Sabato, 15 Giugno 2024
Daniele Pallante

Daniele Pallante

SOCIETA’ E PANCHINE - Il direttore tecnico Pierro coordinerà il lavoro dei due responsabili delle giovanili: Balluardo gestirà il Lucento, Gigliotti la società satellite dell’RWC Lucento. Quanto agli allenatori, Paolo Scanavino ricomincia dall'Under 17, per l'Under 16 arriva l'ex Virtus Calcio, Ale Pierro prende l'Under 15


“La stagione 2024/2025 è alle porte ed è tempo di ufficialità. Raffaele Balluardo e Antonio Gigliotti si occuperanno della direzione sportiva societaria, il primo gestirà principalmente le squadre del Lucento mentre il secondo le squadre dell’RWC Lucento, ma collaboreranno a stretto contatto aiutandosi a seconda delle necessità. Alessandro Pierro avrà il compito di coadiuvare il lavoro di entrambi e gestirà la direzione tecnica di ambo due le società. Un'unica famiglia pronta a prendersi cura e dare attenzione ad entrambe le società e tutte le sue componenti”.

Con questo comunicato stampa, il Lucento ufficializza lo staff tecnico in vista della prossima stagione. In via di definizione anche gli allenatori del Lucento, mentre per l’RWC bisognerà aspettare la fine dei campionati provinciali e dei gironi di qualificazione ai regionali, visto che le squadre ancora in ballo sono ben tre. Lucento, dicevamo: Paolo Scanavino, dopo l’ottima stagione in Under 19, ricomincia dall’Under 17 con il gruppo dei 2008. Volto nuovo sulla panchina dell’Under 16, affidata a Marco Mezzapesa, ex Virtus Accademia 2007. L’Under 15, ovvero il gruppo 2010, sarà allenato direttamente da Alessandro Pierro, alla nona stagione consecutiva in corso Lombardia. Già scelto anche l’allenatore dei 2011, che sarà un’altra novità: per l’ufficializzazione del nome però bisognerà aspettare la settimana prossima.

SOCIETA’ - L’ex Chisola lascia con 7 fasi finali conquistate in due stagioni: “Sono stato benissimo e per questo voglio ringraziare tutti: gli allenatori, i giocatori, le loro famiglie e ovviamente la società”


Enzo Scalia lascia il Pinerolo. Il responsabile del settore giovanile ha annunciato due settimane fa alla società la volontà di fare un passo indietro per ragioni personali, scelta che è diventata effettiva nella giornata di ieri. Il bilancio della gestione di Scalia è più che positivo, con 7 accessi alle fasi finali sugli 8 disponibili (3 in questa stagione, 4 su 4 nella scorsa) con tanto di finale regionale con l’Under 17 nella scorsa stagione, persa contro il Lascaris.

“Non sono importanti le ragioni - commenta Scalia - ma è importante il percorso che abbiamo fatto insieme al Pinerolo, ricco di soddisfazioni dentro e fuori dal campo. Sono stato benissimo e per questo voglio ringraziare tutti, in particolare gli allenatori, con cui ho condiviso un bellissimo rapporto di lavoro, i giocatori e le loro famiglie. E ovviamente grazie alla società per la fiducia che mi ha accordato, auguro al Pinerolo ogni bene e rimarrò un tifoso di questi colori”.

Il Pinerolo annuncerà nei prossimi giorni il nuovo responsabile del settore giovanile (probabile una soluzione interna), mentre quello di Enzo Scalia non è un addio al calcio: “Ora mi riposo - spiega - e poi vedremo, se arriverà una proposta interessante la valuterò con attenzione”

UNDER 13 / GALLERIA FOTOGRAFICA - I premi speciali: Eduardo Patruno (Pro Eureka) miglior portiere, Nicola Negretti (Brescia) miglior difensore, Alex Aldini (Spal) miglior centrocampista, Michelangelo Malaguti (Bologna) miglior attaccante, Simone Levizzari (Lascaris) miglior giocatore dei dilettanti, Bryan Aramini (2012 del Torino) miglior giocatore dei professionisti, premio Dalla Riva ad Alessandro Corona del Vanchiglia, premio Fair Play alla Cremonese


