avvolgente e la Grecia è costretta agli straordinari difensivi. L’inesorabile conseguenza è un nuovo calcio di rigore per l’Italia, che Maiorana stavolta non sbaglia. Al 42’ è 1-1.

Proprio quando l’Italia sembra in controllo della gara e con l’inerzia del match totalmente in mano ai ragazzi di Favo, un contropiede greco porta ad un nuovo uno contro uno nell’area azzurra, con l’arbitro azero Masiyev che indica il dischetto per la quarta volta in quarantacinque minuti a causa dell’intervento di Maffessoli. Dagli undici metri anche Kostoulas si conferma implacabile, riportando avanti i suoi poco prima dell’intervallo.

La ripresa si sviluppa su due campi: a Forlì l’Italia deve quantomeno pareggiare per essere sicura del secondo posto o ribaltare completamente il risultato per chiudere al primo posto il girone. Le orecchie sono però puntate anche su Santarcangelo, perché in caso di ko serve che la difesa di San Marino non crolli sotto i colpi dell’Irlanda del Nord per mantenere la differenza reti a favore.

Al 28’ è il neoentrato Camarda ad avere sul piede l’occasione per riequilibrare il confronto, ma il suo tentativo di anticipo in scivolata sul portiere avversario finisce alto sopra la traversa.

Gli ultimi minuti sono un assalto continuo dei ragazzi di Favo alla porta ospite, senza però riuscire mai a colpire Beleris. La Grecia espugna quindi Forlì e fa suo il girone, mentre qualche secondo dopo il triplice fischio arriva la notizia del quattro a zero finale dell’Irlanda del Nord su San Marino: la migliore differenza reti vale il secondo posto per gli Azzurrini e la qualificazione all’Elite Round.

ITALIA-GRECIA 1-2
RETI: 13’pt Darviras su rig., 42’pt Maiorana su rig., 45’pt Kostoulas su rig.
ITALIA: Pessina; Colombo, Verde, Maffessoli (42’st Castiello), Cama; Coletta, Gariani (12’st Plicco), Di Nunzio; Liberali; Mosconi, Maiorana (20’st Camarda). A disp.: Nunziante, Cocchi, Olivieri, Garofalo, Vezzosi. All.: Favo
GRECIA: Beleris; Sulanjaku, Mokris, Bataoulas, Fragkos; Dunga, Theocharis (1’st Zouridakis), Eleftheriadis, Darviras (1’st Papanikopoulos); Kostoulas (46’st Karargyris), Mythou (12’st Tsitsilas). A disp.: Kakadiaris, Vyrsokinos, Sarris, Ntani. All. Chatzopoulos
ARBITRO: Masiyev (AZE). Assistenti: Mammadov (AZE) e Vassyutin (KAZ). IV Ufficiale: Sariyev (KAZ)
NOTE: Al 3’pt Beleris para un rigore a Liberali. Ammoniti: Maiorana, Mythou, Maffessoli, Camarda, Mosconi. Recupero: 2’pt, 5’st

L'elenco dei convocati

Portieri: Alessandro Nunziante (Benevento), Massimo Pessina (Bologna)
Difensori: Cristian Cama (Roma), Federico Colombo (Milan), Matteo Cocchi (Inter), Christian Garofalo (Napoli), Manuel Maffessoli (Atalanta), Francesco Verde (Juventus), Giorgio Vezzosi (Sassuolo)
Centrocampisti: Alessandro Di Nunzio (Roma), Federico Coletta (Roma), Niccolò Gariani (Atalanta), Mattia Liberali (Milan), Alessandro Olivieri (Empoli), Elia Plicco (Parma)
Attaccanti: Francesco Camarda (Milan), Alex Castiello (Atalanta), Stefano Maiorana (Fiorentina), Mattia Mosconi (Inter)

Staff - Allenatore: Massimiliano Favo; Coordinatore delle Nazionali Giovanili: Maurizio Viscidi; Capo delegazione: Filippo Corti; Club Italia: Giuseppe Martucci; Assistente allenatore: Matteo Barella; Preparatore atletico: Adalberto Zamuner; Preparatore dei portieri: Fabrizio Ferron; Match analyst: Andrea Loiacono; Medici: Alessio Rossato e Francesco Maria Nifosi; Fisioterapisti: Marco Fiore ed Enrico Matera; Nutrizionista: Claudio Pecorella; Tutor scolastico: Stefano Presciutti; Segretario: Massimo Petracchini.

Fonte: www.figc.it