UNDER 13 - Spettacolo nelle ultime partite di giornata. Nelle semifinali, il Bologna batte la Spal con il gol di Malaguti e le grandi parate di Fuschini su Deidonne ed Esposito, mentre il Torino si arrende alle rondinelle solo ai calci di rigore. Senza storia la finalissima, finita con un clamoroso 5-0, in cui segnano anche Donoaga e Manca


SEMIFINALE / BOLOGNA-SPAL 

Il Bologna approccia meglio la semifinale tutta emiliana contro la Spal e passa in vantaggio dopo 5 minuti di gioco con il talentino Malaguti, che trova i giusti tempi di inserimento e non sbaglia a tu per tu con portiere. La reazione dei biancoazzurri è tutta sulle spalle del centravanti Paesanti, che fa a sportellate con tutti e crossa due palloni interessanti, che però nessuno riesce a concretizzare. 

Nella ripresa, dopo un inizio equilibrato, la Spal produce il massimo sforzo alla ricerca del pareggio. L’ingresso di Deidonne sulla corsia sinistra è molto efficace, il numero 15 prima calcia in porta di sinistro in modo impreciso, poi costruisce un’occasione enorme servendo Esposito in mezzo all’area, che calcia ma trova l’opposizione di Fuschini, poi Musca spara alto davanti alla porta sguarnita. Il portiere del Bologna alza sopra la traversa un’altra conclusione di Deidonne dalla distanza, poi fa un vero e proprio miracolo sul tiro ancora di Esposito a botta sicura in mischia, dopo una punizione ribattuta. Sui guantoni di Fuschini si spengono le speranze della Spal, in finale ci va il Bologna.

SEMIFINALE / TORINO-BRESCIA

Il Toro parte all’attacco e ci prova subito con l’assist di Caddeo per Martellini, che calcia a lato. Poco dopo arriva una doppia occasione enorme per i granata, prima con il colpo di testa di Aramini respinto dal portiere, poi con il tiro a botta sicura di Caggiano sulla respinta, che chiama Tagliabue a un vero e proprio miracolo. Sul capovolgimento di fronte, non è da meno Scaffeo, che sbatte la porta in faccia a Giugno. 

Primo tempo scoppiettante, mentre nella ripresa domina la stanchezza. Solo nel finale le squadre ci provano: il Brescia calcia con Morgano su punizione e con l’opportunista Tati sulla seguente mischia, ma il 12 granata Tamburro dice di no. Caggiano ci prova dalla distanza senza fortuna, ma le occasioni migliori sono ancora per le rondinelle: ancora Tamburro devia in angolo il destro di Guerini, sul seguente tiro dalla bandierina l’inzuccata di Rossini finisce sopra la traversa. 

Si va ai rigori: segnano tutti, nonostante i tentativi di Scaffeo di innervosire gli avversari, finché all’ultimo tiro sbaglia Caddeo, pur avendo calciato bene (ed essendo stato tra i migliori in campo, ma questo purtroppo dal dischetto non conta): al Toro rimangono i rimpianti, la finale è del Brescia.

FINALE

Tutte le partite del torneo sono state equilibrate. Tutte, tranne la finale, stravinta dal Brescia con un parziale di 5-0 troppo pesante per il Bologna. Eppure, la prima occasione è stata per i rossoblù, con Blescia che anticipa anche il portiere ma non trova la porta. Sul capovolgimento di fronte, arriva il bellissimo gol di Luca Grecu, che salta anche il portiere e deposita il pallone nella porta vuota. Nel primo tempo c’è ancora una percussione di Giugno, imprendibile sulla destra, ma nessuno impatta il suo traversone basso.

La ripresa è un monologo biancoazzurro, che incomincia con il tiro alto di Grecu e la conclusione di Molinari, parata. Il raddoppio è una conseguenza dell’andamento della partita, a compimento di un’azione corale davvero splendida, con il solito Giugno che arriva davanti al portiere e regala a Donoaga una palla da spingere in porta. Il 3-0 è una fotocopia, sgroppata e assist del numero 6, gol facile facile di Grecu. Il poker lo firma Manca, che parte dalla difesa, costruisce l’azione che porta al tiro di Ricchini e all’ottima respinta di Sticchi, e si fa trovare pronto per il tap-in vincente. C’è ancora tempo per la tripletta personale dello scatenato Grecu, ancora una volta in azione solitaria con tanto di dribbling sul portiere.

LE FORMAZIONI DELLE FINALISTE

BRESCIA: Andreis, Astori, Bontempi, Donoga, Giugno, Grecu, Guerini, Manca, Metelli, Molinaro, Morgano, Negretti, Pasotti, Ricchini, Rosati, Rossini, Tagliabue, Tati. All. Simoncelli
BOLOGNA: Sticchi, Neacsu, Blescia, Semeniuk, Trebbi, Amico, Esposito, Napolitano, Quaranta, Malaguti, Poggi, Fischini, Rialti, Nikolic, Apicella. All. Giuseppe Taccogna
SPAL: Aldini, Aluia, Ballerini, Giovannini, Costantino, De Sanctis, Diedonne, Esposito, Fonseca, Guzzinati, Lugic, Mascellani, Musca, Naglieri, Paesanti, Pennacchia, Sinisi. All. Mattia Soprani
TORINO: Aramini, Caddeo, Caggiano, Cirillo, Mancini, Martinelli, Salvaggio, Salsa, Hourou, Scaffeo, Sepertino, Francesco Tamburro, Lorenzo Tamburro, Tuninetti. All. Germano Avenati.

UNDER 13 - Saranno Bologna-Spal e Torino-Brescia le semifinali del 6° Memorial Matteo Dalla Riva, organizzato dal Vanchiglia nella categoria Under 13. Impressiona il gioco corale del Torino di Avenati, a segno con Martinelli e Cirillo


Nel girone T1 al Bologna bastano due vittorie di misura, contro il Sassuolo con la firma di Amico, e nella gara decisiva con il Lascaris, decisa dal numero 10 Malaguti, un furetto davvero imprendibile. Decisiva perché i bianconeri avevano confermato tutte le loro qualità rifilando un secco 2-0 al Sassuolo, con Levizzari e Celli sul tabellino dei marcatori.

I felsinei se la vedranno, in semifinale, con la Spal, che ha dominato il girone T3: 1-0 al Lucento con il gol di Esposito, poi secco 2-0 al Cenisia, con il solito Esposito che ha raddoppiato il vantaggio di Paesanti. Nel frattempo, il Cenisia si era tolto la soddisfazione di battere 2-0 il Lucento, grazie agli acuti di Micari e Saddi.

Due vittorie per 1-0 sono bastate anche al Torino per imporsi nel girone T2. Martinelli ha griffato il successo con la Pro Vercelli, Cirillo (con un bellissimo pallonetto di sinistro) quello contro la Pro Eureka; le due Pro invece hanno pareggiato a reti bianche.

Emozioni fino all’ultimo secondo nel girone T4, dove alla fine si è imposto il Brescia, grazie all’1-0 nella sfida da dentro o fuori con la Cremonese: Tati ha fatto la differenza. Le due professioniste avevano sconfitto i padroni di casa del Vanchiglia sempre con il parziale di 1-0: Tati a segno per le rondinelle, Bocchia per la Cremo.

SOCIETA’ - L’ex Lascaris gestirà Juniores nazionale e il biennio Allievi, in una struttura che vede la conferma di Pino Perfetti come direttore sportivo  e Denis Sanseverino responsabile della scuola calcio e dei Giovanissimi


La notizia è ufficiale: Alberto Gerini è il nuovo responsabile del settore giovanile del Chisola, al posto del dimissionario Alessandro Freda. La scelta del presidente Luca Atzori è caduta sull’ex direttore sportivo del Lascaris, fermo nella scorsa stagione dopo il mancato approdo a Chieri, dove era stato scelto da Stefano Sorrentino prima che cedesse la società. Cade quindi l’opzione che portava a Gianfranco Perla, che ha deciso di rimanere al Pinerolo, per non abbandonare la società che gli ha dato fiducia in un momento di grande difficoltà, dopo la retrocessione dalla serie D.

"Prima di tutto - commenta Atzori - ci tengo a ringraziare Alessandro Freda, ha deciso di fare un passo indietro, cosa non da tutti, ma rimane un ragazzo serio e preparato, che da noi ha lavorato bene. Qui al Chisola siamo molto esigenti a livello di settore giovanile, abbiamo scelto di affidarne la gestione ad Alberto Gerini perché crediamo molto in lui. E' un ragazzo serio, giovane ma molto preparato, ha anche preso la qualifica di direttore sportivo a Coverciano, è un vero conoscitore di calcio. Tutta la società dovrà aiutarlo perché è un ruolo nuovo per lui, ma abbiamo deciso di dare alle annate dall'Under 16 in sù una decisa impronta verso la prima squadra, anche in virtù delle nuove norme federali. Farà bene, ne sono convinto".

La nuova struttura societaria che caratterizzerà il Chisola 2024/2025 vedrà quindi Pino Perfetti come direttore sportivo della prima squadra; Gerini ad occuparsi di Juniores nazionale e delle due annate di Allievi, con uno focus quindi concentrato alla preparazione dei ragazzi al calcio dei “grandi”; e Denis Sanseverino, appena arrivato dal Lascaris, responsabile della scuola calcio e delle due annate di Giovanissimi, che si occuperà quindi della formazione dei giocatori.

IL SALUTO DI ALESSANDRO FREDA

La società Chisola Calcio ringrazia di cuore Alessandro Freda, responsabile del settore giovanile biancoblù, professionista esemplare e competente, che ha contribuito in questi anni alla crescita esponenziale della società.

“Sono arrivato da ragazzo e vado via da uomo, sarò sempre grato per la fiducia data, per l’esperienza e le conoscenze apprese in questi tre anni intensi e pieni di calcio. Ringrazio tutti i tecnici, i preparatori e i dirigenti con cui ho avuto il piacere di lavorare e condividere il percorso insieme, i ragazzi che sono stati qui in questi tre anni credendo nel progetto Chisola e tutta la società dal presidente Atzori, i vicepresidenti Caruzzo e Pairetto, Gigi Calcia, la segreteria formata da Ferrero, Finotello, Gardellini e Monica, oltre a Sabrina e Barbara, Mattia, Lorenzo e Federica per la parte social&marketing. Auguro ogni bene a questo club, sarò sempre un vostro tifoso”, le parole di congedo di Alessandro.

DENTRO O FUORI - L'Alpignano batte il Volpiano Pianese ai calci di rigore, dopo il botta e risposta tra Garbellini e Ciliberti che aveva infiammato nel finale una partita molto equilibrata, e rinnova l'eterno derby con il Lascaris in semifinale: i bianconeri regolano il Verbania con un secco 2-0. Con lo stesso punteggio l'Asti mette fine al sogno del Moncalieri, ora i galletti sfidano la corrazzata Chisola, che ha battuto 4-2 un combattivo Derthona, che si è arreso alle reti di Nanni, Siclari, Mazzone e Giambertone 


VOLPIANO-PIANESE-ALPIGNANO 3-5 dcr (1-1 dtr)
RETI: st 32' Garbellini (V), 40' Ciliberti (A)
VOLPIANO-PIANESE: Timofei, Cirillo, Tallarico, Farisco, Mullaj, Barberis, Garbellini, Pettinari, Odello, Tuzzolino, Gambino. A disp. Bertoncic, Falvo, Zamuner, De Lorenzis, Miglio, Aissous, De Luca, Ietto, Tenca. All. Baseggio
ALPIGNANO: Traversi, Marangon, Amorosi, Ferjani, Miceli, Cordola, Curri, Cretu, Barone, Caveglia, Fioccardi. A disp. Polizzi, Metta, Bertot, Tursi, Zmoshu, Bardus, Crudu, Ciliberti, Comolli. All. Martorana.

ASTI-MONCALIERI 2-0
RETI: pt 20' Ortolano, st 35' Messina
ASTI: Bassani, Toso, Mana, De Bortoli, Gissi, Gatti, Margarino, Ortolano, Messina, Ruta, M’Hiri. A disp. Zuccherino, Dabbene, Dunga, Taraglio, De Rosa, Forno, Metello. All. Marino.
MONCALIERI: Santoro, Petrone, Frezza, Tecucianu, Centinaro, Lazzarin Rizzo, Pandiscia, Cappelli, Socco, Maliberti, Raffero. A disp. Borelli, Bochicchio, De Notarpietro, Ortu, Dilettoso, Longo. All. Pandiscia.

CHISOLA-DERTHONA 4-2
RETI: pt 27' rig. Atzeni (D), 35' Nanni (C), st 19' Siclari (C), 20' Mazzone (C), 32' Atzeni (D), 33' Giambertone (C)
CHISOLA: Bahadi, Picca, Cammarata, Paneghini, Siclari, Mazzone, Nanni, Marini, Manduca, Giambertone, Chessa. A disp. Brusa, Franzé, D’Acierno, Coco, Lampitelli, Scarangella, Manuele, Sottile. All. Mezzano.
DERTHONA: Baratti, Crozza, Catanzariti, Santoro, Abbattista, Trivellato, Asti, Cerruti, Atzeni, Perez, Orlando. A disp. Barbieri, Moro, Miotti, Callegher, Kharroubi, Gemme, Ponzano, Lacelli. All.

LASCARIS-VERBANIA 2-0
RETI: pt 33' Cottafava, st 3' De Stefano
LASCARIS: Castaldi, Bruno, Vaccaro, Destefano, Cantarella, Cattalano, Raviola, Cottafava, Delle Cave, Rizza, Masi. A disp. Erchini, Foddis, Quattrocchi, Sesia, Halip, Caglioti, Rocchietti. All. Meschieri.
VERBANIA: Neri,Prifti, Carusi, De Vita, Iussa, Villa, Marcon, Axerio, Pella, Cara, Talan. A disp. Brusati, Belleri, Minucci, Bettoni, Gomez, Altieri, Posa, Bertelli. All. Magni

SOCIETA’ - Aria nuova in via Bossoli a Torino. “Marco Palmiere - spiega Ferrero - rimane presidente per gestire la Prima squadra, io ho aperto una nuova matricola per le giovanili e la scuola calcio”. La nuova struttura: Roberto Lazzari vicepresidente, Vincenzo Linciano direttore generale, Davide Desideri e Daniele Bindini consulenti


Il Bacigalupo ricomincia dalla sua storia, da un personaggio “mitico” come Cesare Ferrero, che per più di 10 anni è stato presidente della società neroazzurra, con al suo fianco il compianto direttore generale Enrico Morbidini. Difficile riassumere in poche righe le vicissitudini del Baci: sotto la presidenza di Ferrero era confluito nel Filadelfia, poi nel 2011 Pino Scordo Alampina aveva rifondato la società, che nel 2020 ha ceduto a Marco Palmiere.

Da qui riparte Cesare Ferrero, che nel frattempo è stato direttore generale del Collegno Paradiso e presidente della Santenese: “Sono felice di aver trovato un accordo con Marco Palmiere - spiega - che rimarrà presidente del Bacigalupo e gestirà la Prima squadra e, in sinergia con me, la Juniores regionale. Io ho aperto una nuova matricola, che ha sempre Bacigalupo nel nome, che gestirà il settore giovanile e la scuola calcio, sempre nell’impianto sportivo di via Bossoli a Torino, cui daremo una bella rinfrescata. Adesso dobbiamo iniziare a lavorare a testa bassa, con la serietà che ci ha sempre contraddistinto, per convincere i ragazzi e le famiglie che già sono qui a rimanere, e per portare nuove forze. L’obiettivo primario è quello di ricostruire tutte le squadre e, passo dopo passo, portare anche un po’ di qualità”.

Per prima cosa, Ferrero sta costruendo una struttura societaria importante: il vicepresidente Roberto Lazzari curerà i rapporti con il Torino Academy e gli sponsor, mentre il direttore generale Vincenzo Linciano si occuperà della gestione sportiva, coadiuvato da Davide Desideri, ex giocatore professionista che ha fondato l’associazione EduCalciando, e Daniele Bindini, già dirigente di Nichelino Hesperia, Beiborg, Garino. Il nuovo Baci parte da qui.